Oh mamma! - 6 - L'avevo sodomizzata anch'io dopo Robert

Scritto da , il 2019-03-13, genere incesti

Quando Robert,dopo essersi rivestito ed aver baciato mia madre sulla bocca era uscito dalla stanza,io ero rimasto per un po seduto sulla sedia dalla quale avevo assistito alla monta di mia madre.

Lei giaceva sul letto nuda e col fiato ancora pesante davanti a me.

Aveva gli occhi chiusi,completamente immobile e solo il lieve movimenti del piccolo seno mossi dal respiro mi confermavano che il nero me l'aveva lasciata ancora viva.

I capelli arruffati ed incollati a ciocche come non li avevo mai visti.

Il trucco completamente disfatto e le labbra tumefatte e sformate dal rossetto spalmato in modo difforme.

Un'espressione di piacere soddisfatto ma informe quello di mia madre.

Aveva goduto davvero agli assalti profondi e violenti di quel maschio che aveva desiderato sin dal primo momento in cui l'aveva visto sul palco del teatrino.

Lo sperma di quell'uomo nel tempo in cui aveva goduto di lei,si era sparso su ogni lembo della sua pelle intasandole ogni buco.

Ai miei increduli occhi appariva impossibile che un uomo potesse avere una simile potenza erotica ed una tale capacità di "ricarica" della sua preziosa crema.

Quando mi ero avvicinato per distendermi accanto a lei sul letto,l'avevo trovata ancora avvolta dall'acre odore del sudore del maschio e dei loro umori.

Perfettamente cosciente della mia ineguatezza sessuale nei confronti di una femmina così esigente e calda,mi ero accostato al suo corpo con la cautela di chi teme di essere scoperto.

Mentre tiravo su la coperta prima di spegnere la luce e mettermi a dormire,lei aveva aperto i suoi occhi resi più lucidi dalla luce dell'abajour e mi aveva detto:

-Fulvio...amore mio....hai visto anche tu?-

-Si mamma...ero davanti a te per.....proteggerti nel caso avessi avuto bisogno!-

Le avevo risposto.

-Stringimi amore di mamma...stringimi...mi sento tutta rotta!

Dio mio come mi sento bene,rotta ma appagata.

Nessuno è mai riuscito a soddisfarmi come riesce a fare quel bastardo nero!-

-Me ne sono accorto anch'io mamma.-

Le avevo risposto.

A quel punto,lei si era girata e incurante del fatto che dentro di se e fuori avesse ancora i "regali" del maschio,mi aveva abbracciato e stringendosi a me,si era addormentata.

Al mattino quando mi aveva svegliato,lei aveva già fatto la doccia ed aveva ordinato la colazione in camera col caffè già fumante sotto il mio naso.

-Sveglia dormiglione che la colazione è già servita.-

Mentre facevamo colazione,mia madre mi aveva raccontato di Robert e di come fosse nato tra loro un feeling sin dal primo incontro avvenuto in occasione di una serata passata in quel posto insieme ad un suo amante che aveva scaricato proprio dopo aver conosciuto Robert col quale aveva poi avuto una storia sino a quando lui non era partito per tornare in America per il suo lavoro.

Quella dunque,era stata la prima volta che si rivedevano dopo 2 anni e questo spiegava il suo stupore quando l'aveva visto sulla pista e la loro incontenibile passione quando lui,era venuto in camera da noi.

-Tu non sai Fulvio quanto successo abbia lui con le donne,per me però,ha un'attenzione particolare.

Hai visto anche tu che nonostante avesse sul palco quelle due belle ragazze,così giovani,ci abbia giocato senza però concedersi sino in fondo.

E poi,cosa credi,la maggior parte dei mariti di quegli spettatori,sbavavano all'idea che le loro mogli fossero scelte da Robert che invece,è venuto a cercare proprio me!

Sono felicissima e,contenta anche del fatto che domani parte ancora,così non avrò quel chiodo fisso nella mente e mi potrò dedicare a te...se ancora mi vorrai.-

-Cosa dici mamma...certo che ti voglio!-

Quel giorno l'avevamo trascorso tutto in quella piccola camera a fare l'amore.

A pomeriggio inoltrato,quando si avvicinava l'ora di tornare a casa mi aveva detto:

-Amore,vorrai farti un ultimo regalo per queste ore meravigliose che abbiamo trascorso insieme.....vorrei che anche tu godessi del fiore che ho tra le natiche.-

In quel momento mi era tornata in mente la scena di quando Robert le aveva sborrato nel culo allargandola in modo osceno.

Temevo che col mio "cosino" non l'avrei nemmeno sentita.

Mia madre che aveva subito percepito la mia perplessità,utilizzando il linguaggio senza finti pudori al quale mi aveva abituato,mi aveva detto:

-Fulvio non temere,nonostante che ieri sera Robert me lo abbia sfondato col suo cazzone,sono oramai allenata ed il mio buchino è allenato ed elastico al punto da far godere anche te come meriti.-

Detto questo,ci siamo messi a 69 per lubrificarci a dovere e quando eravamo entrambi pronti,lei si era massa a pecora e guidandomi con la sua stessa mano,mi aveva fatto scivolare in lei come fosse di burro:

-Montami Fulvio....pompa....inculami....che bello...che bello....-

Davanti a me appariva la scena di quando la inculava Robert,i loro corpi avvinti come animali,le loro convulsioni,le loro grida,le urla di mia madre ed i grugniti dello stallone conclusi con l'enorme sborrata che avevo visto colare tra le cosce di mia madre.

Con quella visione negli occhi,la mente obnubilata dall'incredibile gesto di inculare mia madre,i suoi gemiti e le grida di incitazione,mi avevano trascinato in un godimento estremo in cui anch'io come un'animale,avevo riversato nelle visceri di mia madre,una incredibile quantità di sborra.

Da quel momento,io e lei siamo rimasti muti e dopo la doccia ed esserci rivestiti,avevo accompagnato mia madre a casa e dopo 2 ore in cui avevo girovagato in macchina in uno stato di totale confusione,ero rientrato a casa trovando già pronta la cena che ci aveva preparato mio padre.

segue

Questo racconto di è stato letto 4 2 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.