Cornelia - Il risveglio dei sensi

Scritto da , il 2019-04-12, genere masturbazione


“Ti voglio, Cornelia.” le sue labbra si muovevano lentamente, in modo ipnotico. Il suo alito profumava di miele, lavanda e cannella.
La lingua invitante si muoveva all’interno della sua bocca.
Non aveva i vestiti.
Erano spariti.
Anche i suoi erano spariti.
“Vi voglio anche io, mio Re...” lei era adorante. Il desiderio germogliava nel suo ventre come una gemma a primavera. Il suo fiore carnoso si schiudeva al tocco caldo del suo Sovrano.
Gemiti.
Ancora gemiti.
La sua virilità la stava possedendo in ogni modo e orifizio possibile. Il suo corpo era un ricettacolo di piaceri proibiti e mai narrati.
Godeva e pregava. Ancora e ancora. Sentiva ogni goccia di sudore colarle giù, verso il basso. Il profumo era intensissimo, li avvolgeva come una leggera nebbia.
Un suono lontano.
Lontano.
Lontano...
Un gallo...

Cornelia si svegliò di soprassalto. Era madida di sudore. Il cuore sembrava doverle esplodere dal petto con uno scoppio. Il respiro affannato come se avesse appena terminato una corsa infinita.
Si guardò attorno, roteando i suoi bulbi oculari. Non era la sua camera. Era la camera del Re. Un raggio di sole che penetrava da uno spiraglio delle tende di velluto ancora chiuse rendeva riconoscibile l’ambiente. Era mattina presto, l’alba.
Sentiva quel letto comodissimo e avvolgente. Le morbide e calde coperte le facevano venire voglia di addormentarsi di nuovo. Una sorta di pace e armonia le stava pervadendo la mente.
Non aveva mai dormito in un letto così comodo.
Ancora cinque minuti, si ritrovò a pensare.
Si voltò verso il Re. La sua schiena nuda era uno spettacolo invidiabile. Cornelia voleva quasi toccarla. Il profumo di miele, lavanda e cannella si sentiva ancora leggermente nell’aria.
La candela sul comodino, l’unica fonte di luce della sera prima, era completamente consumata e stava ancora fumando nonostante si fosse spenta. Evidentemente, il Re l’aveva tenuta accesa mentre lei dormiva.
Era svenuta tra le sue braccia mentre lui le procurava piacere.
Non aveva mai vissuto qualcosa di così intenso. Sapeva che il Re non aveva abusato di lei mentre dormiva.
Angelina aveva ragione: era un brav’uomo.
A malincuore, Cornelia si alzò da quel caldo e morbido giaciglio, conscia del fatto che doveva abbandonare quella stanza per tornare nei suoi alloggi, secondo le istruzioni della Regina.
Solo in quel momento si accorse di avere ancora indosso i vestiti del giorno prima.
Quasi si vergognò. Come poteva averla vista con indosso quei vecchi stracci?
Uscì dalla camera il più silenziosamente possibile.
Ad attenderla fuori, Angelina.
Cornelia si sorprese. Era addormentata fuori dalla porta, sul pavimento, la schiena e la testa contro il muro.
Si commosse. Aveva mantenuto la sua promessa. Aveva vegliato tutta la notte su di lei per assicurarsi che stesse bene.
“Ehi...” la chiamò sottovoce lei. Angelina si lamentò nel sonno, come se non volesse essere svegliata. “Angelina...” sussurrò di nuovo Cornelia.
La ragazza aprì gli occhi, stropicciandoseli con gli indici. Mise a fuoco e subito si mise sull’attenti: “Lady Cornelia!” e si inchinò davanti a lei.
Rimase interdetta. Non voleva un atteggiamento così formale. “Perdonatemi! Il sonno mi ha colta di sorpresa e non ho saputo resistere!” sembrava sinceramente preoccupata.
“Stai tranquilla, Angelina. È tutto a posto. È andato tutto benissimo.” disse Cornelia arrossendo al pensiero di ciò che aveva passato.
Angelina sembrò visibilmente sollevata: “Sono felice, Lady Cornelia! Ve lo dicevo che è un buon Re.” disse con un sorriso.
“Per favore, non darmi del voi. Dammi pure del tu. Io non sono altro che una ragazza uguale a te, non abbiamo niente di diverso.”
Angelina sembrò sorpresa da quella richiesta. La osservò come se l’avesse vista per la prima volta, inclinando leggermente la testa: “Dite sul serio, Lady?” lo chiese in un modo dolcissimo. Era evidente che non era abituata a rivolgersi in modo amichevole ai membri della famiglia reale. Con tutto che Cornelia era solo una semplice concubina.
“Ma voi siete una delle amanti di Sua Maestà! La portatrice dell’etere al trono! Io sono un’umile serva!” era quasi paonazza, le frasi le uscivano fuori senza neanche una pausa.
“Ferma! Ferma!” esclamò Cornelia alzando le mani verso di lei. Stava facendo un po’ troppo rumore e non aveva intenzione di svegliare nessuno.
“A me non interessa questo titolo, non sono nessuno di importante. Non sono una principessa, una regina, una contessa o cose del genere. Vengo dai campi e ho vissuto nella povertà per quasi tutta la mia vita.” la prese amorevolmente per le spalle “Ti prego. Sii mia amica e non trattarmi come non mi merito.” quasi la implorò con quelle parole.
Angelina parve visibilmente commossa: “Nessuno, a palazzo, mi ha mai trattata con tanta gentilezza...” disse lei con gli occhi lucidi “Hai una luce divina dentro di te. Sei la ragazza più dolce, gentile e onesta che abbia mai conosciuto, Cornelia. E sarei felice di essere tua amica.”. Angelina sentiva la purezza del suo cuore. Percepiva l’anima bianca dentro a quel corpo magnifico. Era così bello ciò che sentiva che la abbracciò.
Cornelia ricambiò l’abbraccio.
Angelina sentiva il suo corpo profumato. Un dolce profumo che si era impregnato nei suoi vestiti. La strinse ancora di più.
“Adesso ci conviene andare. Non vogliamo che la Regina ti veda ancora qui, no?” disse Angelina.
“Per quale motivo?”
“Ti spiegherò tutto questo pomeriggio, nel cortile della Torre Nord. Intanto ti riaccompagno nella tua stanza. Ho istruzioni di lasciarti dormire fino alle dieci. Poi svegliarti, lavarti e darti un nuovo guardaroba.”
“Vestiti?” disse Cornelia entusiasta. Finalmente si sarebbe liberata di quell’abito sgualcito!
Angelina rise: “Sì! Vestiti nuovi, fatti delle stoffe più pregiate!”
Entrambe iniziarono a ridacchiare, mentre si dirigevano verso la stanza.

Il Re era sveglio. Aveva sentito la sua amante alzarsi, lasciare il letto e chiudere la porta. Aveva percepito i suoi occhi indugiare sulla sua schiena. Sorrise maliziosamente. Il suo pene era già pronto, il solo pensiero del suo sesso gli procurava un brivido di piacere che andava a toccare il suo scroto. La sua mano andò giù. Massaggiò la sua asta reale in modo lento e cadenzato, godendosi la sensazione della pelle che scorreva. Pensò alla sua bocca e a come sarebbe stata bene con dentro la sua virilità.

*TOC TOC*

“Chi osa disturbarmi?” tuonò il Re.
“Sono io, Vostra Maestà, Xander.” Il Re lasciò la presa sulla sua erezione e cercò di rimettere insieme i pensieri, anche se era difficile non pensare alla vulva della sua amante e quel pensiero pompava il sangue in un modo feroce.
“Entra, Xander.” Non nascose la sua mascolinità. Il ragazzo che stava entrando era cieco fin dalla nascita, per questo aveva un olfatto sviluppatissimo. L’odore di eccitazione era inconfondibile.
“Spero di non avervi disturbato, Vostra Maestà.” disse calmo Xander, avendo intuito cosa stesse facendo, osservando il Re.
Era inquietante, sembrava quasi lo vedesse. Ma non c’era da stupirsi. Oltre all’olfatto, il ragazzo aveva acuito il senso dell’udito e del tatto. Anche il minimo dei movimenti non gli sarebbe potuto sfuggire. “No, tranquillo, ragazzo.” disse il Re, cercando di nascondere la sua scocciatura.
“Sono venuto qui per cambiare la candela, come da voi richiesto.”
“Perfetto. Appoggiala pure lì, sul comò. E porta via quella vecchia.” ordinò il Re con fare gentile.
“Certo, Vostra Maestà.” Xander si diresse a passo diretto e deciso verso il comodino. Sembrava conoscere bene lo spazio e non indugiava nei movimenti.
Il sovrano rimaneva colpito giorno dopo giorno dalle capacità di quel giovane.
Xander sostituì la candela consumata.
“Devo passare anche domani mattina a cambiarla?” chiese Xander sempre con una calma al limite dell’inespressività.
“Staremo a vedere...” disse il Re. Nella sua mente si materializzò l’immagine di Cornelia con un pancione bello gonfio. Magari con dentro due bei gemellini. L’erezione tornò a pulsare prepotentemente. “Ti farò chiamare, se ne avrò bisogno. E adesso lasciami solo, per favore. Dì al cuoco di cucinarti un’abbondante colazione, ordini del Re.”
“Vi ringrazio, Vostra Maestà.” disse il ragazzo, dileguandosi silenziosamente.
Il sovrano, finalmente solo, si rimise comodo, allargò leggermente le gambe sotto le lenzuola e cominciò a masturbarsi.

Continua

Questo racconto di è stato letto 2 1 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.