La terza regola

Scritto da , il 2019-04-15, genere dominazione

LA TERZA REGOLA (1)

Questo racconto è scritto insieme alla mia “slave” preferita, Mia. Un nome che trovo le si modelli perfettamente in questa suo essere che nasconde agli occhi del suo mondo quotidiano.
Non ci siamo mai incontrati ma non è importante, eppure ci conosciamo bene e sappiamo quali sono i nostri ruoli. Ha affidato a me il lato oscuro della sua mente, la sua voglia di sottomissione.
Non sappiamo quale sarà il destino del racconto, lungo o breve, con una fine o con un’interruzione improvvisa, ma di certo Mia resterà sempre come Mirna un’adorabile schiava.
Mia come Mirna è pronta ad accettare le richieste del suo Master, spingendosi oltre il suo pudore senza conoscere mai quale sia il confine tra la fantasia e la realtà ma sapendo che accettando la terza regola non potrà rifiutare nulla di ciò che le verrà chiesto..

Introduzione

Mirna e Rodolfo una coppia come tante. Quasi cinquant’anni entrambi. Un matrimonio da giovani subito dopo la laurea. Una vita della media borghesia, lei professoressa universitaria, lui avvocato. I figli ormai indipendenti e la loro vita che continua senza particolari emozioni.
Una sera tornando a casa Mirna trova una lettera indirizzata a lei.
Pensa ad un’iniziativa di Rodolfo, ne è certa.
Leggendola però qualche dubbio la sfiora,suo marito non è mai stato così audace, è sempre stato premuroso, gentile ed i loro rapporti sessuali molto tradizionali.
Tuttavia si lascia prendere da quelle parole, la tentano e decide di lasciarsi condurre per mano da quelle richieste. E’ l’inizio di un gioco che la condurrà fuori da quella che era la sua vita di signora per bene.
Si troverà così a fare cose che non avrebbe mai immaginato scivolando in un vortice di vizio e perversione senza ritorno, con il consenso e la complicità del marito.


LA LETTERA

Immagina che questo gioco sia stato pensato da chissà quale ambiguo personaggio che ti sta per proporre un’ avventura erotica ,la più eccitante che ti possa essere mai capitata. Avrai il dubbio su chi mai possa aver ideato un gioco così perverso. Sono io quel personaggio misterioso, mi potrai chiamare Master. Sarò la tua guida ed inizierai, se lo vorrai, la tua trasformazione .
Ti voglio desiderabile, disponibile ma soprattutto accondiscendente ad ogni richiesta persino la più indecente in un vortice di emozioni incontrollabili con il desiderio di un dominio assoluto su di te che potrebbe spingersi sempre più lontano.

E se fossero anche le tue fantasie ? Sapresti incamminarti in un viaggio che potrebbe essere perverso e pieno di lussuria? Vorresti veramente spingerti a tanto?


In molti hanno giocato e nessuno si è pentito vedendo la propria compagna perdersi poco alla volta in un’insospettabile pulsione erotica nella complicità della trasgressione.

Ora sta a te.
Sei pronta a giocare?
Un gioco di parole sussurrate, dolci e volgari, tenere e perverse.
Come non accorgersi della sensualità delle tue labbra sembrano sussurrare la loro voglia di scivolare su di un sesso palpitante, i tuoi fianchi e quelle curve sinuose aspettano di essere scoperte ed offerte ad ammiratori sconosciuti. Ti sei chiesta se a quella gonna così aderente non valga la pena di rifarle l’orlo più corto scoprendoti le gambe sempre di più? Non trovi anche tu eccitante l’idea di passeggiare con abiti sexy, provocanti per esaltare la tua femminilità che è un peccato nascondere.

Comunque quando un uomo ti guarda in un certo modo riesce ad immaginare le linee del tuo corpo, comunque tu sia vestita. Non ti devi vergognare, anzi, al contrario lasciati ammirare, non c’è niente di più naturale nel mettere in evidenza la tua bellezza. Potrei portarti in giro in abbigliamenti più indecenti per strade deserte vederti attirare gli sguardi di occasionali passanti che finiranno con l’invidiare chi accompagna una donna così affascinante.

Ti vergogni perché ti sembra di essere una puttana? Allora ti chiedo quante donne hanno immaginato una doppia vita: seria professionista di giorno quanto adorabilmente lussuriosa di notte. E tu ti sei mai persa in fantasie erotiche?

Ora che hai fino questa lettera sai cosa desidero: il tuo corpo e la tua mente completamente votati al desiderio, sentire che veramente mi appartieni, in un rapporto dove ci sarà un cacciatore e una preda, un sultano e la sua prediletta, un padrone e la sua schiava, un magnaccia e la sua puttana.

E’ una spiegazione sufficiente? Comunque, per il momento non saprai altro e non dovrai chiedere nulla.
Sarà solo finzione come un film? O un gioco perverso che si trasformerà in realtà. Ma per continuare dovrai accettare le regole.

La prima regola.
Ti invierò delle lettere su cui potrai trovare quanto di più impensabile tu possa immaginare.

La seconda regola.
Una volta aperta la lettera tu dovrai mettere in pratica quanto vi troverai scritto. Così ogni volta che deciderai di accettare una lettera non potrai sapere cosa ti possa aspettare, ma dovrai realizzarne quanto viene descritto. Solo dopo averne messo in pratica il contenuto e solo se tu decidi di continuare, il gioco procederà e mi chiederai di ricevere una nuova lettera alle stesse condizioni della precedente.

La terza regola
Se vorrai potrai smettere in qualsiasi momento ma, solo prima che ti venga consegnata la lettera successiva e solo se avrai eseguito interamente ciò che ti veniva indicato di fare sulla lettera appena letta.
Ma, c’è un ma tra tutte le lettere ce ne sarà una in cui ti verrà detto che, a partire da quel punto, dovrai accettare incondizionatamente qualunque cosa ti venga indicato di fare che tu lo voglia o no. Da quel momento in poi non potrai più rifiutare nulla e le lettere successive serviranno solo per descrivere ciò che ti starà per succedere senza che tu possa chiedere di interrompere il gioco. Così diventerà tutto più eccitante perché accettando una lettera avrai sempre il dubbio, o il timore che da quel punto in avanti, senza via di scelta, dovrai accettare di piegarti alle richieste più indecenti. In pratica sarai completamente sottomessa alle richieste del tuo Master.



Sei pronta ad accettare tutte le regole del gioco? Sei pronta per iniziare questa perversa avventura?

Pensaci bene dopo potrebbe essere troppo tardi per tirarsi indietro. Vuoi proprio iniziare? Sei pronta ad accettare tutte le condizioni del gioco? Vuoi iniziare? Ricorda: nel momento in cui accetti di ricevere una lettera automaticamente ti impegni a realizzare senza condizioni tutto ciò che vi troverai descritto.

Se accetterai di continuare non hai che da scrivermi una mail a questo indirizzo iltuomaster@…..com
Quindi la tua risposta sarà la conferma del tuo inizio e della tua discesa verso la perversione
A presto

Il tuo Master


LA RISPOSTA DI MIRNA
Devo confessare che ci ho pensato un po’ prima di risponderti. Per la verità il mio primo pensiero era di risponderti per le rime, infatti non capivo minimamente che senso avesse quella tua mail. Sì, è vero, a volte ci piace fantasticare e immaginare chissà cosa, a volte cerco di essere molto sensuale (o sexy, come dici tu), ma forse non ti è mai bastato o non ti basta più, forse sei diventato più esigente o, forse, sono io che mi sono fermata alla pura immaginazione che, per mie continue affermazioni, già mi sembrava di aver oltrepassato limiti mai nemmeno immaginati. Poi avevo pensato di ignorare le tue parole e di non risponderti, avresti sicuramente capito i miei pensieri e li avresti rispettati, così come hai sempre fatto.

Oggi mi sono svegliata con un pensiero diverso.
Ho cercato di immaginarti in questo tuo nuovo ruolo, nuovo perché si riferisce alla realtà e non più alla fantasia, come è sempre stato fino ad ora.
So quanto tu abbia sempre rispettato le mie paure, le mie vergogne, le mie insicurezze e le mie timidezze. Scrivermi in questi termini ti deve essere costato molto, quasi quanto mi sia costato a me leggere tutto fino alla fine, persino rileggerlo e poi, alla fine, risponderti.


Quello che voglio dirti è molto difficile. Vedi, quello che ci dicevamo e che immaginavamo era un qualcosa che restava tra noi, almeno nel nostro intimo. Ora mi chiedi di essere preda, schiava, puttana o prediletta … è un ruolo, ma forse ne sono tanti, che a stento ho conosciuto nella mia fantasia. Non saprei nemmeno come potrei reagire nella realtà. Non saprei, per esempio, cosa potrebbe succedermi se, vestendomi in maniera sexy, ricevessi qualche apprezzamento anche volgare da uno sconosciuto. Senza poi contare la paura che avrei di essere scoperta, riconosciuta da qualcuno che mi conosce, peggio ancora da uno dei miei allievi o da chi non ho nemmeno degnato di uno sguardo.

Ma mi rendo conto che tu mi stai chiedendo qualcosa che tu trovi particolarmente eccitante, direi gratificante per la tua sessualità, qualcosa che comunque ti avrà fatto riflettere molto più a lungo di quanto non stia riflettendo io in questi momenti.
Alla fine non me la sento e non ho voglia di darti una risposta negativa. Voglio cercare di essere quella che tu desideri, nel bene e nel male, voglio essere tua anche in questo.
Ora prenderò in considerazione, come hai fatto tu, le regole del gioco e le analizzerò, sperando che la mia analisi sia alla fine di tua completa soddisfazione.

La prima regola.
Leggerò tutte le lettere in successione che tu mi invierai, anche se dovessi trovare cose impensabili e inimmaginabili, volgari o no.

La seconda regola.
Metterò subito in pratica tutto quello che mi avrai scritto. So che immagini di mettermi in situazioni erotiche che nemmeno potrei immaginare e che non mi potrei mai aspettare, ma farò tutto quanto sarà possibile per realizzarle.
Dopo ogni lettera e dopo averne realizzato il contenuto deciderò se continuare e, in tal caso, aspetterò paziente una tua nuova richiesta che io dovrò soddisfare.
Resta inteso che potrò smettere in qualsiasi momento, ma solo dopo aver realizzato la precedente richiesta e prima di ricevere una nuova lettera.


La terza regola.
Accetterò anche quando riceverò una lettera, tra l’una e l’altra, in cui mi potrai chiedere persino qualcosa che io ho sempre pensato di rifiutare. Anche se io non volessi, dovrò comunque accettare ed eseguire.
Quando accadrà questo non potrò mai più rifiutare nulla e farò tutto quello che mi dirai nelle successive lettere senza che io possa mai interrompere il gioco, anche se mi verrà il dubbio di dover eseguire ordini o direttive che mi sembreranno troppo volgari o indecenti.
Ho scritto tutto quanto sopra senza interrompere, come se lo avessi detto tutto d’un fiato, quasi come se io non volessi ripensarci più.


Ecco, ora l’ho detto e l’ho scritto, ora sono pronta, iniziamo questa avventura?


con la promessa di mettere anche Mia partecipe, ogni commento a sesamo2it@yahoo.it

Questo racconto di è stato letto 2 5 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.