Viva la sposa!

Scritto da , il 2019-06-07, genere incesti

Lo sguardo si perde nell’immenso lenzuolo azzurro steso nel cielo splendente di giugno. Piccoli sbuffi di nuvole bianche accarezzano i raggi di un sole radioso che pare sonnecchiare beatamente, cullato dal dolce profumo dell’estate alle porte.
E poi giù, in volo radente sul presepe scomposto degli invitati sui gradini di pietra di una piccola chiesa di campagna. I grandi mazzi di fiori colorati, sapientemente selezionati per rendere quell’immagine indimenticabile.
Tutti immobili, in attesa. Tutti protagonisti spettatori di quella piccola magia rituale che sta per accadere e cambierà, per sempre, la vita di una giovane coppia di innamorati e di tutti quelli che – ognuno per un motivo tutto suo – gli vogliono bene. I genitori, i cugini venuti da lontano, la nonna Elvira, le vecchie zie, gli amici guasconi di lui e le amiche emozionate di lei, i colleghi di lavoro, vecchi compagni di scuola e nuove conoscenze comuni. La quiete, prima dell’esplosione. Il respiro, sospeso, prima della gioia incontenibile.
Le donne sorridono fra loro e dondolano i piedi già stanchi dei tacchi troppo alti, gli uomini le guardano e infilano le dita nel colletto della camicia per allentare, un poco, il cappio della cravatta.
I bambini non sanno, non capiscono il perché di tutto quel silenzio febbrile e forse è questa, come sempre, la loro fortuna; si lasciano contagiare dal fremito dell’attesa coi piccoli pugni stretti pieni di chicchi di riso.
Strisciare, come un’ombra indiscreta, fra il brulicare dei commenti soffiati a bassa voce perché nessuno osi disturbare lo spettacolo costato un anno di impeccabile organizzazione.
Hai visto quanto[..]Dove rimane, di preciso,[..]è bella lei?[..]Hai parcheggiato lontano?[..]Il menù, qualcuno ha visto il menù?[..]Stai buono Mattia, adesso la zia esce[..]il ristorante?[..]e le facciamo un bell’applauso![..]La strada la so io[..]Beh[..]tu seguimi![..]mare e monti, di solito si usa così![..]E la casa? Chi l’ha pagata?[..]facciamo tutta la statale[..]Avete visto quel pezzo di figa?[..]La madre, hai visto quanto è tesa la madre?[..]l’hanno pagata in contanti![..]qualcuno la conosce?[..]Lui è proprio un bravo[..]I fiori non mi piacciono[..]hai capito?[..]ragazzo![..]Meglio se ti seguo dai![..]Tesoroooo[..]La madre di lui intendi?[..]Certo che,[..]Mammaaa![..]hai un vestito davvero[..]abitare vicino ai tuoi suoceri![..]Mammaaa![..]sai che palle![..]di-vi-no![..]Ti sei messo le scarpe da ginnastica sotto al completo?[..]Che c’è amore?[..]Devo fare la pipì![..]Elegante e sportivo no?[..]Credo sia un’amica di lei[..]Meglio che ti segue altrimenti si perde[..]Tra poco andiamo amore[..]come al solito[..]eccoli..[..]eccoli, arrivano[..]Io ci provo![..]ecco la zia, ora le tiriamo il riso![..]Con quelle scarpe?[..]eccoli[..]Eccoli!
Escono i testimoni, poi i genitori e i parenti più stretti, a passo svelto per liberare al più presto la scena mentre le note trionfali della Marcia nuziale di Mendelssohn risuonano dalle casse della chiesa.
Un ultimo istante di apnea collettiva ed ecco che la voliera degli applausi spalanca le porte liberando uno stormo di mani battenti che accompagna l’uscita degli sposi. [..]Vai Mattia, adesso, adesso![..] Una nube bianca di riso si abbatte sulla coppia sorridente che prova a proteggersi con le mani dalla pioggia propiziatoria. I telefonini alzati a mitragliare gli sposini di immancabili scatti ricordo.
E poi tutti addosso a urlare il proprio augurio nella lunga processione disordinata che conduce al momento a cui è proprio impossibile rinunciare: il bacio alla sposa.
Lei è ovviamente meravigliosa. [..]Auguri![..] I capelli scuri raccolti sulla nuca in un intreccio raffinato che lascia libera una lunga ciocca ondulata [..]Sei bellissima![..] che cade ad accarezzarle il collo. Il vestito, candido e lucente, [..]Congratulazioni![..] un corpetto che stringe e solleva il petto generoso, [..]Stai benissimo, auguri![..] la pelle rosea come porcellana rotonda e delicata, uno spettacolo di seduzione in cui precipita più di uno sguardo, senza esclusione di genere. La gonna stretta sui fianchi che si svita planando sulle gambe [..]Tesoroooo, tanti auguri![..] aprendosi in uno sbuffo floreale che le scopre i polpacci lisci e affusolati donandole un’aria leggiadra [..]Ciao bellissima, tanti auguri![..] e maliziosa. Tre punti di rosso acceso sfuggono ai dettami della tradizione,[..]Auguroni![..] una piccola rosa purpurea avviluppata fra i capelli, il rossetto che evidenzia le labbra carnose e accende ancora di più il suo sorriso emozionato, [..]Congratulazioni, stai davvero bene![..] le scarpe, un dettaglio fortemente voluto, sandali intrecciati rosso fuoco, effetto nudo, con un tacco vertiginoso che la fa più alta, più bella e (se posso dirlo) decisamente provocante. Una sposa che ha scelto di puntare tutto sulla propria esuberante femminilità, una donna raggiante e sensuale che ruba la scena a ognuna delle invitate.
E poi c’è lui, logicamente in disparte, in un completo elegante perfettamente modellato sul suo fisico prestante. La barba brizzolata sulla pelle olivastra, l’aria vagamente selvaggia che contrasta con la piccola rosellina, carminia, infilzata nell’occhiello della giacca scura. La stessa che è stata imposta a tutti gli altri partecipanti. Prova a farsi strada tra gli invitati per guadagnare il suo turno, per fare anche lui gli auguri a quella sposa così luminosa che continua a sorridere e a ringraziare; ancora qualche passo, il tempo di sorpassare la cugina venuta dal nord ed ecco il momento, tocca a lui.
Per un istante si guardano ed è come se il tutto il resto scolorisse, arretrato in un sottosopra lontanissimo dai loro occhi, dai loro corpi, dal loro unico respiro. Lui si avvicina, «Auguri» le dice e poi si fa avanti per posarle le labbra sulle guance rosa. In quell’istante di improvvisa vicinanza, nascosta dal frastuono che li circonda lei ne approfitta, si avvicina al suo orecchio e si lascia scivolare sulla lingua le seguenti parole: «Ho una gran voglia di succhiarti il cazzo».
Poi si separano.
Senza smettere di guardarsi negli occhi.
Lei viene risucchiata dalla folla degli invitati e lui torna nell’ombra a occupare il posto che gli spetta, lontano dal centro della scena, con quelle parole che bruciano ancora dentro il suo cervello.
Una mano gli bussa sulla spalla, si volta, ed ecco lo sposo, si guardano, si abbracciano «Tanti auguri» dice anche a lui.

Dopo la cerimonia da sogno arriva un banchetto di nozze ancor più spettacolare.
Un concerto di forchette e mandibole accompagna un pranzo (mari e monti) apprezzato praticamente da tutti. Ottime le linguine all’astice e zafferano, qualche perplessità invece sul risotto con funghi porcini al profumo di timo. Lo zio Adelmo, noto fungaiolo della domenica, sta tenendo proprio ora una sorta di comizio in cui elogia le poco conosciute qualità del prataiolo, secondo lui decisamente superiori a quelle del “sempre troppo blasonato” porcino.
Il ragazzo con le scarpe da ginnastica continua a fissare la bella ragazza e non ha ancora trovato il coraggio di farsi avanti, si chiede se risulti più attraente con o senza giacca sulle spalle.
Nonna Elvira si è già addormentata un paio di volte, la cugina del nord invece sembra aver bevuto un po’ troppo, ha tolto le scarpe e sta ballando, sfrenata, a tempo di rock’n’roll, al centro della sala.
La band ingaggiata per l’intrattenimento musicale però non l’ha ancora eseguito un rock’n’roll!
Il piccolo Mattia si aggira attorno alla nonna Elvira, ogni volta che lei si addormenta improvvisa un assolo di batteria con le posate d’argento sbattute con forza sui piatti decorati [..]Stai buono tesoro, ora arriva il dolce[..], il ragazzo con le scarpe da ginnastica sta optando per una versione “a metà” con la giacca poggiata su una spalla, come un fotomodello.
Gli sposini si aggirano fra i tavoli sorridendo e sbaciucchiando chiunque [..]Che bella festa![..]Mettigli il cappio a quello lì, altrimenti scappa![..]In viaggio di nozze dove andate?[..].
Consuete, indimenticabili, noiosissime, scene da un matrimonio.
Non così noiose poi. Basta guardarle meglio, con più attenzione.
La bella sposa lascia per un momento la mano del suo neo marito e si avvicina, raggiante, a uno dei tavoli. Si china per salutare una signora con un grazioso abitino giallo e ha una mano nascosta dietro la schiena, stretta in un pugno.
Proprio dietro di lei c’è quell’uomo affascinante con la barba, il volto legnoso, da indio selvaggio su cui spiccano gli occhi azzurri fiammanti. Con quel vestito elegante sembra uscito fuori da un vecchio quadro, lo sguardo penetrante, pieno di storie lontane che non vedi l’ora di farti raccontare.
La sposa giovane avvicina la mano a quella del vecchio indio e scioglie il pugno consegnandogli qualcosa senza che nessuno se ne accorga. Come due bambini che si scambiano un messaggio o due innamorati che si affidano un segreto.
Poi lei si allontana e torna verso lo sposo per donare i suoi sorrisi agli altri invitati.
Il vecchio uomo si affretta a infilare nella tasca dei pantaloni scuri il piccolo, soffice regalo, forse sa già cos’è, forse lei gliel’aveva detto, gliel’aveva promesso “a un certo punto verrò a regalartele”.
Per capire cos’è che gli ha promesso e poi nascosto nella mano levigata bisogna seguirlo mentre si allontana dal suo tavolo «Arrivo subito» dice alla signora in giallo, va a nascondersi nel bagno e, solo dopo essersi assicurato di essere completamente solo, si sfila dalla tasca il suo regalo, lo porta davanti agli occhi e lo stende fra le dita: candido e sensualissimo paio di mutandine di pizzo traforato, l’intimo della sposa. Un morbido bocciolo stretto da mani grandi e forti. Lui se le porta al naso e aspira forte, ci trova dentro una fragranza femmina che conosce ormai troppo bene eppure, ancora una volta, quell’essenza di umori intimi e selvatici gli trapana la testa, gli strapazza i polmoni e soprattutto, gli gonfia il cavallo dei pantaloni.
Quando esce dal bagno la cerca con lo sguardo, la sposa profumata, la vede sul palco, col microfono in mano e sa, lui solo, che sotto quel vestito non indossa più niente. Lei e suo marito sono stati costretti a cantare insieme una stupida canzone. Lei, nuda in mezzo alla folla barbara degli invitati avvinazzati, il vestito le accarezza le pelle, basterebbe un istante, dio mio, se accavallasse le gambe in maniera scomposta, mentre si siede, accecherebbe tutti con la visione repentina di un segreto che appartiene solo al vecchio indio. Sei una pazza, pensa lui e l’eccitazione continua a salire. Per un istante solo si guardano e trascendono di nuovo in una dimensione in cui esistono solo loro due, in quello sguardo si danno fuoco a vicenda. Te l’avevo promesso, sembra dire lei. Voglio farti urlare pare rispondere lui.
Quante sono le linee di comunicazione che noi non percepiamo? Quante quelle che non vogliamo ascoltare? Quali trame invisibili stanno ordendo le persone proprio davanti ai nostri occhi?
La bella sposa ha appena consegnato le sue mutandine a uno degli invitati e con esse gli ha donato anche la promessa di una passione cocente, proibita e impellente.
Lui lo sa. Ed è per questo che, qualche istante dopo, quando il fotografo richiama l’attenzione di tutti per realizzare gli scatti che andranno a comporre l’album di nozze, si affretta a raggiungere una posizione speciale, che gli permetta di fare un’altra incredibile mossa in questo gioco di scandalosa seduzione.
Tutti pronti, tutti in posa per una foto di gruppo, la coppia felice proprio al centro, i bambini davanti mi raccomando, sorridete.
Ecco un altro messaggio segreto che nessuno scoprirà mai, passeranno gli anni, arriveranno gli amici e chiederanno (controvoglia) di poter guardare quelle fotografie patinate, sfoglieranno pagine pesanti e sorridendo (fintamente) arriveranno a quella foto di gruppo, con gli sposini proprio in mezzo e vedranno che c’è un uomo, un uomo con la faccia selvaggia, da indio, proprio accanto alla sposa, nessuno saprà, nessuno si accorgerà che proprio in quel momento lui ha portato una mano dietro alla schiena di lei, l’ha fatta scorrere verso il basso, con lentezza studiata, per farle sentire ogni centimetro di quella carezza decisa, ha oltrepassato la sua vita sottile ed è andato ad afferrare ciò che gli appartiene, chissà da quanto ormai: i glutei sodi e nudi sotto la stoffa leggera del suo bel vestito. Ma non gli basta, perché la sua mano si incunea, spinge la gonna fra le natiche e va a stuzzicarle il sesso delicato, accarezzandole le labbra, come a dire “roba mia”.
Nessuno lo sa, nessuno lo saprà mai, se ne stanno tutti con un sorriso di circostanza rivolto all’obiettivo, anche la nonna Elvira sorretta a fatica dai suoi nipoti, e pure la cugina venuta dal nord, con le guance rosse e un ghigno ebete, stirato da tutto il vino che ha tracannato.
Se lo sapessero probabilmente si metterebbero a urlare, si griderebbe allo scandalo, quell’uomo, sì, quell’uomo sta palpando il culo della sposina, proprio a un passo da suo marito.
Nessuno lo sa, tranne lei ovviamente che si lasciare toccare da quella mano e si sente graffiare dentro, trasgressione proibita e segreta che le mozza il respiro, le brucia la pancia e soprattutto la bagna fra le cosce.

Terminata la tortura fotografica la sposa giovane si rivolge a suo marito usando un tono di voce insolitamente alto «Tesoro, io ho bisogno di rinfrescarmi un po’, vado in bagno!».
«Amore – gli risponde lui dolcemente – vai in camera nostra, al primo piano, lì potrai stare tranquilla». Un tenero scambio di battute che in molti attorno a loro hanno ascoltato. Ma come? La sposina ci lascia? L’anima splendente della festa ci abbandona? Suvvia, abbiate pietà, sposarsi è una cosa faticosa, sapete? Sono ore che cammina su quei tacchi sottili e a forza di sorridere avrà i muscoli della bocca indolenziti. Lasciatele un po’ di spazio, un po’ di.. intimità.
Guardatela, mentre si incammina verso l’uscita, fa una carezza al piccolo Mattia e sale le scale per raggiungere la suite matrimoniale, ne ha bisogno, la brama, la desidera.
Appena entra nella grande stanza si guarda attorno, arredamento elegante, raffinato, sul letto è steso un enorme mazzo di rose rosse avvolte in un nastro dorato su cui campeggia la scritta “Oggi sposi”.
Lei lo guarda e non ci fa troppo caso, sta cercando altro, ecco, sì.. una cassettiera massiccia in radica di noce, ci passa sopra la mano, sorride, sembra soddisfatta.
Un attimo dopo porta le mani dietro la schiena, fa scorrere la lampo del corpetto e il suo bianco vestito scivola a terra. Resta nuda, con solo i sandali rossi ai piedi. La linea vibrante delle gambe che sale rotonda e si apre su un bianco culo nudo, ancor più esposto per la forza dei tacchi alti. Un piccolo tatuaggio proprio lì, rosa rossa intrecciata che sovrasta il solco scuro fra le natiche. Era una sposa maliziosa ora è una meravigliosa donna seducente. Fa forza con le mani per issarsi sulla cassettiera e salirci sopra, si volta verso la porta della suite, poggia la schiena contro la parete e alza le gambe, spalancandole, coi piedi proprio sul ripiano liscio del mobile raffinato. Una mano scivola fra le cosce e si insinua fra le labbra lucide del suo sesso, come una bambina che infila il dito nella torta per controllare se è pronta.
Poi aspetta.
Pochi istanti e qualcuno bussa alla porta.
Non un rumore qualsiasi, tre colpi secchi e cadenzati, il codice segreto di qualcuno che è abituato a farsi riconoscere ancor prima di entrare.
La sposa sorride e dice solo «Avanti».
Ed eccolo, l’uomo selvaggio col suo completo scuro, si chiude la porta alle spalle e rimane a fissarla. Un gran pezzo di ragazza messa in posa per farsi guardare o forse per farsi mangiare. Il menù di oggi prevede un altro piatto succulento, esclusivamente per lui. Un boccone di carne rosata, fior di femmina nuda, esibita e golosa. Il sesso aperto, umido e delicato, le lunghe gambe piegate, sorrette da due spilli vertiginosi color rosso fuoco. Il seno abbondante che sale e scende insieme al suo respiro eccitato.
Se esiste un paradiso degli uomini deve avere un aspetto molto simile.
Lui non dice niente, non ha tempo, si avvicina lentamente mentre si sfila la giacca e inizia a sbottonare i bottoni della camicia.
Si ferma a un passo da quel fiore di donna quando ha già il petto nudo, grosso e villoso, la carne maschia del ventre avvolta dai pantaloni scuri ed evidentemente gonfi di un’eccitazione feroce.
Se esiste l’inferno per una donna è fatto decisamente così.
«Mi cercavi?» dice lei con voce di miele.
«Volevo dare il bacio alla sposa» risponde l’indio col fuoco negli occhi.
«E cosa aspetti?».
«Non vorrei rovinarti il trucco».
«Già.. ma puoi baciarmi in tanti altri posti sai?».
Gli amanti sono davvero dei pessimi attori, in ogni loro battuta è già scritto il finale della scena.
Lui abbassa appena gli occhi e se li riempie col luccichio brillante della sue labbra che sembrano pulsare di eccitazione. Poi si inginocchia, respira forte e l’odore di fica lo stordisce, gli scatena un appetito selvaggio.
Le grandi mani si infilano sotto le ginocchia e la solleva con forza, si avvicina ancora un po’, apre la bocca e aggredisce la sua preda. Labbra contro labbra in un bacio pieno di passione, le respira fra le cosce e si lascia inzuppare la barba dai suoi umori.
Lei chiude gli occhi, si porta un dito alla bocca e inizia a torturarlo coi denti. Il corpo si accende e si irrigidisce, l’altra mano si infila fra i capelli del suo animale, gli accarezza la testa e se la stringe fra le gambe.
Quando lui tira fuori la lingua e inizia ad assaggiarle il sesso umido la sposina spalanca la bocca ed emette un gemito strozzato, come un singhiozzo di splendida tortura, tutti i nervi tesi che sussultano ogni volta che lui la lecca proprio lì, nell’epicentro di tutto il suo sussultante piacere. I suoi umori colano copiosi e bagnano la superficie lucida della cassettiera.
È il vecchio indio a dettare il tempo, è la sua lingua che la fruga dentro e rende quella bellissima donna completamente sua, ancora una volta sua.
«Basta – lei dice con le guance rosse – vieni su, ti prego!».
Lui si alza, si riempie le mani con la carne delle morbide tette, le ingabbia i capezzoli fra le dita e le pianta i denti sul collo, eccolo un altro singhiozzo di piacere, ogni studiato assalto la fa contorcere, l’annienta e la infiamma nello stesso momento.
Lei gli slaccia i pantaloni alla cieca, li lascia scivolare lungo le sue gambe, afferra il bordo delle mutande e abbassa anche quelle poi glielo afferra saldamente, lo stringe nella mano, lo sente caldo e turgido. Ecco ciò che vuole, ecco il suo unico folle pensiero, lo percorre con le dita più volte in abili carezze leggere «Mio – dice con un filo di voce – mio.. mio.. – non riesce a dire altro – mio!». Lui la guarda adesso, la femmina annegata, la fulmina con una sciabolata azzurra dei suoi occhi selvaggi «Tuo» le risponde con voce profonda, si aggrappa ai suoi fianchi, le infila il cazzo nella pancia e inizia a sbatterla con l’impeto di una bestia.

[fine primo tempo]

Questo racconto di è stato letto 1 2 6 5 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.