L'estro amoroso - cap2- Solange deliziosa fanciulla

Scritto da , il 2019-03-14, genere etero

L'indomani era sabato, Mi recai all'appuntamento con un'ora di anticipo, vidi subito la bionda seduta ad un tavolino, era sola. Al suo invito mi sedetti.
- Sono in ritardo? Chiesi.
- Affatto, sono appena arrivata.
Ordinammo da bere rimanendo in silenzio finché il cameriere si fu allontanato.
- E' pronto Cal? Chiese Helga senza ombra di ironia.
- Helga. . . lei deve proprio assistere? Chiesi di rimando.
- E' necessario. . . non vi ho disturbati vero?
- No ma. . . con lei presente. . .
- Fate come se non ci fossi, vi guarderò in silenzio. Oh a proposito. . .
- Si?
Tirò fuori le sigarette, mi tese il pacchetto ma rifiutai, si accese la sua, aspirò profondamente poi mentre una voluta di fumo si levava fra di noi continuò:
- Ma non deve offendersi. . . ieri ha fatto all'amore meccanicamente, anche Solange se n'é accorta. . . l'ha soddisfatta certo ma. . . Dovrebbe mettere più partecipazione, possibilmente mettendo in atto quei preliminari. . . insomma, anche se la ragazza le mette fretta, non ne abbia. Sia più. . . appagante capisce?
- Cioè? Ero irritato e quasi offeso.
- Non si comporti da stallone ma come un'amante che si gode la sua donna e non pensi a quell'altra! Ieri Solange ha avuto diversi orgasmi, lei uno solo; le ho chiesto di risparmiarsi, non glielo chiedo più perché ho visto le sue possibilità.
In macchina non pronunciammo neanche una parola, come il giorno prima percorremmo il corridoio, salimmo le scale, attraversammo lo studio vuoto. . .
- Il senatore? Chiesi.
- Ha un impegno, ma ci sono io.
Entrammo nella stanza. . . Solange intenta a risolvere quello che sembrava un problema scacchistico sollevò lo sguardo.
- Ciao Cal, sai giocare? Chiese.
- Me la cavo credo.
La ragazza mise i pezzi sulla scacchiera, Mi sedetti di fronte a lei, fece la prima mossa spostando un pedone, risposi nella stessa maniera.
- Come stai cara? Chiese la bionda.
- Per adesso bene, ma sento che sta per arrivare! Rispose spostando il cavallo.
La donna stette a guardare per qualche istante poi disse:
- Non mi piacciono gli scacchi, lo trovo un gioco noioso, soprattutto per chi guarda. . . ci vorrebbe una posta che lo renda interessante, i vestiti, cosa ne dite?
La proposta piacque alla ragazza che sorrise.
- Uno per ogni pezzo, perde chi rimane senza. Cosa ne dici Cal?
- Per me va bene! Spostai l'alfiere.
Le mosse si susseguirono, ben presto la partita si fece appassionante, Solange era sicuramente avvezza agli scacchi perché dopo non molto catturò un pedone.
- La camicia! Ordinò con fare gioioso.
Me la sfilai rimanendo a petto nudo, guardai la scacchiera, mossi il cavallo.
- Sbagliato! Ora sei nei pasticci! Esclamò Solange spostando la regina.
Si, ero quasi in trappola, cercai di districarmi catturando anch'io un pedone.
- La gonna! Dissi.
Lei alzandosi tirò la cerniera sul fianco facendola cadere, la scavalcò allontanandola con un piccolo calcio. Guardai stralunato lo slippino nero teso sulla pagnottella del pube, le gambe abbronzate, belle da impazzire.
Solange rimanendo in piedi mosse il cavallo, poi batté le mani per la gioia.
- Scacco! Fece esultante.
Spostai il re, il cavallo catturo il mio alfiere.
- E' un pezzo importante, vale i tuoi pantaloni. . . anzi, no, prima le scarpe e i calzini! Mi chinai e me li tolsi, mossi la regina prendendo il cavallo.
- Anche questo é importante, via le mutandine!
Guardai mentre ammainava l'esile indumento. La camicia che copriva ancora il corpo della ragazza celava solo in parte il boschetto nero, mi venne l'erezione vedendo i peli al vertice del delizioso triangolo umidi in corrispondenza del sesso che ancora non vedevo.
- Scacco! Disse la ragazza ancora in piedi.
Spostai l'alfiere a riparare il re, lei spostando la regina catturò una torre.
- Scacco! Via i jeans! Ordinò.
Dovetti alzarmi in piedi per toglierli, Solange ma anche Helga guardavano la stoffa dei boxers tesa dalla pressione del pene. Col re catturai l'altro cavallo.
- La camicia!
La ragazza sorridendo la sbottonò, l'aprì, la tolse. . . Sapevo che non portava reggiseno perché avevo intravisto l'inizio dei seni mentre sistemava i pezzi sulla scacchiera. Guardai le deliziose mele che ornavano il petto della giovane e esultai.
- Ho vinto, sei nuda Solange, sei nuda!
Malgrado il piacere che mi dava la vista del giovane corpo ero deluso di non notare in lei alcun pudore. Non era come alla festa alla quale avevo partecipato dove qualcuno aveva proposto una partita di strip poker; lì era arrossendo che le ragazze si toglievano i vestiti senza denudarsi completamente perché la prima che era rimasta in mutandine e reggipetto aveva messo fine al gioco malgrado gli amici attorno incitassero a continuare. Solange senza curarsi di celare le proprie grazie batté le mani gioiosa.
- Non é vero! Dimentichi le scarpe. . . scacco matto! Disse trionfante.
Mi bastò una sola occhiata per vedere che ero stato sconfitto, udii la risata della bionda mentre mi toglievo l'ultimo indumento rimasto. Nel silenzio che seguì quattro occhi fissavano il membro che si ergeva rigoglioso e pulsante poi Helga fece udire la sua voce.
- Ha perso Cal, non le resta che pagare!
Andò verso la porta, premette i due pulsanti che erano a lato spegnendo la luce della sala e accendendo il lampadario sopra il letto al di là della cortina della zanzariera. Nella penombra la ragazza si avviò, ammirai il corpo che nel controluce rivelava il profilo incantevole delle sue forme, la seguii. . .
Si sedette in mezzo al letto guardando mentre in ginocchio di fronte a lei toglievo le sue scarpe, mi accarezzò i capelli.
- Sono contenta che tu abbia accettato di trascorrere con me il tuo tempo.
- Cosa dici. . . mi piace stare in tua compagnia. . .
Era da non credere, a chiunque, non sapendo che la ragazza era pronta agli amplessi che il giorno prima aveva reclamato in modo così forsennato sarebbe parsa una conversazione convenzionale. Sollevai lo sguardo al viso pulito nel quale solo gli occhi indicavano che qualcosa non quadrava, non era drogata ne ero sicuro, allora cos'aveva? Parlò come spiritata:
- D'avvero? Helga dice che ieri sono stata egoista! Oggi voglio essere diversa, per cominciare abbiamo giocato a scacchi, sono stata brava?
Ricordai lo spogliarello di cui la partita era stata il pretesto, mi accorsi che un desiderio insano stava entrando in me, decisi di assecondarla.
- Mi hai vinto. . . ma preferisco i giochi dove nessuno vince, dove la soddisfazione sta unicamente nel giocare.
Per rendere esplicito il gioco al quale alludevo, mi alzai sulle ginocchia esibendo il pene orgogliosamente teso. Sorrise Solange vedendomi avanzare, anch'essa si mise sulle ginocchia poi aprendole si sedette sui talloni, anch'io mi sedetti nella stessa maniera. Gli occhi che fissavano i miei si stavano incupendo come il giorno prima, le mie mani si mossero da sole posandosi sui suoi seni.
- Si, giochiamo Cal. . . giochiamo! Disse.
Lei portò le mani sul mio petto, un fremito, una scossa mi percorse quando mi sentii pizzicare i capezzoli, tirarli. Repressi il lamento che era salito alla mia gola poi la sensazione che la strana tortura trasmetteva al mio pene soffocò il mio grido, presi fra le dita i capezzoli della ragazza, li pizzicai lievemente facendoli roteare fra i polpastrelli.
- Ohhh. . . Solange fu contro di me, i seni contro il mio petto, la bocca aperta cercò la mia, mi sottrassi a fatica e baciandola sul collo strinsi il corpo caldo. Anche lei mi strinse fortemente alitando al mio orecchio:
- Oh perché non vuoi baciarmi, perché. . . perché?
- Helga non vuole, lo sai!
- Helga é una puttana. . . si faceva sbattere dal senatore prima che arrivassi io!
L'aveva quasi gridato, la bionda non poteva non aver udito. Si staccò, una mano scese a stringere il mio pene, si fece leggera nel percorrerlo, la udii sospirare quando portai la mano fra le sue cosce, le dita nella sua vulva.
Ci accarezzammo adagio, delicatamente, Gli occhi scuri erano una calamita per i miei occhi, ma erano così strani! Mossi le dita nei succhi che già colavano copiosi rendendo le carni che esploravo lisce, le narici del nasino fremettero.
- Ti piace quello che stai toccando Cal? Chiese improvvisamente.
- Oh si. . . si. . .
- E' la mia passera, anche il tuo cazzo mi piace. . . lo voglio, lo voglio. . .
Mi spinse all'indietro dolcemente finché dovetti sostenermi con le braccia tese, allora avanzò su di me le ginocchia aperte, le cosce divaricate sopra il membro che la sua mano brandiva, si abbassò come per sedersi, il calore che scese lungo la verga mi fece capire che mi stava ricevendo nel ventre.
Sentii le natiche fresche premere sui testicoli poi farsi leggere mentre la ragazza chiudendo gli occhi si sollevava sospirando, si abbassava. . . No, non era come l'altra volta, mi piaceva come mi scopava cavalcandomi lentamente; era con gli occhi fissi nei miei occhi che andava su e giù, su e giù emettendo un'esclamazione ogni volta che calando il bacino il membro saliva nella vagina scivolosa.
- Ah haaaa. . . ah haaa. . . ah haaa. . . oh é bello, bello. . .
Poi accelerò l'andatura, l'espressione del suo viso diceva che già stava godendo, Sentii gli umori caldi bagnare il mio pene, oh perché il piacere di quella singolare ragazza giungeva così rapidamente mentre il mio. . .
Sentii gli spasimi del suo orgasmo, vidi la smorfia deformare la bella bocca, udii le grida del suo godimento mentre in me il piacere cominciava appena a farsi sentire. Lentamente la ragazza si chetò ma la sua vagina, la sua fica continuarono ancora le loro morbide strette.
Rimase cavalcioni su di me col membro immerso nel suo ventre, il suo viso ritornò sereno. Mi guardò come se mi vedesse per la prima volta, abbozzò un timido sorriso mentre diceva mestamente:
- Lo vedi, nel gioco dell'amore vinci sempre tu, anche ieri mi hai vinta sei volte! Rimasi stupito che si ricordasse, mi era sembrata un'invasata tanto era stata irruente.
- Cinque volte, la sesta l'abbiamo pareggiata! La corressi sorridendo.
- Ricordo, è stata la più bella di tutte! E. . . oggi? Chiese ansiosamente.
- Oggi? Ci saranno altre partite se ti va di continuare.
- Oh si. . . giochiamo ancora Cal!
Ridemmo guardandoci negli occhi alla trovata di chiamare partite quelle che in definitiva erano amplessi. Per qualche istante mi illusi che Solange fosse veramente mia, aveva sempre sognato una ragazza con la quale fare all'amore liberamente senza sotterfugi, quella che troneggiava su di me esibendo quelle mammelline belle e impertinenti corrispondeva in tutto e per tutto ai miei sogni.
Portai le mani su quelle cosine, lei sorrise compiaciuta lasciando che accarezzassi liberamente i seni che trovai lisci, duri. . . Solo quando con le palme stuzzicai i capezzoli lei chiuse gli occhi.
- Ohhh Cal. . . mi piace. . . mi piaaace! Sospirò.
Il desiderio della fanciulla si stava risvegliando, la provocai maggiormente contraendo e rilassando i muscoli che mossero il pene nel calore del suo ventre.
- E questo ti piace? Chiesi perfidamente.
- Oh si. . . si. . .
Lo feci ancora e ancora. . . La fanciulla chiudendo gli occhi sollevò il bacino fin quasi a sfilarsi dal pene, lo abbassò, lo sollevò. . . Prima che lo abbassasse nuovamente passai le mani sotto il suo sedere mantenendola sollevata poi puntando i piedi e le spalle sul letto mossi le reni.
- Ohhh amore. . . amore. . . Sospirò.
Ora era io a salire nel suo ventre, lo facevo con movimenti ampi ricompensato dallo sguardo pieno di gratitudine della ragazza e dalla carezza che il pene riceveva.
- Ohhh Cal. . . così. . . oh così. . . cosi. . .
Sentii che prendeva le mie mani, rimase sollevata mentre le portava sui suoi seni.
- Oh Solange. . . sapessi quanto sei bella!
Mi piaceva veramente, se solo continuasse a guardarmi come mi guardava ora, continuasse a sorridere come mi sorrideva. . . Ma quasi repentinamente l'espressione dei bei occhi cambiò. il sorriso che illuminava il suo viso di fanciulla si alterò facendo posto ad una smorfia oscena. Distolsi lo sguardo, non volevo vedere quella espressione da femmina infoiata, lo spostai sul suo corpo.
Quello conservava la sua bellezza, le tette che accarezzavo dure e morbide allo stesso tempo facevano sentire il turgore dei capezzoli tesi, graffianti, guardai il ventre, le cosce aperte e fra di esse il mio membro che saliva nel cespuglietto nero che celava la vulva di cui sentivo la dolcezza.
Solo il clitoride emergeva fra i peli e l'inizio della vulva che il membro divideva. Cielo come mi piaceva quella crestolina! Avrei voluto baciarla tanto era graziosa, una volta ero riuscito a baciare il sesso di una ragazza, ne ricordavo ancora il sapore asprigno; il profumo era lo stesso di quello che colpiva ora le mie narici ma meno intenso, meno pregnante. . .
- Haaa. . . haaa. . . fammi godere Cal, fammi godere!
Continuai a sollevare e ad abbassare il bacino lentamente, volevo prolungare il piacere della ragazza e in parte vi riuscii prendendo anch'io piacere in quel coito, guardavo incantato il membro ricoperto da una patina luccicante salire e scendere fra le cosce incantevoli.
- Oh si amore. . . così. . . così. . .
Non durò molto, un fiotto caldo innondò il membro, lo vidi colare lungo l'asta, ne sentii il calore alla sua base, sui testicoli. Poi la ragazza si mosse come se non riuscisse a rimanere passiva, sentii le mani sul mio petto, le dita serrarsi sui capezzoli.
- Ahhhh! ! !
Ancora una volta un fremito mi percorse tutto, mi mossi velocemente facendo andare in modo convulso il pene nel ventre della fanciulla, cercando il mio godimento mentre quello della mia compagna già gli faceva stringere la vagina.
- Amore. . . amore. . . ahhh fammi godere, fammi godere. . . Implorò.
Gridando si abbatté su di me muovendosi avanti e indietro facendo strusciare i seni sul mio petto, la vulva che scorreva lungo il mio membro era come una bocca, la sua vagina una guaina calda che lo massaggiava nei suoi spasimi, rantolai per il piacere che saliva, saliva. . .
Ma Solange era venuta e ora soffiava mordicchiando il mio orecchio, sbavando sul mio collo mentre lentamente si calmava. Accarezzai la sua schiena mormorando al suo orecchio le parole che sogliono dirsi gli amanti:
- E' stato bello sentire il tuo piacere, sei stupenda mentre godi.
Lei sollevò il viso e serrando volutamente i muscoli vaginali mi rimproverò dolcemente.
- Sei ancora duro. . . oh perché non hai goduto. . . perché. . . perché?
Era così che mi piaceva Solange, ora il viso rilassato era sereno, dolcissimo.
- Il mio piacere é stato di aver sentito il tuo, ma se vuoi. . .
- Lo voglio amore, lo voglio! Fece lei con un bel sorriso.
Si lasciò rovesciare, venirgli sopra senza uscire dal suo grembo, ma una volta sulla fanciulla rimasi immobile malgrado la voglia che avevo, assaporando con la pelle la sua pelle calda, liscia. . .
Oh perché non potevo baciare quella bocca che respirava contro il mio orecchio, suggere la lingua che trastullava il mio lobo? Presi in bocca l'orecchio della ragazza, ne aspirai il lobo lambendolo come fosse una lingua felice di udirla sospirare mentre anche lei mi aspirava, mi succhiava.
- Oh Cal, sono contenta che sia tu a scoparmi! Alitò al mio orecchio.
- Anch'io sai?. Risposi estasiato.
Ero felice dell'intimità che ero riuscito ad instaurare con la misteriosa creatura di cui conoscevo appena il nome ma che mi affascinava.
- Mi piace come mi allarga dentro, mi riempie fin su. . .
Contrassi i muscoli pelvici provocando un fremito nel corpo premuto sotto il mio, le mani che percorrevano la mia schiena fecero sentire le loro unghie, repressi il grido che era salito alla mia gola sentendomi graffiare.
- Ohhh amore. . . scopami ti prego. . . scopami, scopami! Mi supplicò.
Sospirò al mio orecchio appena mi mossi, poi gemette nel sentire il membro percorrere la sua vagina, accarezzare col suo turgore le labbra della sua vulva.
- Ah haaa. . . ah haaa. . . ah haaa. . . oh si. . . si. . . più forte. . . più forte. . .
Ma glielo davo lentamente per godermi interamente il corpo che già aveva preso a muoversi strisciando le tettine sotto il mio petto. Volevo godermi la ragazza ora che il piacere saliva prepotentemente nel mio pene, volevo gustare con la mia pelle i fremiti che percorrevano il corpo sotto il mio.
- Haaa. . . haaa. . . haaa. . . più forte. . . più forte. . . Mi implorava ancora.
Accelerai gradatamente sospirando per il godimento che saliva e che sapevo inarrestabile. Una libidine infinita si impossessò di me, presi a sospirare, a rantolare mentre con rapidi colpi salivo nella vagina scivolosa, nel ventre ansante cullato dalle grida che Solange non tratteneva. I miei fianchi ad ogni colpo separavano le sue gambe sollevate facendole oscillare, venivano accarezzati dalle cosce della ragazza. Premevo ad ogni affondo per sentire i testicoli bagnati dei suoi succhi entrare nelle chiappette aperte e fresche.
- Solange oh cara. . . mi stai facendo godere!
- Anch'io amore. . . oh adesso. . . adesso. . . haaa. . . haaa. . .
Mi sentii trascinato sull'orlo del baratro in fondo al quale vi era l'oblio, la pace dei sensi, già le fitte dell'imminente orgasmo della mia compagna facevano sentire le sue morbide strette stimolando oltremodo il mio pene facendomi precipitare insieme alla fanciulla nel godimento più sconvolgente.
- Haaa. . . haaa. . . amore. . . amore. . . si. . . sii. . . ahhh siiii! ! !
Entrambi ci muovemmo convulsamente, Solange espresse il suo piacere con grida infantili, feci andare ancora il membro nei succhi della fanciulla poi mi piantai in fondo al suo ventre e il glande contro la bocca del suo utero venni in getti rapidi, copiosi.
- Ahhh prendi amore. . . prendi. . . prendi. . . ahhh. . . ahhh. . .
- Si. . . si. . . ti sento. . . ti sento. . . ahhh. . . ahhh. . .
Rimanemmo immobili uno sopra l'altro, uno dentro l'altro aspettando che si calmasse il tumulto dei nostri cuori, l'affanno dei nostri respiri, poi la liberai dal mio peso. Il pene che uscì di fra le belle cosce trascinò il liquido del nostro piacere. La ragazza trasse da sotto il cuscino un tovagliolo che mise fra le gambe scendendo dal letto poi scostata la zanzariera uscì invitandomi a seguirla.
Attraversammo la sala passando davanti alla bionda sprofondata in una poltrona, Solange aprì una porta oltre la quale vidi le piastrelle di un bagno.
- Non insieme! Ordinò la donna.
La ragazza varcò la soglia richiudendo la porta, Helga indicò una poltrona accanto alla sua ma non mi sedetti. Accettai la sigaretta che mi offrì, mi chinai verso l'accendino, anche lei si accese una sigaretta. . . Diversamente dal giorno prima non mi sentivo a disagio nell'essere nudo davanti a quella donna vestita in modo così severo e neanche quando gli occhi verdi e freddi mi scrutarono apertamente non provai nessuna vergogna. Per un po rimanemmo in silenzio poi facendo uscire dalle narici una voluta di fumo Helga osservò;
- Giovanotto, devo farle i miei complimenti!
- Le é piaciuto? Chiesi ironicamente.
- E' piaciuto a Solange, questo basta!
- Ma. come fà a rimanere indifferente davanti a due che fanno all'amore?
La donna non rispose subito, lasciò uscire una boccata di fumo guardando il pene umido dall'amplesso appena terminato, poi sollevando gli occhi nei miei. . .
- Chi le dice che sia rimasta indifferente?
- Allora? Chiesi ancora.
- Allora niente! Ah ecco. . . adesso può andare!
La ragazza stava entrando, nell'incrociarmi mi rivolse un sorriso radioso, notai che era improvvisamente arrossita. Entrai sotto la doccia, il getto tiepido portò via oltre il sudore la fatica dovuta agli sforzi amorosi, mi asciugai rapidamente. . .
Le donne non udirono il mio ingresso. Solange seduta sul bracciolo della poltrona era china sul viso della bionda e la baciava lascivamente, vidi la mano che Helga muoveva sul petto delicato ad accarezzare i piccoli seni, vidi i movimenti dell'altra mano fra le gambe penzolanti ai due lati del bracciolo, le dita fra le cosce della ragazza, il bagliore rosato delle carni della vulva aperta fra i peli neri.
Non si avvidero della mia presenza neanche quando fui davanti a loro; intravidi fra i capelli che celavano il viso della bionda gli occhi chiusi, entrai in erezione davanti all'insolito quadro. Forse fu un mio movimento a far aprire gli occhi alla donna, senza fretta interruppe le sue sconvolgenti carezze e ritirate le mani respinse la fanciulla.
- Ohhh. . . Solange sollevò su di me gli occhi stralunati che avevano l'espressione che avevo imparato a conoscere. Helga per nulla sconvolta si scosse e facendo alzare la ragazza disse:
- Ora andate. . . su, andate. . .
La fanciulla con movenze languide si diresse verso il giaciglio, la seguii e scostato il velo salii sul letto accanto a lei, ancora sconvolto dalla scena appena vista.
- E' sicuramente lesbica! Non potei fare a meno di pensare.
Era alla bionda che mi riferivo perché Solange. . . Non avevo mai visto due donne fare all'amore ma l'atteggiamento nel quale le avevo sorprese era inequivocabile. Fortemente eccitato passai il braccio sotto la testa della ragazza. Solange si girò verso di me nascondendo il viso nell'incavo della mia spalla, accarezzai i suoi capelli poi la mia mano scese lungo la sua schiena, incontrò l'incavo delle reni, lo risalì. . .
- Gli sto toccando il sedere! Pensai passando la mano sul delizioso rilievo.
Fin'ora non avevo osato, era la prima volta che toccavo il sedere di Solange ma dopo quello che avevo visto sapevo di poterlo fare. Lo trovai sodo e deliziosamente prominente, lo accarezzai lungamente poi la mano entrò nelle sue natiche, le dita ne seguirono il solco sprofondando nel suo calore. Percepii il ruvidore dei peletti nei pressi dell'ano, superai con discrezione la rosellina per entrare nella valle umida della vulva.
La ragazza sospirò contro il mio orecchio, sollevò la gamba. . . Accarezzai l'interno delle cosce ritornando nei pressi del sesso dove la pelle era liscia, vellutata, sentii il ginocchio piegato posarsi sulla mia anca, lo spinse maggiormente fin sotto una delle mie ascelle poi la mia mano partendo dalla piega percorse la coscia accarezzandola lentamente fino all'umidore caldo della vulva.
Le dita che muovevo nelle carni socchiuse provocarono il lamento della fanciulla. Protesi il ventre passando il membro fra le calde cosce, contro la morbidezza della vulva poi la mia mano ne guidò il glande e con un colpo di reni scivolai in lei.
Solange sospirò contro il mio orecchio, un brivido percorse la mia schiena per la lingua calda che lei cominciò a dardeggiare nel mio padiglione provocando in me una libidine mai provata prima. Avrei voluto che smettesse ma lei continuava a lambirlo salivando abbondantemente. L'alito caldo della fanciulla era accompagnato da lamenti che emetteva muovendosi, scivolando sul mio membro fino a farlo picchiare contro l'inizio del suo utero.
- Ahhh. . . ahhh. . . ahhh. . . ahhh. . . ahhh. . .
Con la mano accompagnavo l'oscillare del bel culetto premendolo mentre cacciavo il pene in una vagina divenuta straordinariamente carezzevole, avanti e indietro, avanti e indietro. . . Fu quando Solange prese in bocca il mio orecchio che si scatenò la mia lussuria facendomi serrare la mano su una delle natiche, le dita a percorrere il solco fino a toccare la verga nella sua vulva poi le dita intrise del piacere della ragazza trovarono l'ano, uno di essi lo violò. . .
- Ohhh ahhhh! ! ! Urlò la bella sbavando nel mio orecchio.
Si mosse lamentandosi con voce infantile come a sfuggire al dito che muovevo nel suo posteriore, infilandosi sulla verga con scatti sempre più veloci soffiando, gemendo al mio orecchio, faticavo a stare dietro all'irruenza della fanciulla, mi mossi rapidamente immergendomi nel suo ventre, nella sua vagina.
Ritirai il dito dal tenero culetto appena percepii attorno al membro le strette del suo piacere, i movimenti della ragazza si fecero disordinati, la bocca lascio il mio orecchio, scese al mio collo soffiando come un mantice.
- Ahhh amore. . . amore. . . amore. . . haaa. . . haaa. . . haaa. . .
Non si muoveva quasi più, le unghie si piantarono ancora nella mia schiena provocandomi un dolore che mi indusse a muovermi come un forsennato nella vulva agli stremi. Solange gridò il suo godimento, io lo sentii nel pene inondato dal liquido del suo piacere, poi si inarcò protendendo il ventre per farsi entrare il membro in fondo alla vagina, poi con un ultimo grido si immobilizzò del tutto.
Rimasi nel tepore del suo ventre col pene dolcemente sollecitato dalle contrazioni che ancora lo serravano; ero felice perché la durata del coito era stato il più lungo di quei giorni ed era stato insolitamente appagante per la fanciulla. Anch'io avevo preso il mio piacere, non mi importava che non ne fosse giunto al termine, ero pago di stringere quel corpo caldo, il cui respiro spingeva le collinette dure dei seni a premere il mio petto.
Scostai il viso per guardarla, era così che mi piaceva Solange, coi suoi occhi luminosi privi de quella ombra che caratterizzava la sua insana voglia di sesso.
- Perché mi guardi così? Chiese col suo bel sorriso.
- Perché ora sei più bella del solito! Risposi di slancio.
- E' tutto merito tuo, mi hai reso felice mentre tu. . .
- Anch'io lo sono sai?
Sorrise Solange sentendo le mie mani percorrere il suo corpo, sapevo che potevo farlo mentre ero ancora dentro di lei, dopo non avrei osato per la soggezione che mi metteva quella strana bellezza. Lasciai vagare la mano lungo la sua schiena, sulle natiche paffute, lungo la coscia scendendo poi all'interno fino alla vulva aperta attorno al membro, lei mi sorrise con un lampo gioioso.
- Fallo Cal. . .
- Che cosa? Chiesi con la bocca talmente vicina alle sue labbra che bastava un niente perché le baciassi, sapeva che la fanciulla lo avrebbe gradito ma l'intervento della bionda avrebbe messo fine all'incanto di quel momento.
- Lo sai, muovilo come hai fatto prima!
Contrassi i muscoli, la fanciulla chiuse gli occhi sentendo il sobbalzo del pene nel suo ventre, li riaprì.
- Mi piace sai? Mi fa venire voglia. . .
Lo feci ancora, e ancora. . . La fanciulla non chiuse più gli occhi ma mi guardò con espressione che a poco a poco si fece quasi dolorosa man mano che i sobbalzi si susseguivano. Ma sapevo che non era dolore quello che provava.
- Ohhh Cal. . . Disse respingendomi dolcemente.
Appena mi fui ritirato la ragazza si girò sul ventre, abbracciò un cuscino e girando verso di me il viso disse.
- Vieni, ora prendimi così! Disse.
Mi dispiaceva che la quiete dei sensi della fanciulla durasse così poco, avrei voluto ancora parlarle, conoscerla. . . Guardai il corpo mollemente disteso, nuovamente pronto all'amplesso, vidi ancora negli occhi neri quella espressione invitante, oscena persino, che contrastava col suo viso pulito poi il mio sguardo scese lungo la sua schiena, sulla curva delle reni che si sollevava nel sedere bellissimo, guardai i glutei che la ragazza non si vergognava di mostrare socchiusi per le gambe che aveva divaricato, le cosce fra le quali, sotto la curva delle natiche vedevo la carne rosata del sesso dischiuso fra i peli nerissimi.
- Cosa aspetti Cal. . . oh dammelo, dammelo! Disse ancora.
Il mio pene prese a pulsare prepotentemente. Perché mi piaceva tanto quel culetto impudicamente esposto, perché ora provavo quel desiderio per quella parte del suo corpo? Fino ad allora avevo ammirato i fondoschiena delle ragazze in shorts che mi precedevano sulla passeggiata a mare come parte della bellezza femminile, erano le gambe quelle che calamitavano il mio sguardo. . . E' vero che nel seguire la linea delle cosce mi soffermavo sulle pieghe che facevano con le chiappette emergenti dai piccoli indumenti ma distoglievo subito lo sguardo per il turbamento che saliva in me.
- Cal. . . oh vieni!
La voce della ragazza era divenuto lamentevole, avanzai sulle ginocchia fra le gambe aperte e le mani ai lati del capo bruno mi chinai sulla sua nuca a baciare il piccolo orecchio.
- Si amore, si. . . Dissi.
Il pene poggiante sul bel culetto ne sentiva il calore, mi soffermai a lambire l'orecchio della fanciulla per assaporare ancora il contatto con le conturbanti rotondità poi vi portai una mano. Avevo sollevato il bacino ma inclinando il pene non potei impedire al glande di strisciare fra le morbide chiappette, la ragazza fremette, anch'io fremetti al contatto fugace con l'ano prima di incontrare la morbidezza della vulva.
- Oh si. . . siiii. . . Esclamò la ragazza mentre entravo in lei.
Non avrei saputo spiegare perché provavo quella strana eccitazione nello spingere il membro fino a schiacciare col ventre il sedere della giovane, forse perché l'asta di carne nell'entrare nella calda vulva strusciava nella strettezza dei glutei, talmente vicino all'ano da percepire la ruvidezza dei peli che lo bordavano e il calore bruciante della sconvolgente rosellina.
Da subito il piacere della ragazza bagnò talmente la vagina che era come immergere il membro in un nulla caldo, liquido, ma la carezza delle sue chiappette rese scivolose dagli umori che il membro trascinava mi faceva desiderare di immergerlo ancora e ancora, ancora. .
- Ahhh si. . . oh spingilo, spingilo. . . ahhh. . . ahhh. . . ahhh. . .
Proteso sul bel corpo, lo sfioravo appena permettendo alla mia compagna i movimenti che la sua lussuria dettava. Anche Solange spingeva sollevando gradatamente il deretano ad ogni ritirarsi del pene resistendo poi al colpo che lo cacciava in fondo alla vulva tenendolo sollevato, le ginocchia allargate al massimo e puntate sul letto.
- Ahhh. . . dammelo tutto. . . tutto. . . tutto. . . ahhh. . . ahhh. . .
Ogni colpo la portava più vicino al godimento ma lei mi incitava felice della carezza dura che riceveva dal membro, della mia eccitazione che mi faceva soffiare alitando contro il suo orecchio, delle sensazioni che le dava il battere del mio ventre contro il suo sedere.
- Ohhh Solange. . . Solange. . .
Anch'io godevo, il sollevarsi del bel deretano non consentiva più al membro di percorrere per intero la vagina della mia dolce compagna, lentamente mi alzai sulle ginocchia. Ora potevo darglielo tutto il pene, fino a premere i testicoli sulla vulva bagnata, lo vedevo scomparire sotto la curva delle natiche come se entrasse in esse. Le mani aggrappate ai fianchi della giovane attiravo il bel sedere contro il mio ventre provocando ad ogni colpo un'onda che percorreva i glutei lisci, paffuti prima di smorzarsi, subito seguita da un'altra onda mentre il membro avanzava nella vulva matida senza incontrare resistenza alcuna.
Poi la giovane prese ad oscillare infilandosi lei stessa sul membro, picchiando tanto violentemente il sedere da costringermi ad irrigidirmi guardando allupato il bel culetto andare avanti e indietro e il membro apparire e scomparire mentre il piacere che saliva mi faceva ansimare, dire parole piene di estasi.
- Ashhh Solange. . . amore. . . hai una fica stupenda . . . calda come una bocca. . . Ahhh me la dai così bene che godo amore. . . si. . . godo. . . godo. . . Oh dammela amore, ancora, ancora, si. . . oh così. . . così. . .
Le parole della mia lussuria soverchiavano a tratti le esclamazioni di godimento della bella; gridò Solange muovendosi selvaggiamente come se il membro potesse entrare maggiormente, poi la vagina si strinse una, due volte. . . continuò le sue strette facendo salire alle stelle il mio godimento.
Mi arresi iniziando ad eiaculare come se la vulva in movimento mi aspirasse.
- Ahhh prendi amore. . . prendi. . . prendi. . . ahhh. . . ahhhhhh! ! ! Rantolavo.
Era la prima volta che godevo per primo, la ragazza con un grido gioioso rallentò fino a scorrere lentamente per sentirsi irrorata dai getti copiosi.
- Ahhh. . . oh si dammelo, mhhh schizza amore. . . ohhh com'é caldo il tuo seme! Dammelo. . . oh si, riempimi!
Avrei voluto dargli ancora i succhi del mio piacere, la carezza della vagina che lei continuava a far scorrere provocava ancora nel pene contrazioni di piacere ma ormai la fonte si era esaurita, allora mossi velocemente le reni e con ampi colpi scossi il corpo della ragazza cacciando velocemente il membro nella vagina ormai in orgasmo. Ebbi la gioia di sentire il suo godimento irrorare il mio pene, di udirla gridare, gridare. . .
- Ahhh ecco. . . ecco. . . ah haaa. . . si. . . si. . . siiii! ! !
Continuai ad andare nel suo grembo col pene ancora rigido fino a quando la mia compagna ormai sazia si lasciò andare sul letto. Mi distesi su di lei assaporando insieme la calma dei nostri sensi, poi quando il pene afflosciandosi uscì da solo dalla sua calda guaina rotolai di fianco. Anche lei si girò rannicchiandosi contro di me.
- E' stato bello vero amore? Chiese passando la mano sul mio petto.
- Bellissimo! Risposi.
- Grazie! Fece ancora, la scostai per guardarla in viso.
- Di cosa. . . é bello poterti amare sai?
Ma la ragazza non mi ascoltava, vidi la fatica che faceva a tenere gli occhi aperti.
- Sei stanca? Chiesi deponendo piccoli baci sulle palpebre a metà chiuse.
- Un pò. . . ritornerai vero?
- Certo che ritornerà, ora riposati cara.
Era stata la bionda apparsa silenziosamente a parlare. Scesi dal letto guardando la donna nei gesti amorosi che faceva per detergere, asciugare delicatamente il sesso della fanciulla, nel coprirla come il giorno prima poi facendo segno di non fare rumore mi accompagnò alla porta del bagno.
Feci la doccia singolarmente soddisfatto al pensiero della fanciulla addormentata. Durante il ritorno rimanemmo in silenzio, solo quando fermò la macchina al solito posto Helga si volse verso di me.
- Oggi si é comportato davvero bene! Non ha più pensato a quell'altra? Chiese.
- No ma. . . ci penso adesso! Risposi fissandola intensamente.
La donna mostrò di aver capito perché arrossì.
- Non sia sciocco! Domani alla stessa ora, va bene?
………………………………………………………………………………….
Continua. roca.diponson@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 8 4 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.