Dopo l'attesa, il piacere...

Scritto da , il 2019-04-13, genere prime esperienze

Sono le 22. Sono arrivata puntuale. Mi sono inventata la scusa più banale del mondo x andare all'appuntamento.. "Esco con un'amica....".
Mi sento una troia x quello che sto facendo, un mix di paura di essere scoperta e eccitazione x quello che avrei fatto di lì a poco.. perché sapevo bene cosa sarebbe capitato nelle 2 ore successive...
Mi assicuro di essere in ordine.. la gonnellina scelta appositamente x essere semplicemente alzata x farmi penetrare.. il perizoma slip ouvert... Ok, posso entrare.
Gli scrivo.. "Sono qua fuori, aprimi..".
Entro e guardo quella stanza. Me la sono immaginata 1000 volte.. Luce fredda, come arredamento solo una scrivania, e.. un lettino.... quel lettino che primeggia nelle mie fantasie erotiche da 3 anni...
C'è imbarazzo e eccitazione allo stesso tempo... come se ci stessimo chiedendo entrambi "Ma sta succedendo sul serio..?"
L'imbarazzo dura poco... "Adesso ti violento, giuro...", mi afferra x i capelli e mi gira... faccia verso il muro, mani appoggiate sul lettino... mi strappa con foga il perizoma.. io sono ormai un lago... aspetto di essere penetrata da lui da troppo tempo... Lo sento di dietro... il suo cazzo è di marmo... la sua mano mi penetra davanti... "Stai colando..." mi dice.... È vero. Mi sento gocciolare lungo la coscia.... voglio che inizi a scoparmi.... voglio che mi violenti.... voglio sentirlo tutto....
"Vediamo se ti sei esercitata..". Con la stessa mano ormai tutta piena del mio liquido vaginale, inizia a penetrarmi il culo prima con 2 dita... poi con 3.... Sento che toglie le dita.. penso "Ok.. ci siamo....". Io non ho più il controllo di nulla.. neanche di ricordargli il lubrificante.. spero che se ne ricordi.... Sento che si allontana un momento, ma non mi giro.. Si riavvicina. Eccolo... sta entrando... ha messo il luan.... spinge sempre di più.. vuole metterlo tutto dentro.. ed è grosso.... io inizio a toccarmi la figa... lui spinge ancora di più... ce la fa, entra quasi tutto... "Brava... hai fatto gli esercizi...". Sono la sua scolaretta... A quel punto inizia ad essere sempre più veloce.. e ogni colpo che mi dà è sempre più violento.. fa male.... il dolore è intensissimo.... ma sto godendo come la più grande troia... sto gemendo come una cagna... lui ansima vicino al mio orecchio.. mi fa impazzire.... Mi tira quei capelli come li volesse strappare... ogni colpo contro il mio culo risuona in tutta la stanza.... Io sto x venire.. lui anche... non riesce più a trattenersi... l'attesa era stata troppa.... Lo sento fermarsi con l'ultimo colpo... sento inondarmi il retto del suo sperma... sento il pulsare del suo cazzo dentro di me... Rimane ancora mezzo minuto lì.. fermo.. Poi esce. Piano. Sento colare lungo le gambe. Mi pulisco. Mi tremano ancora le gambe.. Vado via. Senza dire una parola.. e con il perizoma strappato in borsa

Questo racconto di è stato letto 7 7 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.