Un tassista intraprendente

Scritto da , il 2019-06-22, genere etero

La sveglia alle 7.00 di mattina suona. Inizia una altra giornata di lavoro. Stendo il braccio di fianco a me, ma non c’è nessuno. Mio marito si deve essere già alzato, penso. Vado in bagno a darmi una rinfrescata. Poi guardo fuori dalla finestra. Il cielo è sereno e il sole fa già sentire il suo calore. Prevedo che sarà un’altra giornata calda e afosa. Decido, quindi, di mettermi un vestito leggero. Un top di colore rosso che mi lascia scoperte le spalle, una gonna bianca, con spacco laterale, che termina al ginocchio e sandali con tacco alto. Vado in cucina ma mio marito non c’è. Deve essere già uscito per andare a lavorare. Sbuffo, pensando alla dura giornata di lavoro che mi attende. Dopo aver fatto colazione, prendo le chiavi della mia auto ed esco velocemente da casa. Salgo sulla mia auto, giro la chiave ma l’auto non si accende. Riprovo a girare la chiave, ma, niente, non si accende. Do un pugno contro il volante. Questa proprio non ci voleva. Anche se sono la direttrice della filiale, non mi piace fare tardi. Corro verso la prima fermata dell’ autobus. Quando arrivo alla fermata, c’è già molta gente che aspetta, impaziente, l’arrivo del mezzo pubblico. “Ehi, bella signorina, vuole un passaggio ?” sento una voce maschile dietro di me. Non mi volto neanche. Starà parlando con una ragazza nelle vicinanze, penso. Un istante dopo, una grossa mano afferra il mio braccio. Mi volto per tirargli uno schiaffo. Lui si abbassa subito ed evita il mio colpo. “Sono un tassista. Ho visto che stava aspettando l’autobus e le ho offerto un passaggio sul mio taxi. Non volevo offenderla o molestarla. Mi scusi” mi dice l’uomo. Lui è alto, capelli biondo scuro, occhi blu, fisico robusto. Mentre parla, mi guarda fisso negli occhi. Il suo sguardo fisso su di me, mi mette in agitazione. Sembra quasi che i suoi occhi vogliano penetrare dentro i miei. “Per questa volta, faccio finta di nulla. Adesso si allontani da me” gli rispondo, abbassando gli occhi. Lui continua a tenere il suo sguardo fisso su di me e questo mi provoca sia imbarazzo sia eccitazione. Vado a controllare il tabellone elettronico della fermata. L’autobus arriverà in ritardo di quasi mezz’ora. Questo ulteriore problema proprio non ci voleva. Guardo dietro di me per vedere se c’è ancora il tassista. Lui sta parlando con due persone. Forse, sono ancora in tempo. “Aspetti. Ho bisogno del suo taxi. Non voglio fare tardi in ufficio” gli dico. “Mi dispiace ma questa coppia di anziani mi ha offerto molti soldi per fare il giro turistico della città” mi risponde. Io gli sorrido. Mi avvicino a lui. Allargo la scollatura del mio top. Con una mano accarezzo i miei lunghi e ricci capelli castani e con l’altra mano apro lo spacco della gonna. La mia coscia nuda attira il suo sguardo. Lui allunga una mano verso la mia coscia, ma non riesce a toccarmi, perchè io abbasso subito la mia gonna, mi allontano velocemente da lui e corro verso il suo taxi. “Allora, andiamo” lo esorto a muoversi. Lui apre la portiera lato passeggero e mi invita a sedermi. “Lo sai che hai degli stupendi occhi color verde smeraldo” mi dice, mentre io entro dentro il suo taxi. Dopo che mi sono seduta sul lato passeggero, lui gira intorno all’auto e si siede sul lato guidatore. Accende i motori e parte. “Deve andare in questa via...ma cosa fa?” gli dico, piuttosto sorpresa. Lui, dopo aver scalato la marcia, ha appoggiato la sua mano sul mio ginocchio. Sto per tirargli uno schiaffo, ma una brusca frenata mi cotringe a mettere le mani sul cruscotto dell’ auto per evitare di sbatterci la faccia. “Mi dispiace, ma quell’automobilista davanti a noi ha frenato all’ ultimo momento. Ho dovuto arrestarmi bruscamente per non tamponarlo. Stai bene?" mi domanda infine il tassista. La sua mano, nel frattempo, è rimasta appoggiata al mio ginocchio. Il suo tocco mi provoca una certa agitazione. Brividi mi percorrono la schiena. Lui ha un bell’ aspetto e mi sta eccitando. Decido di assecondarlo. “Non vedo l’ora di arrivare in ufficio” gli rispondo, avvicinando il mio viso al suo. Lui tiene fisso lo sguardo sulla strada. Toglie la sua mano dal mio ginocchio e la infila sotto la mia gonna. “Dai, portami rapidamente in ufficio e ti inviterò a cena questa sera” gli sussurro all’orecchio. Lui si volta verso di me e sporge le sue labbra in avanti, ma io gli metto subito la mia mano sulla sua faccia e lui non riesce a baciarmi. Nel frattempo, le sue dita premono sopra il tessuto della mia mutandina. “Non ti distrarre e pensa a guidare il più velocemente possibile. Altrimenti niente cena” gli dico, sorridendo. Una violenta accellerata. Lo spostamento d’aria improvviso, fa alzare la mia gonna. Tutto accade in un attimo. Lui che schiaccia il piede sull’acceleratore e contemporanemante sposta di lato la mia mutandina, io che gli accarezzo la nuca
e lui che strofina le dita sulle mie piccole labbra. Sto per gridare per la eccitazione ma riesco a contenermi. Finalmente, intravedo la porta della mia filiale. “Fermati qui. Sono arrivata” gli dico. “Tieni i soldi per la corsa. Addio”. Scendo dalla sua auto e mi incammino verso la porta della mia filiale. Ma qualcuno mi afferra un braccio e devo arrestarmi. “Mi hai promesso una cena. Non dimenticarlo” mi risponde. Io gli sorrido. Lo colpisco con un pugno in pieno volto e corro dentro la mia filiale.
Dopo una impegnativa giornata di lavoro, viene la sera. Chiamo mio marito. Voglio che Gianfranco mi accompagni a casa. Gianfranco, mio marito, non risponde. Così, a malincuore, chiamo il tassista di questa mattina. Trascorrono dieci minuti e sento suonare il clacson della sua auto. Lui mi aspetta in strada. Il suo taxi è parcheggiato davanti all’ entrata della mia filiale. Chiudo a chiave la porta e, a testa bassa, mi avvio verso il suo taxi. Cammino con gli occhi chiusi verso il tassista. Non voglio cenare con lui, ma ogni promessa è un debito. Un estraneo arriva di corsa e si intromette tra me e il tassista. Sento strani rumori. C’è una collutazione. Due uomini si stanno picchiando. L’estraneo sferra un pugno sotto il mento del tassista, poi l’estraneo colpisce, con un calcio, i testicoli del tassista. Il tassista giace a terra, svenuto. Il vincitore è l’estraneo. Non riesco a vederlo bene in viso, perchè
l’estraneo corre veloce verso di me, nascondendosi il viso con una mano. Le sue braccia mi sollevano da terra, mentre le sue labbra premono sulle mie. La sua bocca si incolla alla mia mentre la sua mano si insinua in mezzo alle mie cosce. I mie umori bagnano la mia mutandina, mentre lui mi fa sdraiare sul cofano dell’auto. Un bacio appassionato da parte sua. Rimango senza fiato. Apro la bocca per respirare e per accogliere la sua lingua nella mia bocca. Lui, tenendo sempre la sua bocca incollata alla mia, mi abbassa la mutandina, apre la cerniera dei suoi pantaloni, poi si blocca. “Esmeralda, non possiamo farlo qui. C’è gente che ci guarda dall’ altra parte della strada. Ti accompagno a casa e faremo l’amore nel nostro letto” mi dice una voce familiare. Adesso lo riconosco. E’ Gianfranco, mio marito. Bacio Gianfranco sulle labbra. Poi salgo sull’auto di mio marito. Gianfranco accende il motore e via verso casa.

Questo racconto di è stato letto 5 4 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.