Erotici Racconti

L'ora di Religione 1

Scritto da , il 2018-09-14, genere pissing

Sofia guardava il riflesso del suo volto sul finestrino del autobus, guardava fuori nella speranza di scorgere un autogrill, pensava all’ultimo anno della sua vita ai cambiamenti che c’erano stati.
Ad appena 27 anni si trovava ad insegnare religione al triennio di ragioneria, grazie alle buone entrature che aveva con la parrocchia locale, dove svolgeva la catechista da ben sei anni con apprezzamento del parroco e dei genitori dei bambini.
Fu proprio il parroco a segnalarla al Vescovo della diocesi di Rimini che doveva nominare un nuovo insegnante al Istituto commerciale di Rimini, in quanto il posto era rimasto vacante.

Ed ora si ritrovava in gita con tutta la classe V°, in quanto insegnante più giovane e senza famiglia le era toccato, non che le dispiacesse anzi Barcellona era una bella meta e in fin dei conti quei ragazzi erano quasi suoi coetanei tutto sommato si sarebbe divertita pensava o almeno sperava.
Certo con le sue amiche il divertimento sarebbe stato assicurato ma chi si accontenta gode dice un vecchi proverbio.
Fu destata da quei pensieri da una fitta al basso ventre, oddio la pipi, da un po’ di tempo non le dava tregua, non vedeva l’ora di fare la consueta sosta, istintivamente portò una mano alla vescica, ma poi la ritirò immediatamente, accavallo le gambe e strinse i denti.

Finalmente come un miraggio apparve l’autogrill, Sofia si precipitò giù dal pulman, in quel momento l’unica cosa che voleva era un bagno per espletare le sue funzioni fisiologhe.
Quando vide l’insegna toilet con raffigurato il consueto omino in pantaloni e la donna con la gonna lunga sorrise, una nuova fitta la fece trasalire la vescica stava per esplodere erano 5 ore che non andava in bagno, strinse la borsetta con tutta la forza contro il basso ventre e si diresse in tutta fretta verso il bagno.

Appena varcata la soglia del bagno le venne un colpo, c’era un fila tremenda, “ Cazzo!!” sono nella merda” esclamò Sofia; una giovane suora di colore davanti a lei si girò appena, Sofia sorrise imbarazzata.
Noto che la giovane suora stringeva un rosario tra le mani giunte,premute con forza sul pube, ed era molto nervosa.
Le altre donne in fila erano di diverse età e tra chi imprecava, fumava e bussava alla porta chiusa davanti chiedendo di fare in fretta a chi dall’altra parte stava sbrigando i propri bisogni costituivano un folto gruppo di donne disperate.
Sofia si girò verso il lavandino e per un attimo pensò di salirci sopra e farla li ormai stava per esplodere,quando entrarono le sue alunne “che palle prof. quanto cazzo ci vuole per pisciare” esclamò una di loro. Sofia scosse le spalle, sconsolata, la fila davanti a se non si sbloccava in quel momento sentì una goccia di pipi bagnarle le mutandine, doveva decidere in fretta.

Si ricordò che prima di entrare in bagno aveva visto sulla destra una porta antipanico, “ seguitemi” disse alle sue alunne, schiaccio la maniglia antipanico e si ritrovò all’aperto l’aria fresca della mattina le accarezzò il viso.

Erano sul retro del autogrill dove sostavano i camion a qualche centinaia di metri da loro un capannello di camionisti parlavano allegramente; Sofia si sbottonò i pantaloni ed andò ad accovacciarsi vicino il muro “Ma prof qualcuno potrebbe vederci qui” obiettò Nicole “ se preferisci fartela adosso fai pure” rispose Sofia che nel frattempo si era sfilata le mutande ed aveva iniziato a pisciare.
Una chiazza scura si creò rapidamente sull’asfalto e Sofia provò quasi un orgasmo aveva la faccia deformata dal piacere, anche le sue alunne la stavano imitando, una di esse Elenoire ne approfittò per cambiarsi il tampax, “Perché non prendi la pillola come tutte noi?” gli chiese Nicole sorridendo.

Nel frattempo fece la sua comparsa sullo stipite della porta la suorina di prima, aveva entrambe le mani premute sulla passera e il busto piegato in avanti si guardo intorno alla ricerca di un angolino ancora libero e vi si diresse.
Scosto la tonaca da una parte tirò giù le mutandine candide da vergine, si accovacciò ed un lungo getto sgorgo dalla sua passera.
Mentre pisciava le usci un gemito di piacere socchiuse gli occhi e scostò il collo all’indietro, ad alcune alunne venne da sorridere, forse era il suo primo orgasmo o chissà.

Mi chiese un fazzolettino, facemmo subito amicizia, si chiamava Beatriçe era brasiliana, precisamente di Salvator de Bahia “ Era da stamattina che non andavo in bagno stavo per esplodere” disse, mentre si asciugava la passera.
Anche lei era diretta a Barcellona per degli esercizi spirituali, era novizia in procinto di diventare suora, ci scambiammo il numero di telefono per rimanere in contatto.

Questo racconto di è stato letto 3 5 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.