Cornelia - Immenso desiderio

Scritto da , il 2019-04-29, genere masturbazione

I giardini reali erano maestosi quanto il castello. Cornelia camminava estasiata, sentendo l’erba fresca e leggermente umida sotto i suoi piedi nudi. Osservava le miriadi di fiori e piante con occhio affascinato e curioso, come quello di una bambina davanti a dei biscotti succulenti.
Alcuni fiori non li aveva mai visti! Piante esotiche e colori vivaci. Un tripudio di colori raggianti. Api pacifiche e tranquille, bombi curiosi e farfalle aggraziate volavano in mezzo ai petali, sfiorandole ogni tanto i capelli.
Anche lei sembrava far parte di quel giardino. Il vestiario scelto dal Re in persona era strabiliante: un vestito rosso fuoco, come la sua chioma, di seta, senza spalle, lungo e semplice, con un breve strascico e adornato di piccole pietre preziose sulla gonna. Sembrava una costellazione luminosa. La particolarità di quel vestito, oltre a risultare meno pacchiano rispetto a quello delle altre concubine, era che la gonna era più corta sul davanti, con il risultato che le gambe di Cornelia era quasi scoperte del tutto. Si poteva chiaramente vedere gli stinchi, le ginocchia e parte delle cosce toniche e giovani. La sua carnagione più scura, i capelli indomati e il vestito, la mettevano in risalto rispetto alle altre. Pareva un diamante in mezzo a frammenti di vetro.
Gli sguardi delle concubine che spettegolavano in giardino parlavano chiaro.
Due di loro la ammiravano. Le altre quattro la squadravano.
Ma sorprendentemente a Cornelia non importava più di tanto. Certo, si sentiva ancora una sorta di pesce fuor d’acqua, soprattutto dopo quel bagno con oli profumati, l’essersi pulita e fatta pettinare in modo decente. E poi non era abituata a indossare alcun tipo di gioiello. I rubini decoravano i lobi delle sure orecchie e il suo décolleté.
Si sentiva una principessa.
Cercò con lo sguardo Angelina, cercando di evitare gli sguardi colmi di disgusto e invidia delle bionde amanti. Altro motivo per cui si sentiva diversa: i suoi capelli rossi e la sua pelle più scura.
Vide Angelina. Le fece segno con la mano. Angelina ricambiò e si diresse verso di lei.
Cornelia trovava confortante il fatto che la ragazza le fosse stata affidata come serva e accompagnatrice personale, nonostante nessuno di questi due titoli le piacesse.
“Ciao Angelina.”
“Ciao Cornelia.”
“Mi stanno guardando tutte...” disse Cornelia leggermente imbarazzata. Le pareva che tutte potessero vedere le dita del Sovrano nel suo ventre. A quel pensiero venne scossa da un brivido di piacere lungo la colonna vertebrale.
Angelina le sorrise: “Perché sei la più bella del castello! Sei così...diversa...da tutte noi!” esordì lei con tono entusiasta.
“Mai era stata vista una concubina che non avesse i capelli del colore del grano. Vengono accettate solo varianti di sfumature di quel colore. Ma mai qualcosa di diverso. Si devono somigliare tutte.”
“Perché?”
“Sediamoci e ti spiegherò tutto. Guarda, laggiù si è appena liberata una panchina.” disse Angelina puntando il dito contro una panchina intagliata in legno.
Si sedettero comode. Solo in quel momento Angelina si accorse della mancanza delle scarpe ai piedi di Cornelia: “Avevi voglia di sentire l’erba umida sotto i piedi?” chiese ridacchiando.
“Sì, sono sempre stata abituata a camminare a piedi nudi. Sono contenta che il Re non mi abbia procurato alcun paio di scarpe.”
Angelina rimase attonita: “Non ti ha dato scarpe?”
“No, quando mi hai informata che i miei vestiti erano già stati portati nella mia camera, di scarpe non ce n’erano.” disse Cornelia incuriosita da quel fatto che fino a quel momento non aveva nemmeno considerato di rilevante importanza.
Angelina sembrò pensarci su: “Mi sembra impossibile. Di sicuro c’è stato un errore, mi informerò al riguardo.”
“Prima di spiegarmi l’inspiegabile...” esordì Cornelia abbassando la voce “...mi puoi dire chi sono le donne presenti?”
“Certamente. Prima di cominciare, devi sapere che non sei l’unica concubina ad avere un’assistente personale. Tutte ce l’hanno. Vengono assegnate solitamente dalla Regina, ma con te il Re ha fatto un’eccezione.” disse Angelina con un moto quasi di orgoglio. Proseguì: “Allora, vedi la dama lì in fondo con il vestito bianco candido?”
“Sì.”
“Lei è Lady Vanessa. Da lei devi stare in guardia, è una vipera, se mi è consentito dirlo.” Cornelia osservò bene la ragazza. Aveva sicuramente tre o quattro anni in più di lei, un atteggiamento estremamente sicuro di sé e uno sguardo altezzoso. La più bionda di tutte le dame, i suoi capelli erano color platino, i suoi occhi di ghiaccio e la sua bocca rossa come il sangue. Sembrava una principessa del Regno Ghiacciaio, una parte di mondo situata a Nord, sulle Montagne di Vetro, così chiamate perché così ghiacciate da riflettere la luce del sole.
“Sì, viene da Nord.” disse Angelina, come se le avesse letto nel pensiero.
Cornelia parve confusa: “Ma veramente credevo che il Re prendesse come concubine le ragazze del nostro Regno e dei Ducati annessi.”
“La maggior parte. Ma il nostro Regno è anche la capitale del continente. Quando si è saputo che la Regina era sterile, tutte le più grandi famiglie di sangue reale hanno voluto contribuire. Avere un legame con il Re dei Re è un’ottima cosa.”
“Quindi le poche dame che vedo qui sono...”
“Sono le dame preferite del Re, cioè le figlie di sangue reale. Vestite in modo regale, con il colore delle loro casate e libere di scorrazzare per quasi tutto il Castello.”
Cornelia ebbe un moto di orgoglio dentro di sé. Era una tra le favorite. Lei! Una semplice contadina...era la concubina preferita di Sua Maestà. E non aveva nemmeno dovuto completare la Notte di Piacere!
A questo pensiero, sentì un desiderio immenso.
“La ragazzina accanto a lei è la sua assistente, Monica. È sempre maltrattata da Lady Vanessa. Il gruppo di ragazze accanto a quel cespuglio di rose sono Lady Tressa, Lady Giuliette e Lady Brigitta, con le loro rispettive assistenti Laura, Paula e Tonia. Si spostano sempre insieme, sono quasi inseparabili. E laggiù, invece, Lady Yvaine e la sua assistente Cassandra. Cassandra è la più anziana delle assistenti, ha visto il Re crescere...”
Cornelia sentiva Angelina con voce lontana, come se non si stesse rivolgendo a lei. Tutto ciò a cui riusciva a pensare era il suo Re.
No.
Non il suo Re.
La sua futura Notte di Piacere.
Se era riuscito a farla urlare con solo quelle magiche dita...
Sentì di nuovo quello vuoto. Quello strano e insopportabile senso di vuoto dentro il suo ventre. Doveva essere riempito.
Il suo battito accelerava e stava cominciando a sviluppare quasi un’ossessione per il Sovrano.
Come aveva potuto farsi coinvolgere in quel modo tanto volgare?
Lei che aveva sempre ripudiato i rapporti carnali estremi, stava pensando a cose indicibili.
“Tutto bene, Cornelia? Ti vedo rossa in viso...” chiese Angelina risvegliandola da quello strano sogno.
“Oh...s-sì...sì sì.”
“Sua Maestà fa questo effetto a molte donne.” Disse Angelina facendo l’occhiolino.
Cornelia arrossì ancora di più: “Perché la Regina è così categorica sul non sapere niente delle concubine?” chiese senza nemmeno respirare, colpevole di essere stata colta in flagrante in pensieri peccaminosi.
“Perché è gelosa. Non lo vuole ammettere, ma lei è profondamente gelosa delle concubine del suo consorte. È invidiosa perché voi siete tutte fertili, lei invece ha prodotto solo feti insanguinati e già morti.” disse Angelina lapidaria, con un moto di tristezza.
Cornelia si vergognò molto, perché l’unica parola che aveva sentito era “fertile”. Sentì un altro moto di piacere pervaderla, espandendo calore a ogni parte del suo giovane corpo. Era insopportabile.
“Scusa, Angelina, mi accompagni nelle mie stanze? E puoi chiedere in cucina di preparami qualcosa da mangiare, per favore? Se posso chiedere, ovvio...”
Angelina la osservò stupita: “Sì, certo che puoi chiedere, sei un membro della famiglia reale, in un modo o nell’altro.”
Cornelia quasi corse via, Angelina faceva fatica a starle dietro.

“Non è bellissimo questo giardino, Cassandra?”
“Sì, è veramente stupendo, mia Signora. Non mi stupisce che qui vi sentiate così a vostro agio.”
“Anche se mi mancano le nuvole, il cielo e le stelle di notte...”
“Comprendo la vostra nostalgia di casa, Lady Yvaine. Ho sentito dire che dal Regno del Cielo si vedono tutte le stelle dell’universo.”
Lady Yvaine rise: “Questo è impossibile. Ma è vero che si vedono più stelle di quante se ne possano vedere in una notte passata nel deserto.”
“Deve essere sicuramente bellissimo, mia Signora.”
“Un giorno, se il Re me lo permetterà, ti porterò con me a vederle.”
“Vi ringrazio, mia Signora, anche se credo di avere un cuore troppo vecchio per certe emozioni.”
“Non si è mai troppo vecchi, se i sogni rimangono. Come hai detto che si chiama la nuova concubina?”
“Lady Cornelia, mia Signora.”
“È molto distinta, non credi? L’unica chioma rossa in tutto il castello. E quel vestito così...audace, oserei dire.”
“Sì...”
“Che hai? Ti vedo strana.”
“Perdonatemi mia Signora...è che mi sembra di averla già vista da qualche parte...”

Cornelia gemeva nelle lenzuola del suo nuovo e sontuoso letto.
Si era tolta in fretta e furia il suo prezioso abito, rimanendo solo con indosso i gioielli. I boccoli dei suoi capelli rossi fuoco cadevano sui suoi seni tondi e abbronzati, il capezzolo scuro e turgido veniva aggredito dai polpastrelli della sua mano. La mano del suo Re. Immaginava fosse lui a toccarla, coccolarla, adorarla.
Si stupiva di come questo desiderio l’avesse presa.
Le dita della sua mano, affondate nel suo sesso, sostituivano il membro di lui e il vuoto del suo utero diventava ancora più insopportabile mano a mano che si toccava.
Con sguardo languido e folle osservò il sole calare. La Notte di Piacere si avvicinava.

Continua

Questo racconto di è stato letto 2 4 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.