Dorata. Vestaglia. Di seta.

Scritto da , il 2019-04-16, genere incesti

Un altro estratto da:
“Appunti per un radioDramma”

DLINDLON
«...».

DLINDLON
«Arrivo!».

DLINDLON DLINDLON
«Un attimo.. arrivo!».


«Chi è?».
«Sono Damiano!».

«Tesoro! Che ci fai qui?».
«Sono passato a trovarti..».
«Vieni caro.. entra pure..».
«...».
«Non dovresti essere a scuola tu?».
«C’era un’assemblea oggi, non sono andato..».
«Sicuro?».
«Sì.. certo.. sì..».
«Hai una faccia!».
«...».
«Dai, siediti qui e dimmi tutto».
«...».
«...».
«Ti ho disturbata?».
«No tesoro figurati, stavo per fare una doccia, hai sentito che caldo oggi?».
«Già.. sei sola?».
«Sì, a quest’ora sono tutti fuori».
«...».
«I “ragazzi” sono a scuola di solito a quest’ora no?».
«Già..».
«...».
«...».
«Sei sicuro di stare bene?».
«Sì, certo».
«...».
«...»
«A casa? Tutto bene?».
«Al solito».
«I tuoi?».
«Papà è impegnato col lavoro..».
«Come sempre.. e tua madre?».
«È uscita.. doveva vedere dei suoi vecchi amici dell’università».
«Capisco».
«...».
«...».
«Problemi con la scuola?».
«No.. nessun problema a scuola».
«...».
«...».
«La tua fidanzata?».
«Sta bene».
«È successo qualcosa con lei?».
«...».
«...».
«Zia ma perché mi fai tutte queste domande? Ti ho detto che va tutto bene!».
«Non ti scaldare tesoro, si vede che hai qualcosa che non va, tutto qui».
«Si vede?».
«Ricordati che io ho ben cinque figli, certe cose le capisco».
«...».
«Quindi?».
«...».
«Continuiamo a girarci attorno? O mi dici qualcosa?».
«...».
«...».
«Beh..».
«...».
«Zia..».
«...».
«Tu sei un.. medico.. giusto?».
«Sì, certo».
«...».
«Hai qualche problema di salute?».
«No.. non credo almeno..».
«Guarda che adesso inizio a preoccuparmi, forza.. sputa il rospo».
«Tu..».
«...».
«Che tipo di medico sei?».
«...».
«...».
«La specializzazione intendi?».
«Sì..».
«Sono un.. urologo».
«...».
«Non lo sapevi?».
«Sì.. credo di sì..».
«Non mi occupo più di quello adesso, ho altre mansioni».
«...».
«Ma l’ho fatto per tanti anni, è ciò per cui ho studiato».
«...».
«...».
«...».
«...».
«Hai qualcosa.. che non va?».
«Non.. non lo so..».
«...».
«È un po’.. imbarazzante..».
«Lo so».
«Ma.. non so con chi parlarne..».
«So bene come ti senti ma adesso sei con me».
«...».
«Con me puoi parlare».
«...».
«...».
«È che..».
«...».
«..da qualche tempo..».
«...».
«..ho un po’ di.. di fastidi».
«Fastidi di che tipo? Dei dolori? Hai male?».
«Delle piccole fitte..».
«E le avverti spesso?».
«Ogni tanto..».
«Ogni tanto. E riesci a farmi capire dove ti fa male?».
«Beh..».
«...».
«..lì sotto..».
«Sì, tesoro, questo l’ho capito! Il punto preciso, sai dirmelo?».
«Sotto.. proprio sulle..».
«I testicoli? Ti fanno male i testicoli?».
«Sì..».
«Capisco».
«...».
«Posso farti alcune domande?».
«Sì.. certo..».
«...».
«Tu..».
«...».
«..hai la fidanzata adesso!».
«...».
«Sei grande!».
«...».
«Avrai già avuto un approccio col.. col sesso diciamo».
«...».
«Giusto?».
«Non.. non completamente..».
«...».
«...».
«Non lo avete ancora fatto?».
«...».
«...».
«No..».
«Niente di niente?».
«Poco.. molto poco».
«Non ve la sentite ancora?».
«Lei ha..».
«...».
«..ha un po’.. paura».
«Paura».
«Sì».
«È normale Damiano, certe ragazze preferiscono aspettare, devi avere pazienza».
«...».
«...».
«...».
«Fai comunque.. da solo.. giusto?».
«...».
«Ti masturbi?».
«Zia!!!».
«Ahahahah.. guarda che non c’è niente di male.. è solo una domanda».
«...».
«...».
«Poco».
«Come mai poco?».
«Perché.. un po’ mi dispiace.. cioè.. mi sento in.. in colpa.. per lei intendo».
«Che tenero che sei»
«...».
«È fortunata, ha trovato un bravissimo ragazzo».
«...».
«...».
«...».
«Hai pensato di andare a fare un controllo?».
«Un controllo?».
«Sì, una visita per verificare che vada tutto bene».
«...».
«Ti imbarazza?».
«Un po’».
«Immagino».
«...».
«...».
«...».
«Vuoi che.. diamo un’occhiata.. adesso?».
«Adesso?».
«Sì».
«...».
«È il mio lavoro tesoro».
«...».
«E poi ti ho già visto nudo un sacco di volte».
«Quando ero piccolo».
«Per me sei sempre piccolo».
«...».
«...».
«...».
«Fidati della zia, secondo me non hai niente che non va però togliamoci ogni dubbio».
«...»..
«Va bene?».
«Va.. va bene».
«Dai, alzati e vieni qui, davanti a me».
«...».
«Adesso sbottonati i pantaloni».
«...».
«...».
«...».
«Rilassati tesoro, facciamo un controllo velocissimo».
«...».
«Bravo, ora abbassati i boxer».
«...».
«Aspetta mi metto gli occhiali».
«...».
«La tua vecchia zia non ci vede più così bene sai?».
«...».
«...».
«...».
«...».
«...».
«Beh..».
«...».
«...».
«...».
«Zia?».
«Sì?».
«Tutto bene?».
«Sì.. sì.. certo.. tutto bene..».
«...».
«Sei davvero cresciuto sai?».
«Non prendermi in giro..».
«Non ti prendo in giro, anzi, dovresti essere.. contento».
«Contento?».
«Beh.. per un uomo avere un pene grande è una cosa positiva».
«...».
«E anche alle donne piace, credimi».
«...».
«È per questo che.. la tua ragazza.. ha.. paura?».
«Teme che possa farle male».
«Capisco».
«...».
«Perché fai quella faccia tesoro?».
«È che.. mi vergogno..».
«...».
«Mi sento.. diverso.. diverso dagli altri».
«Non tutti i maschi hanno queste dimensioni in effetti».
«...».
«Tuo zio ad esempio..».
«...».
«..comunque, voglio solo dirti che il tuo.. non è di certo un problema».
«...».
«Hai capito?».
«Sì, zia».
«Siamo tutti diversi.. tutti speciali nella nostra unicità».
«...».
«Dovresti essere orgoglioso, sei un gran bel pezzo di ragazzo».
«...».
«Dai tempo alla tua fidanzata.. ha solo bisogno di tempo».
«Va bene..».
«Dai.. fammi fare il mio lavoro adesso!».
«...».
«Puoi.. sollevarlo per favore?».
«...».
«Tiralo su e tienilo con la mano».
«...».
«Riesci a sollevarlo da solo?».
«Zia!!».
«Ahahah.. dai brontolone.. fatti controllare».
«Così?».
«Sì.. bravo».
«...».
«Le fitte sono.. interne? Le senti dentro ai testicoli?».
«Sì.. più o meno..».
«...».
«Dentro comunque.. ogni tanto mi fa male dentro».
«...».
«...».
«Fammi sentire».
«Zia!».
«Stai fermo per favore».
«Ma..».
«Non fare il bambino, su!».
«...».
«Ti fa male qui?».
«No.. non.. non mi pare..».
«Non sento niente di strano in effetti».
«...».
«A parte il fatto che sono molto.. molto gonfie».
«...».
«Se dovessi percepire qualcosa di strano, come un piccolo nodulo diciamo, devi dirmelo subito!».
«Va bene zia..».
«Devi controllarti così.. come sto facendo io».
«...».
«Con le dita.. controlla tutta la pelle..».
«Sì..».
«Puoi farlo fare alla tua ragazza magari..».
«...».
«..può essere un gioco divertente».
«Beh..».
«Tesoro non ti devi imbarazzare..».
«...».
«..sono una Dottoressa.. ma sono pur sempre una donna!».
«Hai ragione scusami..».
«Allora..».
«...».
«..direi che..».
«...».
«..le tue “palline” non hanno niente che non va!».
«...».
«Che poi “palline” si fa per dire!».
«E dai zia!».
«Ahahahahah.. ma quanto sei tenero tesoro».
«...».
«Dai.. puoi lasciarlo adesso».
«...».
«...».
«...».
«...».
«...».
«...».
«Scusa zia.. io..».
«...».
«Non so.. che mi prende.. scusa..».
«Stai tranquillo.. sei un uomo.. è una cosa normale».
«...».
«Non è la prima volta che un uomo ha un’erezione durante un controllo, credimi».
«...».
«Spero non sia colpa mia..».
«...».
«Perché potrei prenderlo quasi come un complimento».
«...».
«In certe cose un uomo non può mentire».
«...».
«Parla tranquillamente.. è la zia che ti ha fatto questo effetto?».
«...».
«...».
«Beh..».
«...».
«..penso.. penso di sì..».
«...».
«..scusami».
«Smettila di scusarti.. il sesso è una cosa naturale.. devi imparare a parlarne liberamente».
«...».
«Senza tabù».
«...».
«Che cos’è che ti ha fatto questo effetto? Il modo in cui ti ho toccato?».
«...».
«...».
«Anche..».
«Anche? E che altro?».
«...».
«...».
«È che..».
«...».
«Si vede un po’..».
«...».
«Il seno..».
«Vedi.. questo è un complimento.. vuol dire che ho un bel seno, non trovi?».
«...».
«In effetti sono un po’ grandi, non sei il primo maschietto che le guarda così».
«...».
«Puoi dirmelo.. ti piacciono le tette della tua Dottoressa?».
«...».
«Ti piacciono?»
«Sì..».
«Sì cosa?».
«Mi piacciono..».
«...».
«Mi piacciono le tue.. tette zia, sono.. belle!».
«Si vede da come le guardi cucciolo mio».
«...».
«E direi che anche il tuo amichetto la pensa come te».
«...».
«La tua giovane fidanzatina non le ha così?».
«No..».
«E che altro ti piace?».
«...».
«...».
«Ti si vedono i..».
«I capezzoli intendi?».
«Sì..».
«La vestaglia è un po’ leggera.. può succedere..».
«...».
«Soprattutto quando non hai niente sotto».
«...».
«E poi vuol dire che i tuoi complimenti mi fanno piacere».
«...».
«Anche le donne non possono mentire in questi casi».
«...».
«...».
«...».
«Le senti ancora quelle fitte?».
«Sì zia, adesso sì».
«Direi che è ora di continuare la nostra visita, che ne pensi?».
«Sì..».
«Tu stai buono e lasciami fare il mio lavoro, va bene?».
«Sì..».
«...».
«...».
«Stai fermo..».
«Ma zia..».
«Ti ho detto di stare fermo.. anche il pene va controllato periodicamente».
«...».
«Ti faccio male?».
«...».
«...».
«No..».
«...».
«...».
«Non riesco neanche ad afferrarlo completamente.. vedi?».
«...».
«Ma non deve spaventarti..».
«...».
«Grosso.. e possente.. alle donne piace».
«...».
«..forte come un leone..».
«...».
«..potrebbero impazzire per te..».
«...».
«..impazzire..».
«...».
«Sei..».
«...».
«..un ragazzo fortunato..».
«...».
«..non dimenticartelo!».
«Sì.. zia..».
«...».
«...».
«Dimmi.. ti piace?».
«...».
«...».
«Sì..».
«...».
«...».
«...».
«...».
«...».
«Zia..».
«...».
«Zia.. io..».
«Stai buono tesoro.. rilassati..».
«...».
«Vedrai che dopo ti sentirai meglio».
«...».
«...».
«...».
«...».
«Zia.. sto..».
«...».
«...».
«...».
«..sto.. per..».
«Rilassati..».
«...».
«Guarda le tette della zia..».
«...».
«..e lasciati andare».
«...».
«...».
«...».
«...».
«Zia..».
«Sì».
«Zia..».
«Vieni tesoro.. vieni per la zia.. dai..».
«...».
«...».
«...».
«...».
«Ecco..».
«...».
«Ci sei..».
«...».
«Bravo..».
«...».
«Bravissimo..».
«...».
«Falla tutta..».
«...».
«Sì..».
«...».
«Liberati!».
«...».
«...».
«...».
«...».


«Aspettami, vado a prenderti dei fazzoletti».
«...».
«...».
«...».
«Vieni qua che ti pulisco».
«...».
«...».
«Ti ho..».
«...».
«..ti ho sporcata tutta..».
«Non preoccuparti tesoro, non fa niente».
«...».
«Guarda quanta ne avevi, dovevi proprio liberarti».
«Sì..».
«Come ti senti adesso?».
«Meglio..».
«Visto? Alla tua età devi farle certe cose, senza sensi di colpa».
«Sì..».
«Per questo avevi dolore».
«Sì..».
«Ecco qua.. bello pulito..».
«Grazie..».
«Con la fortuna che hai non avrai problemi a trovare donne, credimi».
«Sì..».
«Hai qualcosa di speciale.. e io sono contenta per te!».
«...».
«Ah.. se fossi più giovane».
«Ma..».
«Scherzo piccolo tentatore, vieni qui!».
«...».
«Solo un..».
«...».
«..un bacio..».
«Oh..».
«..e basta! Che ti sta già tornando duro».
«...».
«Sei un cucciolo..».
«...».
«..un piccolo, forte leoncino».
«...».
«...».
«Zia?».
«Sì..».
«Io.. dovrei andare..».
«Di già?».
«Mamma non sa che non sono andato a scuola..».
«Solo.. un altro bacio..».
«...».
«...».
«...».
«Hai proprio un pisello d’oro lo sai?
«...».
«...».
«...».
«Va bene.. basta così..».
«...».
«Hai ragione..».
«...».
«Sei davvero un bel ragazzo.. rivestiti dai».
«...».
«...».
«...».
«Allora, la tua Dottoressa dice che non hai bisogno di medicine o di altri controlli».
«Sì».
«Solo di un po’ di fiducia in te stesso».
«Sì».
«Vedrai che non avrai nessun problema».
«Grazie, zia».
«Di niente tesoro, ho fatto solo il mio lavoro».
«...».
«Ti accompagno alla porta, la zia adesso ha da fare».
«...».
«Devo fare una telefonata importante».
«...».
«...».
«Zia?».
«Dimmi».
«Per la “visita” di oggi..».
«...».
«Non vorrei che.. cioè..».
«...».
«Se lo sa la mia ragazza magari..».
«...».
«Ci rimane male..».
«Sei proprio un ragazzo speciale!».
«...».
«Stai tranquillo, sarà il nostro piccolo segreto, va bene?».
«Sì zia, grazie».
«...».
«Zia?».
«Che c’è ancora?».
«Sei tutta.. sporca.. lì.. sugli.. occhiali..».
«Uh.. hai ragione.. mi pulisco dopo tranquillo».
«...».
«Ora fila a casa».
«...».
«E studia, mi raccomando!».
«Sì, zia, ciao e.. grazie ancora!».
«Grazie a te tesoro, ciao».



TU TU TU
TU TU
TU TU
TU TU TU

DRIIIIIIIN

DRIIIIIIN
«Pronto?».
«Donato?».
«Sì, chi è?».
«Sono Dina..».
«...».
«...».
«Dina! Ma certo.. da quanto tempo.. come stai?».
«Un po’.. scossa..».
«Che succede Dina?».
«...».
«Problemi con tuo marito?».
«No.. no..».
«...».
«Stavo pensando che..».
«...».
«Vorrei riprendere con la terapia».
«Dici sul serio?».
«Penso di sì..».
«È successo qualcosa?».
«...».
«...».
«...».
«Dina.. sono il tuo psicologo.. ma sono anche tuo amico.. non farmi preoccupare».
«...».
«...».
«È successo Donato..».
«...».
«..è successo di nuovo».
«...».
«...».
«...».
«Non so neanche io come.. pensavo di esserne uscita».
«...».
«...».
«Scusami Dina ma.. non mi avevi detto di aver lasciato il lavoro in
ambulatorio?».
«Sì..».
«Ti sei fatta trasferire in amministrazione proprio per.. fuggire dalle tentazioni».
«Sì.. è così».
«E allora?».
«È una cosa.. una cosa diversa questa.. è.. successo qui in casa».
«In casa?».
«Sì..».
«Non capisco..».
«Preferisco parlartene di persona..».
«...».
«...».
«...».
«...».
«Dina?».
«Sì?».
«Ti sei fatta mettere incinta un’altra volta?».
«No.. non..».
«In vent’anni.. otto gravidanze..».
«...».
«..con otto sconosciuti diversi».
«No Donato.. non c’è rischio per quello.. non stavolta.. tranquillo..».
«...».
«...».
«Potremmo riprovare con l’ipnosi, che ne dici?».
«Non so..».
«È una pratica che può essere molto efficace».
«...».
«Soprattutto in un caso come il tuo..».
«Non saprei.. non so se.. se è la strada giusta diciamo..».
«Perché?».
«Perché i miei ricordi di quel periodo sono così confusi..».
«...».
«Ricordo solo una specie di nebbia in testa.. come quando non sai se stai sognando o sei sveglia».
«...».
«Ad esempio.. in quel periodo sono rimasta incinta di Daniele.. ti ricordi?».
«...».
«E quella è l’unica volta di cui non riesco ad avere idea di chi sia il padre».
«...».
«...».
«E come sta?».
«Chi?».
«Daniele, tuo.. figlio..».
«Sta bene.. cresce!».
«...».
«Donato.. allora posso venire da te?».
«Sì..».
«Posso venire.. subito?».
«No Dina, oggi è martedì..».
«...».
«È il martedì ho già un’altra paziente, sta per arrivare».
«Va bene..».
«La prossima settimana ho tempo per te».
«Sì..».
«Va bene?».
«Sì Donato, scusami, sono solo un po’.. scossa».
«Cerca di stare tranquilla».
«Pensavo di aver chiuso con questa storia..».
«Un episodio isolato.. potrebbe essere del tutto normale».
«Sì..».
«Ora devo andare, tu richiamami così fissiamo un appuntamento, va bene?».
«Va bene».
«Ciao Dina».
«Ciao Donato, a presto».

Questo racconto di è stato letto 7 7 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.