Erotici Racconti

L'amore mio, mia cugina, mia vita

Scritto da , il 2018-11-07, genere incesti

L'amore mio , Mia cugina ! mia vita.
Una volta Rocco Siffredi ci disse che aveva provato a vedere il filmatino porno di Belen, ma quando vide che masticava una cicca, spense. Ecco, di fronte a certi video di real sex viene da fare lo stesso. Mentre nel sesso vero non si spegne nulla, al massimo si chiede di sputare il chewing gum.
Ti amo. Tre secondi per dirlo. Tre ore per spiegarlo. E una vita intera per provarlo”
“non c’è cosa più divina che scoparsi la cugina”
La storia incestuosa che vado a raccontarvi, è una storia vera e banale di tutti i giorni, eppure succede in tutti gli angoli della terra, solo che facciamo finta che tutto va bene.
L’incesto sono cosi diffusi che non ci sono leggi che lo possono impedire.
La maggiore parte di noi maschietti, abbiamo fantasticato sulle donne di famiglia.
Nella mia famiglia (non voglio divulgare nomi), o 6 cugine 2 sposate (dopo che erano incinte ! 18 e 20 anni) , 2 fidanzate (sicuramente si facevano scopare da loro amichetti 17 e 19 anni) + 2 sorelle (15 e 17 anni , visto che tutte , erano precoce ! dovevo sbrigarmi !! se ne volevo una per me.
Mi sono interessato a le due sorelle , a la più grande di 17 anni ‘’M’innamorò di mia cugina...17 anni io ne avevo 28.
Un giorno ho avuto il desiderio ? NON SO PERCHE ero attirato verso lei , mi sembrava matura e pronta per quello che volevo , ho capito che dovevo realizzare quel desiderio, non volevo che un altro me la prendeva , mi dovevo sbrigare.
Mi sono detto che se non ci stava proverei con sua sorella di 15 anni , quando la vedrò più matura.
Cosi deciso di tentare il tutto per tutto , ero eccitato quando lei e venuta a casa mia , per caso.
Solo di vederla “Il mio pisello si stava indurendo come un sasso! “
IO - con ansia li o detto “Lo sai tu sei il mio grande amore. Imparami ad amare , io t’insegnerò a far l'amore? ”
LEI-Finalmente ti sei deciso a dirmelo , era ora ! “Quando vuoi tu e Dove vuoi tu !”
Fammelo sapere, ma prima devo dirti un segreto ! prometti di non divulgarlo a nessuno !
Lei si accorge del bozzo tra le mie gambe e, con un calmo incredibile, mi sbottona il pantalone e fa svettare fuori dalle mutande il mio missile gonfio e duro.
“L’ho sempre saputo che ti segavi davanti la finestra mentre mi guardavi. E la cosa mi piaceva tantissimo…” pure io sono attirata da te , per la tua gentilezza e il tuo corismo , mi piaci tanto , ogni volta che vedo la tua macchina , pesavo a te ! Cosa sta facendo ? e sognavo che venivi a vedermi quando ero sola e che dormivi con me che mi avevi messo incinta , ma non mi ricordo che mi ai fatto l’amore., tanta volte mi annoiavo e leggevo dei fumetti dove le copie si baciavano , o pure avuto delle foto di uomini nudi o foto dove si vedeva copie che fanno l’amore, vedevo te . Io già ponzato a fare sesso con te.
La sua famiglia e venuta a abitare in fronte a casa mia da solo 2 anni , con il tempo lei a cambiato non era più una bambina ma non sapevo perche !
Quando la vedevo a la finestra mi veniva il desiderio , e una volta mi a visto che la guardavo non sapevo che mi aveva visto , mentre mi masturbavo.
Mi guarda. Mentre mi carezza l’uccello , mi guarda con quegli occhini meravigliosi. Sto impazzendo. E prima che possa rispondergli, avvicina la sua testa alla mia fino a quando le nostre bocche non si incontrano. Un lungo, intenso e profondo bacio ci coinvolge. Le nostre lingue si incrociano ed esplorano rispettivamente la bocca l'una dell'altro.
IO-Basta può venire qualcuno a l’imprevisto ,ok mi sta bene, dammi il tempo di trovare un posto sicuro per vederci , ti faro sapere.
Mentre rimettevo il pantalone in ordine lei m’ a dato un bacetto su la bocca, era la conclusione che ci stava che potevo sperare quello che volevo da lei.
Nei giorni seguenti non riuscivo a incontrarla da sola, era sempre uno di famiglia con lei.
“il suo segreto”
Qualche giorni dopo, in famiglia siamo stati in villeggiature in campagna ero con loro e abbiamo fatto una lunga passeggiata, parlando di tutto , nei momenti che camminiamo un vicino a altro lei mi riconto il segreto che aveva a dirmi , in poche parole a 13 anni un amico della famiglia a abusato di lei mentre era sola a casa. Lui e venuto profittando che era sola la portata nella stanza da letto dei suoi genitori, lei non capiva perche , gli a tolto la mutandina la superata , scopata senza protezione godendo in lei , mentre lei piangeva che gli faceva male , l’a trattata di “spicola puttana” e minacciata se lo dice ai suoi genitori , se ne andato lasciandola li .
LEI -Tu mi ai fatto molto cambiare sai che io non potevo supportare che un uomo si avvicinassi di me , ma da quando mi sono innamorata di te o dei desideri , ogni volta che ti vedo , sento il mio sesso che a bisogno di carezze, e mi masturbo . Non potevo continuare cosi , ma dovevo fartelo sapere e ricontarti la mia storia ! Prima che fra di noi nasce una storia , “non sono una puttana” . Avrei desiderato offrirti la mia verginità , ma nel’anno presa di forza ! Mi puoi perdonare?
Quel animale a sempre negato quello che a fatto , mi a rubato la mia verginità con il rischio di trasmettermi una malattia e di mietermi incinta. Sono stata disgustata , vedere tutti i uomini che si girano verso di me , o l’impressione che mi guardano come se sanno quello che mi e successo. E nella famiglia anno nascosto quel accaduto ! Per questo che sono venuti abitare nella tua cita, come se era colpa mia . Avrei desiderato darti la mia verginità , ma nel’anno presa di forza ! Mi puoi perdonare?
Mi rendo conto che lei odia i suoi genitori e aspetta di avere l’età per andarsene di casa o di trovare un fidanzato che se la prende.
Ero sconvolto della sua storia e lo ringraziato della sua sincerità ed della fiducia che aveva in me. Li o fatto capire che era coraggiosa e la ringrazio della sua sincerità ma che io la voglio ancora più bene e potrà sempre fidarsi di me che mai la faro soffrire. Lei mi disse che se fra di noi dovrebbe nascere l’amore , dovremo nascondere i nostri sentimenti , cosa diranno se sanno che lei frequenta suo cugino ! Che vergogna ! Li o detto che sono i suoi genitori che dovrebbero aver vergogna del loro comportamento. E non a niente da perdonarti , non ai nessuna colpa ! Sarò sempre disponibile per lei , che può fidarsi di me per sempre , visto che sono suo cugino , avrò motivi per aiutarla. E se vuole e pure possibile che viene abitare con me senza che nessuno lo sa.” Io sarò tuo uomo , tu mia donna” pure che se non ci possiamo sposare io vorrei meglio conoscerti e insieme troveremo come possiamo essere felici insieme.
Avevo una voglia matta di prenderla nelle mie brace e darli un bacio , che sicuramente non risolveva quello che desideravo sarebbe peggio se i altri senne accorgessi al momento.
FINALMENTE O TROVATO COMME INCONTRARLA SOLA .
Visto che andava sola a scuola la mattina, senza farli sapere, l’aspettata nella macchina sul scorso che prendeva per andare a scuola, era sorpresa di vedermi, la fatta salire e li o chiesto se ci possiamo vedere l’indomani . Mi a dato un appuntamento per l’indomani a le ore 12 a l’uscita della scuola , dirà che ai suoi genitori che rimaneva più tardi a scuola.
Il giorno seguente ero vicino la scuola a aspettarla , con una coperta nera per nasconderla dietro la macchina , chi sa se mi vedono con lei.
Lei camminava sul corso , arrivai a la sua altezza quando non cera nessuno che ci vedeva e salita dietro e si e messo sotto la coperta nera.
LEI- Dove mi porti?
IO-Lì dove non ce nessuno!
Arrivati sul posto, eravamo dietro un boschetto lontano della strada, non ci vedeva nessuno.
E quello che mi fa paura, baciarci toccarci si potrebbe, se non andiamo più in là.
LEI, Allora lei mi disse “non parlare più baciami, toccami, voglio sentire le tue mani sul mio corpo.’
LEI-Se viene gente cosa facciamo?
IO-Non credo, abbracciami e baciami.
Ci siamo messi dietro il bianchino della macchina , avevo un cuscino e una coperta per nasconderci in caso di necessita. Per che non vorrei che qualcuno ci vedessi cosa facevamo.
Cercai la sua bocca, le diedi la lingua, le misi la mano tra le cosce mentre lei senza alcun preavviso, si abbassò pantaloncino e mutandina, rivelando la sua bella fighetta nuda. Mi distesi e mi abbassai il pantalone e la mutandina, mi tirò fuori il cazzo schizzo fuori come una molla e iniziando a segarmi lentamente il cazzo, Lei allora si tolse piano piano anche la canotta , senza reggiseno , come belli mammelle rivelando le sue tette nude .A questo punto porto entrambe le mie mani sui suoi seni, li tasto con forza, li spremo con vigore,erano duri come il mio cazzo. Si mise su di me , senti le mammelle puntarsi e diventate rigide , come se tra le mie labbra per succhiarli fin a che mi disse che li faceva male cambiavo per rincominciare su l’altra , nel stesso momento infilai due dita nella fighetta bollente, penetrando quell’antro cavernoso e’ gocciolante. Sento i schizzi che bagnano le mie dite. Fu come accarezzare il cielo.“Ah…”. I suoi occhi si spalancarono mi faceva ingrossare il pisello solo a guardarla. Aveva quegli occhini angelici da bimba innocente su cui io avrei volentieri sborrato sopra ogni volta che alzava lo sguardo e capii che stava iniziando, poi si abbassò, prese in mano il scazzone all’ingresso della fighetta e clitoride gonfiarsi “Doveva succedere alla fine , visto che eravamo tute due coscienti ” s’impalò lentamente”, era pronta a darmi il mio il suo amore sentivo arrivare un orgasmo colossale… Quella belle fighetta era così stretta e calda… stavo per sborrare.
LEI-Un’altra volta lo farai, “Amore vienimi sopra, chiavarmi! È troppo tempo che aspetto questo momento, lo voglio tantissimo. “Voglio sentirti dentro di me, che bell’amore, sei fantastico! Continua, non ti fermare cosi, che bello! Quanto tempo e passato scopami mettimi questo bel cazzo nella fica lo voglio adessooo.
Mio Dio quanto volevo sbattergli il cazzo in fica , lo mise con la testa all’entrata della fica. Lei presi mio cazzo e lo guida a metterlo al posto giusto, strofinarlo la sua fica, l’accompagnavo nel movimento, quando a sentito il calore, “ voglio che m’impali”. Lei lanciò un grido e il suo buco della fica cominciò ad aprirsi e chiudersi ritmicamente attorno al mio pisello stava iniziando un intenso orgasmo .Si tirerà indietro invece, mi strinse per farmi ritardare la sborrata, non arrivavo a entrare nella sua fica tanto che era stretta, si rese conto che avrei goduto tropo presto. L’impalò lentamente, e si fermò quando i nostri corpi si toccarono.. (Penetrazione) mio sesso sembrava che era grande come mai stato almeno per 2 volte , volevo esplodere, glie lo dissi. “Aspetta amore sto per venire! “Ma lei iniziò a salire e scendere sul cazzo. Dopo un paio di minuti, non resistevo più al momento che l’aveva in fondo dentro la sua fighetta che era bagnatissima, grande, pelosa, morbida e pronta ad essere riempita dal mio spreme. Fu semplicemente stupendo, la scopai per circa dieci minuti, lei si sforzo di non gridare ad ogni colpo che davo, ma si capiva benissimo che godeva, dalla forza che metteva per stringermi a sé con le sue braccia. La scopai con tutte le mi forze le sue gambe erano aperte e la sua figa piena, sicuramente non a mai scopato e godeva cosi forte, le chiesi di girarsi per provare di scoparla a pecorina , forse era più comodo per lei.
Mi alzai le feci mettere in ginocchio alla pecorina, mi guardai intorno, non c’era nessuno, guidai il cazzo ora avverto le sue grandi labbra sfiorare la mia cappella, non devo nemmeno guidare il mio cazzo dentro di lei, la sua fica fradicia ed il mio pisello dritto come un palo di legno, lentamente si fà strada nel suo posto piú intimo. Lo sento entrare, avverto la pelle viva ed umida della sua fica lungo il mio pisello. Sono dentro di lei, entrai in lei era bagnata e tanto calda, la tenni ferma con i fianchi e iniziai a chiavarla, restai fermo ben piantato dentro quella figa accogliente, sembrava che era fatta per me, dopo orgasmi multipli è che ora posso liberarmi, il cazzo aderiva molto bene alle pareti vaginali. Indovinando che a lei piace essere portata all’apice molto lentamente, nella l’aria un profumo di sesso e di sudore invasivo l’interno della macchina, chiedeva di continuare a fare il va e viene più lungi.
LEI-Amore che bel cazzo, non m’importa che sei mio cugino, ti amo e spero che tu pure spero che vedrai ancora scopami , chiavarmi forte. Mi sento la fica che cola tanto, sto godendooo, mi sento la fica piena, chiavarmi forte così mi piace, chiavarmi non fermarti continua cosi, dai ancora di più , sfondami la fica…
Passarono alcuni minuti, mi grido di aumentare il ritmo “vai più forte amore !”
L’abbracciai e la girai mettendo lei sotto, iniziai a chiavarla forte, mi piaceva sentirla gemere sotto i colpi del mio cazzo, non resistevo più.
IO-AMORE posso sborrarti dentro? O devo uscire?
LEI- Dai manda tutto dentro, non avere timore, sto godendooo continui cosi, sborra tutto, fammi sentire la forza del tuo cazzo e quanta sborra ai per me.
Le mie palle sbattevano contro le natiche, attribuii dei colpi rapidi e forti, gridai il mio godimento e mi piantai bene dentro la fica, Spingo e spingo più volte, i miei reni sono messi a dura prova, sento le mie palle vanno esplodere. Afferro con forza la coperta, percepisco la sborra risalire il canale del mio cazzo... un forte gemito esce dalla mia bocca, seguito da quello suo... aah... stò per venire... si... avverto quel secondo di pre-sborrata arrivare... sento il carico di sborra salire... vengo... un primo schizzo riempi la fica , poi un secondo... ed un terzo... sento il calore dello sperma intorno al mio cazzo seguito da diversi spasmi della fica di mia cugina... continuo a sborrare... quattro, cinque, sei, sette volte... mi lascio andare continuando a svuotarmi... spingo con il bacino usando le mie ultime forze per delle ultime intense spruzzate...a ogni eiaculazione diceva “si …” infine mi fermo, capisco che non c'è più nulla da tirare fuori dalle mie palle, quindi esausto esalo un ultimo gemito di godimento. Lei sembra ancora in forma, ma vedendo la mia resa ed il mio corpo sudato come avessi fatto una sauna, si sfila dal mio cazzo che pulsa senza eiaculare e mi guarda con un sorriso. Poi con una mano lo afferra cercando di svuotarlo più di quanto non avesse già fatto , Il cazzo mi sembrava che non volesse smettere di sputare sperma non o riuscito a fermare quell'ondata di sborra che ormai da troppo tempo mi stava gonfiando le palle. Anche lei se ne accorge, ed anche lei voleva l’ultima goccia di sborra, era come se dovesse liberarsi ,del suo segreto, lo trattenne ancora in lei ancora duro, rimasti tutte due senza fiato per qualche minuto.(Fine penetrazione)
Tutto e stato fatto in venti minuti!
Questo e stato la prima volta nella macchina con mia cugina , il mio amore.
Avevo finalmente realizzato uno dei miei sogni che coltivavo sin dalla prima volta che baciai mia cugina.
LEI- Come e stato bello, vero? Hai goduto tantissimo, mai avuto un orgasmo come questo, sai che mi masturbavo anche io da quando ti o visto dalla finestra, il desiderio di sesso mi e venuto per te, sono tutta bagnata con tanta sborra che mi hai messo dentro, sento che esce ancora, era piena da scoppiare come quando devo fare la pipi , grazie amore, era meraviglioso. E come se lo sento ancora dentro ! mi a detto che la (sensazione nel vaghino) è stata più di tre ore dopo la sensazione di averlo ancora in lei che ogni tanto le gambe gli tremavano.
LEI -Vedremo fra 15 giorni il risultato, ti dispiace se resto incinta ? Se quello accade sarà per me un bel regalo d’amore che mi ai dato, ti amo amore mio.
IO, Pensavo che non cera quel rischio ! se te lo chiesto era solo per farti godere più forte , me lo avevi chiesto tu !, “ma se tu lo vuoi, io ci sto.” Ok fammelo sapere.”
LEI, La prossima volta ci organizziamo per incontrarci in una stanza con un grande letto dove potrai fare tutto quello che vuoi tanto che potrai, sarà solo per il tuo piacere, panza solo a divertirti. Sono tua per sempre.
Mi baciò a stampo sulla bocca e andò via con un sorriso che mi faceva venire voglia di ricominciare. Dopo pensai a quello che era successo, Mi dissi che era meraviglioso, inevitabile, che doveva accadere. (“Non erano le mie labbra che hai baciato; ma la mia anima”)
A casa (dopo due ore) sentivo ancora il mio sesso come se veniva di godere, era veramente una gran fica, bella e per di più era per me, non lo so il perché pensai, che magari le sarebbe piaciuto e per la prima volta nella mia vita, pensai a lei come mia donna ( amanti siamo rimasti ).
Questo racconto e come un foto , si trova ancora nella mia memoria come se era ieri !
Ma dopo pesavamo giornate intere al letto a godere , sono passati più de 40 anni ma niente a cambiato.
Quello era mio pensiero volavo la sua fica, guardo il mio cazzo che puntava diritto, lo preso, e inizio a masturbarmi piano. Era il primo ricordo che mi faceva arrivare mentre mi masturbavo e la prima fantasia che riportava alla mente mentre scopavo. Era la crème de la crème, un’immagine che tenne per sempre con me.
Sorridendo ( il mio sogno era realizzato ) cado in un sonno profondo.
LEI e sempre il mio grande amore ! da +40 anni CHE C’AMIAMO!
Certe volte passiamo 4 ore di godimenti senza fermarci.
“O scoperto ALTRI secreto che lei a”
Mi sono reso conto della sua sensibilità , qualunque posto che la carezzo i suoi senni si svegliamo , diventa eccitata quando sente le mie carezze su la schiena o su le cosce , ci piace quando la tocco la fica , in qualche secondi e umida e accogliente , diventa bollente adesso quanto li presento il mio penne , lo mette direttamente in fondo al vaghino se lo tiene stretto dentro riesce a fare un massaggio con i movimenti della sua pancia senza muoversi che o tanta difficoltà ritenere il godimento. Mia cugina e una macchinetta a godimenti. Se vuole riesce a farmi godere in 30 secondi. E cosi che una volta abbiamo provato in 2 ore mi a fatto godere 12 volte non avevo più spremo nelle mie palle dopo il quarto godimento.
A me mi piace che mentre lei mi succhia il cazzo io con la testa tra quelle cosce stringendola contro di me con la bocca su le lebbre della sua fica, sento il suo profumo e suoi peli il suo calore, mi da tutto quello che nessuno altra donna mi a fatto sentire, leccarla e sentirla quando la facevo godere succhiando il suo clitoride bevevo i suoi umori dolci e caldi, vedo proprio la sua eccitazione uscire goccia dopo goccia . Lecco tutto questo ben di Dio.
E’ buono Il suo liquido caldo mi entra in bocca. La mia saliva si mischia ai suoi umori e io inizio a scoparla con la lingua , ma dopo 15 minuti la lingua si stacca visto che e un muscolo che non e abituato a quello sforzo , ma con il tempo ci arrivo a tenere 40 minuti mentre lei si dibatte con frenesia come una serpe per fermarmi tanto che stava tremando di godenti. Lei gode, gode a non smettere fin che io la smetto di succhiare la fica tra le sue gambe che tengo strette , con la mano prova di spinge e prova di liberarsi ma non può riuscire a muoversi e a liberare la sua figa sul mio viso gridando di fermarmi che non ce la fa più. E’ una cosa spettacolare. Dopo che si riprende si vendica . Vedo sul suo viso la soddisfazione di una golosa di cazzi che e’ appena stata scopata senza pietà ma ora tocca a me di satinarla i suoi desideri.
Quando finivamo, rimaneva sempre senza forza! Per almeno dieci minuti non si muoveva più! Che non ce la faceva più. Diceva che era morta! ” Tu mi farai morire”
Visto la nostra situazione “cugini di sangue” non ce possibilità di sposarci ne di avere figli, abbiamo deciso de vivere in copia , lei con il suo amico a avuto 2 figli ( adesso separata ) io con una amica abbiamo 2 figli (adesso separato ) da 22 anni i figli adesso sono grandi.
Una vita complessa ma con tanto AMORE
Mentre noi due abbiamo sempre continuato a frequentarci per il nostro amore e non ci separiamo mai. Fino la morte!
QUESTO E SESSO E AMORE! NON CE NIENTE PIU BELLO CHE QUELLO CHE E PROIBITO

Ma tanto felici di fare l’amore insieme da più di 40 anni.




Questo racconto di è stato letto 5 5 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.