Erotici Racconti

Mia moglie come non l'avevo mai vista

Scritto da , il 2018-11-08, genere trio

Un episodio reale, inaspettato ma desiderato.

Io e mia moglie siamo sempre stati di indole tranquilla. In quel sabato sera estivo avevamo deciso di cenare con qualcosa di leggero, mangiare un gelato rinfrescante e guardarci un film. I nostri piani però cambiarono quando ci chiamò Paolo, un caro amico che essendo single alle volte si fa sentire per qualche chiacchiera. Ci invitò a bere un aperitivo all’enoteca del paese e dato che non avevamo nulla da fare accettammo.
Come vi dicevo mia moglie è una persona tranquilla ed in certe occasioni anche un po’ timida, ma le piace tenersi in forma e curarsi. Va in palestra e se deve uscire cerca di vestirsi bene. Lei è bionda, magra, capelli ricci lunghi, terza di seno, non molto alta ma con un fisico atletico… un bel peperino. Quella sera mise un vestitino rosso, corto, un po’ scollato e delle scarpe nere con tacco 12. Abbigliamento audace che non sarebbe passato inosservato, ma comunque non volgare.
Arrivati all’enoteca bevemmo un paio di prosecchi con il nostro amico e dato che anche lui non aveva nulla da fare lo invitammo a cena da noi, per stare in compagnia e finire le nostre chiacchiere. Il film in programma poteva aspettare.
Durante la cena aprimmo una bottiglia di chianti che con l’amatriciana si sposa discretamente. Affogammo il gelato con del Baileys e per finire bevemmo un amaro alle erbe. Tutto questo andò a sommarsi ai due prosecchi bevuti all’enoteca e naturalmente la tesa iniziò a girare. Eravamo tutti e tre brilli, ma mia moglie lo era più di noi… essendo una tipa sportiva non è abituata a bere.
I nostri discorsi si spostarono su cose piccanti, con Paolo abbiamo molta confidenza e parliamo di tutto. Ci disse che qualche volta frequentava strip club e locali simili. A quel punto, io che avevo perso un po’ delle mie inibizioni, presi la palla al balzo. Ho sempre avuto fantasie su mia moglie ma mai avrei pensato che si presentasse anche solo l’occasione di parlarne. Dissi a mia moglie che secondo me sarebbe stata brava come spogliarellista e Paolo mi seguì a ruota. Io e lui ci guardammo con uno sguardo d’intesa e iniziammo a farle complimenti. Paolo le diceva: “sei una bella donna, hai tutte le cose al posto giusto, saresti brava come spogliarellista.” Io rincaravo la dose facendo apprezzamenti.
La convincemmo a ballare per noi, complice il vino. Ci sedemmo sul divano, accendemmo lo stereo e lei iniziò a ballare. La incitavamo. Lei era un po’ imbarazzata ma visibilmente emozionata dai nostri complimenti. Ad un certo punto Paolo le disse di togliere il vestito, di farci vedere l’intimo, in modo innocente. Lei iniziò ad alzare il vestito lentamente fino a sfilarlo. Rimase davanti a noi con un perizoma rosso un po’ trasparente, il reggiseno a balconcino e le scarpe nere lucide con il tacco. Non mi sembrava vero. Ero emozionato. Si vedeva il suo fisico atletico e sodo, un culo di marmo e gambe scolpite. Si poteva intravedere che tra le gambe era totalmente depilata.
Noi continuavamo con i complimenti ed a quel punto il suo sguardo si fece malizioso, sicuro di sé. Io e Paolo eravamo visibilmente eccitati e lui inizio a dirle di togliere il reggiseno. Dopo qualche insistenza lei si girò, slacciò il reggiseno, lo fece cadere a terra e si rigirò verso di noi. Le tette sode rimanevano su da sole e Paolo iniziò a dirle: “caspita che belle tette, proprio da strip club”. A quel punto lei perse qualsiasi imbarazzo e ballando sfilò lentamente il perizoma. Era nuda, con solo le scarpe tacco 12. Una meraviglia. Si avvicinò a noi piano per farsi guardare bene. Si accarezzava le tette sode, passava la mano tra le gambe e noi ci eccitammo un sacco. Lei era contenta di sentire i nostri complimenti, aveva voglia di sentirsi ammirata e desiderata. Tutta la timidezza di quegli anni era sparita con qualche bicchiere di vino e la compagnia giusta. Io allungai una mano e iniziai ad accarezzarle le gambe ed il culo. Poco dopo fece lo stesso Paolo. Iniziammo ad accarezzarle il culo, le tette ed infine le mani finirono tra le gambe. Era eccitata, bagnata, aperta. Guardai Paolo e mi sbottonai i pantaloni, lui fece lo stesso. I nostri cazzi erano duri, pulsanti, li davanti a lei. Mia moglie si inginocchiò e mi guardò. Voleva la mia approvazione. Le restituii uno sguardo che diceva tutto, sognavo quella situazione da anni. Lei prese in mano i nostri cazzi e iniziò a farci una sega. Paolo le diceva: “che brava che sei, che delicata”. Vidi che era eccitata e decisa. Le dissi: “non vuoi assaggiarli?”. Lei mi rispose: “si ho molta voglia di assaggiarli, sembrano buoni” e si avvicinò al cazzo di Paolo con la bocca, la aprì e lo infilò piano tra le labbra. Prima gli succhiò la cappella, grossa e pulsante, poi lo infilò tutto. Iniziò a pompare i due cazzi in modo alternato. Lei si toccava, era eccitata. Paolo le diceva: “che brava bocchinara, se continui mi fai sborrare”. Al che le dissi: “ti va di farti scopare?”, sapevo che avrebbe detto di si, si stava masturbando mentre pompava i nostri cazzi. Si mise sul divano a gambe aperte, Paolo si mise sopra di lei e fece entrare piano il cazzo nella sua fica depilata. Iniziò a scoparla, prima piano poi con colpi decisi. Lei gemeva, godeva. Io le misi il mio cazzo in bocca. L’eccitazione era alle stelle per tutti e tre. Io e Paolo eravamo eccitatissimi e poco dopo Paolo iniziò a dire: “sborro, sborro, devo sborrare”. Lei le disse “ continua, sborrami dentro” e lui: “si ti riempio!” ed esplose in una sborrata enorme. Vedendo la scena sborrai anche io nella sua bocca, sul suo viso e sulle tette sode. Lei gemeva e godeva.
Finita la scopata ci guardammo un po’ stupiti di quello che avevamo fatto, ma la complicità era tanta. Lei si asciugò la sborra dal corpo, dal viso, dalle tette, dalla fica. Ci sedemmo così, nudi ed ancora ansimanti sul divano. Dopo qualche secondo di silenzio iniziammo a parlare del più e del meno, proprio come tre ottimi amici che avevano appena provato qualcosa di nuovo, senza malizia ed imbarazzi. Mentre parlavamo accarezzavamo mia moglie e lei accarezzava noi. Dopo poco i cazzi tornarono duri. Mia moglie mentre le palpavamo le tette si abbasso di nuovo e li riprese in bocca. Li pompava per bene, leccando, succhiando… e ci fece sborrarre di nuovo sul suo viso e tra le sue tette.
La serata si concluse con una doccia ed un ultimo brindisi per onorare quell’esperienza che ci aveva emozionato, eccitato e resi ancora più amici.
Ci furono altre esperienze dopo questa, se vi è piacuta posso raccontarvele

Questo racconto di è stato letto 6 1 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.