Erotici Racconti

Esperienze liceali...1

Scritto da , il 2018-11-09, genere prime esperienze

Dopo la mia prima esperienza sessuale con mio cugino Stefano, durante le vacanze estive dai nostri nonni a Levanto, la mia vita da adolescente non fu più la stessa. Al ritorno a casa, a settembre, e alla ripresa delle scuole, le naturali tempeste ormonali aumentarono e trascorsi l’autunno a ricercare la mia identità sessuale, passando da una ragazza all’altra, tutte rimorchiate nel liceo che frequentavo, e a leggere fumetti e giornali porno gay. Il tutto condito da abbondanti masturbazioni solitarie nella mia stanzetta o richieste alla fidanzatina di turno. L’istituto scientifico che frequentavo a Genova era a carattere cattolico, quindi le ragazzine erano molto “serie”, di ottima famiglia borghese, e il sesso non era proprio il loro forte! Noi maschietti ci dovevamo accontentare di qualche sega o pompini rubati durante le feste di compleanno, sempre molto forzati, e raramente qualcuna arrivava a scopare completamente, e solamente in cambio di promesse di amore eterno!
Io decisi di sfruttare la mia esperienza omosessuale per raccogliere consensi tra i miei compagni e diventare il polo d’attrazione della mia classe e di altri amici del liceo, prestandomi a “cavia” sessuale. Il mio fisico esile, quasi effemminato, i miei capelli lunghi, le mia mani sottili e morbide, accentuavano le loro fantasie già eccitate dai nostri 17 anni…
Il primo della lista fu Leonardo, il mio compagno di banco. Una mattina si presentò in classe con un giornalino porno nella cartella, me lo mostrò durante l’ora di matematica e lo sfogliammo a malapena, eccitandoci subito. Ci ripromettemmo di andare in bagno a finirlo nell’ora di ginnastica; suonata l’ora, ci appartammo nel bagno e Leonardo tirò fuori il giornale da sotto il maglione e ci sedemmo sulla tazza a leggerlo, toccandoci continuamente il rispettivo pacco, poi lui si tirò giù la zip e in preda a un furioso attacco di arrapamento iniziò a masturbarsi accanto a me, come se nulla fosse. Era fissato su quelle fotografie di donne nude che scopano e spompinano splendidi uomini, la sua mano andava su e giù sul cazzetto bello duro, la cappella rotonda e rossa già bagnata…io rimasi rapito da quella scena, fissavo quel cazzo con voglia, lui mi ignorava e continuava a segarsi…poi mi guardò e disse “beh…tu che fai? Non te lo tiri fuori?...mica ti vergognerai?”. Io e Leonardo ci eravamo già visti nudi tante volte, nelle docce dopo lo sport o in camere d’albergo durante le gite scolastiche, ma quella era una situazione diversa. Non ci pensai molto, un istinto bestiale e un’eccitazione travolgente mi spinse a mettermi in ginocchio accanto alla tazza, a impugnare sopra la sua mano il cazzo del mio compagno di banco e a ingoiarlo tutto e iniziare a spompinarlo! Leonardo rimase di stucco, gli occhi sgranati e rosso in viso, mi lasciò fare per lo stupore…alzai lo sguardo mentre continuavo a succhiargli il pisello e lui mi fissava a bocca aperta per la sorpresa…ingoia tutto il cazzo sino alle palle, lui staccò la sua mano, io lo presi e cominciai pure a masturbarmelo in bocca…Leonardo teneva il giornaletto in mano, immobile, mi continuava a fissare…io continuavo a succhiargli il pisello, passando la lingua sopra e intorno alla cappella, ingoiarlo e succhiarlo con foga. Devo dire che mi sentivo molto bravo, anche se con poca esperienza, ma d'altronde avevo passato l’intera estate a fare sesso con io cugino, a spompinarci e incularci a vicenda…Leonardo non durò molto, dopo qualche minuto lo sentii rantolare, e una serie infinita di schizzi di sborra caldissima e fluida mi inondò la bocca…serrai le labbra intorno al suo pisello per non sbrodolarmi, ma un po’ di schizzi mi colarono ai lati della bocca, sporcandogli i pantaloni, ma comunque lo succhiai per bene, pulendolo tutto. Lo segai fino all’ultima goccia, poi lo guardai negli occhi, assaporando il suo sperma, e gli dissi “mi raccomando, non lo raccontare a nessuno…ti faccio i pompini ogni volta che vuoi, ma non sono frocio…”. Leonardo sorrise stentato, imbarazzato ma anche soddisfatto per aver avuto un bel pompino. Rientrammo in classe, lui aveva delle belle macchie sui pantaloni, ma non destò sospetti. Il giorno dopo, Leonardo mi chiamò in bagno, e con lui c’era Luigi, il nostro più caro amico. Immaginai che gli avesse raccontato tutto, tanto che entrambi si toccavano i pacchi gonfi dei jeans. Senza dire nulla, mi chiusi in un bagno con entrambi, Leonardo si calò mutandine e pantaloni e così anche Luigi, un po’ imbarazzato ma eccitato, io accennai un sorriso, mi inginocchiai in mezzo ai miei due amichetti, impugnai entrambi i piselli un po’ eccitati e li masturbai, facendoli indurire e gonfiare, poi ne presi in bocca uno, quello di Leonardo, e iniziai a succhiarlo, masturbando maldestramente l’altro. Poi feci il contrario, facendo godere e stupire Luigi, che mi guardava come un ebete…non ero molto bravo, era ovviamente la prima volta con due maschi, ma cercai di andare a tempo e di fare bene il pompino a uno e la sega all’altro…mi sentii molto una troietta! Mentre facevamo questa porcata, sentivamo i nostri compagni di scuola entrare in bagno, parlare e ridere, andare al cesso, pisciare, tirare la catena, e io e i miei due amichetti eravamo lì…loro smettevano di mugugnare, io rallentavo il rumoroso pompino, ciucciando piano piano. Luigi fu il primo a godere…lo stavo succhiando quando lo sentii ansimare, poi una lunga sborrata mi colpi in faccia, in bocca, lo feci venire per bene…il suo piselletto era vibrante dall’orgasmo, gli leccai la cappella a fine sborrata. Leonardo venne subito dopo, anche lui emise un gemito gutturale, poi mi schizzò addosso un fiume di sborra, diressi il cazzo in alto, lo vidi ancora zampillare sperma…era bellissimo! Succhiai anche il suo, poi mi alzai e cercai di pulirmi gli schizzi del loro seme al lavandino, con la carta igienica. Leonardo e lUigi si rialzarono le mutandine bianche e i jeans, paonazzi in viso, con un ghigno soddisfatto. Luigi esclamò “minchia Andrea, non immaginavo facessi questo, sei proprio bravo, meglio della mia ragazza…te lo posso chiedere altre volte?” e io, orgoglioso risposi “ma certo Luigi, quando volete…a me piace…”. Da quel giorno, sia Leonardo che Luigi si fecero masturbare o spompinare spesso, per poi passare la voce ad altri compagni di classe. Quasi ogni giorno, mi ritrovavo in bagno, o nello sgabuzzino della palestra o in qualche classe chiusa a masturbare o prenderlo in bocca a qualcuno della classe, e qualche volta anche dei maschi di altre sezioni. Questo non significava che non uscissi con delle ragazze e non facessi sesso con le femmine, e così i miei “compagni di giochi”, semplicemente eravamo attratti dall’attività sessuale anche tra di noi, tanta era la voglia!
Una volta, Leonardo mi portò nel ripostiglio degli attrezzi sportivi in palestra, la classe intera era in cortile a giocare a volley. Ci calammo i pantaloncini e mentre lo spompinavo seduto su un pallone, io mi masturbavo sotto. Poi lui mi alzò di peso, e mi chiese quasi timido “senti Andrea, ma tu lo prendi anche dietro, cioè, ti piace…cioè hai mai provato a fartelo mettere in quel posto…voglio dire…” era molto imbarazzato e io gli dissi sornione “Leonardo, mica mi stai chiedendo di volermi inculare?...se vuoi saperlo, si l’ho fatto…sempre con mio cugino, ci siamo inculati…ed è bellissimo…vuoi provare?” il mio amico rimase di stucco, col cazzo dritto, immobile…non sapeva che fare. Allora mi misi della saliva nelle dita e mi bagnai il mio buchetto del culo, poi mi appoggiai al cesto dei palloni, inchinandomi, presi il pisello di Leonardo e lo avvicinai all’ano “dai Leo, adesso spingilo dentro, fai finta che sono una femmina…è un po’ stretto, ma tu spingi forte…dai…prova!” sentii la sua cappella spingere sul mio cerchietto, Leonardo era molto restio, eccitato ma imbarazzato…stava pur sempre cercando di incularsi un maschio, il suo compagno di banco! Io lo incitavo, tirandolo per la magliettina Lacoste “dai Leo...spingilo dentro…dai, sfondami il culo…scopami!!” allora Leonardo diede una grossa spinta di reni e il suo pisello mi ruppe il culo, entrando di botto nel mio sfintere…il dolore fu notevole, ma sopportabile…sentii il cazzo dilagare dentro, le sue palle arrivare a contatto con le mie…Leonardo rimase senza fiato, aveva gli occhi spalancati, poi inizio a scoparmi sempre più forte, facendo avanti e indietro nel mio culetto piccolo e sodo, quasi femminile…il suo pisello entrava e usciva benissimo, io godevo come una puttanella, gemevo con strilli acuti, ricordandomi dei fumetti porno che avevo letto “si si si Leo, inculami, inculami…dai dai sfondami…dai Leo, scopami, godooogodoooo…” e Leonardo mi inculava con foga adolescenziale, nella penombra di quel ripostiglio, sino all’orgasmo! Lo sentii gemere, accelerare i colpi, e poi una vampata di calore nello sfintere mi fece capire che mi aveva borrato dentro! Rimase dentro di me ancora un po’, mi spinse il cazzo in fondo un’ultima volta, poi si sfilò e senza nemmeno pulirsi si tirò su mutande e tuta e rimase senza parlare. Io pure mi rivestii, sentendomi lo sperma e gli umori anali colare fuori dal retto, nelle mutande…ero zuppo. Rimanemmo un po’ così, guardandoci e sorridendo imbarazzati. Dopo quella volta, Leonardo sparse la notizia della mia omosessualità, o comunque della mia “disponibilità” con gli uomini, ed ero diventato famoso e ricercato per le feste, uscite domenicali e gite scolastiche, ed era quello il mio obiettivo, oltre che fare sesso!
E continua…


Questo racconto di è stato letto 3 7 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.