Fuori sede

Scritto da , il 2019-01-13, genere etero

Quando finalmente, lo chiamarono dalla sede centrale, per comunicargli la destinazione, ci andò col cuore leggero e pronto ad affrontare questa nuova esperienza, senza troppe ansie.
Ricordava la fatica fatta, per ottenere questo lavoro, vincendo un concorso inseguito per anni, non era il momento di fare il difficile.
Pensò alla “campagna”, mentre il responsabile del personale, gli comunicava il nome del piccolo paese, nel quale era diretto, avvertendolo, che non avrebbe potuto chiedere il trasferimento prima di ventiquattro mesi e anche dopo, non era assolutamente detto gli venisse concesso.
Meglio mettersi l’anima in pace e cominciare a pensare in piccolo, considerò, anche se non riusciva ad immaginarsi in quell’ambiente.
Preparò i bagagli, salutò amici e parenti e partì alla volta della destinazione, il viaggio in auto fu tranquillo, solo uscendo dall’autostrada impiegò un po’ a trovare le indicazioni per il paese, ma dopo qualche incertezza, finalmente arrivò.
La piazza era piccola, accanto al comune ed alla chiesa, c’era l’ufficio postale e una banca cooperativa.
Entrò presentandosi alla direttrice, la signora Elide Dazzi, una donna affabile e alla mano, era del posto e spiegandogli le mansioni alle quali sarebbe stato assegnato, lo confortò, dicendogli che non si sarebbe affaticato troppo e che tutto sommato, gli era andata bene, la sua città natale non era lontanissima e nel fine settimana, se avesse voluto, poteva tornarci.
Gli affitti erano economici e le disponibilità, specie fuori del paese, diverse, seppure con una limitata comodità.
In attesa di trovare qualcosa che facesse al caso suo, poteva alloggiare alla pensione Vanelli, proprio accanto alla chiesa, la domenica sarebbe stato svegliato dalle campane, ma presentandosi a nome suo, avrebbe goduto di un trattamento di favore.
Parole che gli fecero tornare in mente, quei film anni ’50-60 in bianco e nero, visti col nonno quando era un ragazzino, nei quali, chi si spostava per lavoro, cercava un luogo dove poter ritrovare il conforto di casa.
Uscendo dall’ufficio postale attraversò la piazza e si presentò al signor Saro Vanelli, il quale lo squadrò, prima di rivolgergli la parola.
- Buongiorno, sono il nuovo postino, vengo a nome della signora Dazzi, ho bisogno di una stanza - disse l’uomo perplesso dall’accoglienza, a quel punto lo sguardo burbero del vecchio si rasserenò facendogli strada su per la scala, fino alla stanza che gli spacciò per la migliore.
Entrando, venne investito da un profumo di lavanda e di pulito, odori che lo misero di buon umore.
Una volta uscito il signor Vanelli, si accomodò sul letto, provando la tenuta del materasso, che sembrò di tutto rispetto; completavano l’arredo della camera, una scrivania, un armadio e due comodini, il bagno era in fondo al corridoio e in comune, come da tradizione.
Fece qualche telefonata per avvisare del suo arrivo, rendendosi conto di quanto fosse complicata la ricezione e poi, cercò di conoscere i dintorni, di quella che a tutti gli effetti, sarebbe stata casa sua, almeno per i prossimi due anni.
Uscì dalla pensione, avventurandosi in una passeggiata esplorativa.
Notò che a parte qualche piccola ed indispensabile attività commerciale, come il salumiere, il macellaio, la farmacia, il fruttivendolo, non c’era nient’altro.
Uscì dal centro abitato, attraverso un sentiero battuto, piuttosto solitario.
Il bosco costeggiava entrambi i bordi stradali, il paesaggio autunnale era suggestivo, si sarebbe disintossicato dalla città e chissà che l’idea di tornarvi, lo abbandonasse del tutto.
Comparvero le prime abitazioni, più simili a casolari che a vere e proprie case, le immaginava un po’ fredde e prive di quei servizi essenziali, che i cittadini ritengono indispensabili.
Dopo qualche chilometro, si fermò ad osservarne una, sembrava essere stata ristrutturata da poco, dalla strada, sbirciò dentro, sperando che nessuno venisse fuori minacciandolo, geloso della sua tranquillità agreste, qualcuno però uscì, era una donna sui trent’anni, forse incuriosita da quella figura che sostava davanti casa sua, imbarazzato, borbottò:
– Buongiorno – sembrò sorpresa nel vederlo, come se non accadesse di frequente, di incontrare persone in giro da quelle parti, poi però, prese coraggio e rispose al saluto:
– Buongiorno – mormorò sfoggiando un sorriso solare, che sotto il viso dolce e un caschetto di capelli scuri, ingentiliti da una frezza azzurra, le donavano un aspetto punk, che colpì la sua fantasia.
Vincendo la consueta ritrosia e la naturale timidezza, si spinse a chiederle:
– É molto che vive qua? – Poi scuotendo la testa, aggiunse.
- Perdoni la mia invadenza e la scortesia, non mi sono neppure presentato, mi chiamo Oscar Mari – disse offrendole la mano e abbozzando un sorriso, lei la strinse e ricambiandolo disse:
- Anna Ricci, piacere –
- Sono il nuovo postino e facevo un giro, per rendermi conto di cosa mi aspetta, sa, vengo dalla città -
- La capisco, anche io mi sono trasferita dalla città e ancora sto cercando di adattarmi a questa nuova vita -
- Mi rendo conto, il paese è distante, ci si sentirà un po’ isolati - mormorò, provando disagio, nel parlare con una donna sola in casa.
- Si, è così, non mi capita spesso di scambiare due chiacchiere con qualcuno, mio marito è fuori tutto il giorno e quando torna è stanco e non ha sempre voglia di parlare - queste ultime parole le pronunciò mentre abbassava lo sguardo, quasi a voler nascondere un disagio, che sapeva le si sarebbe letto, negli occhi profondi e scuri.
- Vorrà dire che quando passerò per il mio giro, ci prenderemo un caffè - disse, mitigando un’atmosfera all’improvviso diventata pesante.
- Mi farebbe molto piacere, passi, pure se non ha posta da recapitare, sono sempre in casa - disse Anna tornando verso la porta.
- D’accordo, sarà un piacere, a presto allora, buona giornata - concluse allontanandosi e riprendendo la via del ritorno.
- A presto - ripetè lei agitando la mano.
Il giorno dopo prese servizio, la prima settimana fu difficile, il giro era ampio e le indicazioni stradali non proprio chiare, inoltre quasi mai esistevano i numeri civici, dovette fermarsi più volte, chiedere per avere conferme che il giro fosse corretto.
Trovò una grande disponibilità, ma rallentò così tanto, che finì di consegnare la posta, nel pomeriggio inoltrato.
La direttrice, al termine della settimana lo chiamò, per chiedergli come andasse, Oscar le parlò delle difficoltà incontrate, ma pure della consapevolezza che il tempo lo avrebbe reso più veloce e pratico, la direttrice lo congedò, incoraggiandolo.
Nel mentre vide alcune case, tutte distanti dal paese, abitazioni vecchie e troppo grandi per una persona sola, ma dagli affitti molto ragionevoli, avere un giardino, specie d’estate, poteva rappresentare una piacevole scoperta, per chi come lui, in città, era destinato ad affacciarsi ad un balcone.
Allo scadere del primo mese, il lavoro lo riportò a casa di Anna, doveva consegnare una raccomandata per il marito, la mattina volgeva al termine, quando si presentò davanti al campanello.
La donna non rispose al citofono, uscì direttamente sulla porta e andò ad aprirgli il cancello.
- Buongiorno Oscar -
- Buongiorno Anna, ho una raccomandata per suo marito, firma lei? - chiese, immaginando già la risposta.
- Si, certo -
Le porse la lettera e dopo averle dato la ricevuta, fece per andarsene, quando gli chiese - Lo vuole quel caffè? -
Sorridendo, annuì.
Lo invitò ad entrare in casa, l’ambiente era riscaldato e un buon profumo di cibo lo investì, Anna notò il suo naso arricciarsi e leggendogli nella mente anticipò la sua domanda:
- Baked potatoes, una specialità irlandese, è la prima volta che le faccio, speriamo vengano bene - disse facendolo accomodare.
Si sedette al tavolo di una cucina spaziosa e ben arredata, diversa, da quelle che l’agente immobiliare gli aveva proposto, pensò che sarebbe stato piacevole, alzarsi la mattina e fare colazione in un ambiente simile.
- Volentieri, il turno è finito e non ho impegni per le prossime ore, di cosa le piacerebbe parlare? - chiese poggiando la borsa della posta per terra, accanto ad una sedia.
- Di qualunque cosa Oscar, mi sento così sola e inutile, tutto il giorno in casa - disse mentre guardava la moka sul gas.
L’uomo osservò questa giovane donna, alta, vestita con una pile blu e una tuta nera, che nonostante l’assenza del trucco, aveva un volto espressivo e sensuale, provando compassione per lei.
Le dita si allungarono su due tazzine poste nello scolapiatti, versandoci il caffè appena uscito, lo zucchero comparse sul tavolo, insieme a due cucchiaini.
Si sedette di fronte a lui, l’uomo immaginò i grandi seni sotto la felpa, sussultare (ondeggiare) dentro il reggiseno.
- Lo beva, prima che si freddi - mormorò indicando la tazzina, Oscar, annuendo, prese a sorseggiare la bevanda scura.
- Le piace leggere Anna? - disse all’improvviso, come per rispondere ad un riflesso.
- Molto, ma la casa occupa quasi tutto il mio tempo, è molto grande, la sera sono troppo stanca per riuscirci - confidò, mettendo giù la sua tazzina.
- Cosa le piace? -
- Di tutto, ho letto i classici, libri horror, narrativa, noir e adoro il cinema - disse ravviandosi il caschetto corto che le incorniciava il volto, dagli occhi scuri e profondi.
- Abbiamo due cose in comune, i libri e il cinema, ci sono sale, qua intorno? -
- Solo una - mi disse rammaricata.
- Non è il massimo ed ho visto che anche i cellulari non hanno molto campo - mormorò chiedendo conferma dell’esperienza avuta in quelle settimane.
- Capita di rimanere isolati per qualche ora, non sempre, ma è un’eventualità - disse piegandosi verso i calzettoni viola, per tirarli su.
- Possiamo darci del tu Anna? - chiese all’improvviso.
- Certo Oscar - rispose sorridendo.
Guardò l’orologio e si alzò, prima di andare, chiese se poteva approfittare del bagno, Anna gli indicò la porta in fondo al corridoio.
Entrò e si liberò la vescica, mentre si lavava le mani, sotto al lavandino vide il cesto della biancheria, abbandonati sopra di esso, un paio di slip viola con pizzo nero, non resistette, li prese tra le mani, li osservò, notando tracce di umori sul tessuto leggero, vi affondò prima il naso e poi lasciò che la lingua li leccasse via.
Ebbe un’erezione.
Uscito dal bagno tornò in cucina a prendere la borsa, Anna lo aspettava in piedi, con le mani conserte sotto i seni generosi.
- Grazie per il caffè - disse indossando la tracolla.
- Grazie per la compagnia - rispose lei, facendogli strada verso la porta.
- A presto allora, sto cercando casa qua intorno -
- Magari diventiamo vicini - disse sorridendo
- C’è questa possibilità, devo decidere, lo farò presto, sono stanco di stare in quella pensione, desidero un po’ di riservatezza -
disse raggiungendo il cancello.
- Ti capisco. Vedrai che troverai quello che fa per te -
- Ne sono certo. Buon pomeriggio Anna -
- Buon pomeriggio Oscar -
Salì sul motorino, si voltò, era ancora sul cancello, lo salutò con un sorriso che lui ricambiò, poi mise in moto e partì.
Qualche giorno dopo lo chiamò l’agente immobiliare, chiedendogli se aveva preso una decisione.
Pensò alla casa più vicina ad Anna e la prese.
Il trasloco venne completato in un fine settimana, ormai erano circa due mesi che si era trasferito, cominciava a familiarizzare con le persone che vedeva quotidianamente, a cominciare dal giornalaio, che lo aspettava ogni mattina, con l’unica copia che si faceva mandare de Il Messaggero, il quotidiano di Roma, un gesto affettuoso, che ricambiava, portandogli la colazione quando passava a ritirarlo.
Rivide Anna qualche giorno dopo il suo trasferimento nella casa, li dividevano circa duecento metri, i terreni confinavano, anche se nessuno dei due se ne prendeva cura.
Non aveva avuto modo di recapitarle altra posta e il ricordo della loro ultima chiacchierata riecheggiava nella sua testa, soprattutto, gli tornava in mente il profumo delle sue mutandine, il sapore dei suoi umori.
La solitudine di quella donna, si avvertiva, pulsava, la figura del marito sembrava totalmente assente.
Anna aveva bisogno di calore interiore, sembrava possederne molto, ma qualcosa ne ostacolava il rilascio.
Tornò a Roma per un fine settimana, si rilassò in famiglia e con gli amici, la sera della domenica partì di nuovo.
- Buongiorno Anna - le disse vedendola dietro il cancello verde.
- Buongiorno Oscar, oggi non lavori? - gli chiese mentre passava sulla strada.
- No, sono di riposo e tu, sempre alle prese con il mestiere di casalinga? -
- É un lavoro ormai, non riesco a trovare mai tempo per me -
- Vuoi venire a fare una passeggiata? Sto andando verso il bosco -
Lo guardò quasi sorpresa e gli fece segno di aspettare.
- Dammi dieci minuti, mi cambio e andiamo -
- D’accordo, fai pure con calma, non ho fretta -
Uscirono sulla strada e presero uno dei sentieri che si trovavano alla fine dello sterrato, il bosco era colorato d’autunno e la giornata era tersa.
- Sono giorni che non metto fuori il naso di casa - disse Anna.
- Sono contento mi faccia compagnia - rispose.
- É una compagnia reciproca, ne avevo bisogno, come ti ho detto non ho modo di comunicare durante il giorno e la sera, quando mio marito torna, spesso prepara il lavoro per l’indomani, non abbiamo molto tempo per stare insieme, ci stiamo perdendo -
Lo avvolse una sensazione di confidenze intime, cercò di essere un buon orecchio, senza lasciarsi travolgere da giudizi affrettati.
Le impressioni che aveva avuto sul loro rapporto, erano confermate, da quello che Anna gli stava raccontando.
Un matrimonio voluto, eppure apparentemente affrettato, una comunicazione sempre più latitante, la netta sensazione di una distanza che aumentava di giorno in giorno.
Un’infelicità latente che stava per esplodere in tutta la sua asprezza.
Durante la passeggiata si scambiarono impressioni sui libri letti ed i film visti, scoprirono di avere ulteriori cose in comune, punti di vista simili su aspetti sociali, tra loro c’erano dieci anni di differenza, ma non si vedevano.
Gli raccontò della ragazza che era prima di sposarsi, di come si vestiva, Oscar immaginò come dovesse stare con le minigonne di cui gli parlava, questa amazzone, trasformatasi in una casalinga inquieta.
Sulla via del ritorno lo invitò a pranzo, accettò con entusiasmo, in fondo si sentiva solo anche lui.
Quando ebbero finito di mangiare, si spostarono in salotto, il divano era comodo e ripresero il discorso sui libri, l’uomo le raccontò della sua passione per lo scrivere, si dimostrò interessata e gli confidò che anche lei scriveva, sorrisero complici.
Poi lo guardò seria, come si vedessero per la prima volta e disse:
- Alcune volte ho voglia di essere sbattuta, ma non da mio marito, il nostro rapporto è traballante, non posso dargli accesso a me - parole che lo investirono come uno schiaffo.
Capì e la baciò.
Prima con leggerezza, poggiando le labbra sulle sue, come per esplorarne la reazione, poi affondando la lingua dentro di lei; il legno scoppiettava all’interno della stufa.
Le tolse la maglia di pile infilando le mani sotto la maglietta bianca, strizzò i seni enormi, pizzicandole i capezzoli turgidi, dopo averli liberati dal reggiseno.
Anna scivolò sul divano, mentre la spogliava dei pantaloni della tuta, carezzò le cosce morbide, cominciando a leccare la ferita verticale attraverso gli slip neri, sentiva l’afrore degli umori farsi prepotentemente strada nelle sue narici, alzò gli occhi, cercando il suo sguardo complice.
Afferrò le mutandine strappandole via, inalò l’odore della sua fica, incorniciata da una morbida peluria scura, poi carezzò le labbra sgualcite con la punta della lingua, prima di scappucciare il clitoride e succhiarlo.
Le gambe di Anna in uno spasmo, gli cinsero la testa, spingendola verso il basso.
Si ritrovò in apnea, immergendo la bocca, nel frutto bagnato da quell’eccitazione.
Il timore che il marito potesse tornare improvvisamente, interrompendo qualcosa, che non sapeva si sarebbe potuto ripetere, lo distolsero, ma i gemiti di Anna avvolsero le sue orecchie, sottraendolo a quei pensieri, sentiva che quel corpo stava per esplodere di piacere.
Un telefono squillò da qualche parte nella stanza, si drizzò seduta sul divano e nuda raggiunse il cellulare sul tavolo della cucina, vide il display.
- Abbiamo circa mezz’ora prima che mio marito sia qui, fammi godere Oscar, ne ho un doloroso bisogno -
Annuì silenzioso e si tirò giù i pantaloni, l’evidente erezione parlò per lui.
Anna s’inginocchiò ai suoi piedi e afferrando il cazzo con la mano destra, raggiunse la cappella con leccate di velluto, prima di farlo scomparire tra le sue labbra carnose, poche succhiate furono sufficienti a donargli una durezza adamantina, si girò verso il divano, sistemandosi carponi sui cuscini accoglienti:
- Scopami forte, scopami adesso - biascicò sfidandolo con uno sguardo voluttuoso.
- Non chiedo di meglio - disse posizionandosi in piedi dietro di lei.
- L’avevo capito, che eri un porco -
Sorrise e la penetrò senza dolcezza.
Arrivato in fondo al suo fodero, iniziò a muoversi, tenendola ben stretta per i fianchi, un culo morbido faceva da testimone a quella splendida cavalcata, arava quel solco accogliente, mentre Anna mugolava con lo sguardo fisso davanti a se, carezzandosi con la mano.
Quando il piacere di entrambi sembrò stesse per esplodere, uscì da lei per rientrare nell’orifizio più stretto, la sorpresa aumentò l’eccitazione e pochi colpi bastarono, per riempire le viscere di balsamo e sentirla venire con un grido rauco.
Si accasciò su di lei, baciandole le spalle nude e forti.
Si rivestirono in fretta, la mezz’ora era quasi passata del tutto e non volevano che qualcuno scoprisse il gioco al quale si erano appassionati.
Chiuse la porta dietro di se e la salutò attraverso la finestra, prima di aprire il cancello verde e incamminarsi verso casa.
Quando fu dentro al suo giardino, vide passare la macchina del marito, ignaro che qualcuno si fosse cibato del suo piatto preferito, rimanendone appagato, ma non ancora sazio.

virgil.oldman@libero.it





Questo racconto di è stato letto 2 5 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.