Cornelia - La Prima Notte di Piacere

Scritto da , il 2019-04-04, genere etero


“Chi è?”
“Sono Angelina, Vostra Maestà. Porto Lady Cornelia per la vostra Notte di Piacere.”
A quelle parole, Cornelia cercò di rintanarsi come un paguro nella sua conchiglia. La differenza era che lei non aveva un guscio protettivo.
Era scoperta e indifesa
“Fai entrare solo la mia concubina.”
La mia concubina. Visto? Non c’era da crearsi grandi aspettative per questo Re. Non l’aveva chiamata nemmeno per nome. L’aveva chiamata sé come un si chiama un animale domestico, l’aveva nominata con lo stesso tono che si usa per parlare di un oggetto.
Di colpo sentì un terrore incolmabile. Il suo cuore era diventato di piombo, un macigno di carne e sangue che si muoveva in modo incontrollato e contro il suo volere. Le stava venendo da vomitare, le pareti si deformavano davanti ai suoi occhi.
“Lady Cornelia, vi prego di entrare.”
“No...” sussurrò lei terrorizzata. “Ti prego, non voglio entrare...digli che sto male...”
“Vi prego, Signora, fate come dice, vedrete che non vi farà del male.”
“Questo non lo sai!”
“Sì, invece. Non hai mai fatto del male a nessuna, il Re non è un bruto.”
“Ti prego...”
“Perché ci mettete così tanto, lì fuori?” domandò il Re leggermente stizzito da dietro la porta.
Angelina guardò prima la porta e poi Cornelia.
Poverina...
Stava tremando.
Non poteva disubbidire al volere del Re. Ma una cosa poteva farla.
“Ascoltate,” le disse sottovoce “voi entrate, io starò appostata qui fuori fin quando potrò. Se vi sentirò in difficoltà, busserò alla porta con una scusa e vi tirerò fuori. Ma sono sicura che non ce ne sarà bisogno.”
Cornelia non sapeva cosa dire. Il primo gesto di gentilezza e premura vero e proprio da quando era entrata in quel castello. Era rimasta impietrita, incapace di esprimere una frase di senso compiuto.
Non sapeva se fidarsi o meno.
“Ve lo prometto, croce sul cuore.” disse Angelina segnandosi una X sul petto con il dito. “E adesso entrate, per favore.”
Angelina non era abituata a dettare legge. Per carità, come poteva farlo, quando era lei quella a dover rispondere ai comandi dei potenti? Ma in quel momento, la ragazza aveva bisogno di una svegliata. Non sarebbe servito a niente continuare a tranquillizzarla con eccessiva dolcezza.
Cornelia sembrò comprendere.
Entrò lanciandole un ultimo sguardo confuso.

La camera era completamente oscurata, tranne che per la luce di una candela appoggiata sul comò accanto al letto. Non si riusciva a vedere bene l’ambiente circostante, ma Cornelia percepiva la grandiosità di quello spazio. Non grandiosità solo in fatto di dimensioni, ma proprio come importanza. L’aria che si respirava era un’aria da nobile, di lusso, di comfort.
C’era un profumo intenso nell’aria.
Cornelia si sorprese ad inspirare a pieni polmoni.
Miele e...lavanda? Forse anche cannella.
Tre profumi insieme eppure nettamente distinguibili.
“Vieni più vicino, mia cara.” una voce calda e profonda venne dall’oscurità.
Trasalì. Era una voce che sì, esprimeva un ordine, ma non in maniera tirannica...era quasi un dolce invito.
Dolce quanto quel profumo.
“Non avere paura.” disse di nuovo la voce.
Come poteva fidarsi? Aveva sentito tante volte quell’espressione, il più delle volte dai banditi che avevano saccheggiato la sua casa. Con un tono sarcastico e divertito.
Il Re, invece, sembrava dirlo sinceramente.
Cornelia decise che forse era il caso di dargli una possibilità. Aveva imparato che più si combatte e più ci si fa male.
Si avvicinò al letto.
Silenzio.
Poteva chiaramente distinguere una sagoma seduta su un lato.
L’ombra si alzò e si avvicinò silenziosamente verso di lei. Cornelia trasalì e si tirò indietro istintivamente, colta da uno strano senso misto a disagio e sottomissione.
L’uomo di fronte a lei la prese al volo tra le sue braccia e la baciò.
Rimase impietrita. Quell’uomo odorava di miele, lavanda e cannella.
Le sue labbra avevano il gusto di quei tre aromi. Era come poggiare la bocca sul più buono dei dolci. Era semplicemente irresistibile.
Accolse la lingua del Re nella sua bocca, mentre le sue pupille si dilatavano come sotto l’effetto di una sostanza allucinogena.
Lui percorse le curve del suo corpo con fermezza, disegnando dei cerchi con i palmi delle mani sui suoi glutei.
Il profumo le stava dando quasi alla testa, il mondo girava attorno a lei. Chiuse gli occhi per non pensare a niente e chiudere fuori tutte quelle inutili preoccupazioni che prima l’assillavano come tanti voci di diavoli.
Gemette e sospirò nella bocca del suo Re, che ricambiava il bacio con foga e voglia. Le stava mangiando le labbra, lasciando una scia di saliva su tutto il suo giovane muso.
Cornelia percorse le sue possenti spalle con le mani, premendo quasi volesse affondare in quella carne.
“Non così in fretta, tesoro...” disse il Re con un sorriso malizioso “Anche io ti desidero...” e a prova di ciò prese una mano della sua dama portandola sulla sua erezione.
Cornelia quasi non si stava rendendo conto che stava letteralmente massaggiando la virilità del suo Re da sopra il tessuto. Un membro possente quanto il suo proprietario.
Sentì un brivido nel basso ventre. Il vuoto del suo utero stava attirando la sua attenzione. Quasi insistette più del dovuto su quell’erezione.
“Ti ho detto di no, mia cara. Voglio prima esplorarti.” disse lui con decisione, quasi staccandosi da lei.
Cornelia emise un lieve lamento. Non poteva allontanarsi da lei!
“Ci siamo intesi?” chiese lui alzando un dito quasi in segno di ammonizione “Fai la brava.”
Cornelia non rispose, lo guardò con quei suoi occhioni grandi e accennando un sì con la testa.
Il sovrano le accarezzò una ciocca di capelli, mentre con l’altra mano le alzava la gonna.
Il corpo di Cornelia venne percorso da un brivido di puro piacere. Le sue mani erano come fatte di seta morbida.
Le dita reali arrivarono al suo bocciolo carnoso, aperto e pronto, colante rugiada profumata.
Portò le dita al suo naso e inspirò a pieni polmoni: “Non vedo l’ora di assaggiarti...” disse lui con aria quasi sognante.
Cornelia pendeva dalle sue labbra.
Con il medio cominciò a solleticarle il bottoncino, bagnandosi il polpastrello con i suoi umori.
Scosse elettriche percorrevano il corpo della ragazza come se l’avesse presa in pieno un fulmine. Dischiuse la bocca e quasi gridò quando lui ci infilò dentro le dita.
Cornelia si aggrappò alle sue spalle, ansimando e godendo come una fuori di sé. Il vuoto del suo utero non era ancora colmo, ma era già un inizio estremamente piacevole.
Allargò le gambe e inarcò la schiena, per sentire meglio quei due pezzi di carne. Liquido afrodisiaco colava copiosamente lungo il suo interno coscia e Cornelia non riusciva che a sentire l’orgasmo imminente.
Il Re ne approfittò per assaggiare di nuovo la sua lingua. Nella stanza si potevano sentire solo lo sciacquettio dell’indice e del medio all’interno di Cornelia, i suoi gridolini estasiati e lo schiocco dei loro baci.
“Vieni per me.” ordinò lui aumentando la pressione delle dita e la velocità di penetrazione.
Le gambe di Cornelia tremarono, la sua vista si fece annebbiata e cadde a terra, nella pozza dei suoi stessi umori.

Continua

Questo racconto di è stato letto 2 9 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.