Inseguendo la Luna

Scritto da , il 2019-04-15, genere sentimentali

Sono le 22.30.
Sono in macchina che sto guidando per le strade della mia città.
In giro non c’è nessuno.
Mi piace guidare, ma ancora di più mi piace guidare di notte, quando non c’è un’anima, i semafori sono già spenti e non ci sono pedoni che decidono di suicidarsi gettandosi sull’asfalto con la convinzione di avere la precedenza in ogni caso.
Posso premere l’acceleratore quanto voglio, marcia ingranata dalla prima alla quarta, media ottanta chilometri orari.
Alcune strade sono poco illuminate, i lampioni sono pochi e producono una luce che non mi piace per niente. Giallognola.
Una luce che ti fa sembrare con il fegato a pezzi, talmente ti fa giallo in faccia.
Una luce che quando tenti di fare delle foto con il cellulare, ti rovina la scena.
In una serata così bella, dove si vedono le stelle, le luci della città rovinano tutto.
Accendo RMC. È la mia radio preferita. Non manda in onda solo musiche che vanno di moda, ma anche canzoni che hanno fatto la storia, canzoni orecchiabili, belle da ascoltare, vecchi classici. Non mette solo le solite commercialate fatte tanto per guadagnare soldi. Quando c’è una canzone che non mi piace giro su RTL, raramente su RDS e mai su Radio Deejay. Sparano di quei commenti su Salvini che mi fanno salire il crimine.
Ma non ho voglia di ascoltare le news, la politica, i messaggi degli ascoltatori o le notizie riguardanti il traffico. Ho voglia di ascoltare le musiche del Buddha Bar.
Quanto mi piacciono.
Molti miei coetanei non le apprezzano. Le trovano noiose.
Ma come fai a trovare noiosa una musica così sensuale, quasi mistica? E poi di notte...
E con questa Luna...
Ma quanto è bella?
La sto vedendo adesso, proprio mentre danno una musica che si chiama “Uluwatu”.
È immensa.
Grandiosa.
È l’alba di perla di Pascoli.
Non riesco a staccarle gli occhi di dosso.
Quasi vado contro il marciapiede per guardarla.
Prendo la strada dentro il boschetto.
Lì non ci sono lampioni.
Posso osservarla meglio.
Aumento la velocità, ben conscia che la strada è larga e a senso unico.
Che strana Luna...
Mi attrae.
Sto inseguendo la Luna.
In questo momento non me ne frega niente che la mia amica mi sta aspettando sotto casa.
Devo raggiungere la Luna.
È impossibile, ma voglio raggiungerla.
Premo il piede sul l’acceleratore, sto andando a novanta all’ora.
Alzo la musica a ventinove di volume, l’abitacolo vibra.
Gli alberi sembrano volerla vedere bene protendendo i rami.
La Luna mi guarda.
Mi osserva.
Mi attrae.
Mi sento quasi innamorata.
Le sorrido.
La musica e la Luna mi portano in una dimensione mistica.
Sento le cicale.
Sento un gufo in lontananza.
Sento il fiume scorrere sotto il ponte che sto attraversando.
Sento il legno degli alberi, la vita degli insetti che abitano i tronchi.
Voglio fondere il mio corpo nella notte.
Ho messo la quinta, sono a centoventi all’ora e non me ne rendo nemmeno conto.
Una volta ho sentito che con una Luna così grande ci si innamora.
Ma io non mi innamoro di qualcuno, mi innamoro di lei.
E mentre il mondo va a dormire, io inseguo la Luna.

Questo racconto di è stato letto 4 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.