Un colloquio degenerato

Scritto da , il 2019-04-04, genere voyeur

E' una fredda giornata primaverile. Uno dei miei dipendenti più anziani è andato da poco in pensione. Sono rimasta fino a tarda ora in ufficio per i colloqui di selezione che preferisco svolgere personalmente senza affidare la selezione a società esterne.
E' difficile trovare la persona giusta per un determinato lavoro perchè oltre al curriculum e alle referenze devono saper sopportare carichi di lavoro anche pesanti se vogliono lavorare nella mia filiale. Le prime persone che si sono presentate avevano un bell' aspetto ma facevano fatica a sostenere una normale conversazione di lavoro. Altre invece avevano un curriculum professionale ma non volevano lavorare fino a tarda sera.
Stanca di fare colloqui inconcludenti, mi alzo dalla scrivania e vado a prendere il mio cappottino perchè voglio andare a casa, quando sento bussare alla porta.
Sbuffo e vado a risedermi dietro la mia scrivania. "Avanti, può entrare" dico ad alta voce. Dopo qualche secondo di attesa, si apre la porta ed entra un uomo. Potrà avere all'incirca una trentina di anni, è di media statura, con pochi capelli e porta gli occhiali. Non ha un bell'aspetto però se si dimostra competente il lavoro è suo.
Dopo avermi fatto i complimenti, inizia a raccontarmi della sua carriera lavorativa.
Mentre parla, abbassa continuamente gli occhi sotto la mia scrivania. Quel giorno indossavo un maglioncino, una gonna a tubino e sandali con zeppa. Teneva lo sguardo fisso sulle mie gambe. Forse, era timido, pensai. Quando accavallai una gamba sopra l'altra, si aprì lo spacco laterale della gonna e rimasi con la coscia scoperta.
La mia coscia nuda accavallata, fece gemere l'uomo. Gli feci una serie infinita di domande sulla statistica e alla fine chiesi la risoluzione di un complicato algoritmo.
Sorprendentemente, mi diede in pochi minuti tutte le risposte esatte. Ma mancava un ultima prova, quella decisiva che non doveva fallire se voleva il posto. Gli dico di uscire un momento dal mio ufficio. Poi, chiamo mio marito Gianfranco e gli racconto l'andamento del colloquio e lo sguardo insistente dell' uomo sulle mie cosce che mi lasciava perplessa. Insieme a Gianfranco escogitiamo un' ultima prova che l' uomo deve affrontare. Vado ad aprire la porta e invito l'uomo ad entrare nel mio ufficio.
Quando lui si siede sulla sedia, io faccio il giro della scrivania e vado a sedermi sul bordo del tavolo proprio di fronte a lui. "Incomincia a fare caldo in questo ufficio. Che ne dici se mi allegerisco di qualche vestito ?" gli domando con un sorriso. Lui non
risponde. Allora, afferro con entrambe le mani i bordi del mio maglioncino e lo alzo sopra la mia testa. Tolto il maglioncino, sono rimasta solo con il reggiseno. Lui rimane immobile. Mi strofino i seni con entrambe le mie mani e lo guardo negli occhi. Lui fissa il suo sguardo sulla mia scollatura ma rimane fermo, non si muove. Infine infilo la mia mano dentro la gonna ed inizio ad accarezzare le mie parti intime. Mi sto massaggiando le piccole labbra e questo mi provoca una forte eccitazione. Grido per il piacere e sorrido all' uomo. Anche se è ancora fermo al suo posto, vedo un rigonfiamento crescere dentro ai suoi pantaloni. Mi metto a ridere. Mi avvicino a lui. L'uomo inizia ad agitarsi sulla sedia. Avvicino la mia bocca al suo orecchio e gli sussurro di stare calmo. Lui alza gli occhi, guarda il soffitto e mi chiede se c'è del lavoro da fare.
E' la risposta che cercavo. Ha davvero un comportamento professionale. Sto per allontanarmi da lui, quando l'uomo mi afferra per un braccio. "Se non cè niente che possa fare per te, posso invitarti a cena ?" mi domanda. "No. Sta già arrivando mio marito. Ceno sempre con mio marito. Ora mi lasci il braccio e se ne vada via subito. Non rovini il colloquio che ha fatto finora. Devo valutare ancora altre persone. Alla fine di tutti i colloqui, le darò una risposta" gli dico ad alta voce. Ma l'uomo non se ne và. Mette le sue mani sui miei fianchi. Mi spinge sul bordo della scrivania e preme il rigonfiamaneto dei suoi pantaloni sopra la mia gonna. La sua erezione dentro i suoi pantaloni, mi eccita involontariamente. Gli tiro un pugno in faccia. Lui barcolla, ma tiene ancora le mani sui miei fianchi. Poi, appoggia una sua mano sul mio ginocchio, mentre l'altra sua mano mi accarezza la guancia. "Lo sai che sei una donna bellissima e intelligente. Mi fai proprio impazzire". La sua carezza sulla guancia, mi procura un brivido di eccitazione. Ma faccio finta di nulla e gli tiro un altro pugno in faccia.
Lui barcolla ancora ma le sue mani mi stringono ancora i fianchi. All' improvviso, si apre la porta e l'uomo viene bruscamente allontanato da me. Gianfranco, mio marito, ha afferrato l'uomo per il colletto e lo ha scaraventato a terra. L'uomo cerca di rialzarsi, ma Gianfranco, con un calcio, colpisce l' uomo ai testicoli. L'uomo cade ancora a terra. "Vattene da qui, immediatamente, altrimenti mio marito finirà per picchiarti selvaggiamente" urlo ad alta voce contro l'uomo che è ancora a terra. L'uomo si rialza e scappa via. "Ho già avvisato le forze dell'ordine.Appena esce dalla filiale, troverà alcuni agenti di polizia che lo arresteranno per tentata violenza nei tuoi confronti" mi dice dolcemente mio marito Gianfranco. "Sai caro, non torniamo subito a casa. Ho voglia delle tue coccole" dico a Gianfranco. Mio marito mi prende in braccio. Mi fa sdraiare sulla scrivania e si stende delicatamente sopra di me. Lui abbassa i suoi pantaloni e io mi tolgo la mutandina. Subito dopo, lo bacio sulle labbra. Lui apre la sua bocca e io infilo la mia lingua nella sua bocca. Le nostre lingue si intrecciano più volte, mentre io allargo le mie gambe e permetto al suo pene di entrare nella mia vagina. Sono già bagnata per cui il membro di Gianfranco entra velocemente dentro di me. Gianfranco affonda due volte nella mia vagina ed io ho un magnifico orgasmo. Lui continua a spingere ancora dentro di me e al quinto affondo viene anche lui. Sento il suo sperma scorrere dentro la mia fica. Lo bacio con passione sulle labbra. Poi ci rivestiamo e mano nella mano, io e Gianfranco andiamo a cenare.

Questo racconto di è stato letto 5 0 5 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.