L'amore bussa alla porta

Scritto da , il 2019-03-29, genere etero

Ho già pubblicato questo racconto col nick di Passepartout.


Un corriere mi aveva consegnato le chiavi dello chalet e le indicazioni stradali per raggiungerlo;
da quando mi aveva telefonato due settimane prima, tutto era pronto per la partenza, una borsa di pelle marrone col necessario era pronta e tre giorni di ferie certificavano il mio viaggio verso il lago.
Ci eravamo conosciuti durante una vacanza estiva in un'esclusiva isola greca, nei mesi successivi quando il suo lavoro glielo permetteva, c'incontravamo.
Ho superato da poco i quaranta e mi ritengo una donna interessante e piacevole, nutro diversi interessi e adoro sentirmi indipendente, questo rapporto libero era quello che faceva per me.
Uscii di casa a mezzogiorno e mi diressi con verso lo chalet, seguendo con minuzia le indicazioni.
Non ero mai stata in quella zona ma sapevo dai racconti di amici che si trattava di un posto molto suggestivo, immerso nella natura.
La strada sgombra costeggiava la campagna ed il sole di ottobre riscaldava la pelle e lo spirito.
Lasciai la statale e svoltai a sinistra per una piccola stradina che digradava verso il lago, percorsi un centinaio di metri vidi lo chalet.
Posteggiai l'auto nello spiazzo antistante la casa, presi le chiavi e scesi.
C'era un folto bosco tutto intorno e dopo aver girato il lato est dello chalet trovai un piccolo pontile con una barca a remi attraccata; le uniche case che si vedevano erano sulla riva opposta, gli uccelli cinguettavano, le anatre nuotavano nel lago ed i colori dell'autunno cominciavano a colmare la natura.
Respirai profondamente mentre chiudevo gli occhi, cercando di assorbire quell'energia vitale che solo in questi luoghi percepisci totalmente.
Il telefono squillò improvvisamente, frantumando quell'idilio, era lui. Mi spiegò che aveva avuto un inconveniente e non sarebbe potuto giungere prima dell'indomani; si scusava e mi pregava di godermi il resto della giornata come meglio credevo, lui avrebbe fatto il prima possibile.
Rimasi delusa da quella notizia, avevo già immaginato l'accoglienza che gli avrei riservato ma dovevo rimandare.
Tornai all'auto e presi la borsa, ero curiosa di vedere l'interno dello chalet; la toppa non esitò quando la chiave girò nel tamburo ed il portoncino di legno si aprì.
Mi trovai in un ampio disimpegno con un piccolo ripostiglio sulla destra, davanti si apriva una sala nel cui arredamento spiccava la mancanza del superfluo: un divano, una poltrona, un piccolo tavolo e due vecchie credenze.
Di fronte si apriva la porta della cucina, che si affacciava sul lago ed il pontile, sul lato destro una spaziosa camera da letto che dava sul lato est, sul lato opposto, il bagno.
Un letto di legno da una piazza e mezzo, con una mensola come spalliera era al centro della stanza, completavano l'arredo un ampio armadio e un comò.
Spalancai tutte le imposte e tornai in salotto, sedendomi davanti al piccolo camino, presi alcuni dei ciocchi posti di fianco alla muratura e lo accesi, cercando di asciugare l'umidità dell'aria.
Sul tavolo c'era un biglietto, riconobbi la grafia: mi invitava a mettermi comoda e godermi la sorpresa che aveva lasciato nel primo cassetto del comò.
Spinta da una morbosa curiosità mi precipitai in camera e quando aprii il cassetto lo trovai...un vibratore di medie dimensioni ed un altro biglietto avvolto da un fiocco rosso.
Sorrisi al pensiero dell'uso che ne avevo fatto in passato e del gioco che mi suggeriva il mio amante.
Mi sedetti sul divano e lessi il biglietto, nel quale mi spiegava cosa avrei dovuto fare: sdraiarmi nuda davanti al fuoco ed iniziare a carezzarmi i seni, lasciando che i capezzoli s'inturgidissero, poi scendere con le dita tra le cosce, lambendo le labbra glabre, mentre con l'altra mano avrei dovuto solleticare il bottoncino rosa che dimorava sul monte di venere.
Non appena il mio sesso si fosse bagnato avrei dovuto usare il vibratore, accenderlo e strofinarlo prima sulla clitoride e poi all'interno del solco, prima di penetrarmi con dolce vigoria.
Seguii le disposizioni alla lettera, immaginando che lui fosse seduto davanti a me, poi la mia fantasia mi fece deragliare e mi regalai delle piacevoli variazioni.
Quel posto era tutto quello che avevo sempre desiderato, un ashram lontano dalla città nel quale scaricare ogni tensione e ricaricare lo spirito; un luogo nel quale celarmi agli occhi di quel mondo che non desideravo ricordare.
Mi preparai un bagno e mentre le volute di vapore riempivano la stanza, i miei ricordi iniziarono a materializzarsi.
Il primo bacio sulla spiaggia palermitana, il timore nei gesti e quella sensazione di bagnato che proviamo tutti; una scoperta quasi brutale, che immaginiamo diversamente; poi le mani di lui, più esperte che scendevano tra le cosce, cercando quel calore che non ero pronta a cedere e allora le lacrime dell'abbandono, il conforto di un nuovo abbraccio e così via per molto tempo; fin quando il cuore si fa più duro, la pelle si ispessisce e tu decidi di aprire la porta solo agli sconosciuti che non vogliono troppo, perchè sai di non poter dare oltre delle piacevoli notti o forse è ciò che vuoi credere, perchè tu speri che arrivi ancora il principe azzurro.
L'acqua si era freddata, mi asciugai. Indossai una felpa ed un paio di jeans e uscii sulla veranda della cucina.
Si alzò un vento fresco che mi costrinse a recuperare un plaid dall'armadio della camera, tra poco il sole sarebbe tramontato ed io mi sedetti sulla sdraio, in attesa di godermi quello spettacolo che si rinnova ogni giorno.
Un grosso tuorlo fiammeggiante si stava sciogliendo in un albume verde e calmo, creando riflessi di luce tutto intorno come in una tela impressionista.
Quando il sole scomparve completamente mi diressi in cucina dove trovai del cibo in frigo, mangiai e poi tornai a distendermi sul divano, davanti al fuoco.
Fissavo ipnoticamente quella fiamma mentre tornavo indietro con la memoria alla prima volta che avevamo fatto l'amore.
Ricordavo le sue mani morbide che mi carezzavano mentre le nostre labbra si schiacciavano tra loro e le nostre lingue strofinavano voluttuose, era un amante fantasioso e attento.
Amava i preliminari e si era dedicato al mio sesso con passione succhiando il nettare del mio piacere; da parte mia avevo ricambiato con desiderio, suggendo il pene con maestria, poi i nostri corpi si erano fusi e lui era affondato nel mio fodero di velluto.
Mi ero eccitata a quei ricordi, andai in camera e mi spogliai. Mi misi davanti allo specchio e mi guardai.
I lunghi capelli ricci si adagiavano sulle piccole spalle, avevo occhi scuri e profondi, luminosi come il sorriso, reso unico da un incisivo superiore leggermente sovrapposto.
I seni generosi sembravano più grandi rispetto alla mia figura minuta, le areole piccole e scure contornavano i capezzoli eretti; scesi con lo sguardo al ventre piatto e giù fino alla collina del mio sesso, carezzai la sottile striscia di peli scuri che incorniciavano le mie labbra carnose, le schiusi leggermente, sembravano valve di una pianta carnivora, conoscevo molti uomini che avrebbero voluto esserne inghiottiti, lasciai che le mie dita si bagnassero del mio miele e poi le leccai, immaginando fosse lui a farlo.
La notte lo avrebbe condotto a me, pensai a cosa avrei indossato al suo arrivo: il tubino con le calze autoreggenti e l'intimo di pizzo, tutto rigorosamente nero, su tacchi da 12.
Mi addormentai sognando il suo arrivo, un messaggio dal cellulare mi svegliò l'indomani...l'amore bussava alla porta.
Avevo guidato tutta la notte per raggiungerla, non vedevo l'ora di abbracciarla e di baciarla, sentire il calore del suo corpo minuto avvolgermi come una calda coperta di lana.
Bussai alla porta e dopo qualche minuto si aprì; i suoi occhi scuri mi fissavano quasi increduli e il sorriso imperfetto e unico si spalancò su di me, i capelli arruffati la facevano sembrare una leonessa con la criniera, la strinsi e annusai il profumo della sua pelle, la trascinai in casa e spogliandomi nel salotto la spinsi sul letto sfatto e caldo per fare l'amore.
Non risparmiai attenzioni, la distesi sul letto profumato e m'infilai tra le sue cosce aperte, schiusi il sesso depilato e iniziai a succhiarle la clitoride gonfia, la sentivo sotto la mia lingua mentre due dita scomparivano dentro di lei andando a stimolare la parete superiore della vagina, le sue mani spingevano la mia testa ancora più in fondo, un lamento si alzò nella stanza.
Quando riemersi da quell'eden l'estasi le irradiava il volto, il sole entrava dalla finestra e illuminava i seni turgidi, cominciai a succhiarle i capezzoli e infine la baciai con passione, mentre il mio corpo si tendeva sopra di lei per penetrarla, le sue gambe si intrecciarono dietro i miei fianchi accogliendo i colpi rapidi e profondi, esplosi dopo qualche minuto come lava di un vulcano.
Ci accoccolammo uno di fianco all'altra e ci stringemmo mentre il sonno s'impadronì di noi.
Al risveglio la fame ci divorava, ci alzammo e facemmo una doccia insieme, nella quale lei si prese cura del mio sesso, carezzandolo con le sue labbra e dopo esserci vestiti uscimmo.
Conoscevo un ristorante intorno al lago molto discreto e nel quale si mangiava bene.
Ci accomodammo in una saletta riscaldata e con una vista magnifica su quella porzione di lago, ordinammo del pesce e due calici di vino bianco, era radiosa; mi raccontò alcuni aspetti del viaggio, di come si fosse divertita con il mio regalo e che avrebbe voluto provarlo con me, sorrisi malizioso immaginando l'effetto e le bisbigliai di togliersi gli slip e di porgermeli, la mia richiesta in un primo momento la colse in imbarazzo ma poi dopo uno sguardo carico di sensualità, si guardò intorno e considerata la totale assenza di altri avventori, si mosse sulla sedia per fare scivolare dai fianchi il sottile indumento, prima che lei si abbassasse per raccoglierlo, ero già sotto il tavolo per gustarmi lo spettacolo delle sue gambe schiuse e del suo sesso nudo, ebbi un'erezione.
L'idea che per tutto il pranzo fosse stata senza slip mi eccitava tremendamente, si sa che l'erotismo parte da uno stato mentale per giungere a quello fisico, creare questi giochi cerebrali davano scariche di alta tensione.
Uscimmo e facemmo una passeggiata su lungolago, era una bella giornata ma fredda, così ci stringemmo mentre parlavamo di ciò che avremmo potuto fare il giorno seguente e di aneddoti trascorsi, non ci vedevamo da qualche settimana e stavamo aggiornando i nostri diari.
Lo spettacolo della natura era notevole ed eravamo tra i pochi che se lo stavano godendo, incontrammo un paio di persone nella nostra camminata, sembrava che tutti fossero occupati altrove; raggiungemmo un chiosco chiuso durante la stagione invernale, una struttura in legno con una patio, costruita con cura ed estetica, ci fermammo all'interno per proteggerci dal freddo e ci baciammo ardentemente, eravamo due fiamme che s'incontravano, le nostre mani cominciarono a cercare lembi sempre più estesi dei nostri corpi, poi la feci poggiare alla balaustra del patio e scivolai dietro di lei, m'inginocchiai e infilai la testa sotto la gonna nera che indossava, risalii le cosce leggermente divaricate e lambii le natiche sode, infilai la lingua che le divideva e iniziai a leccare l'oscuro antro che si trova al centro, iniziò a contorcesi dal piacere; non pago, ampliai il movimento fino a comprendere la fica bagnata di umori profumati, dopo diversi minuti mi sollevai, alzai completamente la gonna sui fianchi e aperta la patta dei pantaloni la scopai in riva a lago, mentre le anatra starnazzavano felici ed una barca al largo sembrava fissarci incredula.
Tornammo allo chalet per gustarci il tramonto insieme. Dopo cena ci sdraiammo sul divano davanti al caminetto acceso e facemmo ancora l'amore, giocando col vibratore che le avevo regalato.
Questa donna mi stava regalando delle emozioni che non provavo da tempo, mi dispiaceva perdermi gesti quotidiani che avrebbero forse cementato il nostro rapporto, ma conoscevo me stesso e conoscevo le storie che avevo avuto, la routine aveva sempre rovinato tutto, probabilmente c'era in me un'incapacità di vivere pienamente questi rapporti, così benedicevo il fatto di non poter vivere insieme, di lavorare altrove e di poterci vedere saltuariamente ma con regolarità per assorbire la positività che emanava e la carica erotica che sprigionava.
Partimmo il giorno dopo, lei mi accompagnò alla stazione e ci lasciammo come era accaduto altre volte, con la promessa di ritrovarci al più presto.

virgil.oldman@libero.it

Questo racconto di è stato letto 6 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.