Sherlock Tibe e Aza Watson. L'indagine scientifica

Scritto da , il 2019-04-15, genere comici

Che tipo questo Righetto!
Più largo che alto!
Brutto ma brutto! Un nano!
Infatti è per quanto è brutto che lo chiamano "scorfano", ma la natura lo ha compensato in un altro modo, oltre a essere un gran cuoco.
Gran cuoco? Ma si... insomma, pasticcia in cucina, un po' come voi diciamo, care le mie lettrici. Ma se venite a Roma comunque telefonatemi e vi ci porto.
Oltre a quello... dicevo che ha un cazzo fenomenale.
La sua fama ha fatto il giro di Roma e le clienti vengono apposta per vederlo. Si perché lui lo mostra senza ritegno.
Immaginate un pantalone largo e un tronco che si intuisce lungo la coscia!
Un cazzo da primato.
Sto infatti raccontando a Mona... che ridete?
Si chiama così la nostra cliente e dovete sentire come lo pronuncia il suo nome, le dico di questo cazzo che a riposo gli arriva al ginocchio. Lei è dubbiosa mentre ad Aza gli si sono accese le pupille. Vuole saperne di più... è eccitato. Quando gli parlate di grossi cazzi a questo gli saltano le valvole.

Racconto loro la storia dei nani e dei loro cazzi spropositati.
Volete saperla anche voi?
Bene seguitemi... usate la mano destra, la vostra dico!!
Sveglia!
Chiudete nel pugno le ultime tre dita, ma si... chiudete il medio, l'anulare e il mignolo. Le altre due dita, l'indice e il pollice, distendetele bene... tenendo l'indice rivolto verso l'alto.
Vedete?
Allora l'indice è l'uomo normale e il pollice il suo cazzo.
Ora attente... ruotate la mano verso destra in modo che sia il pollice rivolto verso l'alto.
Ora avete un nano... il pollice e il suo cazzo l'indice.
Capito???
Sto anche dicendo che a volte Righetto fa delle riffe a fine serata, a volte mette proprio il suo cazzo in gioco e chi vince si fa il suo cazzo che sembra una manichetta da pompiere.
Aza è stravolto dalla notizia. Freme tutto e mi chiede se la faranno anche stasera.
Chiedo a Mona... dio! Che nome ha questa donna! Solo a pensarci mi viene duro, le chiedo se ha una foto di suo marito e lei mi tira fuori una foto, la guardo, che faccia!
Ci credo che questo si mangerà tutti i soldi scopando. Ha la vera faccia di un puttaniere.
Chiamo Righetto.
-Aaaaa... Righèè... vieh n' po' qua...-
-Aaa Tibeee... a... che voj...-
- Righe'... guarda sta foto... che hai visto sta' faccia qua da te...?-
Righetto guarda la foto e la gira, e la rigira e dice di no, mai visto.
Aza si intromette e gli chiede se è serata di riffa e anche Mona è interessata, chiede se può, in via assolutamente eccezionale, valutare il premio.
Righetto abbassa i pantaloni e batte sul tavolo un cazzo che sembra un manganello dei questurini. Lo batte e ribatte sotto lo sguardo stravolto di Aza e quello acceso di Mona.
Mona chiede.
-E quanto costa il biglietto della riffa?-
Mi intrometto... eccheccazzo! Dobbiamo lavorare, non perdere tempo con il cazzo di Righetto, siamo dietro a investigare scientificamente e non a perderci in orge con cazzi vari.
Ma i miei soci mi zittiscono.
Righetto dice cinquanta euro a biglietto.
E Aza urla... fuori completo che ne vuole cinque! Ma insomma!! Questo ha perso la testa! Ha visto quella proboscide di carne ed è andato in tilt.
Righetto lo guarda e dice che per i froci il costo è doppio e allora ne prende solo due. Mona gli fa le belle e lui ne compera uno anche per lei.
Lui... riceve il 9 e 10 e lei il n. 11.
Mi annoio e mentre loro attendono la chiusura del locale, comincio ad accarezzare le cosce di Mona. Ora le sto sussurrando all'orecchio se vuole venire con me nel piccolo cesso del locale, le sto dicendo che la faccio appoggiare al lavabo con i gomiti e le faccio servizio completo, che le allargo fica e culo così!
La preparo per il cazzo del Righetto... le dico. Se eventualmente vince... eh!
Le sto facendo un ditalino sotto il tavolo e giuro che mi sta scottando le dita da quanto è calda.
Quando entra una compagnia, cazzo... se sono fatti e bevuti!
C'è di tutto, magnaccia, puttanone di strada e trans, alcune le conosco per uso e consumo, con loro un uomo vestito in doppio petto gessato che sembra un politico, fatto... eh? Fatto come un pero. Ma nonostante gli tirano una striscia di roba bianca sul tavolo e lui fa rifornimento.
Giusto per non cadere in crisi di astinenza.
Mi viene in mente di andare a chiedere loro del nostro ricercato e lascio il lavoro che sto facendo a Mona, lei si incazza perché era proprio dietro a godere. Io dico a Aza di procedere lui... di finire il lavoro, ma 'sto senza palle dice di no, non tocca una fica neanche morto.
Le puttanone stanno festeggiando! Due o tre me le sono fatte e mi aggrego, faccio circolare la foto e chiedo loro se hanno visto il nostro uomo.
Niente... d'altra parte Roma è piena di puttane.
Professioniste, dilettanti e semplici amatrici.
E quelle che scopano gratis? Una marea. La maggior parte iniziano da bambine, hanno proprio una vocazione a prendere cazzi.
Allora mi si accende il cervello come una lampadina da 100 watt!
Ecco il lampo di genio dei veri investigatori!
Vado da Righetto e mi faccio fare un bel po' di fotocopie a colori e le distribuisco. Le distribuisco e prometto una lauta mancia.
Righetto passa con i biglietti della riffa e il politico dalla faccia da pesce palla guarda il premio e tira fuori un rotolone di biglietti da cinquanta e li compra tutti. Sta dicendo che sono i fondi pubblici per le strade di Roma ma che lui delle strade e delle buche se ne strafotte. Tanto gira sempre in auto blu. E con la scorta. E che gli elettori possono leccargli il culo e anche annegare cadendo nelle buche delle strade.
Poi la riffa!
Aza è in assoluta fibrillazione! Tiene i due suoi biglietti e li sventola per aria.
Si vede già inculato da quel cazzo di elefante! Sicuro di vincere il fetecchione!
Poi il colpo di sorpresa... secondo voi chi vince?
Lo sapete che piove sempre sul bagnato! Vince il politico e Aza si incazza a morte! Urla che non voterà più per tutta la sua vita. Che lo hanno imbrogliato e via con queste sue chiassate. Che quelli del partito del vincitore sono tutti ladri e che dovrebbero spararci alle gambe.
Prendono il politico... (non dico il partito, ok?) e gli abbassano i calzoni, sotto il puttaniere ha degli slip da donna neri e il reggicalze. Lo mettono pancia sotto su di una sedia e il nano lo incula e lui urla... urla come un agnello scannato. A me fa senso vedere entrare tutto quel tronco di carne, ma ad Aza ed a Mona fa tutt'altra impressione.

Sono le due, la notte è giovane e le puttane sono tutte al lavoro, è ora di darsi da fare...
A fatica li porto in strada, Aza ha la bava alla bocca.
Fuori respiro profondamente! Quanta è buona l'aria di Roma! Vero... ad essere critici sa da fogna scoperchiata ma vuoi mettere?
In quel momento esce dal locale una tipa che conosco, cose professionali, eh?
Insomma una che lavora con la fica.
-Tibe... prova all'Agenzia In$ide $ex... l'ho visto lì.-
-Grazie amore... al momento non posso darti il premio ma vedrai...-
-Mi devi un favore... ok? Per stasera ho soldi, spolpiamo l'assessore... lo facciamo tornare a casa in mutande!-

L'Agenzia In$ide $ex?
Cazzo...!
La conosco!
Ve la devo raccontare questa, a volte la realtà supera ogni più fantasmagorica fantasia, avevamo iniziato a frequentarla in stretto incognito io, Luana che aveva abbandonato momentaneamente la tonaca per un abbigliamento puttanesco e Samantha che da puttana veste abitualmente.
Dovevamo riportare sulla retta via un Cardinale che aveva perso la testa per la padrona dell'Agenzia che risponde al nome di Madame L., una splendida donna abitualmente in tuta di latex con dei fori opportunamente disposti in corrispondenza delle tette sode come mango con due capezzoloni duri che sembrano pallottole e della vagina ad ali di farfalla slabbrata ed aperta sempre.
Era famosa nel mondo ecclesiastico, l'alto clero amava farsi pisciare in bocca da lei! Anche altro... veramente, ma quello in particolare.
Riuscimmo a riportare il Santo Uomo sulla corretta via? Certamente! Fu necessaria una certa dose di convinzione, potete immaginarlo, come? Con la frusta di Madame L.... ovvio.
E poi? Di piscio in bocca Suor Luana e Samantha potevano dargliene fin che voleva e in sede vaticana. Bastava chiedere.

Erano tempi meravigliosi. Pranzi e cene sempre in lista spese, altro che da Righetto!

Questo racconto di è stato letto 6 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.