Anime alla deriva

Scritto da , il 2019-04-14, genere sentimentali

“Posso offrirti un caffè?”
“Accetto volentieri” disse Marco raggiungendolo sul marciapiede.
Conosceva quell’uomo da qualche tempo, lo vedeva spesso infilarsi nel supermercato e uscirne con le sue bottiglie di birra, scadenze regolari, tre volte al giorno.
Entrarono nel bar e lui ci ripensò: “Posso prendere una birra?” chiese quasi imbarazzato.
“Certo” rispose Umberto, ordinando un caffè.
Dopo essersi seduti chiese:
“Posso farti una domanda?”
“Certo, dimmi pure” rispose Marco.
“Ce l’hai un lavoro?”
“Una volta ero operaio in una fabbrica di minuteria metallica, poi sono diventato sindacalista” disse Marco passandosi la grossa mano sulla barba incolta da settimane.
Umberto annuì compiaciuto.
“Avevo capito che avevi una cultura sopra la media, dal tuo linguaggio, dall’assenza di espressioni dialettali”
“Ti ringrazio. Adesso mi vedi così, con questi jeans sporchi, questo giaccone logoro e non troppo pulito ma una volta andavo vestito diversamente, mi radevo tutti i giorni, guadagnavo piuttosto bene, avevo una casa, che fortunatamente ancora possiedo e stavo per sposarmi” disse lentamente Marco, aiutandosi mandando giù corposi sorsi di birra, come se un’improvvisa sete lo stesse divorando.
“E poi?” Chiese Umberto sorseggiando il caffè.
“Eh…poi…quella che sarebbe dovuta diventare mia moglie…è morta” gli occhi spenti e fissi nel vuoto, si velarono di lacrime.
Continuò: “È successo improvvisamente. Un infarto”
“Cosa hai fatto?”
“Ho passato mesi difficili, gli amici mi stavano vicino ma io ero come sospeso in una bolla di sapone. Mi alzavo, andavo al lavoro, tornavo ma era solo abitudine, non c’era più nulla che m’interessasse davvero, ho cominciato ad isolarmi e bere” prese aria facendo un grosso respiro, la fascia elastica che indossava sotto il maglione blu, non gli permetteva di espandere la cassa toracica normalmente.
Umberto lo guardò, sentendosi in colpa per aver risvegliato con le sue domande un dolore profondo, sopito in una piega del cuore sgualcito.
“Scusami se sono stato invadente, non volevo…” disse scusandosi.
“Non preoccuparti, non racconto a tutti questa storia, ma tu sei sempre molto gentile e mi hai offerto la birra” disse esplodendo in una risata rumorosa che attirò l’attenzione di alcuni clienti.
“Adesso devo proprio andare, si è fatto tardi e mi aspetta un amico” disse Marco buttando giù l’ultimo sorso, “Grazie ancora Umberto, il prossimo giro magari lo offro io ma non qui, prendiamo due birre al supermercato e ti invito a casa mia, ce le beviamo mentre ascoltiamo un po’ di musica, ho un sacco di vinili, roba buona sai, sono un intenditore”.
“Volentieri, sai dove trovarmi”
Uscirono dal bar e si strinsero la mano, poi presero strade diverse.
Umberto pensò che gli sarebbe piaciuto ascoltare della buona musica insieme a Marco, sentiva che poteva imparare qualcosa.

virgil.oldman@libero.it




Questo racconto di è stato letto 8 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.