Cornelia - La Seconda Notte di Piacere

Scritto da , il 2019-06-28, genere etero

“Vedo che i tuoi timori sono svaniti.” esordì Angelina osservando Cornelia, mentre si incamminavano a passo svelto verso le stanze del Re. Ed effettivamente era così: lo sguardo, il passo e l’aura della concubina sembravano essere cambiati quasi radicalmente dal giorno prima.
Dacché non riusciva nemmeno a concepire l’idea di giacere con un uomo che non amava solo per fare prole, il suo corpo e la sua mente sembravano bramarlo. Cornelia non comprendeva affatto. Razionalmente, una parte di lei era conscia di questo improvviso cambiamento dentro di lei e lo accettava, un’altra parte non se ne capacitava e arrivava quasi a vergognarsene.
“Sì, Angelina. Non so...non so spiegarmelo. È come se...come quando si mangia un cucchiaio di miele: così dolce, così buono che non puoi fare a meno di prenderne un’altra cucchiaiata. E poi un’altra. E un’altra ancora. In men che non si dica, hai finito il vasetto.”.
Cornelia camminava velocemente, i suoi piedi scalzi sembravano volare sul pavimento di pietra e Angelina faticava a starle dietro.
“Sono davvero contenta per te! Con questo tuo desiderio sprizzante, non ci vorrà niente a dare a Sua Maestà un erede! Se sei fortunata, sarà addirittura un maschio!”
Cornelia rallentò leggermente il passo, incuriosita da quest’ultima esclamazione: “In che senso, Angelina?”
“Cosa?”
“Hai parlato di un erede maschio come qualcosa di unico. Ma già quattro o cinque concubine le ho viste gravide di qualche mese. Magari saranno loro a portare in grembo il prossimo Sovrano.”
“Oh no, Cornelia. Loro aspettano solo femmine.”
La concubina si fermò: “Ma...come fate a saperlo? Non è possibile scoprire qualcosa di simile prima della nascita!”
Angelina alzò gli occhi al cielo e si colpì la fronte con il palmo della mano: “Perdonami, effettivamente tu non puoi saperlo.”
“Cosa?”
“Nel Castello, ormai da anni, abita un’Incantatrice.”
“Un’Incantatrice?! Cosa ci fa qui?” Cornelia era visivamente allibita. Le Incantatrici erano donne bellissime e immortali, maghe potentissime che vivevano nel fitto delle Radici di Muschio, una rigogliosa foresta che si estendeva per chilometri e chilometri. Correva voce che quella foresta fosse infinita.
Vedere un’Incantatrice al di fuori di Radici di Muschio era, se non raro, quasi impossibile. A loro non piaceva la civiltà, il vivere a stretto contatto con gli umani. I contatti tra le due specie avvenivano solo e unicamente se un essere umano volesse servirsi della magia.
Mentre rifletteva su ciò, Cornelia sentì nell’aria quel dolce profumo di miele, lavanda e cannella.
“Nessuno sa il motivo per cui un’Incantatrice risiede a palazzo. Si presuppone che le sue Arti curative siano miracolose e grazie alla magia riesce a sentire il feto nel ventre delle dame.”
La parola “ventre”. Cornelia non aveva sentito altro. Il profumo la stava chiamando, riusciva quasi a scorgere la scia invisibile provenire dalla camera del Re. Il suo sguardo si fece più vispo.
Angelina notò questo cambiamento. Era leggermente perplessa: “Stai bene, Cornelia?”.
“Sì. Portami dal mio Re.”

“Brava...adesso prendi in bocca anche i testicoli.” Il Re era comodamente sdraiato sul suo letto, intento a godersi l’immenso piacere che gli stava donando la lingua della sua concubina preferita.
Cornelia eseguiva senza fiatare. E come poteva, d’altronde? Aveva la bocca invasa dal pene del suo Sovrano. Lei che aveva sempre ripudiato l’idea di accogliere la virilità maschile in qualunque parte del corpo che non fosse adatta al concepimento, utilizzava la sua boccuccia come sfogo del desiderio di Sua Maestà.
Desiderio che profumava intensamente. La candela bruciava sul comò, creando un’atmosfera molto romantica e sensuale.
Gli orecchini e la collana di Cornelia tintinnavano al ritmo dei movimenti dettati dalla sua testa. Il vestito era stato appeso su un’asta del lussuoso armadio e il suo corpo nudo era uno spettacolo mozzafiato per il Re: a pancia in giù, intenta a soddisfarlo, lei gli donava la visione della curvatura tonda e soda dei suoi glutei. Quella lussuriosa insenatura, dove il Re sognava di porre la lingua, era davanti a lui.
Cornelia gemeva in preda alla voglia e al piacere.
La sua piccola...
Il Re non desiderava altro che infilarsi in quel ventre piatto, facendole provare quelle sensazioni di delirio e follia.
Mentre lei era intenta a coccolare il suo glande con la lingua e a saggiare la consistenza dei suoi testicoli con il mento e con le labbra, lui sognava che al posto di quella bocca ci fosse un altro pertugio, tanto caldo e accogliente. Già si vedeva intento a bere i suoi umori, preparando il suo corpo per il concepimento.
Immaginarla con il pancione fece scattare il suo piacere. Fiotti di piacere. Che si riversarono nella bocca della sua amante come lava bollente.
Cornelia emise un gemito tra lo stupito e l’eccitato. Non se lo aspettava! Eppure rimaneva lì, a guance piene, chiedendo al Re cosa dovesse fare attraverso gli occhi.
Lui la osservò estasiato: “Ingoia.”
La sua voce vellutata. Cornelia si sorprese a deglutire come una brava bambina che prende una medicina senza fare storie. Non avrebbe mai pensato di fare qualcosa del genere.
Eppure a lui era bastato un solo verbo.
“Vieni qui accanto a me. Sdraiati e addormentati al mio fianco.”
Cornelia eseguì senza fiatare, quasi grata.
Il vuoto del suo ventre non era stato colmato e il suo corpo palesava questa mancanza. Il Re avrebbe tanto voluto accontentarla, viziarla. Ma voleva godere di varie sensazioni alla volta. Che gusto ci sarebbe stato nel prenderla immediatamente? Non se la sarebbe goduta fino in fondo.
Per calmare la sua amante, infilò due dita nel suo sesso e la lingua nelle sue labbra dischiuse.
Cornelia sembrò tranquillizzarsi e piano piano, entrambi si addormentarono abbracciati.

Fuori dalla camera, Angelina provava un prurito inimmaginabile. Nonostante Cornelia avesse palesato il suo voler concedersi apertamente, Angelina intuiva che non tutto quadrasse. Il cambiamento radicale della sua nuova amica era stato troppo veloce e il suo desiderio si era palesato con largo anticipo rispetto alle aspettative.
Non riusciva, però, a riflettere lucidamente. Il prurito non la abbandonava. Anzi, si faceva più intenso! Quasi sudava sotto i suoi vestiti.
“Angelina.” una voce la svegliò da quell’intricato groviglio di pensieri.
“Xander! Che cosa ci fai qui a quest’ora tarda?”
“Potrei chiedere la stessa cosa a te.” disse lui, osservandola senza vederla.
“Sono qui per vegliare su Lady Cornelia. Il suo iniziale stato di ansia mi ha molto preoccupata.”
“Intenzione molto nobile. Io sono qui per capire se Sua Maestà sta passando una Notte di Piacere. A quanto posso odorare, direi di sì.”
“Cosa senti?” chiese Angelina.
“Non riesco a sentire tutto, perché c’è la porta di mezzo, ma comunque percepisco che Sua Maestà ha eiaculato da poco. L’odore del suo sperma è molto intenso.”
Angelina lo guardò strabuzzando gli occhi. Alla faccia del naso!
“Perché sei venuto a controllare la vita privata del nostro Re?”
“Ho un compito da svolgere in mattinata. Ciò non si sarebbe verificato se lui non avesse avuto la sua Notte di Piacere.”
“Quale compito?”
“Sono affari di Sua Maestà.” disse Xander impassibile, ma con un tono che quasi non ammetteva repliche.
“Scusami per essere stata invadente.”
“Non scusarti. La curiosità è una tua grande qualità. Adesso ti auguro la buona notte, tornerò nella mia camera.”
“Buonanotte, Xander.”
“Buonanotte, Angelina.” e si incamminò nella direzione da cui era venuto.
Angelina lo osservò allontanarsi. Il prurito si fece più intenso.

Continua

Questo racconto di è stato letto 2 5 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.