Cuckold d'onore

Scritto da , il 2019-08-23, genere pulp

Bene. Un altra giornata del cazzo,almeno è agosto e questa città è un po meno satura di imbecilli. E si riesce pure a mettere la terza, ma probabilmente voi avete uno di quei cambi automatici che vi permettono di pubblicare cazzate con il tgelefono anche mentre guidate. Ho voglia di farmi un giro, quindi va benissimo una sparata in Valassina, poi mi ricordo che è piena di autovelox è non vorrei trovarmi pure a piedi. Allora meglio un bar, al massimo chiamo un taxi. Anzi fanculo i taxi, ho quasi 70 anni e non ho voglia di preuccuparmi di volanti e posti di blocco. Deserto, brianza, bar di merda. Però al terzo negroni mi acccorgo che è un posto davvero ameno. Cazzo dovrei cercare una casa in affitto, così ci passo le vacanze. Sto degenerando e il ragazzo e al banco mi guarda cxome se fossi suo nonno ma visibilmente su di giri. Essere vecchi è una merda, una vera merda. Vi ricordate xfile e l'uomo che fuma? Dice una frase illuminante in un episodio, che non ha il coraggio di suicidarsi velocemente per cui lo fa con le sigarette. Lentamente. Ogni giorno. Beh io lo penso da quando ero ragazzino, ma ancora non ci sono riuscito. Il lavoro mi ha salvato, o meglio mi ha evitato di finire male, in un albergo pagato dallo stato nella migliore delle ipotesi, dove molti mi avrebbero voluto vedere. Il ragazzo comincia a fare domande sulla mia macchina, sull'alettone a becco di papera e cazzate del genere. Mi fa vedere delle foto su instagram dove imbecilli mostrano la mia auto con bottiglie di champagne e hastag poveri mi pare. A me non sembra un'auto da poveri e lui mi guarda come se fossi un ritardato. Comincia un pippone per spiegarmi cazzo è un hashtag e il tutto per dire che è piu meno una chiave di ricerca. Tipo il mio vecchio schedario. Quindi io dovrei comprare una bottiglia di champagne, tirarmi sul il polsino e mostrare l 'oroglogio e fare una foto con con in vista il marchio sul volante della macchina la bottiglia e l'orologio. E mettere come chiave di ricerca poveri per sfottere la gente. Ok, sparami per favore gli dico, non prima di aver firmato un patto di riservetazza. Così non finisco su questa cagata. Sono un vecchio che sa solo rompere i coglioni lo so. Perchè la modernità mi permette di scrivere racconti e vederli pubblicati, ok neanche questo è punto a favore di questo periodo, lo capisco al quarto negroni. Il ragazzo ha voglia di parlare, è ha pure capito che la mia rinite non è dovuta all'allergia. Mi chiede che lavoro facevo, rispondo l'avvocato, e non facevo sono. Risposta da idiota lo so. Tanto non ci crede, io mi reputo elegante e azzimato, però non so perchè molti hanno sempre pensato che sembravo un po un delinquente. Di classe naturalmente. E di colpo mi ricordo perchè mi ero iscritto a giurisprudenza. Santo 18 politico,scoperei con chi l'ha inventato. Lo so, sembro un borghese da generazioni, però non ci crederete mai ma sono figlio di immigrati. Cresciuto in Via Gluck. Faccio l'istituto tecnico, a calci in culo, e intanto frequento i notabili del quartiere. Piccolo ladrincoli, a volte rapinatori cose così. La droga ancora non era arrivata in grande stile. E a noi meridionali non piaceva, avremmo cambiato idea, ma qualche anno piu tardi. Ero fidanzato, come si conveniva ai tempi, una ragazza carina, che fingeva di non sapere cosa facevo. Un giorno la vado a trovare dai suoi, che non c'erano. Purtroppo non avevano i cellulari, quindi non avviso e avendo le chiavi entro in casa. La trovo a pecora, con uno che la incula. Sono mezzo ubriaco e ho pure raccattato mezzo grammo di coca. Roba di gran lusso ai tempi. Mi piace la situazione, il tipo comincia urlare e si fa minaccioso. Un milanesotto. Però ai quei tempi era di moda la rivoltella. Ricordate? E a me la moda è sempre piaciuta. Così la estraggo e la punto al mio nuovo amico. Mi siedo, lo guardo e gli dico continua. Cazzo era eccitante la scena, poi mica avevano pornhub come voi. Lui balbetta e non capisce, io gli urlo scopala. E mi tiro fuori il cazzo. Bello duro. Lui ci prova, si impegna. Ma sarà il ferro che lo imbarazzo, chi lo sà. Non ci riesce. Lo incito, intanto mi faccio una riga. Niente. Poi si mette a piangere, balbetta. Ma non era un leone prima? Come quelli che chiamate leoni da tastiera secondo me. Scrivono, e poi faccia a faccia. Piangono. Io mi incazzo lo minaccio, però ho tolto la sicura e ho il colpo in canna. E le rivoltelle hanno il grilletto sensibile. E lui si trova un colpo in pancia. Poi due o poi tre. Togliere il dito dal grilleto non capisco perchè mi fu difficile. Poi la pistola scatta a destra e centro la mia fidanzata. Che sfiga. In breve arrivano le guardie. San vittore. Io ormai convinto di farmi almeno 20 anni. Pero un avvocato azzimato mi rivela un segreto. Si chiama delitto d'onore. Che cazzo è gli chiedo? E che ti fai due anni. E poi sei fuori. Perchè ai tempi si pensava che beccare a scopare la propria donna fosse un attenuante. Che magari ti saresti un filo incazzato.Poi in galera scopro che posso avere un sacco di permessi se mi iscrivo all 'università, e cosa avrei dovuto scegliere. Esatto. Poi è arrivato il 68, e miracolosamente ho cominciato a passare gli esami. Forse perchè adoravo l'eskimo. Elegantissimo. E l'Unità era il mio giornale preferito tanto che lo portavo sempre sottobraccio, con il titolo all'esterno. Oggi ho scoperto che ho vissuto per ben due volte esperienze cuckold. Grazie per l'informazione ragazzi.

Questo racconto di è stato letto 2 7 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.