Rosso. Perizoma. In pizzo.

Scritto da , il 2019-04-23, genere tradimenti

Ultimo estratto da:
“Appunti per un radioDramma”



«E allora?».
«Allora cosa?».
«La “domanda” che volevi farmi..».
«Beh..».
«...».
«..è una cosa così..».
«...».
«..una cosa che mi è venuta in mente».
«Ti ascolto».
«Beh..».
«...».
«..sai quando..».
«...».
«..pensi a delle cose che..».
«...».
«..non sai neanche perché..».
«Senti, io sono al lavoro! Perché non me lo dici e basta?».
«Ti ho disturbata?».
«No..».
«Sei sola? Puoi.. puoi parlare?».
«Sono sola, ti ascolto».
«Beh..».
«...».
«..è una fantasia.. una specie di fantasia».
«Una fantasia».
«Diciamo di sì».
«Una fantasia erotica?».
«Più o meno..».
«Uh, il discorso si fa interessante».
«...».
«E cos’è che volevi chiedermi?».
«Beh..».
«...».
«...».
«Vuoi continuare a ripetere “beh” per tutto il tempo?».
«...».
«Sei diventato un pappagallo?».
«Ahahahah».
«Che scemo!».
«Beh beh beh beh».
«Dai, pappagallo, adesso sono curiosa!».
«Va bene..».
«...».
«Va beeeeeeeene».
«Scemo!».
«Ahahahahah».
«Allora?».
«Magari te ne parlo un’altra volta dai».
«No no, adesso me lo dici!».
«Adesso?».
«Sì, proprio adesso».
«Sicura?».
«Sicurissima!».
«...».
«...».
«Ok dai..».
«...».
«..mi è venuta questa cosa in mente..».
«...».
«Se non fossimo “fidanzati”.. io e te..».
«In che senso?».
«Immagina che.. che io e te non stiamo insieme..».
«...».
«..che non ci conosciamo proprio..».
«...».
«..immagina che magari.. sei single..».
«...».
«..ci sei?».
«Certo».
«A che pensi?».
«Penso che non starei con un pappagallo che non sa dirmi quello che pensa».
«Ahahahahah».
«Dai!».
«Ok.. in questa.. fantasia.. sei libera.. non stai con me e puoi fare quello che vuoi!».
«Sì».
«Beh..».
«...».
«Chi ti piacerebbe?».
«Cioè?».
«Sì, dai.. chi ti stuzzicherebbe?».
«...».
«Su chi lo faresti un.. un pensierino?».
«...».
«...».
«Mi stai chiedendo se voglio scoparmi qualcuno?».
«No.. no..».
«Ma sei scemo?».
«Ahahahah.. nella fantasia!».
«...».
«”Se” fossi sola..».
«Ma io sto con te».
«Lo so ma.. prova a immaginare».
«...».
«Cosi.. per gioco!».
«Ma che razza di gioco è?».
«È solo un gioco dai..».
«...».
«Se non vuoi rispondere non fa niente».
«...».
«...».
«...».
«...».
«...».
«Ci sei?».
«Sì, sono qui».
«Ti sento male..».
«Ci sono, ci sono».
«Quindi?».
«Vuoi sapere se c’è qualche uomo che mi piace..»
«Eh».
«Se l’ho mai pensato in “quel” modo..».
«Non ci sarebbe niente di male, no?».
«Dici?».
«Ma sì.. può capitare di.. di fare un pensiero.. anche solo per un istante».
«...».
«...».
«A te è mai capitato?».
«Ahahahah.. che c’entro io? Lo sto chiedendo a te!».
«...».
«È una domanda così strana?».
«No, non lo è».
«...».
«Però vorrei sapere perché».
«Perché cosa?».
«Perché me lo chiedi? Perché vuoi saperlo?».
«Beh..».
«Perché vuoi sapere se la tua donna si scoperebbe un altro?».
«È un’ipotesi..».
«Un’ipotesi, certo».
«...».
«...».
«Possibile non ci sia proprio nessuno? Un amico.. un collega..».
«Ci sto pensando..».
«...».
«...».
«...».
«Di Stasi».
«Chi è Di Stasi?».
«È uno.. uno che lavora qui da noi».
«È un medico?».
«Qui sono tutti medici, è una clinica».
«Già..».
«...».
«E perché proprio lui?».
«...».
«È un bel ragazzo?».
«È molto carino, sì».
«E tu..».
«Io?».
«Te lo.. scoperesti?».
«Vuoi proprio saperlo eh?».
«Sono curioso».
«...».
«...».
«Se fossi libera.. perché no?».
«E lui? Ti si farebbe anche lui?».
«Ma che ti prende oggi?».
«Dai.. rispondimi..».
«Non vedrebbe l’ora».
«Dici sul serio???».
«Certo».
«E come fai a saperlo? Cioè.. ti ha.. ti ha mai detto qualcosa?».
«Ma no, niente».
«E allora? Come lo sai?».
«Certe cose si capiscono, non c’è bisogno di parlare».
«Che hai detto?».
«Ho detto che certe cose si capiscono, senza bisogno di parole».
«Continuo a sentirti male..».
«Sarà la linea».
«Di Stasi..».
«Proprio lui».
«È per come ti guarda?».
«...».
«...».
«...».
«Ci sei?».
«Sì, sono qui».
«Dicevo, è per come ti guarda?».
«Anche».
«E come ti guarda?».
«Si vede che gli piaccio, che mi trova attraente».
«...».
«Ti dispiace?».
«No».
«No?».
«No.. anzi.. mi fa pensare di stare con una bella donna..».
«...».
«..mi piace.. stare con una bella donna».
«Ti piace».
«Già».
«...».
«...».
«...».
«Però non puoi esserne sicura sicura».
«...».
«...».
«...».
«Ehi?».
«Sì?».
«Dicevo che non puoi esserne così sicura».
«Dici?».
«Beh.. magari gli piaci.. ma non verrebbe al letto con te.. magari è impegnato».
«Non l’ho mai conosciuto un uomo che dice di no».
«Cioè».
«Se una vi provoca un po’, vi provoca nel modo giusto, crollate tutti».
«...».
«...».
«E tu.. sapresti come fare..».
«A provocarlo?».
«Sì..».
«Basta così poco, credimi».
«Fammi un esempio..».
«Vediamo un po’».
«...».
«...».
«...».
«L’abbigliamento ad esempio, quello fa già già tanto».
«E a te piace vestire in modo.. provocante..».
«Ti da fastidio?».
«Assolutamente no.. ma voglio sapere cosa metteresti.. per provocarlo..»
«Una bella minigonna.. come quella che ho oggi..».
«Hai.. la minigonna?».
«Sì».
«E.. e poi?».
«E poi.. aspetterei il momento opportuno.. per sedermi.. proprio mentre lui mi guarda».
«Saresti meravigliosa..».
«...».
«...».
«...».
«Continua dai..».
«...».
«...».
«...».
«Ci sei?».
«Sì, ci sono».
«Gli faresti vedere le gambe?».
«Hai sempre detto che ho delle belle gambe».
«Bellissime!».
«Dici che piacciono anche a lui?».
«Ne sono sicuro!».
«La gonna si alzerebbe sai..».
«Sì..».
«Si vedrebbero bene le cosce».
«Sì!».
«E.. volendo..».
«Volendo?».
«Potrei essere un po’.. sbadata..».
«...».
«Fargli vedere qualcosa in più».
«...».
«Basterebbe il movimento giusto.. al momento giusto».
«E.. cosa vedrebbe lui?».
«Se allargassi appena le gambe.. secondo te cosa vedrebbe?».
«Che mutandine hai addosso?».
«Le tue preferite!».
«Cazzo!».
«...».
«...».
«Ti piace pensare che la tua donna allarghi le cosce davanti a un altro?».
«...».
«...».
«Sì..».
«Ti eccita?».
«Sì..».
«...».
«..non lo so neanche io perché.. ma mi eccita un casino!».
«...».
«...».
«Siete proprio strani.. voi maschi..».
«Tu non sai quanto ce l’ho duro adesso..».
«...».
«...».
«...».
«Mi hai sentito?».
«...».
«Se ti penso che fai la porca con quello.. mi viene il cazzo duro!».
«...».
«...».
«Non ti starai mica toccando pappagallo?».
«Vorrei mi toccassi tu!».
«...».
«...».
«Forse preferiresti che..».
«Che?».
«..che toccassi lui?».
«Io..».
«...».
«Io non..».
«...».
«Lo faresti?».
«Secondo me sei tu che lo vorresti».
«Mi stai facendo impazzire».
«Magari vorresti anche guardarmi mentre lo faccio..».
«...».
«Potrei invitarlo a casa.. per farmi fare una visita..».
«...».
«..una visita a domicilio».
«...».
«Accoglierlo con addosso solo le tue mutandine preferite..».
«Così mi fai morire!!».
«Chissà.. chissà cosa penserebbe di me..».
«Che sei una gran porca!».
«Solo questo?».
«Che sei una..».
«Una cosa? Cosa penserebbe?».
«Che sei una troia!».
«...».
«...».
«...».
«...».
«Diana? Ci sei?».
«...».
«Ho esagerato?».
«Sono qui..».
«Come?».
«Sono qui!».
«Sì..».
«Magari potrei salutarlo mettendogli una mano sul cavallo dei pantaloni..».
«Oh.. dio..».
«Sentirei se è vero quello che dicono di lui».
«Cosa? Chi lo dice?».
«Le solite voci..».
«Che voci?».
«C’è chi dice di averlo visto nudo..».
«E?».
«E dicono che ha davvero un gran bell’uccello!».
«...».
«Magari è anche più grosso del tuo».
«Diana.. io..».
«E tu saresti lì a guardare.. vero?».
«...».
«Vero?».
«..sì..».
«E di te? Cosa penserebbe di te?».
«Di me?».
«Di te.. mentre la tua donna gli slaccia i pantaloni.. e glielo tira fuori..».
«Non.. non ci capisco niente..».
«Mentre mi abbasso davanti a lui..».
«Io..».
«E inizio a..».
«...».
«..leccarglielo..».
«...».
«...».
«...».
«...».
«Diana.. non.. non ti sento più.. ci sei?».
«...».
«Diana?».
«Dimmi.. cosa penserebbe di te?».
«...».
«...».
«...».
«Che cosa.. pensano tutti di te?».
«...».
«Cosa sei tu?».
«Dimmelo tu..».
«Non hai il coraggio di dirlo?».
«No..».
«...».
«Ti sento male.. questo cazzo di.. di telefono..».
«...».
«Ci sei?».
«...».
«Ci.. sei?».
«Sono qui..».
«Rimbomba tutto.. hai il vivavoce per caso?».
«...».
«...».
«Sì..».
«Sei scema? Se ci sente qualcuno?».
«Sono chiusa in un ufficio.. non mi sente nessuno».
«Perché cazzo hai il vivavoce?».
«Perché..».
«Eh!».
«Per.. avere le mani libere».
«...».
«...».
«Ti stai toccando anche tu?».
«Sì..».
«Sei.. una porca.. sei splendida.. io.. io.. non resisto più».
«Non hai risposto alla mia domanda».
«...».
«Cosa sei tu?».
«...».
«Che ti lasci scopare la donna dagli altri..».
«...».
«Cosa sei?».
«..dillo tu.. ti prego..».
«...».
«..amore..».
«...».
«..dimmelo tu!».
«Pensano tutti che sei un cornuto!».
«Sì..».
«Un cornuto col cazzo piccolo!».
«Oddio sì..».
«Stai venendo cornuto?».
«Sì..».
«...».
«...».
«...».
«...».
«...».
«Sto venendo..».
«...».
«Diana.. sto..».
«...».
«Vengo!».
«...».
«Vengo..».
«...».
«...».
«...».
«Sei ancora lì?».
«...».
«Diana?».
«...».
«Mi sono sporcato tutto..».
«...».
«Mi senti?».
«Sono qui..».
«Non ti sentivo più».
«Sarà la linea..».
«...».
«...».
«Non so che dire.. è.. è stato tutto così..».
«...».
«Non me l’aspettavo.. io..».
«Va bene così..».
«Va bene?».
«Sì.. è stato un gioco..».
«Sì».
«Avevamo solo voglia di giocare un po’..».
«Però poi.. ne parliamo.. ok?».
«Non c’è niente di cui parlare.. stai tranquillo».
«Io ne vorrei comunque parlare.. ne ho bisogno..».
«E allora ne parleremo ma non adesso.. devo tornare di là».
«Ci sentiamo dopo allora».
«Va bene..».
«Io ti amo tanto..».
«Va bene».
«Lo sai che ti amo tanto vero?».
«Lo so.. lo so.. dai che devo andare adesso..».
«Ciao amore».
«Ciao».
[CLIC]



«...».
«...».
«Si è divertito?».
«È stata sicuramente un’esperienza interessante».
«Se lo dice lei..».
«I dialoghi fra lei e il suo fidanzato sono quantomeno bizzarri».
«Guardi che non è sempre così..».
«Dice?».
«Dico».
«E allora vuol dire che sono stato fortunato».
«...».
«E ho avuto la possibilità di ascoltare qualcosa di speciale».
«Speciale..».
«...».
«...».
«Mia cara Diana, lei è una ragazza sorprendente, lo sa?».
«...».
«Non avevo mai visto niente del genere».
«...».
«E io ne ho viste tante mi creda, ho qualche anno più di lei».
«...».
«In qualche modo si è appena concessa a tre uomini diversi».
«Non proprio..».
«E invece sì: Ha accontentato le fantasie del suo fidanzato, immaginando un’avventura col Dottor Di Stasi e nel frattempo se ne stava sotto la mia scrivania a fare quello che le viene meglio».
«...».
«Davvero sorprendente».
«Beh..».
«Mi toglie una curiosità?».
«Quale?».
«Come mai Di Stasi?».
«...».
«Come mai ha fatto proprio il suo nome?».
«...».
«Le piace, il Dottor Di Stasi?».
«È sicuramente un uomo attraente..».
«È un tipo simpatico, in effetti».
«...».
«Sempre insieme al suo amico.. il magazziniere..».
«Dario!».
«Sì, Dario, proprio lui».
«...».
«E come mai non ha fatto il mio nome invece?».
«Il suo nome?».
«Sì, per accontentare le fantasie perverse del suo fidanzato».
«...».
«Forse sono troppo vecchio?».
«No Dottore.. non..».
«Non si preoccupi mia cara, posso capirlo».
«...».
«Tra questi tre uomini rimango comunque il più fortunato».
«...».
«Io ho avuto la sua bocca».
«...».
«La sua bellissima bocca».
«...».
«...».
«Comunque non è.. il mio vero fidanzato..».
«In che senso?».
«Non lo è.. lui lo dice sempre ma non lo è.. tecnicamente non può esserlo».
«Mi spieghi».
«È sposato..».
«...».
«..sposato con una mia amica».
«Continui».
«Beh..».
«...».
«..lei ha.. una specie di.. assurda relazione con il suo psicologo e io..».
«E lei consola il povero maritino».
«...».
«...».
«La mia vita è un gran casino».
«...».
«...».
«Sa qual’è la parte della telefonata di oggi che mi è piaciuta di più?».
«Quale?».
«Quando l’ho vista arrossire».
«...».
«In quel momento era vera, il suo imbarazzo era vero».
«...».
«Ed era irresistibile».
«...».
«Poi a un certo punto sembrava quasi arrabbiata».
«...».
«Quante cose nasconde il suo dolce visino».
«...».
«Oh no mia cara, via quella faccia triste».
«...».
«Sorrida».
«...».
«Sorrida, così».
«...».
«Lei ha una bocca troppo bella per non sorridere».
«...».
«Brava, così».
«...».
«E ora si alzi e torni al lavoro, ci sono tutte queste pratiche da sistemare».
«Sì, Dottore».
«...».
«...».
«Ah.. signorina?».
«Sì?».
«Le indossa davvero quelle mutandine?».
«...».
«Quelle che ha descritto al suo.. amico?».
«Sì, Dottore».
«...».
«Vuole.. vederle?».
«Lei è sempre dannatamente disponibile».
«...».
«Ma adesso ho da fare, ne riparliamo domani».
«Va bene Dottore».
«...».
«...».
«...».
«Dottor Domenichini?».
«Sì signorina?».
«Posso chiederle.. un’ultima cosa?».
«Certo, mi dica».
«Per quella storia del.. del mio aumento..».
«Ah no..».
«...».
«Non adesso signorina».
«...».
«Oggi è il mio giorno libero e io non dovrei neanche essere qui».
«Lo so..».
«Finisco un paio di cose e me ne vado subito».
«Sì Dottore».
«Non mi passi nessuna telefonata».
«Va bene, Dottore».
«...».


DRIIIIINNNN

«Clinica Magnum Opus, buongiorno sono Diana, come posso esserle utile?».
«Buongiorno Diana, la chiamo per.. per il trattamento».
«Vuole sottoporsi all’intervento?».
«...».
«...».
«Sì..».
«Apro subito una scheda, posso chiederle il suo nome?».
«Il mio.. nome?».
«Sì, certo».
«Beh..».
«Non deve preoccuparsi, i principi fondamentali della nostra struttura sono la riservatezza e la professionalità».
«...».
«...».
«De Luca, Davide De Luca».
«Ha detto proprio “De Luca”?».
«Sì..».
«Bene, posso chiederle come ha scoperto la nostra clinica?».
«...».
«Ci serve solo a fini statistici».
«Me l’hanno consigliata..».
«...».
«Me l’ha consigliata.. un amico..
«Un amico».
«Sì è.. è un mio amico».
«Va bene signor De Luca vogliamo fissare il primo appuntamento?».
«Ok..».
«Ci sarà una prima visita di controllo e le verranno fornite tutte le altre informazioni».
«Sì..».
«Lei quando può venire?».
«Non saprei.. io ho molto tempo libero, mi dica lei».
«Martedì prossimo?».
«Va bene.. per me va bene».
«Allora ci vediamo martedì prossimo qui in clinica».
«La ringrazio..».
«Sì figuri, le auguro una buona serata».
«Anche a lei, a martedì!».


FINE


Un radioDramma scritto e diretto da pink_

Personaggi in ordine di apparizione

Ep. I - Nero. Tacco. A spillo

Donato: lo psicologo poco professionale
Daniela: la paziente cagna persa nel suo buio
Diana: l’amica del cuore

Ep. II - Bianca. Calza. Velata.

Diana: la segretaria con le labbra a canotto
Donatella De Luca: la paziente a pecora
Dario: il finto medico sbiancante
Di Stasi: il vero medico sbiancante

Ep. III - Dorata. Vestaglia. Di seta.

Dina: la zia urologo con un vizietto
Damiano De Luca: il leoncino col pisello d’oro
Donato: lo psicologo sempre meno professionale

Ep. IV - Rosso. Perizoma. In pizzo.

Diana: la segretaria che arrossisce
Demetrio: il “fidanzato”/marito/cuckold/pappagallo
Dottor Domenichini: il capo
Davide De Luca: il nuovo paziente


Tutti i fatti raccontati in questa serie sono di pura fantasia.
Tranne uno.

Questo racconto di è stato letto 4 1 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.