Granny “Tribute” - DAY 3

Scritto da , il 2019-04-15, genere comici

Ahia il culo...
Ahhh il culo!!!
Ma vaffanculo!
Mi ha inculato con una cazzo di mazza da baseball!! Mi ha ribaltato intestino tenue e crasso con quella cazzo di mazza!!
Questa vecchia è macabra! Non oso pensare a lei che si masturba mentre mi tortura, probabilmente diventerei cieco solo immaginandola nella mia mente!
Okkei, devo cercare di fare meno rumore possibile.
Come ieri: faccio cadere quel cazzo di vaso di merda e mi nascondo sotto il letto.
La vecchia entra, si guarda intorno (porca puttana quanto è brutta!) con la bocca spalancata (sembra un piranha, cazzo!) e poi ride quasi strozzandosi con il suo catarro (cazzo che schifo!) mentre se ne va.
Altra trappola per orsi cicciata fuori dalla camicia da notte. Ma quante cazzo ce ne ha nascoste in quella figa flaccida?!
Va di sotto.
Perfetto, vado nel passaggio segreto nel ripostiglio.
Una stanza di legno con delle scale e...un armadietto delle armi?! C’è scritto “Armi”!!! Cazzo sì! Mi serve solo la chiave! Devo cercarla!
C’è anche una stanza nascosta dietro a degli scatoloni. Dentro ci sono una manovella di legno e un bottone sul muro. Lo premo.
Un altro passaggio segreto?! Ma che cazzo è ‘sta casa! Tutto nascosto!
Un peluche...un orsetto di peluche.
Che ci fa qua dentro?
Non posso portarmi cento cose in mano, solo una alla volta. Opto per la manopola, l’orsetto lo lascio qui, non me ne frega un cazzo.
Altre scale.
Sono nello scantinato.
Non c’è un cazzo qui, tranne un generatore che non so a cosa serva e un quadro semidistrutto. Effettivamente ho trovato dei pezzi in giro per la casa. Ma chissenefrega!
Intanto vedo che la porta in cima alla scala per arrivare al piano terra è aperta. La vecchia è qui nei paraggi.
Veloce, veloce!
Dietro la scala!
Una porta con su scritto “Garage”! Sì!
Mi precipito giù e...c’è una sauna?! Ammazza, si tratta bene la vecchia! Avrebbe bisogno anche di un paio di ritocchi in faccia, però!
Ma questa macchina è ridotta uno schifo!
Come cazzo faccio a fuggire?!
Alzo il cofano. Innanzitutto mi serve della benzina, un generatore elettrico per la batteria, una chiave inglese per sistemare qualche bullone e la chiave per accenderla. E soprattutto il telecomando che serve ad aprire il baule! Magari dentro c’è qualcosa di utile.
Mi ricordo che il telecomando era nel frigorifero di sopra.
Passi.
La vecchia è nello scantinato!
Merda!
Devo nascondermi prima che quella mi inculi di nuovo!
Un armadietto! Mi ci chiudo dentro! Cazzo mi sento come un Nerd bullizzata alle superiori.
“Where aaaare youuuuuu?” ma perché parla in inglese?! Via dai coglioni, lurida!
Perfetto! Se n’è andata!
La seguo piano per vedere che direzione prende.
Perfetto, è di sopra! Posso esplorare meglio lo scantinato.
Un altro passaggio segreto?! Cazzo, manco “Labyrinth” era così incasinato!
Una stanza interrata, le pareti sono di terriccio. C’è un tavolo con una chiave inglese! La prendo subito, lascio un attimo la manopola qui, tanto la vecchia non riesce ad accucciarsi.
C’è anche un biglietto insanguinato e scritto a mano.
Oh Cristo! Qualcun altro è stato qui prima di me e mi sa che ci è crepato! Anche lui è stato colto di sorpresa, mentre cercava di capire per quale motivo si fosse fermata la macchina! Ha scritto questo biglietto al quarto giorno ed era gravemente ferito.
Poveraccio!
Ma aspetta...qui c’è anche scritto che la vecchia tende a nascondere le cose...dentro la frutta?
Vabbe, poi capirò meglio.
Intanto ho messo a posto quei bulloni della macchina.
Torno nel passaggio segreto dove ho trovato il biglietto e prendo la manopola. Proseguo accucciato nel tunnel sotto terra e arrivo in quello che sembra un capanno adiacente alla casa.
L’unica porta che c’è si apre dall’altra parte.
Ci sono un vecchio pozzo, una ghigliottina, una casa delle bambole chiusa a chiave e un vecchio baule.
La manopola devo usarla sul pozzo per azionare la carrucola, c’è qualcosa nel secchio.
Lo tiro su.
È un martello!! Sono salvo!
Voglio ispezionare meglio la casa delle bambole.

*DLIN DLIN*

Che cazzo era?! Una campanella?! Cazzo! Sono inciampato in un filo attaccato a una campanella! ‘Sto posto di merda è pieno di trappole!
La vecchia sta arrivando!
Quella mi incula!
Quella mi stupra!
Mi nascondo nel baule con il martello.
Eccola che entra.
Ma non mi vede dentro il baule?!
È proprio cieca!
“Do you want to play hide and seeeeeek?” no, vecchia di merda! Voglio giocare a un altro gioco: chi si ammazza nel modo più bello vince!
Ecco, comincia tu!
Se n’è andata!
C’è un tombino!
Ci salto dentro! Magari esco da qui.
Cristo che schifo!!! Sono nella merda fino alle ginocchia! Sono in una cazzo di fogna! E c’è muffa nera ovunque sulle pareti! L’acqua è stagnante e puzza di morto!
Proseguo a suon di conati di vomito fino a trovare una porta chiusa e delle scale. Le salgo. Mi sa che sono di nuovo nella casa, in un’area nascosta.
Ci sono un paio di pinze dentro a un comodino, un barile con sopra una ciotola e un corvo in una gabbia che fa da guardia alla chiave dell’armadietto delle armi.
Provo a prenderla!
AHIA! Mi ha beccato! Stupida creatura! Devo dargli da mangiare per allontanarlo. Non ho un cazzo con me, sono con chiappe, scroto e uccello all’aria! Bah lo lascio perdere!
Tiro giù un muro fragile con il martello e scopro una piccola stanzetta con dentro una tanica di benzina! Ottimo! Lascio qui il martello e mi prendo la tanica!
C’è una porta, la apro.
Sono tornato nel passaggio segreto dello sgabuzzino...e c’è una coscia appesa al soffitto che gronda sangue!
Porca Mado##@! Ci sono mosche ovunque! Bleah!
Ma intanto qui c’è anche un generatore elettrico!
Faccio due viaggi! Riempio il serbatoio di benzina e carico la batteria quanto basta! Potente ‘sto generatore! Ci sono voluti dieci secondi per ricaricare questo rottame!
La vecchia è in soffitta, posso prendere il telecomando in santa pace.
Vado in cucina.
Ma c’è un melone sotto il tavolo! Non l’avevo visto! Vabbè non mi importa! Perché nel frigorifero prendo il telecomando e nel comodino accanto al televisore del salotto trovo la chiave della portiera della macchina!
Apro il baule e dentro ci trovo la chiave del lucchetto della porta di casa.
Apro la portiera...e mi cade addosso! Ma che cazzo di rottame è?! E ha fatto un casino della madonna!
Mi devo di nuovo nascondere nell’armadietto!
La vecchia mi cerca con quella faccia da squalo e grugnisce nel suo catarro. Che schifo!
Se ne va!
Posso fuggire!!!
Entro in macchina e aziono la porta del garage!
Non ci credo!!
Sto tornando a casa!!
Ramona, amore mio, arrivo!!! E sarò io a sfondare un culo, non il contrario!!
Ma...
L’uscita è murata da dei mattoni!!
“You can not escape!” è scritto sui mattoni!!
AHHHHHH!!!! VECCHIA DI MERDAAAAA!!!

*TUD*

Questo racconto di è stato letto 3 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.