Nel bosco

Scritto da , il 2018-11-28, genere etero

La giornata era ancora luminosa, salirono in auto e raggiunsero una località a circa dieci chilometri a nord, volevano fare una passeggiata nei boschi.
Dopo aver posteggiato, presero gli zaini e si avviarono per il sentiero segnato,
L’autunno era appena iniziato, un mantello di foglie gialle e rosse crepitavano sotto le scarpe, non incontrarono nessuno, solo la fitta vegetazione, il silenzio della Natura, acquattata tra gli alberi ed il bisbiglio degli uccelli.
Il respiro aumentava man mano che trovavano il passo della marcia, nessuno dei due sembrava aver voglia di parlare per primo.
Improvvisamente si fermarono, c’era un bivio, da un lato un percorso segnalato, dall’altro uno anonimo, esitarono, poi guardandosi negli occhi, vinse il desiderio di esplorare.
Dopo qualche chilometro, come accade spesso in montagna, il tempo cambiò repentinamente, grosse nubi si addensarono sopra di loro e una pioggia sottile ma insistente cominciò a cadere, alzarono i cappucci dei gusci colorati che indossavano e continuarono a camminare.
Le prime raffiche di vento l’investirono dopo circa due chilometri, mentre la pioggia s’intensificava, a quel punto erano nel bel mezzo di un temporale, continuare non sarebbe stato prudente, cominciarono a guardarsi intorno alla ricerca di un riparo, dopo qualche metro scorsero quello che sembrava una piccola baita abbandonata, nascosta tra gli alberi.
Quattro pareti in pietra viva, un tetto spiovente e finestre sui due lati lunghi.
Raggiunsero la piccola radura e guardarono all’interno, non riuscendo a scorgere nulla.
Aprirono la porta ed entrarono.
Trovarono una lampada ad olio, l’accesero e l’agganciarono sulla trave del soffitto basso.
L’arredamento era essenziale: un tavolino con due sedie, posto sotto la finestra che si affacciava sulla radura, il camino, la dispensa su uno dei lati corti della casa e sull’altra parete lunga, una branda di legno da usare col sacco a pelo.
Cominciò a fare freddo, così l’uomo scelse dei piccoli ciocchi di legno per accendere il fuoco nel camino.
Il buio calò velocemente, il temporale, il calore del camino, la vicinanza ed il ricordo della mattina trascorsa a fare l’amore, accesero i loro sensi.
Cominciarono a carezzarsi le labbra con le lingue, prima di mangiarle, spogliandosi degli involucri, per permettere alle mani di scoprire i loro corpi nudi.
L’uomo le afferrò i glutei, stringendoli fino a lasciarle i segni, infilandole la mano tra le cosce per carezzare la fica umida.
Sdraiata sulla branda, cominciò a leccarla golosamente, attraverso la cornice di peli, leccate lunghe e profonde, alternate ad altre più brevi; lo lasciò fare, stringendogli la testa e accompagnando il movimento gemendo, poi sgusciò sul pavimento, inginocchiandosi tra le sue gambe, raggiunta la sua virilità, dura come un bastone, la impugnò alla base, lasciando che le labbra ci scorressero sopra, voleva sentirlo dentro di se, aspirarne l’afrore, mentre la punta le solleticava la gola, fin quasi a strozzarla, sentì le mani di lui poggiarsi sui capelli corti e spingerla verso il suo ventre, strabuzzò gli occhi ma non si sottrasse all’uso che fece della sua bocca.
Principiò a succhiarlo, sentendone le vene in rilievo, il calore, la cappella gonfia.
Voleva sentirlo dentro, lo spinse sul pavimento lurido, gli salì sopra, cavalcandolo furiosamente, il pollice dell’uomo premette il clitoride sporgente, soffocandolo, mentre con la mano libera strapazzava i seni tondi, pizzicando con forza i capezzoli duri come punteruoli.

La pioggia incessante, batteva ritmicamente sul tetto, confondendosi col suono prodotto dalle natiche, che sbattevano contro lo scroto.
Il grugnito dell'uomo sovrastava i gemiti sommessi della donna.
- girati- le disse ad un tratto, schiaffeggiandole forte la natica, lei smontò dall’asta di carne nel quale ruotava il suo piacere e si mise carponi, sollevando il culo più in alto che poteva.
Lui dietro, le puntò il cazzo teso tra il solco delle natiche e lo spinse oltre l’orlo elastico, affondando nello stretto canale, percorrendolo fino in fondo, mentre con le dita lei raggiunse la fica gonfia, affondandocele dentro.
I colpi lenti e precisi, come un martello su un chiodo nel muro, poi cominciò a fotterla forte, come piaceva a lei, mentre gemeva le bisbigliò all’orecchio: - sei una cagna, mi piace fottere questa cagna dalla fica fradicia –
- sono la tua troia – rispose.
I tuoni, vennero sovrastati dal ruggito dell’uomo, che si svuotava dentro le pareti dell’intestino, mentre lei emerse dal suo orgasmo, completamente esausta.
Non contarono i minuti nei quali, rimasero abbandonati, sazi, su quel lerciume.
Aspettarono e basta.

virgil.oldman@libero.it


Questo racconto di è stato letto 2 0 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.