Erotici Racconti

L'ascensore erotico

Scritto da , il 2019-03-15, genere scambio di coppia

L'ascensore erotico

Amelia e Giovanni si amano intensamente, ridono, giocano con la sensualità, si abbracciano e si amano. Sono in un ascensore pienissimo. Giovanni si appoggia alla parete ed Amelia è davanti a lui, appoggiata a lui. Veste con una bellissima gonna rossa che arriva alle ginocchia. Accanto a Giovanni si trova un altro uomo sconosciuto. E' a contatto stretto di braccia con Giovanni e si trova in contatto con Amelia che le sta davanti. Amelia e Giovanni parlano, ridono, si sentono allegramente premuti da tutte le altre persone. Giovanni vuole provocare Amelia, senza farsi vedere. Con una mano le alza lentamente la gonna e le accarezza una coscia. Amelia è eccitata e divertita. Sente la mano sensuale di Giovanni avanzare. Ma sente anche la presenza dell'altro uomo, di dietro. Non riesce a spostarsi. Sente una seconda mano muoversi sulla gonna, va sotto. Si accorge che la mano è dell'altro uomo. Prima si spaventa, ma poi fa finta di nulla, asseconda, facendo credere che sia sempre Giovanni a muoversi. L'uomo sconosciuto si sente accettato, quasi invitato al gioco misterioso. Allora va con la mano sotto la gonna, e palpeggia intensamente la gamba di Amelia vicina a lui. Anche Giovanni, che non si è accorto di nulla, accelera le carezze. Amelia sente le due mani avvicinarsi al suo tempio. Lei è molto eccitata e si abbandona, i suoi liquidi scendono verso le cosce, bagnano le due mani. Lei sente la forte erezione di Giovanni, sul fianco. Ma sente anche una prepotente erezione dell'uomo sconosciuto sull'altro fianco. Allora Amelia vuole intensificare la situazione. Sono tutti premuti anche con altri, ma un po’ alla volta, a costo di strofinarsi ovunque, si mette accanto a Giovanni e lo fa spostare, in modo da rimanere pancia a pancia con lui. Ma coni suoi movimenti Amelia fa in modo di provocare lo sconosciuto, che si volta di profilo. Amelia sente potente allora l'erezione di Giovanni sul suo ventre, ma sente anche la potente erezione dello sconosciuto entrarle quasi fra le natiche. Giovanni è molto eccitato, vuole rendere la situazione più eccitante, pone le mani sui seni di Amelia. Lei si abbandona dondolando fra i due uomini. Giovanni le apre leggermente la camicia, con le mani va a salutare i suoi seni. Solo ora si accorge dello sconosciuto, accetta ridendo il gioco, bacia furiosamente Amelia. Poi, sempre fra i strofinamenti, volta Amelia verso l'altro, in modo che anche l'altro possa baciarla. Le persone intorno si sentono invase da una sensazione di fuoco erotico giocoso, contagioso. Intanto le loro mani hanno raggiunto il tempio di Amelia. Giovanni la va sollecitare sul clitoride già imbizzarrito. L'altro le suona con le dita fra le natiche, poi scende, incontra la mano di Giovanni, ed insieme, complici sconosciuti, amano così Amelia, ormai stravolta e felice. L'ascensore continua a salire, le persone arrivano ed escono, e salutano con una dolce e veloce carezza i tre amanti. Amelia, Giovanni e d Enrico, lo sconosciuto, si distaccano dolcemente, si presentano,si abbracciano. Giovanni invita Enrico ad andare a pranzo con loro, con il tacito consenso di Amelia.



Questo racconto di è stato letto 1 9 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.