Erotici Racconti

Io, mio marito e Satan

Scritto da , il 2018-06-12, genere zoofilia

Ho bisogno di condividere questa cosa è una specie di liberazione farlo.

https://www.eroticiracconti.it/racconto/33907-tradisco-mio-marito-con-il-suo-cane
https://www.eroticiracconti.it/racconto/34384-mio-marito-mi-sorprende-culo-a-culo-con-satan

Ora vivo due vite.
La prima quella che si alza e va in ufficio e mostra la parte che riservo alla gente.
Gentile e normale, riservata.
La seconda, quella che vivo una volta tornata a casa.
Quella soggetta al torbido tormento della mia pazza libidine, della mia voglia assurda di godimento malato.
Mio marito, quello che ritenevo, sbagliando, un uomo dolce e sensibile, che denominavo scherzosamente “il genio di casa”, si è rivelato per quello che è, un uomo depravato e privo di sentimento, anche se dice che mi ama più di prima ora che mi fa scopare dal cane.
Lui sapeva, lui ha concepito questo.
Conosceva il trascorso del cane, che scopava con la sua precedente padrona, che era avvezzo a far sesso con le donne e lo ha portato a casa con intenzione che capitasse anche con me e questo successe, colpa mia certo, della mia debolezza ma anche della paura che avevo della bestia, in effetti in parte sono stata violentata da Satan.
Quel giorno che mi ha trovata legata culo a culo al grosso cazzo di Satan, al suo bozzo enorme che non riusciva a liberare e che io, impaurita, tenevo contro di me, lui che fece?
Si sedette sulla poltroncina a godersi lo spettacolo.
E quando io gli chiesi se già lo sapesse. Da quel porco schifoso che era rispose di si. Ne era certo da giorni, dal primo momento.
Il porco tirò fuori il cazzo, duro come non mai e iniziò a menarselo e questo provocò in me un travaso di libidine, impossibile resistere, ormai ero segnata a fondo da questa vicenda.
Lui sporse il suo bacino dalla poltrona e mi chiese di raggiungerlo e di leccarglielo.
Trascinai con me anche Satan mentre lo raggiungevo tirandolo per le zampe posteriori.
Misi il viso sul suo ventre, contro il suo cazzo duro e inizia a leccarglielo, lo aveva duro e enorme il porco, quanto lo eccitava far scopare la moglie da un cane?
Porco di un pervertito figlio di puttana!
Ma aveva davvero sbagliato? Esagerato? O aveva visto bene in me? Intuendo la gran troia depravata che ero?
Satan in quel momento si liberò e dalla mia figa aperta, sprizzò una cascata di sperma! Un vero torrente.
Ero in ginocchio fra le gambe di mio marito, gli stavo stringendo i coglioni al porco mentre inghiottivo tutta la sua sbarra di carne. Quanta voglia avevo di morderlo e evirarlo, conscia che mi conosceva meglio lui di me stessa. In effetti ero una troia, una schifosa troia. Ero una cagna, amante di un cane diabolico.
Il porco seduto mi prese la testa per riuscire a scoparmi meglio, sentivo l'innevamento del suo cazzo farsi sempre più rigido, il cazzo più grosso.
Il porco mentre spingeva il cazzo nella mia bocca mi chiese se Satan me l'avesse giù messo nel culo.
Nel culo! Risposi, ma sei pazzo? Ma hai mai visto che cazzo ha? Mi rovina.
Prendilo tu! Gli risposi.
Lo volevo far godere il porco. Volevo bere il suo sperma. Volevo sentirmi ancora più depravata. Una troia senza rimedio.
In quel momento Satan mi montò di nuovo sulla schiena, sentii il suo cazzo cercarmi, sbatteva sul pube, sul solco, sul perineo, fra le natiche.
Il pensiero orrendo che mi aveva messo nella mente il porco di mio marito agiva perfidamente, volevo quel cazzo enorme, lungo e grosso nel culo, quel bozzo duro grosso come una arancia, volevo che mi violentasse!
Lo dissi al porco che il suo cane cercava di ficcarmelo nel culo. Lascialo fare, mi disse e io risposi che si facesse inculare lui al che rispose con un “vedremo”.
Vedremo?
Porco!! Vuoi vedere che questo porco vuole godere di Satan anche lui? Ma che intende? Vuole farsi inculare?
La cosa mi eccitò ancora di più e mentre Satan aveva trovavo la strada della mia figa e aveva preso a spingere da indemoniato per ficcarmi dentro il bozzo era iniziata la serie di orgasmi che questo mi provocava. Di continuo godevo mentre sentivo il cazzo trapanarmi la figa con colpi sempre più profondi e violenti.
Volevo che anche il porco godesse, ormai l'odio che gli portavo era passato, lo sapevo mio complice e questo mi stimolava.
Gli dissi di sborrarmi in gola mentre godevo del cazzo di Satan, gli descrissi fra uno sbocchinamento e l'altro la frequenza e la violenza degli orgasmi che provavo. E quando sentii lacerarmi la figa per l'inserimento di tutto l'enorme cazzo che mi prendeva lui venne nella mia bocca, tanto sperma quanto quello che lì a poco mi avrebbe dato Satan.
Dopo?
Mentre il cane vibrava tutto dentro di me? Mentre sentivo il suo continuo sborrare? Gli stimoli della eiaculazione e godevo ancora? Lui, mio marito, si inginocchiò al fianco mio e di Satan e prese ad accarezzarci, passava la mano sulla mia figa per sentire quanto ero piena del cazzo che mi prendeva, strofinava il mio clitoride sporgente come un ditale diceva con voce rotta che dopo avrebbe bevuto quanto usciva dalla mia figa, che avrebbe leccato anche il cazzo del cane.
Mai visto così esaltato! Fuori di testa proprio!!

Spero davvero di aver scritto in maniera comprensibile. Non rileggo altrimenti mi vengono dubbi e non l'invio più, perdonate eventuali errori.
So che mi ritenete una donna debole ma questo è successo.
Ora mi sento molto in conflitto con me stessa, vorrei da una parte che questo non fosse mai successo, ma al momento non mi so negare e ora c'è anche la condivisione con mio marito che è preso più di me. Ora godiamo Satan assieme.



Questo racconto di è stato letto 4 0 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.