Ti odio, ti odio

Scritto da , il 2019-03-16, genere etero

Quanto tempo è che ci conosciamo?
...Saranno quattro cinque mesi.
È lo stesso periodo in cui ti sei attaccata al mio cervello. Sette su sette, acca ventiquattro.

"Lontano dagli occhi, lontano dal cuore..." si dice.

A volte ci sono le eccezioni.

Sono due tre mesi infatti, che evito accuratamente di vederti e incontrarti. Ma nulla è diverso. Resto sempre col cervello colmo di puttanate da verginella che mi riportano a te.

Poi oggi, sono in compagnia, che cammino e sei lì, anche tu insieme ad altri.
Qualcuno si ferma a parlare con te.
Non avevo idea che ti conoscesse...

È la prima volta che vedo tuo marito. Sta badando ai vostri figli che giocano, mentre tu stai chiacchierando.
Porca vacca.
È oggettivamente un bel uomo...
È pure più giovane di me...

...Ma cosa cazzo ho in testa?

Che cosa stracazzo mi frulla nel cervello?

Me ne sto qui ad elucubrare, mentre sono spettatore silenzioso di ciò che mi accade intorno, senza in realtà esserne coinvolto, nemmeno a livello sensoriale. Mi sento invisibile. Nessuno mi guarda, nessuno sembra accorgersi ch'io sia qui.
Forse vorrei essere altrove.
Tu pare che non mi conosca e che nemmeno ti interessi di sapere chi sono.
Tutto questo finché, d'un tratto, e non capisco neanche perché, vengo interpellato in merito a non so che questione.
Mi si chiama in causa nella vostra ignota conversazione e non ne conosco il motivo.
Mi chiedo che roba mi stanno domandando perché non sono in grado di sapere se potrò rispondere. Eppure lo faccio, automaticamente, pronunciando parole oscure, delle quali mi sfugge assolutamente il significato; non so in verità, minimamente che cosa sto dicendo...
Epperò finito che ho di parlare, non posso fare a meno di incrociare il tuo sguardo e salutarti.
Tu invece, non rispondi al mio ciao e mi guardi pure con aria severa.

Sono quegli occhi.
Quegli occhi adorabili che conosco.
E pure, non lo sono.
Mi pungono come sale grosso sulla lingua, anziché rinfrancarmi con quel dolcissimo zucchero, cui mi avevi abituato.
E la cosa mi spiazza davvero.

...Ma c'è qualcosa.
C'è qualcosa di infinitesimale.
C'è qualcosa che non riesco ad individuare in quel comunque, bello sguardo.
Zoommo, cerco di mettere a fuoco... riprovo a capire, ripeto l'operazione... Poi eccola lì.

Porca puttana miseria baldracca.

In fondo a quel blu che ci si perde, è lì.
Una stilla di patimento.
Una punta di sofferenza.

Ed è una pugnalata nelle mie viscere.

Mi sento in colpa.

Capisco solo adesso, di averti sbattuto la porta in faccia senza un apparente motivo.

Sono uno stronzo bastardo.
Sono proprio un pezzo di merda.

Ok. Ok.
Va bene, non è giusto.
Non è giusto.
Non posso fare così.

E infatti non ti evito più.

Tu torni a sorridermi.

...Sarà per colmare il senso di colpa, ma non ritiro più le cose belle che ti dico. E tu l'apprezzi più del gioco che facevamo prima. Sono come un papà che fa contenta la sua bambina.
No, no, non è che non giochiamo più a sputtanarci... però quando ti dico qualcosa di carino, resta tuo. Per sempre.
Così, mi guardi con occhi furbetti, seminascosti dalla fronte; e rimani con quel sorriso sulle tue belle labbra, che paiono disegnate... a crogiolarti in quel effimero benessere che sono riuscito a darti.
Come adesso che siamo in mezzo alla gente, ma un po' in disparte a... buh... un metro, un metro e qualcosa di distanza l'uno dall'altra, che in risposta a una cosa piacevole che ti ho detto, mi guardi felice e mi chiedi se sono vero...

-Me lo domando spesso anche io. Alle volte credo di essere solo frutto della mia fantasia...-

Tu ridi. Io me ne compiaccio.

-...Hai una risata bellissima... Ti dona.-

Hai scritto in faccia di esserne lusingata e mi ripaghi, lanciando un'intera tanica di benzina sul fuoco già vivo, del mio narcisismo.

-...Ma come cazzo fai ad essere ancora più bello dentro, che fuori? -

Mi sorridi e io devo fare un buco del culo con le labbra, per arginare lo straripamento di quel sorrisetto ebete e compiaciuto che sta esondando sulla mia faccia...

-...Smettila, ché se qui c'è qualcuno di bello, sei tu... che sei bellissima.-

Ecco, è per te. È per sempre.
Ed io invece, resto qui a lottare con me, che ho un impulso nervoso simpatico. Vuol far alzare le mie braccia verso te, per stringerti. Per coccolarti, per farti sentire i miei palpiti, per farti entrare dentro di me, nella mia testa, nel mio sentire.
Non so minimamente dove cazzo trovo l'energia per controbilanciare questo stimolo.
Ma ce la faccio. Quasi cagandomi indosso dallo sforzo.
Roba da ridere...

...Ma anche no. Sento le braccia ardere, ed è una sensazione vera, viva, tangibile.

Devo farmi vedere da un medico.

Passano i giorni e tu ed io, sempre più in confidenza, ridiamo, ci prendiamo in giro.
E spesso mi tocchi il braccio con la tua manina. È un gesto d'affetto, in risposta alle cagate che dico. È amichevole, ma a me fa svalvolare. Non dico nulla e sono sempre concentrato a fare attenzione che non traspaia l'esplosione nucleare che provochi con quel semplice innesco.
Sto bene. Sto troppo bene.
Ma mi fa male. Parecchio male.
Eppure l'unica cosa che mi si prospetta, è provare a convivere con tutto questo tumulto di sensazioni ed emozioni, che non sono in grado di rimandare da dove sono venute. E delle quali non posso parlare con nessuno.

E poi c'è la cena.
Che arrivi che non ti ho mai visto così figa.
Stai quasi sempre vicino a me, anche quando ci sediamo.
Siamo diventati due buoni amici. Sbevazziamo un po'.
Usciamo a fumare insieme agli altri. Ed è lì che mi chiedi se ti posso accompagnare in bagno che così ti tengo la borsa e ti guardo la porta...
Eh?
La borsa?
La porta?

-Certo, ti faccio volentieri da portaborse-guardaporta. È il mio sogno da una vita. Ho sempre desiderato farlo di mestiere, fin da quando andavo all'asilo.-

-Scemo!-

-Hai ragione, sto mentendo. Ho sempre voluto fare l'appendiabiti, ma questo è meno sedentario...-

-Piantala e tappati le orecchie, non mi piace che ascolti il rumore della pipì.-

-Zì badrona, ma io avere zolo due mani, due oregghie, come fare denere anche giubino e borza?-

-Ma non ti stanchi mai di dire stronzate... Ahahah.-

-No. In effetti no... È il mio hobby.-

-...Fa' come cazzo vuoi, allora..-

...

-Üllamiseria, non hai una viscica, hai una damigiana..-

-Ahahah, va a cagare...-

-Eh, magari... Il bagno è occupato da una che s'è chiusa dentro e pare non voglia uscire più...-

-Ahahah... Scemo!-
...
La porta si apre. Esci che ti stai ancora sistemando la gonna. Sei divertita e come sempre, stupenda.
Ti porgo il giubbino, lo indossi.
Ti do la borsa e te la infili sulla spalla.
Poi ti sistemi i capelli e mi dici qualcosa che non sto a sentire.
Sto pensando, fanculo tutti.
La mia mano sinistra...
La mia mano sinistra?
... Mica sono mancino ...
Beh, comunque, prende e si muove da sola. La vedo partire con la coda dell'occhio, ti prende e ti porta alla mia bocca e tu e io ci stiamo già baciando.
Dura poco.

Il peggior bacio che ho mai dato in vita mia. Sono stato goffo. Davvero.
Rigurgitante di desideri repressi... ho finito per essere come un undicenne al suo primo bacio.
Quanto schifo ti avrà fatto?

Ci guardiamo un po'... increduli?

-Scusami... scusami davvero, non so cosa mi è preso... Devo essere un po' ciucco.-

-...Non fa niente. ...Mi sa che lo sono anche io...-

Stiamo lì per interminabili secondi, come due cretini.
Ci guardiamo negli occhi. Che non sappiamo a far ché.
E dopo, come un film.
All'unisono, senza parole, ci avviciniamo e le nostre bocche si attirano di nuovo, i nostri occhi saltano dalle labbra dell'altro a guardarsi di nuovo, le nostre teste si piegano per far posto ai nostri nasi...
Ti assaggio di nuovo.
Wow.
Non mi sembra vero.
Questo sì che è un bacio. Che bello. Che buono. Il tuo sapore.
Le mie mani ti prendono i fianchi.
Le tue, scalano le mie spalle e si agganciano al collo.
Sono un fremito. Mi sembra di morire.
Ti accarezzo tutta la schiena, i fianchi... non ci posso credere che sei fra le mie mani.
Mi balza in mente un secondo, il fatto che se entrasse qualcuno saremmo nella merda...
Fanculo.
Continuo ad accarezzarti la schiena, mentre le nostre lingue si ispezionano, si accarezzano, si assaggiano...
Posso toccarti le spalle, mentre ti nascondo nel mio petto.
Ho voglia di...
Ti prendo in braccio e tu sei sorpresa, ti piace, mi guardi raggiante, come una bimba che vede il suo regalo sotto l'albero di Natale e mi baci con più foga.
Non ho la più pallida idea di quanto tempo dura quel bacio, ma non mi importa di nulla, e giuro che me lo godo tutto.

...Chissà che penseranno gli altri che non ci vedono tornare...
Sentiamo dei rumori nel corridoio. Ci ricomponiamo, e usciamo dalla parte opposta per uscire a fumare... per fare gli gnorri.

Passeremo tutta la sera vicini, frementi, tenendoci e tormentandoci la mano sotto il tavolo, mentre tutti sono all'oscuro di noi.
...
È tardi, mi offro di accompagnarvi a casa a piedi. Tu sei quella che abita più lontana. Come ci ritroviamo da soli, non riusciamo a non toccarci, accarezzarci. Cerchiamo i coni d'ombra fra i lampioni per baciarci, consumarci...

-Siamo dei pazzi. Lo sai?-

-Lo so, sono un pazzo. Non mi fai capire un cazzo. Sono completamente rimbecillito.-

-Sta' zitto, ché io muoio.-

-Ma cosa mi hai fatto? Non sono mai stato così... Tu sei una strega, tu mi hai fatto un filtro d'amore... Non riesco a pensare ad altro...-

-Non dire stupidaggini, pensi di essere l'unico a sentire delle cose?-

Ti stringo d'impeto e ti bacio...
Sei appassionata... Ti palpo il sedere... e tu ti fai ancora più appassionata.
Ti strusci.
Sto andando fuori di testa...

Il manico della mia daga, spinge per essere impugnato.
Sono barbaro, ma io con te non voglio fare la guerra.
Voglio porgerti la mia lama, solo perché tu la possa riporre nel tuo fodero, quante volte vuoi. Voglio fare l'amore. Ti desidero. Sono pazzo. Ti mangerei. Mi mandi al manicomio. Non sono più padrone di me stesso...

Anche tu sei presa, ma preoccupata...

-Siamo in mezzo alla strada e c'è un bel po' di gente che ci conosce qui intorno... se qualcuno viene alla finestra siamo nei guai...-

Ti porto per mano in una laterale e abbiamo la fortuna di trovare un furgone addossato alla parete. Ci mettiamo dietro, nascosti, e torniamo a baciarci.
Poi di nuovo ti agiti...

-Io non posso, non posso. Io sento le farfalle nello stomaco. Non va bene. Non va bene così...Non posso innamorarmi di te...-

Ti vedo in difficoltà e non mi piace...
Mi sento di nuovo in colpa.

-Hai ragione. Cazzo. Hai ragione: è meglio se la chiudiamo qui... Sono uno stupido. Sono un egoista. Perdonami. È colpa mia.-

Ma tu pieghi la testa in avanti, mi prendi per il bavero e mi porti alla tua bocca. Ed è un altro bacio pazzesco.

Sto sclerando.
Ti apro la camicetta e gioco con i tuoi capezzoli turgidi. Dici di odiarmi. Ti allontani ancora da me. E vedo una te che mi si stampa nella testa e non si schioda più da lì.
I capelli spettinati che cadono sulle tempie formando una tendina che lascia vedere il tuo sguardo drogato di desiderio. Sei in pieno viaggio, con le palpebre che tagliano quasi a metà le iridi, che a loro volta sono quasi defenestrate dalle tue enormi pupille. La camicetta aperta e il tuo piccolo seno che si mostra sfacciato, come te.
Siamo su un marciapiede, in strada e non te ne importa, nemmeno ti copri. Scuoti la testa mentre continui a ripetermi...

-Ti odio, ti odio, ti odio, ti odio...-

Rinsavisco per un attimo.
Non so se gioirne o preoccuparmene.
Cazzo.
Ti ho già scopato il cervello, e senza nemmeno rendermene conto.

Sono interdetto, non so che fare, né cosa dire.

Mi tiri ancora un'altra volta per il bavero e prendi a baciarmi ancora. Poi mi riallontani...

-Lo sai o no, che non possiamo?!-

E poi non mi fai rispondere, riprendi a baciarmi.
Fai per andare a cercarmi l'uccello, ma desisti subito, alzando le mani, in segno di resa.
Poi prendi a scuotermi ripetendo...

-Ti odio...Ti odio, ti odio, ti odio, ti odio...-

Io ancora non so cosa dire...
È una sorpresa per me vederti così.
Pensavo che fosse tutto nella mia testa. Che tu non sentissi nemmeno una fetta delle cose che provo io... Che fosse solo una mia pazzia... Ma tu davvero...?

Mi squilla il cellulare.
Una voce assonnata e preoccupata mi chiede dove sono, mi dice che è tardi.

-È mia moglie...-

E allora, muoio di morte terribile dicendoti...

-...È davvero tardissimo... Forse è meglio se torniamo a casa... Finisce sennò, che sono cazzi per tutti e due...-

Questo racconto di è stato letto 1 7 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.