Mamma Padrona BBW - l'ascensore

Scritto da , il 2019-04-14, genere dominazione

Era un caldissimo giorno di agosto quando la mamma di Giacomo decise di portare suo figlio a fare la spesa con lei. Dovevano caricare parecchia roba e decise quindi di servirsi di lui.

“Giacomo scendi che fra un po andiamo” gridò lei…Giacomo scese subito dal piano di sopra dove si trovava la sua camera e nell’attesa notò che sua madre era in camera a vestirsi per uscire, aveva la porta socchiusa quindi potè benissimo scorgerla, indossò una camicia leggerissima, con una scollatura ampia che faceva intravedere molto bene il suo enorme seno contenuto a stento dal reggiseno nero di pizzo e una gonna che arrivava un po su il ginocchio che faceva risaltare il suo culone e lo spacco mostrava le generose coscione . Uscì dalla camera e si posizionò davanti la scarpiera, che Giacomo conosceva molto bene dato che leccava avidamente le scarpe che usava sua madre. Dato il caldo torrido optò per un paio di zeppe molto alte che lasciavano vedere i suoi stupendi morbidi piedi, con le unghia lunghe laccate di rosso fuoco. Giacomo iniziò a sbavare.

Quando fu pronta uscirono, Giacomo sapeva che gli sarebbe aspettata una giornata dura a portare buste…cio che lo faceva sussultare era il rumore della pianta dei piedi di sua madre che si staccava dalla zeppa mentre camminava, si concentrava su quelle. Quando ebbero finito ritornarono a casa, a causa del numero abbondante di buste decisero di prendere l’ascensore della loro casa che era fatto su misura per una persona, era molto piccolo, a stento riuscirono a entrarci entrambi. Del resto Giacomo era mingherlino, sua madre al contrario era una donna opulenta, giunonica e formosa. Entrarono nel vano dell’ascensore e si resero conto di essere attaccati dato lo spazio ristrettissimo…Giacomo era davanti a sua madre, la faccia le arrivava all’altezza del poderoso seno, potè notare da vicino il rigone lungo che separava i due mammelloni e le goccioline di sudore che le colavano lungo lo spacco delle tette…avrebbe tanto voluto rinfrescare quel petto con la sua lingua lavando via il sudore. “Che caldo insopportabile, non ce la faccio piu” esclamo’ sua madre, mentre lo soffiava in faccia per farsi aria e vedevo le sue labbra carnose coperte dal rossetto rosso…era accaldata…otto piani, ascensore risaliva lento e Giacomo era quasi immerso nella carne di sua madre…era eccitato nell’essere cosi vicino alle sue mastodontiche tettone. Lei alzo il braccio per farsi aria e noto le ascelle pelose che grondavano sudore, quel pelo nero lo faceva ingrifare ancora di piu. Improvvisamente l’ascensore si bloccò. “Noooo, ma cosa succede?” esclamò sua madre…”S è bloccato ” rispose Giacomo…

“Fa un caldo boia, e noi siamo qui chiusi in questo buco”….dato che i pulsanti si trovavano dalla parte di Giacomo, sua madre, nel tentativo di armeggiarli, schiacciò il suo peso contro quello di suo figlio che si ritrovo con la faccia sotto la sua ascella pelosa e sudata, era in estasi, pote sentire il suo magnifico odore e quei peli lunghi e neri che gli solleticavano il viso, nel tentativo di schiacciare meglio i pulsanti, la sua faccia si trovo schiacciata tra le coppe delle sue maestose puppone, potè sentire la morbidezza di quelle tettone, ma fu solo un attimo.

-Fammi passare da quella parte- gli disse la madre, che voleva far riprendere a funzionare l’ascensore, nel tentativo di spostarsi Giacomo si strusciò sull’abbondanza di sua madre, riuscendo a sentire la sua pancia morbida, ora si trovava dietro di lei, sua madre gli dava le spalle…Mentre schiacciava a ripetizione i bottoni si piegava con il corpo e il suo culone andava a sbattere sulla patta di Giacomo, lui era inerme, fermo, il culone sinuoso si strusciava all’altezza del suo cazzo, che ormai era diventato di marmo…anche lui sudava e non ce la faceva piu, bastò un altra strusciata del mastodontico culo morbido di sua madre per farlo sborrare nei pantaloni, trattenne il gemito senza che lei si accorgesse di nulla…si accasciò a terra esausto. Dopo un po l’ascensore riprese a partire, arrivati sul piano, sobbalzò, facendo rimbalzare le tettone della madre…

-Dai che non ce la faccio piu, sono tutta sudata- continuava a imprecare…una volta varcata la soglia di casa, si tolse furiosamente la camicia e la gonna, rimanendo in reggiseno e mutande, non curandosi della presenza di suo figlio, che potè notare come le sue mutande si erano letteralmente conficcate tra le sue chiappone, chissà come erano sudate

-vado a farmi una doccia- disse sua madre…a giacomo gli ritorno di nuovo duro, vedendo sua madre dirigendosi verso il bagno con le mammellone che le rimbalzavano ad ogni passo…si risparmiò la sega per dopo, annusanso e leccando le mutande e il reggiseno che ritrovò nella cesta completamente zuppe di sudore.

Questo racconto di è stato letto 2 7 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.