La calda notte dell’Ispettore Sánchez

Scritto da , il 2019-05-14, genere prime esperienze

Il rumore continuo e assordante dei rulli delle tipografie che girano vorticosamente.

[RISOLTO IL CASO FIRECAGE - LA CITTÀ TORNA A RESPIRARE]

Gli impiegati in maniche di camicia controllano i bozzetti per la prima pagina di domani, sarà la notizia del giorno.

[GLI UOMINI DELLA SQUADRA OMICIDI METTONO FINE AI DELITTI DEL PIROMANE]

Puzza di sigaro e sudore, scambi di battute ad alta voce per superare il frastuono delle macchine.

[ENNESIMO SUCCESSO PER LA SQUADRA DELL’ISPETTORE SÁNCHEZ]

La risoluzione del caso “Firecage” ha richiesto nove mesi di duro lavoro. Appostamenti notturni, intercettazioni telefoniche, pedinamenti e una retata in grande stile avvenuta stamattina, insieme a quelli dei corpi speciali. Peter Maulder, un veterano di guerra soprannominato “il piromane” è stato catturato all’alba nella sua casa di Bentleyville, Ohio. Uno degli assassini più spietati che si siano mai visti da queste parti, autore di sette efferati omicidi: le vittime sono state tutte arse vive.
Accanto a lui, nella foto che comparirà su tutte le prime pagine, c’è la persona a cui va il merito di questa brillante operazione di polizia.
Origini colombiane, 41 anni appena compiuti, primo posto all’esame finale del suo corso. Determinazione, astuzia e il fiuto investigativo di un predatore infaticabile, solitario, letale.
182 centimetri di altezza, spalle larghe, il fisico atletico modellato da un duro e costante programma di allenamento, una tonica minaccia di fronte alla quale crollano sempre tutti gli interrogati.
L’Ispettore Sánchez è l’orgoglio dei suoi superiori e ha la stima di tutti i suoi colleghi. Il carattere schivo, riservato, nulla traspare dall’oscura profondità dei suoi occhi, nulla si sa della sua vita privata.
Diventare il capo della Squadra Omicidi non è affatto semplice, soprattutto se sei una donna.
Ma Sofía Sánchez non è, una donna qualunque.



Ore 23:10 - Collinwood, seminterrato del quinto Distretto
Nello scantinato del distretto c’è una piccola palestra, a quell’ora praticamente deserta. In realtà è una topaia con qualche vecchio attrezzo ma ai ragazzi piace, lontani dall’occhio inquisitore e talvolta ipocrita dei cittadini possono togliersi la responsabilità della divisa e tornare a essere semplicemente se stessi, coi loro difetti, le loro paure e qualche battutaccia spinta che rinfranca sempre il morale.
L’Ispettore Sofía Sánchez sta consumando a grandi falcate il tappeto logoro di un vecchio tapis roulant, si allena sempre dopo la risoluzione di un caso. “Ti togli un po’ di merda di dosso e ti prepari per respirarne altra” dice ogni volta.
Il suo corpo che si muove inscena una lotta irresistibile tra le sue curve mozzafiato e i suoi muscoli decisi, il risultato è una femminilità potente e disarmante, accogliente eppure minacciosa. Gli uomini che le si avvicinano rimangono sempre schiacciati da questo insolito dualismo, attratti dalla sua innegabile sensualità si fermano sempre un passo prima di raggiungerla, paralizzati dalla sua forza dirompente.
Sofía corre e bagna di sudore la canottiera con il logo del dipartimento; le lunghe gambe, scoperte da un paio di minuscoli pantaloncini, proiettano le dinamiche feroci di una macchina.
Sembra uno studio sulla perfezione anatomica del movimento.
Accanto a lei c’è l’Agente Asher, una recluta alle prese con il suo primo caso importante. Sofía adora il lavoro d’indagine, è una donna d’azione ma ciò che non sopporta è la burocrazia della polizia di stato, per questo Asher le sta rileggendo il rapporto che il capo ha richiesto entro domani mattina.

«Dai.. continua a leggere..» dice l’Ispettore Sánchez mentre divora la strada inesistente del tapis roulant.
«Patricia Clark.
27 anni.
Settima vittima del pluriomicida conosciuto come il “piromane”.
Ritrovata la mattina del 13 aprile in un campo di grano a Chesterland, nella contea di Geauga.
Il corpo della vittima si presenta ricoperto di ustioni di quarto grado, causate da un rogo innescato tramite fascine di rami secchi, poste ai piedi del palo a cui è stata legata la ragazza.
Si allega documentazione fotografica....».
L’Agente Asher perde d’improvviso la voce. Le immagini del corpo carbonizzato della povera Pat Clark fanno accapponare la pelle, come si a fa essere così crudeli?
«Brutta storia eh? – dice Sofía intuendo il motivo della sua esitazione – ci vuole il fegato per lavorare nella mia squadra, devi abituarti a spettacoli ben peggiori di quello.. hai capito?».
«Sì, Signore» risponde Asher deglutendo a fatica.
La recluta riprende la lettura con voce monotona, quasi fosse un radiogiornale, ogni tanto fa un piccola pausa impercettibile. Un vuoto che dà tempo ai suoi occhi di alzarsi per un istante dalla pila di fogli coi dettagli del caso Firecage e andare a posarsi sulla causa reale della sua esitazione: il corpo sudato di Sofía Sánchez.
«Il cadavere di Emilia Clark è stato ritrovato... grazie alla... segnalazione di Ted Turner, un... contadino di Chesterland...» poi si spegne di nuovo in un silenzio quasi imbarazzato.
«Che c’è?» chiede l’Ispettore.
«Non c’è Signore».
«Che cosa – dice Sofía premendo un tasto che arresta la sua marcia meccanica – cos’è che manca?».
«La testimonianza di Ted Turner... nel rapporto non c’è!».
«Chi cazzo ha redatto il verbale di quell’interrogatorio?».
«L’Agente Coleman, Signore».
L’ispettore Sánchez sbuffa rabbia e fatica, il viso arrossato imperlato dal sudore.
«Vai a chiamare quel cazzone di Coleman e digli che se non mi porta subito il suo fottuto verbale da domani lo rispedisco a dirigere il traffico!».
«Sì, Signore».
Asher esce in fretta dalla piccola palestra e va a cercare un telefono per contattare il suo collega, a quest’ora sarà sicuramente al bar, a sbronzarsi. Ognuno ha il suo modo per festeggiare la conclusione di un caso, per molti non c’è niente di meglio del bacio di un vecchio scotch.

Qualcuno racconterà poi di aver visto l’Agente Coleman dal vecchio Joe, al bar dei poliziotti insieme al Sergente Fabretti; dirà di averlo visto rispondere al telefono, cambiare improvvisamente espressione, alzarsi di scatto e schizzare fuori dal bar senza praticamente pagare il conto; si dirà che il povero Coleman è corso nel suo ufficio, ha recuperato il verbale e l’ha consegnato trafelato ad Asher pronunciando le seguenti parole: “È tanto arrabbiata?”.

«Non ancora» risponde Asher prima di lanciarsi a sua volta giù per le scale. Tutti sanno che quando l’Ispettore Sánchez chiede qualcosa è sempre meglio correre.
Quando torna nello scantinato si blocca, per un istante, avverte una specie di mancamento, forse per la corsa o forse perché davanti ai suoi occhi c’è una femmina di giaguaro colombiano intenta a sferrare zampate a un povero sacco da pugile pieno di rattoppi.
Ora la guarda, ora può farlo, scivola lungo le linee del suo corpo atletico, un ottovolante vertiginoso di muscoli e curve, cosa ci fa una creatura del genere in questo posto?
Se lo chiede guardandola di spalle mentre saltella sulle punte dei piedi, la schiena tesa, quasi maschile, se non fosse per quei fianchi così stretti e affusolati che si riallargano solo quando un culo poderoso li costringe a farlo.
“Un culo da museo!”.

Questa è una cosa che racconta sempre il Sergente Reilly: lavora alla Divisione Amministrativa e gli mancano due anni per andare in pensione.
Beh, ogni tanto Reilly se ne esce con questa storia del Museo di Cleveland, lui dice di esserci andato una volta insieme al figlio, dice sempre di aver passato ore a “rompersi le palle con dei vecchi quadri di merda di cui non capisce un cazzo” finché... l’ha visto!
In una stanza piena di statue di bronzo, illuminato da certi fari che sembravano quelli dello stadio degli Indians c’era il culo di Sofía Sánchez! La cosa più bella però è guardarlo quando racconta questa storia, gli occhi spalancati, quasi posseduti, le mani protese in avanti ad immaginare carezze sul fondoschiena dell’Ispettore. Cristo... dice sempre il Sergente Reilly quando arriva a questo punto della storia, Cristo! Solo questo. Come lo avesse visto apparire sul culo di bronzo di una statua del museo di Cleveland. Tutti ridono quando lo racconta ma c’è da dire che in molti, dopo, vanno al museo a cercarci le curve scultoree dell’Ispettore Sánchez.

Cristo, sospira l’Agente Asher nella palestra del seminterrato, Cristo che culo!
Le cosce gonfie eppure armoniose, pelle tesa dai riflessi dorati, i polpacci lucidi e torniti, carne che trasuda peccato e torbidi pensieri, come faccio? Come faccio a non desiderarti?
Sogna la giovane recluta, guarda quel corpo che si muove e immagina che quei pantaloncini leggeri si strappino davanti ai suoi occhi, sogna di cadere in ginocchio proprio di fronte a quello spettacolo della natura, sente sul proprio viso lo schiaffo di quelle chiappe sudate quando...
«Asher!».
Il problema con una femmina del genere non è spiarla da dietro mentre prende a pugni un sacco da pugile.
«Asher!!!».
Il problema, vero, è quando poi si volta, lentamente, e ti punta gli occhi dentro agli occhi.
«Sì, Signore».
«Hai chiamato Coleman?»
Quelli dell’Ispettore Sánchez sono grandi, tagliati come quelli di una gatta, profondi che potresti smarrirti a guardarci dentro, occhi così ti fanno sentire sempre un po’ a disagio.
«Sì, Signore... era...».
«Era al bar scommetto!».
Il nasino pronunciato, tipico delle persone curiose. Gli zigomi alti e luminosi, le labbra, dio mio, labbra così morbide che...
«Sì... Signore».
Il problema è quando si incammina verso di te, consumando la distanza con passo felino e deciso.
«Vedi, Asher...».
Quando una donna del genere ti sovrasta con la sua statura e il suo odore ti ubriaca più di un vecchio scotch.
«...questo è il quinto distretto e qui ognuno deve fare la sua parte...».
Un paio di grosse tette che sembrano esplodere in quella piccola canottiera e ti entrano negli occhi, uno sguardo che ti trasmette ancor più disagio.
«...quelli della Buoncostume passano la vita a dar la caccia alle puttane e ai loro papponi...».
Adesso la tocco, non resisto, devo toccare quella pelle di seta.
«...quelli della Narcotici fanno su e giù per la costa e ogni volta ci riempiono gli uffici con qualche povero disgraziato che si sfinisce di crac...».
Adesso la bacio, adesso mi gioco la carriera e le mangio quella bocca.
«...noi invece siamo alla Omicidi, ci è toccato il compito più difficile, ci sono lì fuori degli schizzati che non dormono la notte per pensare a qualche nuova schifezza da fare, capisci?».
Adesso invece svengo, non ce la faccio più, adesso crollo e mi lascio calpestare.
«Se non dormono loro non possiamo farlo neanche noi, è una gara, una cazzo di gara fra pazzi, fra pazzi che non dormono mai!».
Asher vorrebbe dire e fare tante cose ma si ferma un passo prima di quella giunonica minaccia e riesce a pronunciare solo le due parole che il regolamento di servizio impone: «Sì, Signore».
«Quanto ci manca?» chiede l’Ispettore indicando i fogli del rapporto, poi si attacca a una bottiglietta d’acqua per reidratare il proprio corpo. Il collo teso percorso da piccole goccioline.
«Dobbiamo ancora controllare i dati del Coroner sull’autopsia, Signore».
«Merda! – esclama Sofía con un ruggito, per lei tutte queste cartacce sono solo una perdita di tempo, vorrebbe essere già lì fuori a dare la caccia a qualche altro pazzoide, si scola il resto dell’acqua sulla testa – Dai, vieni con me» dice ad Asher e si incammina verso lo spogliatoio.

«Siediti qui e non smettere un attimo di leggere, ne ho già le palle piene di questa roba».
L’Agente Asher si accomoda su una piccola panca di legno e sfoglia le pagine del caso Firecage proprio mentre Sofía Sánchez si volta verso il suo armadietto, scioglie i capelli liberando una morbida cascata nera che le accarezza le spalle e inizia a spogliarsi, davanti ai suoi occhi.
Lo sguardo della recluta ondeggia con disperazione, ogni volta che il suo capo si toglie qualcosa di dosso il suo respiro s’inceppa, come una pistola difettosa.
Via la canottiera, via i minuscoli pantaloncini, Sofía prende un asciugamano e lo usa per accarezzarsi la pelle sudata, poi mette le mani dietro la schiena e slaccia il suo reggiseno sportivo liberando la morbidezza dei suoi seni.
È una tortura questa, una spietata dolcissima tortura ma il peggio deve ancora arrivare perché quella donna incredibile ora afferra gli slip e chinandosi leggermente in avanti li sfila eclissando lo sguardo della giovane recluta con la rotondità del suo culo nudo. Un culo da museo.
La macchina si fa donna senza smettere di essere letale, si incammina verso le docce e apre il getto d’acqua calda riempiendo la stanza di vapore e sensualità.
Asher la guarda e nei suoi occhi arde il riflesso di quello spettacolo conturbante. Sofía Sánchez è nuda, sotto la doccia bollente, con le mani si insapona il corpo sinuoso con incredibile naturalezza, un vulcano di erotismo che annebbia la vista. Il cuore pulsante della recluta è appeso a un filo e ogni filo, a tirarlo troppo, prima o poi, si spezza.
«Asher.. parla più forte.. non ti sento..».
«...».
«Asher?».
«...».
«Asher???».
L’ispettore Sánchez si volta sotto l’acqua battente e quasi si spaventa, l’Agente è a pochi centimetri da lei, coi vestiti inzuppati e i capelli incollati alla fronte.
«Si può sapere che cazzo ti sei mess...» non riesce a terminare la frase, la recluta le è addosso, si lancia verso l’inferno e chiude la sua bocca con un bacio.
Sofía è colta alla sprovvista, si irrigidisce, schiacciata contro le piastrelle lisce del bagno, forse la stanchezza, forse la sorpresa ma quello che fa è sciogliersi, come imprigionata in una gabbia d’acqua incandescente.
Quando Asher si stacca dalle sue morbide labbra e osa sfidare il suo sguardo felino manda a fanculo il regolamento, la sua carriera e la sua propria incolumità «Tu – le dice con un filo di voce – tu... sei la cosa più bella che io abbia mai visto» poi allunga le mani e si impossessa di quel corpo meraviglioso.
Le accarezza i fianchi, la bacia sul collo, Sofía si dimena combattuta da un nuovo inaspettato duello, il rifiuto e il desiderio, la rabbia e il piacere.
Il suo sangue sudamericano la scuote da dentro, baile de amor.

L’Agente Asher muove la bocca annaspando sul corpo della femmina di giaguaro, scivola sulla sua pelle e si ritrova a morderle le tette, più grandi e morbide di quello che aveva immaginato, le imprigiona un capezzolo con le labbra, lo succhia, lo sente indurirsi, lo ingoia, lo fa suo. L’Ispettore Sánchez geme adesso, geme improvvisamente vulnerabile a un attacco a cui non è abituata, si fa pasto succulento per quella bocca giovane e affamata.
Le mani di Asher addosso, le mani a impastare il culo del suo capo, ad accarezzarle le cosce, a leccarle le tette bagnate dalla doccia, una piccola furia al cospetto della grande donna, nessuno parla, nessuno osa dire niente, l’incendio dell’eccitazione soffoca ogni lucida percezione. C’è solo piacere, carne soda da afferrare, labbra socchiuse che aspettano unicamente di essere baciate.
Asher lo sa, che quelle labbra attendono solo la sua bocca, si lascia cadere sulle ginocchia e infila la faccia fra le cosce toniche dell’Ispettore, la sua fame è cieca, irrazionale, inaspettata.
Le gambe di Sofía si aprono appena, ormai molli sotto l’assalto della recluta, il suo sesso fradicio si lascia guardare, si lascia desiderare. La cosa più bella. La cosa. Più bella che io abbia. Che io abbia mai. Visto. L’Agente fissa la fica del suo capo, succulento groviglio di carni crude e pulsanti, apre la bocca, si avvicina e inizia a respirarle sulle labbra, sfiorandola appena, si riempie il naso con quell’odore dolce, il pelo scuro dell’Ispettore così vicino agli occhi, confini che in pochi hanno provato a oltrepassare, la lingua scivola fuori dalla bocca e si immerge, lentamente, in quel piccolo nido umido.
Sabor caribeño.

L’Ispettore Sánchez inarca la schiena e stringe forte gli occhi, come colta da un dolore straziante e irresistibile, come se quella lingua le stesse solleticando il cuore. Muove il bacino e inizia a sbattergliela sulla faccia. La lecca ora l’Agente Asher, alle prese con il suo primo caso importante, le abbraccia forte i fianchi e si lascia scuotere dai suoi movimenti, le massaggia le labbra con la punta della lingua, senza staccarsi dal suo corpo, annega negli umori di Sofía che colano copiosi sulla sua bocca.
Sabor a coño tropical.

Nello scantinato del quinto distretto c’è una palestra che in realtà è solo una vecchia topaia. Il piccolo spogliatoio a quest’ora è quasi deserto. Su uno degli armadietti c’è un vecchio poster di Pamela Anderson che si stringe le tette al silicone e ha un ghigno sulla faccia che dovrebbe trasmettere seduzione. A pochi passi da lei qualcuno sta gemendo, è una donna. Nel locale delle docce c’è una scena a cui nessuno dei ragazzi riuscirebbe mai a credere: l’impenetrabile Ispettore Sofía Sánchez, capo della Squadra Omicidi, è completamente nuda, sotto la doccia, le cosce aperte, la schiena schiacciata contro le piastrelle lisce, gli occhi chiusi, i capezzoli turgidi che puntano decisi verso l’alto, dalla sua bella bocca esce un suono che sembra un allarme sincopato, il segnale di un incendio in corso. Le mani infilate fra i capelli bagnati di una giovane recluta.
In ginocchio fra le sue lunghe gambe c’è l’Agente Asher che con la lingua sta dando fuoco al corpo atletico del suo capo.
La niña sabe cómo hacerlo.

Ogni frammento di questa scena incredibile si scioglie e si allunga nella spirale centrifuga del piacere nel momento esatto in cui Asher le avvolge il clitoride fra le labbra e inizia a muovere la testa, succhiandolo con inaspettata esperienza.
La voce di Sofía si fa sottile, la donna sguscia fuori dalla macchina, come un fiore che esplode con violenza, le mani spingono la testa di Asher che quasi si sente soffocare, ancora qualche colpo, ancora qualche assalto disperato fino a quando un urlo, un lamento, un suono grave da gatta in calore si disperde fra i sotterranei del distretto, Sofía Sánchez gode e tutto il suo corpo sussulta in preda agli spasmi, infradicia la faccia dell’Agente Asher, la tempesta di un orgasmo potente, furioso, accecante, inaspettato.
La niña que bebe el mar.




Ore 09:00 - Divisione della Polizia di Cleveland
Un sole color ocra elenca piano i palazzi specchiati della Saint Clair Avenue. Gli uomini della volante stanno accompagnando in cella un maniaco che stamattina è stato beccato nei pressi della scuola elementare. Due prostituite sbraitano in continuazione, aspettano da ore l’arrivo del loro avvocato.
Al terzo piano c’è l’ufficio di Eric Finch, capo della polizia, un uomo che dimostra più dei suoi anni. Sta parlando al telefono comodamente seduto dietro una scrivania elegante.
«Sì Signore.. certo Signore.. ho finito di leggere ora il rapporto.. sì.. la ringrazio Signore..».
Proprio in quel momento l’Ispettore Sánchez, capo della Squadra Omicidi, entra nel suo ufficio, gli occhi nascosti da grandi lenti nere, graffio di jeans aderenti che corrono sulle lunghe gambe per poi infilarsi in un paio di stivali da motociclista, nessuno l’ha mai vista con delle inutili scarpe col tacco alto.
Sofía si siede di fronte al suo capo, la giacca di pelle si apre appena lasciando intravedere, oltre alle sue prepotenti rotondità, il cuoio scuro della fondina ascellare. Fa un piccolo cenno di saluto, poggia gli stivali sulla scrivania e inizia a sorseggiare una tazza bollente.
Finch la guarda e pensa che quelle labbra adesso hanno il sapore intenso del caffè.
«Sì Signore.. la conferenza stampa è alle 11:00.. a dopo.. la saluto».
«Era il Senatore – dice il Comandante mentre riaggancia il telefono – ti fa i suoi complimenti, anzi, non vede l’ora di farteli di persona».
Sofía Sánchez sbadiglia senza preoccuparsi di coprire la bocca, schiocca la lingua sul palato amaro di caffè.
«Ci ha invitati entrambi a cena nella sua villa – continua lui – non possiamo mancare».
«E io non ci sarò» sentenzia l’Ispettore.
«Perché? Non c’è niente di male a prendersi i meriti per il proprio lavoro».
Sofía sorride beffarda «Perché non me ne frega un cazzo di queste cose, non mi è mai piaciuto leccare il culo ai politici e non mi piace quando vogliono leccare il mio».
Il Comandante Finch avverte un leggero smottamento al basso ventre, le parole “leccare” e “culo” associate a quel pezzo di donna seduta lì di fronte gli provocano seri problemi di concentrazione.
«Ti vedo stanca Sofía, non hai dormito?».
Sánchez ha un attimo di esitazione, nella sua testa riappare l’immagine fugace di un duello: l’acqua e le fiamme.
«Ho dovuto lavorare al tuo cazzo di rapporto» dice alzando appena la voce.
«Perché non ti prendi una vacanza? – insiste Finch – non hai mai l’esigenza di staccare un po’ da tutto questo?» lo dice con un lieve gesto della mano aperta rivolto al suo ufficio, al dipartimento, a quella vita di continue rinunce.
La giaguara richiama a se le lunghe gambe e si alza dalla sedia «Mi devi dire altro?».
«No – risponde lui – sei libera, puoi andare».
Lei raggiunge la porta dell’ufficio, la apre e si volta un attimo verso il suo superiore.
«Ah, capo – gli chiede ponendo uno strano accento sulla parola “capo” – volevo chiederti una cosa».
«Tutto quello che vuoi Sánchez, di che si tratta?».
«Si tratta.. dell’Agente Asher».
«Ti ha dato dei problemi? Qualcosa che non va?».
«Nessun problema ma credo che la mia squadra non sia il posto adatto per.. le sue capacità».
«È perché è una donna? È questo che non ti piace?».
«Non dire stronzate Finch, non è assolutamente questo il cazzo di problema, voglio solo che mi togli dai piedi quella ragazzina, trovale altro da fare!». Acqua e Fuoco, Piacere e Dovere.
«Va bene, l’assegnerò a un’altra unità».
«Grazie» dice Sofía portandosi una sigaretta alle labbra, di profilo nel ritaglio rettangolare della porta aperta la accende e tira una grande boccata. In ufficio non è consentito fumare, questo il Comandante lo sa ma tutto quello che riesce a pensare in questo momento è che quella bocca adesso ha l’aroma avvolgente del tabacco.
«Dove te ne vai adesso, Sánchez?» osa chiederle lui.
«Vado da quelli della scientifica – dice lei sorridendo – vogliono farmi vedere le foto di un coglione che si è fatto sbranare dal suo cane».
«Non cambierai mai vero, Sánchez?» dice Finch con l’immagine nauseante di quel povero disgraziato nella testa.
«Mai» dice lei e poi esce dalla stanza facendo un piccolo gesto con le dita rivolte verso il suo capo, come gli avesse sparato un colpo invisibile.

Questo racconto di è stato letto 2 0 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.