L' ascensore

Scritto da , il 2019-08-19, genere masturbazione

La sveglia è già suonata ed io non me ne sono accorta. Mi alzo velocemente dal letto e vado subito in bagno a lavarmi. Devo far presto. Sono già in ritardo e questa mattina mi aspetta un importante riunione di lavoro dove sarà presente anche il presidente dell' azienda. Poiché sarà una giornata calda e afosa, mi metto una camicetta a mezza manica, una minigonna scura e scarpe con tacco alto. Per la fretta mi dimentico di indossare il reggiseno e la mutandina. Per la fretta, non ci faccio caso. Quindi vado subito a svegliare mio marito. "Devi accompagnarmi al residence con la tua auto, sono già in ritardo e non posso perdere altro tempo per trovare, vicino al residence, un parcheggio per la mia auto. Lì c'è sempre traffico e nessun parcheggio libero" gli dico, con ansia. Mio marito non risponde e non si alza dal letto. Allora, mi dirigo in corridoio, prendo il mio cellulare e chiamo Andre'.
Gli spiego che ho bisogno di un passaggio urgente. Lui mi promette che entro pochi minuti si farà trovare con la sua auto sotto casa mia. Io esco di casa e vado ad aspettarlo in strada. Sono appena uscita dal cancello di casa che una mano mi afferra un braccio. È mio marito. Si è svegliato ed ha deciso di accompagnarmi al residence. Proprio in quel momento, vedo arrivare un auto con Andre' al volante. Ma io abbraccio mio marito e lo bacio sulle labbra. Subito dopo, salgo sull' auto di mio marito. Lui accende i motori e procede in direzione del residence. Mio marito guida abbastanza veloce e, fortunatamente, in dieci minuti arrivo al residence. Bacio ancora mio marito sulle labbra e poi scendo velocemente dalla sua auto. Qualcosa mi cade sul sedile ma non ho proprio tempo di ritornare indietro e, dopo una breve corsa,entro dentro il residence. La riunione è in un ufficio al dodicesimo piano. Questo residence sembra un grattacielo da come è alto. Ci sarebbe la possibilità di prendere le scale, ma perderei ulteriore tempo. Decisi quindi di prendere l'ascensore. Appena si aprono le porte, una persona per entrare rapidamente nell'ascensore, con una spallata, mi spinge di lato.
Io perdo l' equilibrio e sto per cadere, ma una mano mi afferra il braccio e mi tira su'. Quell' intervento provvidenziale ha impedito che cadessi a terra. Mi volto per salutare il mio "soccorritore" ma lui allunga una mano e blocca la chiusura delle porte dell'ascensore. " Aspettate, dobbiamo salire anche io e la signora" dice rivolto alle persone già dentro. Poi lui mi prende per mano e mi fa entrare dentro l'ascensore. Mi metto in un angolo. Lui si sistema subito di fianco a me. "Grazie per avermi impedito di cadere a terra" gli dissi. Lui mi sorride e mi sussurra all'orecchio "Non mi devi ringraziare. Sono Leo, il rappresentante. Anch'io sono stato invitato alla riunione.
Non mi sono dimenticato di quell' eccitante collegamento skype. Sei sempre bellissima" mi dice a bassa voce. Io cerco di non guardarlo in faccia.
Approfittando del fatto che le persone in ascensore non ci guardano, Leo appoggia la sua mano sul mio ginocchio. Ho un brivido di eccitazione ma faccio finta di nulla. Leo fa scorrere la sua mano sulla mia coscia. Ho un altro brivido.
Mi piace come mi tocca ma io amo mio marito e devo allontanarmi da Leo. Cerco di andare più avanti, vicino alle porte, ma l'ascensore è pieno di gente e non c'è neanche lo spazio per muoversi. Allora rimango ferma lì dove sono. Nel frattempo, Leo si fa più intraprendente e riesce a infilare la mano in mezzo alle mie cosce. L' eccitazione mi fa sussultare. Leo se ne accorge e con le dita inizia a strofinarmi il clitoride. "Sei senza la mutandina. Ti farò godere subito. Per me sei una dea. È da tanto tempo che desideravo toccarti le parti intime. Per me è un sogno che si avvera" mi sussurra Leo al mio orecchio. Con due dita mi massaggia il clitoride e contemporaneamente mi bacia sul collo. Io mi metto la mano sulla bocca per non gridare a causa della forte eccitazione.
Poi Leo infila le sue dita dentro la mia fica e inizia a ruotarle dentro di me. Le sue dita che si muovono dentro la mia fica, mi fanno perdere ogni inibizione e, per non gridare, lo abbraccio e lo bacio sulla guancia. Leo muove in avanti e indietro le sue dita dentro la mia fica. Io sono molto eccitata. Leo se ne accorge. Toglie le mie mani dalla mia bocca e avvicina le sue labbra alle mie. Ma Leo non riesce a baciarmi sulla bocca perché io gli metto subito una mano sul petto e lo allontano da me.
Leo è arrabbiato perché non è riuscito a baciarmi. E spinge con forza le sue dita dentro la mia fica. Io grido per la forte eccitazione proprio mentre si aprono le porte. La gente pensa solo ad uscire dall' ascensore e, fortunatamente,non sente il mio grido di gioia. Sto per avere un orgasmo quando appena fuori dall' ascensore sento la voce affannata di mio marito.
Leo,preoccupato, toglie subito le sue dita dalle mie parti intime. "Ho fatto le scale velocemente e sono riuscito a raggiungerti" mi dice mio marito. Gianfranco,mio marito, mi prende per mano e mi fa uscire dall'ascensore. Siamo infatti arrivati al dodicesimo piano. Gianfranco mi abbraccia e mi consegna il taccuino degli appunti che avevo dimenticato in macchina. Io bacio Gianfranco sulla bocca. Mio marito infila la sua lingua dentro la mia bocca. Io intreccio la mia lingua con la sua. Le nostre lingue rimango unite per alcuni minuti. Mentre ci baciamo con passione, mio marito infila la sua mano in mezzo alle mie cosce e scopre che sono già bagnata. "Hai bisogno di una asciugata" mi dice Gianfranco. Io premo con maggiore forza le mie labbra sopra le labbra di Gianfranco.
Poi afferro Gianfranco per un braccio e lo conduco nel primo bagno disponibile. Leo, prima di entrare nella sala riunione,
allunga la mano per toccarmi.
Ma Leo non riesce a toccarmi.
Mio marito lo colpisce, subito, con un pugno in pieno volto e Leo cade a terra. Leo si rialza ed entra velocemente nella sala riunione. "Bravo. Hai dato una lezione a Leo. Ma adesso, Gianfranco, sbrigati. Vieni in bagno con me e facciamolo rapidamente perché la riunione forse è già iniziata" dico a mio marito. I minuti seguenti sono pura passione. Io seduta sul lavandino e con le mie gambe allacciate dietro la schiena di Gianfranco. Mio marito che mi penetra con facilità. Il pene di Gianfranco che ruota e affonda sempre più dentro la mia fica. Io che bacio con passione mio marito sulle labbra. Gianfranco che spinge il suo membro sempre più dentro me. Io che ho l'orgasmo e Gianfranco che riempie la mia fica del suo sperma. Subito dopo, ci rivestiamo. E io corro nella sala della riunione. La riunione è già iniziata, ma, per fortuna, il presidente non ha ancora parlato. Non ho perso nessuna importante comunicazione. Leo con un cenno della mano mi invita a sedermi di fianco a lui. Ma io lo ignoro e vado a sedermi in fondo, vicino all' uscita, dove non c'è nessuno. Dopo quasi quattro ore e mezza di discorso del presidente, la riunione fu dichiarata conclusa. Io mi precipitai fuori dalla sala e riuscì a prendere da sola l'ascensore. Nell'ascensore
c'ero solo io. Tirai un sospiro di sollievo. Quando uscì dal residence, trovai Gianfranco ad aspettarmi. Abbracciai mio marito. Baciai Gianfranco sulla bocca. Poi, salì nell'auto di mio marito. Gianfranco accese il motore e tornammo a casa.

Questo racconto di è stato letto 5 6 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.