Erotici Racconti

L'Università fuori sede (CAP 4)

Scritto da , il 2018-10-10, genere orge

L'UNIVERSITARIA FUORI SEDE
(Cap. 4)

Passarono due settimane senza che ci fosse alcun segno da parte dell'agenzia, dovetti come al solito adattarmi ai miei lavoretti, l'ingegnere, purtroppo, era partito per un congresso di lavoro e sarebbe stato fuori almeno un mese. Mi presentai all'agenzia e chiesi ad Anto di annunciarmi al capo. Lei imbronciata perché non l'avevo più cercata, dopo un breve colloquio telefonico , mi introdusse al cospetto di Giorgio che, sorridendo come al solito, mi accolse con il suo perfetto baciamano emi fece accomodare di fronte alla scrivania: Mi ascoltò seriamente e poi alla fine mi disse:” Cara Sonia i tempi sono quelli che sono, per le sfilate di moda cercano giovanissime quasi anoressiche, e non è il tuo caso, anche nel mondo dei personaggi famosi tutto è quasi fermo, nessuno vuol finire su youtube ripreso da un dilettante mentre esce da qualche locale in compagnia di ragazze, e, perciò, se non sei interessata a partecipazioni a produzioni porno, per ora non ho nulla per te, mi dispiace.” “Che vuol dire partecipazioni a produzioni porno?” “ A comparire in film porno, per ora come comparsa e poi ...sai da cosa nasce cosa...”. Certo la cosa non mi attirava, sapevo che al mio paese c'erano dei pornografi assatanati che non si facevano sfuggire mai una nuova uscita e quindi il rischio di essere riconosciuta era molto alto, perciò a malincuore declinai l'invito e me ne uscii sperando in tempi migliori. Anto, aveva capito perchè avessi voluto incontrare Giorgio, mi prese da parte e mi disse di sentire Sergio, il fotografo, perchè lui aveva un suo giro e c'era possibilità di guadagnare bene, se non si avevano molti scrupoli. Tentare non nuoce, pensai, e lo andai a cercare nel suo studio. Gli spiegai le mie esigenze e sorridente mi disse:” Allora bisogna integra il book fotografico con qualcosa di più spinto, sei disposta?” “Si” risposi con sicurezza. Mi disse di spogliarmi completamente e dopo alcuni scatti di fronte, di profilo e di spalle mi fece sedere su una seggiola:” Allarga le cosce e accarezzati la figa, ma senza coprirla. Adesso masturbati pensando a qualcosa che ti eccita particolarmente”. Certo così su due piedi non è che mi riesce molto bene, ma a lui bastò, mi fece vedere i provini, e vidi con piacere che il mio viso era travisato e non ero riconoscibile. Gli fui grata e nella considerazione che prima mi ero solo scaldata ma non avevo trovato soddisfazione, con la scusa di dargli un bacio sulla guancia, gli sfiorai con la mano la patta sentendo che la sua virilità era in tiro. Allora guardandolo negli occhi, cominciai a massaggiarglielo poi mi inginocchiai tirai fuori dai pantaloni un pene ben fatto, grande il giusto e lo presi in bocca. Immediatamente cominciò ad oscillare il bacino scopandomi letteralmente la bocca e mi pentii di essermi rivestita,perchè non potevo accarezzarmi la figa. Lui non aveva voglia di scoparmi ma voleva solo venirmi in bocca ed infatti dopo tre o quattro colpi ben assestati mi scaricò in gola il suo sperma caldo e salino, che ingoiai. Si risistemò e mi diede appuntamento per due giorni dopo, sempre lì nel suo studio, senza nemmeno guardandomi e prestò la sua attenzione ai miei provini. Me ne andai delusa. Due giorni dopo mi ripresentai al suo studio, mi disse di aspettarlo un attimo che saremmo usciti e mi avrebbe portato sul set di un film porno amatoriale: c'era da guadagnare due trecento euro con una comparsata in un film amatoriale. Non so perchè, ma mi sentii eccitata. Dopo circa mezz'ora di viaggio arrivammo ad una villetta isolata,al cancello c'era un buttafuori enorme che riconosciuto Sergio ci fece entrare. Parcheggiammo vicino ad altre vetture e fummo fatti accomodare in casa: ci accolse un tipo ricciolino che mi guardò con molto interesse. Le fui presentata e Alex, questo era il suo nome mi disse:” Per questa volta già abbiamo la protagonista, ma la prossima produzione....” e mi fece l'occhietto. Sorrisi schermendomi e fui fatta entrare in una camera dove su un letto c'erano due persone, un uomo ed una donna, abbastanza in carne per la verità, che, nudi, ci davano dentro mentre un terzo riprendeva con una cinepresa dilettantesca. “Hai visto il genere?” mi chiese Sergio. “Il tuo ruolo è quello di preparare gli ometti a farsi la cavallona, ma sarai comunque ripresa, ed entrerai nel gran finale. So dei tuoi problemi quindi metti tranquillamente questa maschera, che ai guardoni arrapa anche di più.” Mi infilai la maschera che copriva il mio volto per metà, fui accompagnata in cucina dove, oltre Alex, c'erano altri due ragazzi, di cui uno di colore, con l'arnese sguainato ma abbastanza moscio. “Sonia, disse Alex, vedi di migliorare la loro situazione, inizia a spogliarti e poi improvvisa..!” La situazione mi sembrava surreale, una squallida cucina, due uomini con il cazzo in mano, io con una mascherina, avrei avuto voglia di mandarli tutti a farsi fottere ed andarmene, ma il bisogno di contanti mi fermò. Mi slacciai la camicetta e tolsi il reggiseno, e mentre Alex riprendeva la scena, mi accucciai davanti ai due ragazzi e mi apprestai a sbocchinarli; con disgusto vidi che i ragazzi non si lavavano da almeno un mese, bastò che mi avvicinassi con la bocca che i due cazzi scattarono sull'attenti; non sapevo che fare ero sicura che se solo avessi fatto solo l'atto di prenderli in bocca sarebbero venuti: mi fermò Alex che mi fece rialzare, passò la macchina da presa a Sergio, almeno era un professionista, mi spinse contro le mattonelle fredde della cucina e passò le mano in mezzo alle mie cosce accarezzandomi la figa attraverso gli slip; si tolse la camicia, il suo fisico non era un granché, schiacciò il suo busto sui miei seni mentre seguitava a strofinarmi la figa, dove poi si introdusse dopo aver spostato lo slip, che non oppose molta resistenza, date le dimensioni. I due ragazzi si smanettavano, fui fatta mettere a pecorina con le braccia poggiate su una seggiola, la gonna mi venne alzata e gli slip abbassati sulle ginocchia: era una situazione umiliante, ma pare che fossero queste le situazioni che piacevano ai guardoni del web, fui presa da dietro dai due ragazzi a turno, provai solo fastidio, perchè non mi ero bagnata e la mia figa era secca come un rivolo d'acqua durante l'estate. Chiesi se avessero della pomata lubrificante ma mi risposero che non ne avevano mai avuto bisogno ; allora Alex si abbassò dietro di me e prese a leccarmela, arrivando anche a sputarci sopra, poi fui fatta rialzare ed accompagnata nella camera da letto dove i due di prima si stavano rilassando; anche i due avevano una mascherina che nascondeva loro parzialmente il viso: mi spiegarono che erano marito e moglie di Firenze con tendenze esibizioniste lei e da cuckold lui. Il marito si alzò, era un cinquantenne peloso sovrappeso con un cazzo non troppo sviluppato,e che ora era tutto raggrinzito. Immediatamente presero il suo posto i due ragazzi che, affamati, si gettarono sulla donna: il bianco gli ficcò il cazzo in bocca, lei lo ricevette senza un frizzo e cominciò a pomparlo, l'altro dopo aver massaggiato i due seni grossi e un po' flaccidi prese in mano il suo cazzo e dopo qualche manovra le trovò la figa e la penetrò. La scena non mi aveva certo eccitata, non so come facesse eccitare il filmato, guardai il marito che sbavava nel vedere la moglie presa dai due giovani e si smanettava, mi guardò e mi indicò il suo cazzo: voleva che me lo lavorassi: guardai Alex che mi invitò con un gesto ad accomodarmi ; mi sfilai la gonna e gli slip; rimasi nuda e mi avvicinai al cuckold che mi fece prendere in bocca il suo cazzo, che sapeva di piscio e di donna. Ero disgustata non vedevo l'ora che tutto fosse finito, a tutto c'era un limite e rabbrividii quando vidi la donna che da dietro leccava fra le chiappe dei due suoi montatori. I due si voltarono e mi videro nuda che pompavo il marito e questa scena li infervorò così tanto diedero luogo ad una doppia penetrazione ai danni della povera donna, che rimase senza fiato, tanto godeva.
La scena andò avanti ancora cinque minuti, poi fecero sdraiare me e la moglie sul letto e le nostre facce furono circondate da quattro cazzi, anche Alex aveva voluto partecipare, che di lì a poco si scaricarono coprendoci di sperma, che la donna mi leccò via dal viso e lo ingoiò tutto golosamente. Andai in bagno di corsa, vincendo la nausea che mi aveva assalito, mi lavai, mi rivestii, presi i soldi da Alex e chiesi a Sergio di portarmi via subito. La mia prima esperienza con il porno non era stata proprio eccitante.


Questo racconto di è stato letto 2 5 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.