Week end delle Palme inaspettato

Scritto da , il 2019-04-15, genere trio

Il week end delle Palme è stato fantastico, con mia gioia ho potuto replicare il fine settimana da sogno precedente. Come sempre Ritaè stata maestra di organizzazione ed ha saputo orchestrare in maniera fantastica. Ero rimasto sconvolto dal modo in cui aveva gestito la delicata situazione con Ramona e non avrei mai immaginato, conoscendo Ramona, che lei avesse potuto accettare un trio, per cui la mia voglia di capire lo strano rapporto fra Rita e Ramona si era centuplicato e più Rita si dimostrava insofferente e poco disponibile a spiegare più io ero ostinato nel chiedere i motivi. Siamo arrivati a non scopare più...Rita è venuta più volte e siamo rimasti a bocca asciutta...lei non parlava e io ero roso dalla curiosità. Finalmente venerdì i primi segni di cedimento con un sms, in cui mi faceva comprendere quanta voglia avesse di cazzo...io le avevo detto di andarselo a cercare e lei aveva chiuso nuovamente le comunicazioni...verso sera una serie di foto con lei che si masturbava con i suoi giocattolini ed io sebbene eccitato non avevo risposto. In tarda notte era caduta...aveva suonato finalmente al mio citofono e io avevo aperto. Erano intorno alle 2. Appena salita era già seminuda, nell’ingresso era nuda e io ero sopra di lei nel corridoio a pecorina, come si fa quando il cazzo e la figa tirano più di qualsiasi cosa. Abbiamo scopato come cani, senza limite con l’unica voglia di soddisfarci, famelici, e senza pensare a nulla…. Dopo un certo tempo che non so quantificare se non con tanti orgasmi avevamo fatto qualche metro, sino al tappeto e poi sul divano, e poi sulla poltrona, io sopra, lei sopra, di dietro, di fianco, in bocca, in culo, in figa, sul tavolo e poi sul letto, tanto sul letto….inculandola non so quante volte. Soddisfatti abbiamo riposato. Intorno alle 10 mi sono svegliato nella bocca di Rita, con lei che sorrideva soddisfatta. A quel punto eravamo quasi pronti per fare colazione...quasi...prese il mio orgasmo, lo ingoiò tutto e facemmo la doccia. Una volta preparata la tavola io guardandola negli occhi le ho chiesto di spiegarmi e Rita mi ha spiegato. Finalmente. Ramona e Rita si conoscevano per un passato comune. Hanno fatto porno assieme. Rita per sbarcare il lunario ed avere un bel pochino di soldini, Ramona, dopo essere giunta dalla Romania in Italia…Rita per un attimo mi è sembrata imbarazzata, a distolto gli occhi, mentre io sono rimasto un po’ perplesso. Credo che il mio volto fosse interdetto…. da non credersi! Ero, tuttavia molto orgoglioso di questo. Allora le chiesi...un attimo fammi capire bene….io sto scopando con due pornostar? E lei: Non esageriamo siamo due ex pornostar, se così vogliamo dire e sorrise… e io ancora più curioso: ma avete fatto film e lei : beh certo….a quel punto mi intrigava sempre più la situazione e ho chiesto decisamente di avere la possibilità di vedere. Rita sorrise e non disse più nulla mentre io la stavo pastrugnando e senza darle tregua la avevo messa a 90 gradi infilandola. Lei era la solita superculona e fu tutto semplicissimo. Io avevo il solido possesso della sua bocca e del corpo. Urlò il suo piacere subito, mi incitava e io mi resi sempre più conto che era una porca straordinaria. Ricordavo il suo affanno, la sua passione e soprattutto i suoi grugniti di piacere, i suoi gemiti ad alto volume. Stavo continuando ad “analizzarla”, sodomizzarla. Aveva Iniziato a cedere colpi e io le tolsi il pene dal culo, grosso e duro, mentre lei si era accasciata sul tappeto, ed io andai ancora e iniziai a succhiare, la figa. Mi aiutai con le mani, le turturai le grandi labbra e le sfinii il suo splendido clitoride tanto che la sentii ansimare come mai in anni di sesso a sangue aveva fatto. Mi desiderava, voleva avermi dentro. Entrai, era ancora super eccitata e fiottava liquido, avevo lavorato con pazienza e di fino con la lingua, i denti, le labbra e le dita. Ora era tutta per il mio cazzo e preso il ritmo la spaccai mentre con le mie mani dominavo il suo culo. Mi implorò di farla mia nel modo in cui io volessi ma io riuscivo ancora a resistere e pompavo con grande vigore dentro di lei. Agognava che gli e lo dessi: voleva essere riempita. Stantuffavo leggero e morbido poi veloce forte e deciso, acceleravo e rallentavo secondo il mio piacere che presto divenne anche il suo. Non sapeva cosa aspettarsi, una serie di colpi forti o una penetrazione profonda e lenta. Impazzìva, godeva, la vedevo nel suo viso, ansimava senza pace e io godevo del suo godere straordinarario.
La martellavo. Uscii mentre Rita era al culmine e protestò in maniera vibrante ma io avevo deciso che sarebbe dovuta salire sopra lei.Si era guadagnata la cavalcata, lo smorzacandela. Volevo impadronirmi anche delle sue tettone, spremerle a dovere, strizzare. Inizia subito mentre lei aveva iniziato a cavalcare il cazzo come una giumenta di razza. Strizzavo, mungevo, leccavo,ciucciavo. La mia lingua sollecitava i suoi capezzoloni senza tregua.Il ritmo era frenetico, la scopata si faceva sempre più incalzante. Scoppiai letteralmente mentre lei era al culmine del godimento. Cadde sfinita sul pene per l’ultimo schizzo e esplose in un nitrito acutissimo. Ci afflosciammo mentre lei mi leccava soddisfatta. Ora potevamo parlare, tra un bacio e una toccata, mi sorrise e mi disse se mi andava di farmi una passeggiata con lei. Aveva deciso di andare a Nemi e io fui molto contento. Nemi a me piaceva molto, per cui partimmo senza pensare molto. Un bel viaggio in macchina, con momenti di pausa, in zone poco frequentate, Rita conosceva molto bene quella zona. Abbiamo riso moltissimo, veramente un sabato divertente, più passava il tempo più Rita mi attraeva. Arrivati a destinazione, con una fame da lupi ci catapultammo in un ristorantino che neanche a farla apposta era conosciuto da Rita, fuori la bolgia di Nemi, ma veramente grazioso. Trovato il tavolo, mi prese e mi portò in bagno, mi conosceva troppo bene.

Si piazzò davanti al grande specchio, allargo le gambe sporse il suo straordinario culo, aprì le natiche si infilò un dito nell’ano si sollecitò con forza e poi mi disse che aveva voglia di essere scavata in profondità voleva che le facessi il culo. Lì e in quel momento. Non me lo feci ripetere una seconda volta. Entrai tutto in quel pozzo e mentre con una certa facilità bucai lo sfintere con le mani assaltai la figa. Il suo culo esposto si immolava e feci coincidere il mio ritmo di sodomizzazione con l’ingresso delle mie dita in vagina. I miei colpi erano sempre più poderosi e lei si era accartocciata tenendosi al lavandino. La compattezza delle sue cosce tornite, belle era fantastica. Fotterla in culo era una cosa terribilmente seria per me. Aumentai il ritmo e Rita non parlò più. Il culo Di Rita era straordinario, lei poi era maestra di sesso anale. Il culo faceva le bellissime torsioni che la donna sapeva fare quasi danzasse e io che l’avevo aperta in due godevo. La colpivo duro possente, lei sobbalzava ma il culo assorbiva tutto. Gridava di sfondarla ed io scaricai spingendola muso in avanti contro lo specchio. Il buco si riempì, gridò come un’assatanata e io che l’avevo prevaricata la baciai e leccai sulle spalle e sul collo. Ci volle un attimo e riassettati risalimmo nella sala, mangiando e bevendo godendo la vista del lago. In questa fase la vidi più volte chiacchierare e chattare con il telefonino, non chiesi , nulla, mi incuriosiva tutto il pranzo così, poi fu lei ad alzarsi e andare verso il proprietario, ritornarono insieme sorridenti e lui offrì alla mia compagna di tutto e di più e lei fu felicissima, dimostrando di conoscerlo molto bene. Ci samo avviati verso Nemi e siamo andati in un locale molto in….. dove abbiamo preso una serie di torte assortite, per il suo gusto goloso, soprattutto fragoline di bosco. Sorrideva sempre Rita e per tutto….. era felice. Il sabato pomeriggio è stato favoloso e lo stesso la serata. Rita sorrideva e ad un tratto mi ha detto che vi era una sorpresa. Dovemmo fare una breve passeggiata e trovammo ad attenderci Ramona e subito solito sguardo porcone di Rita. Non te lo aspettavi vero? Mi disse ed io sorrisi imbarazzato come Ramona. Ci pensò Rita a rompere gli indugi. Mezz’ora ed eravamo allocati in una stanza con tutti i comfort e un letto matrimoniale fantastico. Ramona lavorava vicino Nemi, ma non sapevo che Rita era di Nemi e qui tutto si è spiegato. Rita subito nuda aveva parlato con Ramona in termini molto concreti, quasi duri seppure in modo scherzoso. Le aveva detto che ormai io sapevo tutto, per cui poteva dimostrare di essere quella tettona maiala che era e così nonostante le reticenze io la ho presa senza sforzo giocando con il suo corpo, mentre Rita ci guardava. Iniziai a toccarla, mentre dalla finestra vedevamo il lago ele mie dita titillavano marinandole il clitoride, con l’aiuto di Rita. Distendemmo Ramona sul letto e mentre io mi imposessai delle straordinarie tettone, Rita lavorava la figa e succhiavamo e leccavamo con Ramona che guaiva laida. La romena era rossa e calda, si vedeva che stava per scoppiare ma lasciava fare a me e a Rita, e Rita sapeva come provocare la sua figa. Gli orgasmi erano molteplici e producevano umori continui, liquidi di cui si era impregnato tutto il viso di Rita, e soprattutto la sua lingua che appuntita faceva incursioni intorno alle grandi labbra sugose e soprattutto titillava il grosso clitoride. Ramona affannava sempre più, aveva iniziato a gemere, godeva. La gestivamo con estrema tranquillità e ciò mi permise di allungare le mie mani verso il buchino dell’ano dove iniziai ad infilare le dita prima alternativamente poi a due alla volta mentre Rita gestiva la vagina e Ramona si accartocciava sempre più. Ad un certo punto volli prendere Ramona di fianco e Rita si mise dall’altra parte. La mia nerchia era entrata tutta senza difficoltà e con calma andai profondo. Ogni mio inserimento era accompagnato da un urletto DI Ramona e anche di Rita, pompai un bel po’ ma la mia maggiore attenzione era nell’infilare le dita nel suo culone, e quando capii che potevo farlo, estrassi il pene dalla figa ancora pieno di sugo e cercai di infilzarla nel secondo canale. Ramona con l’aiuto di Rita aprì al massimo che poteva i glutei, io lavorai per dilatare il buco dell’ano e Rita succhiò i capezzoli e lavorò il clitoride. Ramona si fece fare tutto quello che si doveva e man mano che progredivo, via via che l’odore di sesso, di femmina e di ano si propagava iniziò a crescere il desiderio anche in Rita. Ramona era pronta a subire le mie staffilate nel suo culo e non potevo fare a meno di pensare quanto fossi porco in quei momenti, quanto godessi a vederla e a sentirla sottomessa….mi piaceva pensare alla Ramona che fu….alla pornostar più che alla badante attuale. Le stavo rompendo l’ano e lei affannosamente gemeva, guaiva, mentre Rita imperava. Mi ero azionato come una trivella, svaccavo Ramona e Rita faceva lo stesso. Ramona si è ben comportata ma alla fine ha dovuto accasciarsi a muso avanti, sfatta e aspettava con il culo all’aria, che finissi di infilarla.Venne in aiuto Rita che si posizionò con le tettone a farsi possedere al mio cazzone in una posizione molto eccitante per me, mentre Ramona riposava. Non ci volle molto in quelle splendide montagne. Sborrai su tutto il busto, ma particolarmente inondai l’incavo del suo seno e la faccia. Mi alzai e dopo averla baciata più volte aspettai che si ricomponesse, mentre Ramona era ancora out. Il letto era ancora un campo di battaglia. Facemmo una sontuosissima doccia tutti e tre e poi fu una serata rilassante. La prima mattina fu una guerra di pace, con sesso a go go, fantastica mattina del palme, piccioni, colombe e tutto quello che ho sempre sognato e che non ho mai avuto. Rita mi ha svegliato a mattino inoltrato come al suo solito, il cazzo nella sua bocca e poi nella bocca di Ramona e poi di nuovo in Rita e poi in Ramona, finché il gioco non ha prodotto il suo orgasmo, il suo succo prepasquale. Intanto mentre Rita mi deliziava con la sua bocca Ramona mi scampanellava sulla bocca le sue tettone e i suoi capezzoloni che facevo di tutto per assaporare. Ciondolavano attorno al mio naso e alla mia Bocca e lei nuda rideva dicendo che non riuacivo a ciucciarle tutte. Le massaggiai con pollice, indice e anulare i capezzoli tra le dita. Erano bagnati, duri e impertinenti e lei mi dava a suo modo l’augurio di buona domenica delle Palme… con pace e serenità. Iniziai a fare sul serio, la presi per i seni e iniziai a pastrugnarglieli quindi iniziai a leccare succhiare e poi ciucciare intensamente i capezzoloni alternativamente. La stuzzicavo poi con la punta della lingua e raggiunsi il mio obiettivo ora erano puntuti svettanti, duri. Giunse anche Rita e anche a lei diedi una buona dose di ciucciate, toccandole il culo, e insidiando il mio indice nel fiorellino dell’ano. Fu un bel rapporto senza prevaricazioni ma con uno scambio fisico abbastanza dispendioso. Rita e Ramona si diedero i cambi perfetti. Infilai il pene in fica ad entrambe e ebbi la gradevole solita sorpresa che erano ambedue un lago di umori segno che avevo fatto ancora una volta centro.Seguendo la nostra solita predilezione le feci salire a turno sul mio cazzo in modo che potessero scatenarsi in un irrefrenabile smorza candela. Anche la cavalcata fu fantastica e come ciliegina sulla torta mi offrirono la spagnolona fra le loro tettone, che per dimensioni erano assolutamente fantastiche… Rita e Ramona erano formidabili di seno. Il mio pene era diventato gigantesco tra le loro tettone che insalivavano molto spesso. Sentivo che il mio orgasmo stava salendo. Nessuno delle due si stancò, erano dei bei giochi e io mossi il cazzo fra le poppe. Quando sbattevo le tette di Ramona, Rita mi incitava e lo stesso accadeva quando spagnolettavo nelle poppone di Rita, Ramona tifava. Arrivai prima su Rita che venne colpita in pieno viso da uno schizzo prepotentissimo di sborra e rise. La leccai in tutto il busto grato per quello che mi aveva donato, poi ci volle molto per raggiungere lo champagne sulle montagne di Ramona. In questo caso io e Rita incitavamo a gran voce Ramona e lei si è donata molto bene e senza risparmio. Quello che seguì fu una lunga doccia comune e la preparazione al pranzo delle Palme. Andammo al solito ristorantino dell’amico di Rita….che scoprii era amico anche di Ramona...non volli sapere come e perché anche Ramona fosse amica...ma iniziai a sospettarlo. L’accoglienza come al solito fu delle migliori. Io non avevo problemi ero stato soddisfatto ma ho notato di essere guardato con un pochino di invidia. Specialmente una signora che mi sembra di aver compreso essere la moglie del proprietario, presumibilmente non italiana, ma dell’Est Europa, particolarmente innervosita dalla presenza in sala di Ramona… con cui per tutto il tempo si erano scambiati sguardi di fuoco. Io invece, devo dire che ho apprezzato molto la sua avvenenza e credo di aver colpito nel segno...perché lei mi ha scrutato con molto interesse. Nonostante la bella moglie il marito si è comportato come in precedenza, offrendo alle due donne questo mondo e quell’altro ed essendo le mie due scopamiche ottime bevitrici si sono fatte onore. Io no perché guidavo. Il ritorno Ramona era più brilla di Rita, ma anche Rita era allegra. Siamo ritornati nella nostra alcova e li non ho resistito alle tentazioni di Rita. Tutto farei tranne che resistere ad una donna….lei salì ed io mi feci cavalcare sotto agli occhi divertiti di Ramona. Ramona invece volle galoppare di spalle e lo potè fare. Un bel carosello si era creato. La cosa importante è che ricorderò questo fine settimana precedente alla Pasqua come il più soddisfacente che abbia mai vissuto…..E LA SETTIMANA SANTA APPENA INIZIATA? E PASQUA

Questo racconto di è stato letto 1 6 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.