Erotici Racconti

La lingua

Scritto da , il 2019-03-15, genere etero

La tragedia erotica di una madre in cinque atti

[Domandate di grazia a quel demonio lì per che cagione mi ha così rovinato anima e corpo...]


Atto I
“The airport wait”

«Ma come faremo a riconoscerlo?».
«Ho visto una sua fotografia, non preoccuparti».
«E quanti giorni deve rimanere?».
«Te l’ho già detto, cinque giorni, gli stessi che io passerò a casa sua».
«Non capisco perché la scuola organizzi queste cose».
«Si chiama scambio culturale, lo fanno in un sacco di scuole».
«Bah..».
«Stai tranquilla mamma, andrà tutto bene».
«Sono tranquilla.. è solo tutto così strano..».
«Che c’è di strano?».
«Beh.. ospitare uno sconosciuto in casa.. per tutti quei giorni».
«Io l’ho conosciuto.. via mail.. ma comunque ci ho parlato».
«Via meil..».
«Anche i miei compagni di classe hanno un ospite, lo facciamo tutti».
«E quanto si ferma?».
«Di nuovo? È un bravissimo ragazzo mamma.. sta qui cinque giorni e poi se ne va».
«E dorme nella tua stanza..».
«Sì, così ha un po’ di privacy, io mi arrangio sul divano per qualche giorno».
«È tedesco giusto?».
«Olandese!».
«Ah già.. olandese».
«Eh!».
«L’Olanda non è quel posto dove si fumano la droga?».
«Ahahahaha.. è legalizzata.. ma la fumano solo in luoghi sicuri».
«A me non piace».
«A casa nostra non fumerà.. stai tranquilla!».
«Me lo auguro».

«Ecco.. il volo è arrivato.. starà sbarcando».
«Che gli devo dire quando lo vedo?».
«Gli dici “Hello, my name is Antonella”».
«Parlerà l’italiano spero».
«No mamma, non parla italiano».
«Non lo studia a scuola?».
«No mamma.. studia l’inglese e lo parla benissimo».
«“Ellllló” così?».
«Più o meno dai.. eccolo.. è lui!».

Andrea si sbraccia verso i passeggeri che escono dal gate, gli si fa incontro un ragazzo sorridente con un borsone a tracolla. Alto, spalle larghe e moro. Decisamente moro.
«Hi Justin, welcome to Italy».
«Hi Andrea, nice to meet you».
«She’s my mother».
«Elllló mai neim Antonella».
«She does not speak english very well».
«Hi Antoniella, my name is Justin, i’m glad to be here».
«...».
«Dice solo che è contento di essere qui, dai andiamo adesso».

In automobile, sulla strada di casa.
«Sta dormendo?».
«Sì.. sarà stanco per il viaggio».
«Non mi avevi detto che era così....».
«Così come?».
«Beh..».
«...».
«È un po’.. scuro!».
«Ed è un problema?».
«Certo che no.. però non lo sapevo.. tutto qui!
«...».
«Quanti giorni hai detto che deve stare a casa nostra?».


Atto II
“Morning training”

«Buongiorno!».
«Buongiorno ma’».
«Lui dov’è?».
«Sta ancora dormendo».
«Avete fatto tardi ieri sera?».
«Siamo usciti con tutti i compagni di classe e i ragazzi della scuola di Justin».
«E com’è andata?».
«Benissimo, Justin è troppo forte!».
«...».
«Praticamente tutte le mie compagne di classe hanno già una cotta per lui!».
«Non ti ha chiesto niente di tuo padre?».
«Gli ho detto che in questo periodo non c’è e lui non ha fatto altre domande».
«...».
«Senti io esco».
«E dove te ne vai?».
«A casa di Roberta, sono due giorni che non la vedo».
«E mi lasci da sola con lui???».
«Ma sì.. sta dormendo, poi si sveglia e si allena.. io torno presto comunque».
«Si allena?».
«Justin fa ginnastica tutte le mattine, hai visto che fisico che ha?».
«...».
«Io vado ma’, a dopo».
«Non fare tardi per favore!».

Antonella è una graziosa quarantatreenne dalle linee decisamente procaci. I due o tre chili che ha messo su negli ultimi mesi hanno donato al suo corpo un’aria ancora più morbida e accogliente. Grandi occhi azzurri brillano di una qualche, remota, malinconia.
Sta sistemando le stoviglie della colazione in assoluto silenzio. Teme di svegliare il suo ospite e sinceramente non ha nessuna voglia di trovarselo davanti, non saprebbe neanche cosa dirgli.
Si asciuga le mani con uno strofinaccio e si dirige in salotto, appena entra fa una smorfia, alzando gli occhi al cielo, la camera dove Andrea ha passato la notte è un disastro. La sua capacità di generare disordine sembra essere direttamente proporzionale alla dimensione della stanza in cui alloggia. Come un animale che usa il caos per segnare il proprio territorio. Riuscirebbe a stravolgere la casa intera se lei gliela lasciasse fra le mani.
Però lo adora il suo ragazzo, il loro legame da un po’ di tempo è diventato molto più forte, sta scoprendo in suo figlio un ometto affidabile, premuroso e sorprendentemente maturo, ne va decisamente fiera.
Per prima cosa spalanca la finestra, apre le tapparelle e si lascia illuminare dal faro acceso di un bel sole primaverile con cui scambia un tiepido sorriso. Poi inizia a rassettare il salotto con movimenti sicuri, figli della sua esperienza di madre, piega le lenzuola, rinvigorisce i cuscini colpendoli forte con le mani aperte e raccatta i vestiti di suo figlio, abbandonati senza alcuna cura, con la fretta tipica dei ragazzi di quell’età.
La coreografia quotidiana di una perfetta, amorevole, donna di casa.
Circa mezz’ora dopo la sua danza silenziosa è interrotta dal suono potente di una musica rock che arriva proprio dalla camera di Andrea.
Antonella si spaventa appena, poi si ricorda che non è sola in casa e prova a fare finta di niente.
Raccoglie tutti i panni sporchi in una grande cesta e si incammina verso la lavatrice, fedele compagna di ogni massaia. Calzettoni, boxer, magliette ancora sudate, un maschio giovane per casa lo si percepisce soprattutto dagli odori. Ogni tanto punta gli occhi verso quella porta chiusa, la musica è molto alta, scuote la testa e continua il suo lavoro.
Resiste così una manciata di minuti. Poi si alza in piedi, abbandona la lavatrice ancora mezza vuota e scivola lungo il corridoio avvicinandosi alla porta di quella stanza misteriosa. Non sente niente. Niente, a parte quel frastuono infernale.
Cosa starà facendo là dentro? Non starà per caso.. fumando? Prova a indagare l’aria tirando su col naso. Una madre premurosa è soprattutto un ottimo segugio.
Certe cose non si fanno. Soprattutto a una certa età. Spiare qualcuno dal buco della serratura? No, decisamente non si fa. Già. Ma se poi la casa prende fuoco?
Antonella rimane a pensarci per qualche secondo, con le spalle poggiate contro il muro, sembra una ladra in casa sua. Poi decide che la sicurezza della sua abitazione vale più delle buone maniere. Si china verso quel buco proibito e la porta, puntualmente, si spalanca.
La musica diventa più forte, le piomba addosso mentre un’ombra si allunga minacciosa a oscurarle il sole.
Justin, il suo ospite straniero, le si para davanti agli occhi sovrastandola con la sua imponente stazza fisica. Lei prova ad accennare un sorriso maledicendo la propria curiosità. Il ragazzo, intento a praticare la sua seduta atletica mattutina, indossa solo i pantaloni di una tuta grigia, nient’altro. Antonella, ancora chinata, si ritrova davanti agli occhi la scacchiera nera dei suoi addominali scolpiti, gonfiati dallo sforzo fisico. Piccole gocce di sudore percorrono quella pelle scura scivolando giù, verso il tessuto leggero della tuta. Una leggerissima striscia di peletti nasce poco sotto il suo ombelico e Dio solo sa dove vada a morire.
Quei vecchi pantaloni sembrano reggersi per miracolo, come disperatamente aggrappati ai fianchi lisci e levigati. Ora cadono, pensa lei, ora scivolano via con un soffio mentre un afrore selvaggio, di maschio giovane e sudato, le riempie la narici e le stordisce i pensieri.
«Are you ok?» pronuncia una voce profonda dall’alto.
Antonella alza appena gli occhi e lo vede sorridere, i denti bianchi brillano e quasi la accecano.
«Tutti benne?» ripete lui che in poche ore ha già imparato qualcosa d’italiano.
Lei si rialza di scatto e bofonchia imbarazzata «Sto.. sto pulendo.. colazione.. vuoi fare colazione?» gli chiede mimando il gesto di mangiare qualcosa.
«Later - risponde lui - now i’m going to take a shower».
«Teiksciaurr» ripete lei dubbiosa. Lui continua a sorridere, ripete quel buffo gesto con la mano e le dice «Breakfast.. later.. doppo!». Poi fa per chiudere la porta e la saluta con la mano.
Antonella resta sola e ha la faccia intontita di una che ha appena preso un ceffone. Sbatte più volte gli occhi e fa un lunghissimo, desolato, sospiro.
Ma quando torna quel disgraziato di mio figlio?


Atto III
“Milk and chocolate”

La padrona di casa sta tornando a passo svelto in cucina quando sente di nuovo quel vocione cavernoso che urla dal bagno «Antoniellaaaaaa».
Ma cosa vuole adesso? Perché non mi lascia in pace?
«Antoniella» grida di nuovo lui e lei si avvicina alla porta chiusa in preda a uno strana, brulicante, inquietudine.
Bussa piano.
Uno spiraglio si apre e il viso di Justin fa capolino dalla porta. Di nuovo occhi negli occhi.
«Forgive me Antoniella, i forgot my towel».
«...».
«The towel!».
«...».
Lui apre appena la porta mostrando la gamba nuda. Lei lascia cadere lo sguardo lungo lo spiraglio aperto, scivola lungo le linee di quel corpo conturbante. La coscia gonfia come una camera d’aria. Il piede nudo che calpesta il tappetino rosa del suo bagno.
Justin si strofina le mani sulle braccia mimando nuovamente ciò di cui ha bisogno.
«Asciugamano! - esulta lei - te lo porto subito» corre verso la camera di suo figlio, prende un grande telo bianco di spugna e ritorna verso il bagno.
Toc toc
Lui apre di nuovo, la stessa stretta fessura di prima. Con naturale, furbissima seduzione si ferma giusto un centimetro prima dello spettacolo inopportuno, accendendo, probabilmente, il demone della sua femminile curiosità.
Le prende l’asciugamano dalle mani e, sempre sorridendo, le dice «Thank you Antoniella, Grazzi».
La porta si richiude.
Pochi istanti dopo lei sente la doccia che scroscia. È nervosa, continua a fare delle piccole smorfie strizzando le labbra, prima a destra, poi a sinistra.
Certe cose non si fanno. E non è neanche in pericolo la sua casa stavolta.
A meno che lei non creda che quel ragazzo voglia allagarla.
Il demone della curiosità adesso la morde da dentro. È lui che mi sta provocando, si ripete Antonella, è tutta colpa sua.
Attende ancora un po’, si assicura che lui sia sotto l’acqua.
Poi si abbassa.

Ci mette un po’ prima di mettere a fuoco l’immagine. Il vapore della doccia le annebbia per un attimo la vista finché i suoi occhi riconoscono, in quella grande macchia scura, il culo nudo di Justin.
Antonella deglutisce a fatica e fa un gemito silenzioso. Il dolce suono del proibito.
Certe cose non si fanno, già.
Il suo ospite è lì, a pochi metri da lei, completamente nudo le da le spalle e si insapona il corpo atletico con forza. Solo i giovani si fanno la doccia così, con tutta quella frenesia addosso.
Il fondoschiena liscio e muscoloso, tonico e sodo come quello di un fotomodello, le entra negli occhi e la ipnotizza mentre il sapone, candido come latte, gli cola fra i glutei aumentando il contrasto con quella pelle di cioccolato. Un dolce profumo di bagnoschiuma la raggiunge.
Girati pensa lei, no, non girarti, girati e non girarti, girati.. ma non girarti, no, non sa neanche lei quale dei due sia il male minore.
Lui si muove. Piano. Una lentezza che la dispera. Girati, non girarti, girati!
Un altro passo sotto l’acqua che scroscia. Carne e vapore. Lei ha smesso di respirare.
L’ultimo movimento lo porta a essere, finalmente, di profilo.
Le manone fra le gambe a nascondere il fuoco della curiosità di tutte le donne. Ma.. sarà vera quella storia.. beh, quella storia.. sugli uomini di colore?
E lui, con un gesto, risponde a tutte loro.
Le mani si aprono, come lo scrigno di un tesoro proibito.
Gli occhi azzurri di Antonella si riempiono di nero.
Lungo, grosso, appeso a quel corpo come un grande tubo di carne.
Lei lo percorre con lo sguardo decine di volte, avanti e indietro.
Ogni volta il percorso le sembra più lungo, più arduo, più stupefacente.
Lui torna ad afferrarlo e inizia a insaponarlo col latte, più lo tocca e più sembra crescere, come un animale che si ridesta e riemerge da un lungo letargo.
Le carezze si fanno più veloci, troppo veloci. Le mani scivolano su quel grosso cazzo nero che adesso punta violentemente verso l’alto.
Antonella deglutisce la poca saliva che le è rimasta in bocca. Muove appena le dita della mano come cercasse di afferrare qualcosa nel vuoto. Non può essere, si dice, non può essere. Non ho, mai, visto, una cosa, del genere. Mai.
Ora lui si muove ancora e le si piazza di fronte senza smettere di toccarsi fra le gambe. Glielo punta contro, come un invito. Come la canna di un fucile pronta a fare fuoco.
Lei ha il cuore che le sfarfalla nel petto, alza appena l’occhio con cui lo sta spiando e scorge il suo viso, stirato in un ghigno malefico e consapevole. La sta guardando? Lui sa?
Antonella viene colta da una vertigine di terrore, scarta di lato e cade seduta con la schiena contro la porta.
Chiude gli occhi e le sembra di sentire dei gemiti dietro le sue spalle, nella sua testa continua a vedere quelle mani che si muovono veloci, stringe forte le cosce e mentre lui viene sporcandole tutta la doccia si riscopre completamente e oscenamente bagnata.


Atto IV
“I’ve got the fever”

«Mamma, io esco».
«Anche oggi! Ma dove vai?».
«A scuola, facciamo un incontro con il preside e tutti i ragazzi olandesi».
«E lui?».
«Non viene».
«Come non viene? Non vorrai lasciarmelo di nuovo qui?».
«Ha detto che non si sente bene.. forse ha la febbre».
«Non andartene.. se.. se ha bisogno di qualcosa?».
«Il preside si è raccomandato.. non posso mancare!».
«...».
«Dai che andrà tutto bene, siete già stati da soli ieri, no?».
«Sì ma.. non lo capisco.. non sono in grado.. io..».

Andrea si avvicina a sua madre e la guarda teneramente negli occhi.
«Stai tranquilla.. tu sei bravissima.. sei.. perfetta».

Lo sguardo si abbassa appena, improvvisamente calamitato dalla scollatura generosa.
Un solo invisibile istante.
Sì, l’ometto è decisamente cresciuto.
«Beh.. io devo andare mamma, portagli solo un’aspirina, se la caverà».
«...».
«Ciao».
«Ciao..».

Antonella gira il cucchiaino in una tazzina piena di caffè nero bollente, provando ad addolcire i propri pensieri. Ma che mi succede? Mi comporto come un’adolescente. A spiare quel ragazzino nel bagno.
Sì, è vero, è sicuramente un bel ragazzo ed è anche, sì è.. è ben dotato. È decisamente ben dotato. Ma ha l’età di mio figlio, diamine, che mi succede? Il ricordo di quello che ha visto sotto la doccia le piomba addosso all’improvviso e lei prova a scacciarlo via, come fosse un insetto fastidioso.
Le mani nei capelli, a scuotersi la testa. Il respiro inceppato, che prova a recuperare un po’ di lucidità.
Ha la febbre. Dovrei andare a vedere come sta?
È un ragazzo. Da solo, in un paese straniero. E per giunta ammalato. Sono io che dovrei smetterla di pensare a certe cose, sono io, l’adulta!
Pensiero dopo pensiero Antonella è già arrivata fuori da quella benedetta porta.
Ci pensa ancora un po’. Di nuovo il ronzio di quello spettacolo della natura le solletica il cervello, smettila, si dice sbuffando. Smettila. Afferra la maniglia con mano incerta e la apre appena.
«Giastin?».
Nessuno risponde.
Lei fa un altro passo, infila la testa dentro la stanza «Giastin?».
Il suo ospite è steso nel letto con gli occhi serrati, forse dorme. Le tapparelle semichiuse lasciano filtrare dei raggi luminosi che riempiono la camera di piccoli coriandoli di luce.
Lei entra con passo felpato, gli si avvicina, poi fa quello che ogni madre farebbe al suo posto, gli poggia il palmo della mano sulla fronte. Un gesto istintivo e pieno di affetto.
Lui scotta.
Poverino, pensa lei.
Si mette a fissarlo, ora che può farlo con calma, sembra un bambino, un bellissimo bambino che dorme. Le linee decise del viso disegnano espressioni luminose, come avesse sempre un motivo per sorridere, il collo lungo e affusolato, il collo forte di quello che un giorno diventerà un uomo irresistibile, lei lo sa, ne è certa. Diventerai irresistibile, piccolo mio. Quelle labbra così grandi e morbide, appena dischiuse, il respiro quieto e regolare. Chi potrebbe resistere alla voglia di farsi baciare da quella bocca, chi? Antonella sorride, è solo un ragazzo pensa, chissà se sua madre è in pensiero per lui. Resta ad ammirarlo ancora qualche secondo, in religioso silenzio.
Sua madre farebbe così, si dice.
Si siede sul letto accanto al bambino ammalato, allunga la mano e gli fa una carezza leggera, fra i riccioli neri.
Lui si ridesta, si smuove nel letto e inizia a parlare.
«Antoniella..».
«...».
«Antoniella..».
«Sono qui tesoro, cosa c’è?».
«I like you Antoniella..».
«...».
«I like your big boobs..».
«...».
«I want you.. i want to give you my big dick..».
Chissà cosa sta dicendo, pensa lei.
«And i know you want it..».
Sta delirando, anche ad Andrea succede quando ha la febbre alta.
«I know you want my big black cock».
Poi spalanca gli occhi di colpo, la guarda e quasi la supplica.
«Please, help me».
«...».
«I have to go to the toilet».
«Toilet? - chiede lei che finalmente intende qualcosa - devi andare al bagno?».
«Yes, please.. banio».
«Vieni, ti aiuto io».
Antonella lo aiuta a sollevarsi dal letto. Lui vacilla, sembra non riuscire a reggersi in piedi.
Lei prova a sorreggerlo e a fatica lo conduce fino alla porta del bagno.
«Ti aspetto qui fuori, va bene?».
Justin si appoggia alla parete col respiro improvvisamente pesante, continua a blaterare cose senza senso.
«Ti accompagno - fai lei incerta - ti porto dentro e poi esco».
Entrano insieme in bagno, la mamma e il ragazzone ammalato, l’uno appoggiato stretto all’altra, improvvisamente vicinissimi. Il suo odore, l’odore di lui addosso, l’aroma forte di un maschio. Da quanto tempo, pensa lei.
Si avvicinano al water, lei fa per lasciarlo «Ce.. ce la fai?».
Lui barcolla, sembra cadere, lei lo afferra di nuovo.
«Non posso.. io.. non..».
«Please - ripete lui quasi infastidito adesso - help me!!!».
È vero, non può, non potrebbe. Ma deve. Deve togliersi da quest’impaccio il prima possibile.
Sì piazza alle sue spalle, abbracciandolo da dietro, si stringe a lui per sorreggerlo.
«..your boobs..» sospira lui con affanno.
Le grosse tette di Antonella schiacciate contro la sua schiena. La morbidezza delle sue carni deformata da quel corpo granitico. Restano fermi così per qualche istante, infiammandosi a vicenda.
Gli insetti fastidiosi ora le volteggiano per la testa, lei non riesce ad afferrarne neanche uno. Adesso lo aiuto, si ripete, lo aiuto e tutto ciò finirà. Non ne posso più.
Le mani strette sull’addome iniziano a scivolare verso il basso. Trovano il bordo del pigiama e ci si infilano dentro, lì dove non sarebbero mai dovute entrare.
Le pelle liscia, setosa, l’improvvisa sorpresa dei peli pubici la spaventa, si blocca. Le dita bianche smarrite in quella piccola foresta nera. Un lunghissimo sospiro prima di immergersi, ancora più giù.
Inizia a frugare l’intimità di quel ragazzo sconosciuto, ora è lei ad avere la febbre.
Poi.
Lo trova, si scotta, si brucia, la mano le trema.
Il fiato le manca, lo prende, lo afferra con le dita.
«Yeah..».
Con l’altra mano abbassa i pantaloni e glielo tira fuori, massiccio serpente di carne che sguscia dalla sua tana. È solo un sogno, delira lei, solo un incredibile sogno.
Pochi secondi di apnea.
Poi.
Qualcosa sussulta, fra le sue mani, un flusso minaccioso che arriva da lontano.
Lei apre gli occhi, si vede riflessa nello specchio del bagno, quasi ridicola, avvinghiata a quel ragazzo mentre tiene quel tubo nero fra le mani.
E il tubo, inizia a zampillare.
Le cresce fra le mani impennato dall’energia idraulica di una bestia.
Impressa nel grande specchio c’è un’immagine che le brucia gli occhi.
Sta facendo pisciare quel ragazzo sconosciuto, arrivato da lontano a insozzarle la vita, benzina sulle braci ardenti della sua femminilità.
«Da quanto tempo..» cinguetta lei.
Chissà se davvero sua madre avrebbe fatto così, quanto può essere dannatamente sporco, l’amore.
Il flusso si acquieta, torna domo, singhiozzando fra i brividi.
Lui stacca una mano dal muro e se la porta fra le gambe, a stringere la presa sulla sua.
E fa quello che fanno sempre gli uomini, quando finiscono.
Due, tre colpi secchi, stringendo le mani delicate di quella donna sul proprio cazzo.
Lo specchio bastardo non si perde un istante di tutta quella scena così assurda.
Si sgrulla, spruzzando le ultime gocce dorate.
Poi molla la presa, la lascia improvvisamente sola a sorreggere il peso di tutto il suo imbarazzo.
Le sue mani si muovono su quel tronco nero. Una delicatissima e inevitabile carezza che lo fa irrigidire di un nuovo flusso, ancora più pericoloso.
Antonella non ha più voce e non ha più cuore. Chiude di nuovo gli occhi.
Con uno sforzo incredibile riafferra il pigiama.
E lo tira su, infilandoci dentro tutta la sua dignità.
«Vai al letto adesso».
E lo abbandona, uscendo dal bagno.


Atto V
“The dark room”

«Mamma noi usciamo».
«Insieme?».
«Sì, passiamo l’ultima serata tutti insieme, domani Justin riparte».
«...».
«Ciaio Antoniella».
Lei sorride. Quel buffo modo che ha di pronunciare il suo nome. Per un attimo quasi pensa che le mancherà.
«Vedo che.. si è ripreso».
«...».
«Sì, sta molto meglio adesso, anzi, mi ha detto di ringraziarti per esserti presa cura di lui».
«Ciao Giastin, gudbai».
«Wow mamma, che progressi - la canzona suo figlio - io vado a finire di prepararmi».
Per un attimo, restano di nuovo soli, lei e quel ragazzone che le ha sconvolto la vita.
Lui si guarda attorno e in attimo le è vicino, le afferra forte le mani.
Lei è sorpresa, non sa bene che cosa dire ma è lui a bisbigliare qualcosa a bassa voce, per non farsi sentire da Andrea.
«Questa notti - le dice fissandola con quegli occhioni scuri - questa, notti» ripete mentre lei si sforza di non capire quello che invece è chiarissimo.
Lui vuole rivederla, ancora una volta, prima di sparire per sempre.
Poi torna a mimare quello che non sa tradurre, si porta le mani giunte vicino alla guancia «Dormire - si affretta a dirle - dormire..». Poi le indica il salotto, col divano dove dorme suo figlio e capisce.
Si staccano dalla presa proprio mentre Andrea riappare in cucina.
«Let’s go Justin, they are waiting for us».
Antonella rimane imbambolata. Andrea sta parlando. La partenza dell’indomani, il padre di un suo amico che passerà a prendere il ragazzo olandese di mattina presto per portarlo all’aeroporto. Suo figlio le parla e lei non lo ascolta. Sente ancora sulle mani la presa decisa di Justin e si ripete nella testa quelle parole, quell’invito proibito.
«Hai capito ma’?».
«Che cosa?».
«Quello che ti ho detto, di domani, della partenza».
«Sì.. sì.. certo che ho capito, non sono sorda! Ora andate e non fate troppo tardi!».
«Ciao mamma!».
«Bye Antoniella».

Notte fonda.
Antonella è stesa nella sua metà di letto matrimoniale e ha gli occhi spalancati.
L’altra metà è vuota da circa tre mesi, da quando suo marito se n’è andato con “la stronza”.
Da allora le notti sono diventate più fredde, fra gli spifferi della malinconia.
Ma non stanotte.
Stanotte Antonella non ha freddo. Ripensa a quello che le ha detto il suo ragazzone nero, prima di uscire “Questa notte.. quando Andrea starà dormendo.. sul divano..”.
Li ha sentiti rientrare circa mezz’ora fa. Sta aspettando. Aspettando che suo figlio cada addormentato per poi infilarsi di nascosto nella camera di Justin e prendersi una rivincita. Su suo marito, sulla stronza, sul destino che l’ha messa in quella situazione. Le ha svuotato il cuore per poi farle quell’inaspettato, esplosivo, regalo.
Non vuole fare l’amore con lui, no, non vuole arrivare a tanto. Vuole solo tornare a brillare, per un istante, vuole regalare a quel ragazzo straniero qualcosa che non dimenticherà mai.
Un nuovo sguardo all’orologio «’Fanculo» dice lei e si alza dal letto. Bella come un fantasma, le forme generose accarezzate dalla stoffa leggera della sua bianca camicia da notte. Raggiunge la porta della sua camera e la apre, piano, col respiro improvvisamente instabile, inquieto.
La casa è immersa nel buio più totale ma la conosce a memoria, può muoversi anche senza usare gli occhi. I suoi bei piedi nudi che strisciano nel buio, come un’attrice che si muove tra le quinte prima di andare in scena.
Trova la maniglia, gonfia le guance e libera un lungo sospiro, la apre.
Il tepore della stanza le piomba addosso, impregnato dall’odore di un maschio che dorme. Quel maschio che la vita le ha infilato dentro casa. Dentro la testa. Dentro il cuore.
Pochi passi silenziosi, raggiunge il letto. Si inginocchia, lo sente respirare beatamente, solo i giovani dormono così, con questa pace.
Il manto invisibile dell’oscurità annulla qualsiasi percezione, inutile sforzarsi di trovare ancora differenze fra il bianco e il nero, fra ciò che è giusto e ciò che, per tutti, è assolutamente sbagliato, restano solo le emozioni, amplificate dalla cecità della notte. Il tamburo nel suo petto batte così forte che le sembra possa svegliare tutto il palazzo.
Le mani di Antonella si muovono nel buio, afferrano la coperta, l’abbassano. Poi le fa scivolare sul materasso finché non sente il calore di quel corpo a riposo in posizione supina. Che tenero, pensa lei, mi sta aspettando.
Afferra il bordo del pigiama, lo abbassa mentre si china in avanti, un odore ancora più forte le penetra la testa, la avvolge, la sconvolge.
Pensa a suo marito. A quando lui le ripeteva quanto fosse brava a fare certe cose. Poi pensa che, molto probabilmente, adesso lui se lo starà facendo succhiare da un’altra.
‘Fanculo, ripete lei e tira fuori la lingua.
Date a una donna segugio un boccone succulento e annullerete la sua capacità sensoriale di capire che cosa stia, realmente, succedendo.
Il primo contatto quasi la ustiona, quel ragazzo è sempre dannatamente incandescente. Inizia a leccargli il sesso percorrendolo, ancora morbido, avanti e indietro.
Lo desidera, lo vuole tutto per se, non sa perché gli sia stato dato ma ora è, totalmente, suo.
Lo bagna di saliva, con gli occhi chiusi e quella bellissima lingua vorace che gli esce dalla bocca.
Finchè, lo sente irrigidirsi, piano, mentre ancora dorme.
Sta entrando nei suoi sogni, sfumandoli nei propri, brillare per un uomo eccitato e farlo godere, sentirsi femmina, ancora una volta.
Il cazzo cresce e lei se lo infila tutto in bocca, iniziando a gustarselo dolcemente.
Proprio in quell’istante lui si muove, si ridesta agitato. Lei alza una mano e gliela mette sulle labbra «Shhhhh» sussurra in un suono che, ne è sicura, non ha bisogno di traduzioni.
Poi si mette a succhiarlo più forte e lui, si abbandona sul letto, concedendosi definitivamente.
La mano stretta su quel palo di carne, se lo masturba in bocca mentre l’altra scende ad accarezzargli i grossi testicoli. Ci sa fare Antonella, sei brava Antonella, si ripete nella testa. Sei brava, Antoniella.
Lui inizia a contorcersi, sbuffando come un toro, lei lo spinge ancora più in fondo, si sorprende, contro ogni sua previsione si scopre in grado di ingoiarlo fino in fondo, sei brava Antonella.
Lui geme, piano, stringendo forte i denti, come stesse facendo uno sforzo, come se stesse raccogliendo tutte le energie prima di esplodere.
Poi lei avverte un movimento, qualcosa struscia fra le lenzuola, ha un brivido, sente chiaramente una mano incerta che le sfiora un seno, poi la avvolge e infine la stringe, forte.
Antonella sorride nel buio. Lo sa, lo ha capito che da quando è arrivato non ha mai smesso di desiderare le sue tette.
Si porta una mano all’allacciatura della camicia da notte, slaccia un bottone, poi un altro e un altro ancora. I grandi seni sgusciano fuori dalla scollatura e glieli dona, poggiandoglieli sulla mano aperta. Tieni, piccolo mio, adesso sono tue. Lui ha fremito, accarezza la pelle calda della mammella, si ritrova un capezzolo turgido fra le dita e inizia a giocarci, strizzandolo, come un bambino.
Il morbido regalo gli piace, lei lo percepisce dal cazzo che ha un guizzo nella sua bocca, lo sta facendo godere, gli sta dando tutto quello che vuole.
Gli addominali tesi che si stringono.
Le gambe si irrigidiscono.
Trema, adesso trema.
Trema e lei perde ogni controllo, in ginocchio, china sul letto di suo figlio, muove veloce la testa facendosi schioccare la cappella sul palato.
Un caleidoscopio impazzito le gira nel cervello e sminuzza le luci di qualsiasi inutile pensiero, il respiro si spezza, il cuore s’infiamma, si scioglie e s’invoglia, solo e soltanto luridissima voglia di spingersi quel grosso cazzo in gola, non è sesso, è una rivolta, il sangue si impenna, ed evapora, nebbia, nella testa, non è piacere, è un incendio, sborrami in bocca ti prego, soffoca, sporcami, prenditi tutto e strappami via.
È lei che geme più forte di lui.
Sempre più forte.
Il cuore si scioglie, il cuore.
Chi è la vittima di chi?
Sempre più affondo.
Il sangue s’impenna, il sangue, finchè.
Lui.
Viene.
Viene, con un ruggito da animale, mentre le stringe forte la mano sulle tette, le fa male, viene e le allaga la bocca con tutto il suo giovane e irruente piacere.
Viene.
Non la smette più di venire.
La madre continua a succhiarlo, ingoiando fino all’ultima goccia di quel caldo vulcano che sembra non avere fine.
Quanto piacere, piccolo mio, quanta forza, quanta sporchissima passione.
Ti mangio, ti bevo, ti voglio dentro di me.
Quel sesso giovane e insaziabile resta teso, ancora scosso dagli ultimi spasmi dell’orgasmo.
Lei continua a leccarlo, con insaziabile amore, vuole ripulirlo completamente.
Non smetterebbe più di gustarselo, lo sta facendo per lui, lo sta facendo per se stessa. Brilla, adesso, brilla di meraviglioso, indecente piacere.
Poi il ragazzino si calma, il suo cuore si sgretola e, dal buio profondo, inizia a parlare.
Sussurrando.
Le dice qualcosa che lei non avrebbe mai potuto immaginare.
Usando una voce che lei davvero non si sarebbe mai e poi mai aspettata.
«..è stato bellissimo mamma.. io.. io.. non so che dire.. grazie.. grazie!».
Lei si blocca, col cazzo ancora stretto fra le labbra.
Qualcosa le precipita dentro, l’eco nero di un abisso.
Il sapore del suo sperma caldo ancora sulla lingua.
Maledetta lingua.
In un vortice di assurde emozioni riavvolge il nastro della sua memoria a poche ore prima.
Rivede Andrea che le parla mentre lei non ascolta. Domani Justin parte presto, passano a prenderlo, dormirà sul divano. Dormirà. Sul. Divano.
Lo stesso Justin che prova inutilmente a farsi capire, a dirle che l’avrebbe aspettata su un altro letto.
O forse no, forse neanche voleva darle appuntamento, forse ha frainteso anche quello.
Ma adesso non importa. C’è altro a cui pensare.
Adesso deve trovare qualcosa da dire, qualcosa con cui giustificare il delizioso pompino che ha appena fatto a suo figlio.


[...Non domandatemi più nulla. Quel che sapete sapete. Da ora in là non aprirò più bocca.]
William Shakespeare

Questo racconto di è stato letto 9 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.