Erotici Racconti

Il segreto della biblioteca. L'inizio della storia

Scritto da , il 2018-05-29, genere pulp

Racconto erotico
di
Tibet.

Mi chiamo Victor Vinci, vi voglio raccontare una vicenda incredibile, al limite dell'irreale, credetemi... è tutto veramente accaduto e tutto ha inizio con una telefonata, quando... 

-Victor…? Ho fatto il tuo nome alla figlia del pittore Mistral, sai quello che si è ucciso un paio di mesi fa? Vuole far fare una perizia alla collezione di libri antichi del padre, sembra che sia una cosa un po’ particolare…-. 

Qualche ora dopo… 

-Dottor Vinci? Sono Rula Mistral…-. 

Certo che ricordo il pittore Mistral, a modo suo un genio. Geniale e sregolato, il successore di Salvador Dalì si definiva. 
I suoi lavori erano deliranti, grondanti libidine e molto richiesti. Opere che, mentre era in vita, credo valessero non meno di qualche decina o più di migliaia di euro ciascuna e ora chissà quanto dopo la morte. Si sa come funziona il mercato delle opere d’arte, morto l’autore il valore lievita… 
Il Maestro, così voleva essere chiamato… il Maestro.
Sulla sua fine un mistero, non si sa esattamente il perché ma ha trovato la morte buttandosi da una torre di Notré Dame de Paris infilandosi nella cancellata che fa da recinto alla chiesa. Una morte orribile! Rivedo ancora le foto con il suo corpo abbandonato sulle lance come uno straccio, una visione davvero inquietante. Una fine coerente con la sua vita straordinaria hanno scritto i giornali. Voci dicono che si sia ucciso per una cosa di sesso…
Prendo accordi per un incontro preliminare con questa Rula per un primo esame della collezione in questione, manderà ad aspettarmi un suo incaricato alla stazione. 
Voglio allontanarmi da Roma. In fretta. L'incarico viene a proposito! Qui l’aria mi è pesante. Devo troncare una relazione disgraziata con una ragazza, troppo giovane, davvero troppo giovane e ora anche troppo ingombrante. Mi maledico mille volte e ancora mille per non riuscire a resistere a queste ragazze. Mi assedia sotto casa e parla di voler venire a vivere con me! E il padre? Minaccia di evirarmi… dice che sono un maniaco pervertito. 
Voglio andarmene e sparire dalla circolazione.
Quando arrivo a Talamone trovo ad attendermi una Range Rover e Giuseppe che si presenta come autista e uomo tuttofare, un tipo sui quaranta, rustico, bruno e tanto massiccio da parere più largo che alto. Carica la mia borsa e si parte. 

-Non era più semplice indicarmi come arrivare alla casa del Maestro?- 
-No… dottore, vedrà… sono venti chilometri di strada sterrata e poco praticabile, senza alcuna indicazione, il Maestro ci teneva alla propria privacy.- 

In effetti il percorso è impossibile, addirittura un guado attraverso un piccolo corso d’acqua! Sono venti chilometri da rally Parigi-Dakar! Arriviamo e Giuseppe mi accompagna all'interno, la casa è una vecchia signorile dimora di caccia nella maremma, gli olivi centenari e le querce che la circondano ne fanno un vero eremo. L’atrio è spazioso e fresco, mi fermo e lui va a cercare la padrona. Quando questa entra la prima impressione è di una giovane donna trascurata, indossa una larga tunica nera di lino lunga fino ai piedi. Nel movimento intuisco che sotto è nuda, il seno si muove accompagnando il passo. Ha i capelli neri come gli occhi. Si avvicina, parla e tutto cambia, l’ambiente prende vita. Mi emoziona fortemente, i suoi occhi splendono lucenti e sono magnetici! Profondi come la notte e quando li guardi hai l’impressione di precipitarci dentro! 

-Sono Rula…-. 

Sono già in piedi e le porgo la mano, quando stringo la sua sento come una leggera scossa, riesco a borbottare qualche frase di circostanza sempre perduto dentro i suoi occhi. Mi chiede se voglio bere qualcosa di fresco, ringrazio accettando, mi lascia per un attimo, rientra accompagnata da una donna, è Anita, se ho bisogno di qualcosa è a lei che devo rivolgermi, Anita è una bella bruna formosa e sorridente, è la moglie di Giuseppe. 
Beviamo e intanto mi chiede se ho conosciuto il padre… il Maestro, no... purtroppo… no, mi dice che era un uomo eccezionale, fuori da ogni regola e schema e la sua collezione di libri antichi ne è la dimostrazione, ne ho sentito parlare? Ancora no, disgraziatamente. Mi conduce al piano rialzato ed entriamo in un bell'ambiente, la biblioteca, due finestre protette da inferriate e tutte le pareti rivestite da librerie che valuto essere del settecento… e libri, libri dappertutto. Dice che posso esaminare i libri con comodo per farmi un idea generale e poi di farla chiamare da Anita. La stanza è fresca, le due finestre aperte e munite di zanzariera guardano nel giardino, al centro della stanza un bel tavolo quadrato di quercia con intorno sedie rivestite in cuoio. Faccio un primo esame, quanti libri saranno? Più di un migliaio senz'altro, forse due o tre addiruttura, esamino i volumi senza toccarli, sono in buone condizioni, molti restaurati, seguo le pareti della stanza lungo gli scaffali. A caso prendo un primo tomo, lo porto al tavolo ed esamino l’esterno, si è conservato in modo perfetto, l’apro… non lo conosco, è una edizione francese, la stimo della fine dell’ottocento, lo sfoglio e leggo alcune righe, racconta le imprese erotiche di un gruppo di monache, alcuni disegni illustrano le loro gesta. Valore per un appassionato? Non meno di quattrocento, cinquecento euro e forse più. Ripongo e scelgo a caso un altro libro, anche questo a carattere pornografico, più o meno della stessa epoca e anche questo a me sconosciuto. Dopo qualche minuto realizzo che tutta la biblioteca è composta di soli libri pornografici e alquanto rari, forse opere uniche. Un vero tesoro. Si tratta evidentemente di opere costose, di valore, destinate allora a lettori di classe abbiente e non certo a chi non possedeva i mezzi e il modo per goderle o addirittura era illetterato. 
Mi fa anche constatare la mia ignoranza, pensavo di essere un esperto ma mi devo ricredere, in questo campo ne so davvero poco. La cosa mi interessa professionalmente e mi consentirebbe di lasciare la città per il periodo che mi serve. Inoltre sento una forte attrazione verso questa speciale collezione e non voglio perdere l’occasione di esaminarla. Sapevo che la produzione di romanzi erotici era ispirata a storie vere di persone appartenenti all'aristocrazia, scrittori, politici, attrici e, occasionalmente, anche alla monarchia. Mogli e amanti erano, in questi libri, sia celebrate che derise. I lettori del diciottesimo secolo erano affascinati da queste storie di persone famose tanto quanto lo siamo noi oggi, specialmente quando queste persone avevano vite dissolute. I libri erotici circolavano eccome! Ricordo di una giovane nobildonna che era stata allontanata da Versailles perché, sua dama di compagnia, aveva fatto vedere un libretto pornografico alla giovanissima Adelaide, figlia di Luigi XV!
Cerco Anita, è in cucina e sta facendo qualcosa sul tavolo, il movimento delle sue natiche attira la mia attenzione e mi dico, lubrico, che mi piacerebbe posarci le mani su quel grosso culo, entrare da sotto la gonna, cercarle le natiche e palparla, stringere fra le mani quella polpa soda. Le chiedo di chiamarmi Rula e dopo qualche minuto questa entra, mi guarda interrogativa.

-Il compito che vuole affidarmi mi interessa, però non vorrei limitarmi ad un perizia sia pur accurata, vorrei studiare e catalogare le opere e questo potrebbe prendermi molto più tempo, avrei una proposta…-. 
-Sentiamo…-. 
-La perizia verrebbe a costarle 400 euro al giorno per… credo dieci, quindici giorni di impegno più le spese, vitto e alloggio, oltre a una piccolissima percentuale sul valore del materiale peritato, ora la mia proposta: nessun compenso, solo la possibilità di fermarmi qui per tutto il tempo necessario e l’autorizzazione a scrivere qualcosa, un catalogo e forse un saggio su questa particolarissima collezione con dei cenni su come è stata costituita... - 
-Devo sentire i miei fratelli e mia madre che al momento è a Barcellona per curare una mostra del Maestro, vuoi fermarti qui per uno o due giorni? Così posso darti la risposta definitiva. - 

Rula passa a darmi direttamente del tu, sento un formicolio al basso ventre. 

-Va bene… -. 
-Hai necessità di qualcosa? Uno spazzolino da denti nuovo te lo procuro, ora ti faccio conoscere i miei fratelli-. 

Si alza, va alla porta e poco dopo rientra accompagnata da due ragazzi, un maschio e una femmina, avranno forse… diciassette, diciotto anni? 

-Questi sono Miro e Anais, Victor Vinci-. 

Stringo loro le mani, sono… il termine esatto è… perfetti? Indossano solo una lunga T-shirt che arriva loro alle cosce, le gambe nude, splendide quelle di Anais, dritte ed affusolate, muscolose anche se senza peli quelle di Miro. Bellissimi ambedue, sono gemelli e si vede, sono molto simili, quasi eguali eppure diversissimi, lo sguardo poi degli loro occhi è inquietante, mi sa che è una prerogativa della famiglia riuscire a disorientare. I ragazzi ascoltano la sorella e fanno un cenno affermativo. 

-Hai la loro approvazione…-. 
-E’ molto bello…-. 

E’ Anais che esce con questa osservazione, leggero imbarazzo. 

-E’ vero…-. 

Lo ribadisce Miro, il fratello, lo guardo, il suo aspetto è ambiguo, un po’ androgino, maschio si… ma ha anche dei tratti femminei, come le labbra. 

-Bene… sono d’accordo anch'io che tu sia attraente, Victor, il che non guasta mai, ora manca il benestare di nostra madre ma non ci dovrebbero essere problemi, ragazzi… mostrate a Victor la sua stanza-.

I ragazzi mi precedono, noto la rotondità del fondo schiena di Anais e i glutei raccolti e muscolosi del fratello, saliamo una rampa di scale, aprono una porta e mi fanno entrare.

-Ecco la tua stanza. C’è il bagno, per ogni tua necessità rivolgiti ad Anita o a noi, cercheremo di fare del tuo soggiorno un periodo indimenticabile…- 

Sorrido ma sento sta dicendo sul serio. 

-Grazie, siete molto gentili e anche bellissimi, per contraccambiare il vostro complimento di poco fa…-.
-Ora andiamo…-. 
-Io vorrei tornare in biblioteca…-. 
-Puoi fare tutto quello che vuoi, se vuoi qualcosa chiamaci, siamo a tua completa disposizione per ogni cosa. Siamo in giro o nella nostra stanza che è quella proprio di fronte alla tua -. 

Dormono nella stessa stanza? Magari nello stesso letto? Inizio a pensarci e mi agito, mi eccito. Queste cose mi fanno perdere la testa. Torno in biblioteca e prendo un altro volume e mi perdo nel suo esame, nel tardo pomeriggio torno in camera. Provo il materasso, guardo dalla finestra che da sulla piscina al momento deserta, in bagno mi spoglio e faccio una veloce doccia, mentre sono sotto l’acqua penso ai due gemelli che dormono assieme e mi eccito. 
Ho un accenno di erezione non completa. 
Cerco l’asciugamano ma non c’è, poi si apre la porta ed entra Anita, porta in braccio un set di asciugamani e le lenzuola per il letto. 

-Scusi, ho bussato ma non mi ha sentito, torno più tardi…-. 
-Ma no… Anita, è lo stesso… arrivi in tempo, mi allunghi un asciugamano per favore? Sono sotto la doccia…-.

Entra in bagno. 

-Ecco…-. 

Prendo il telo dalle sue mani, il suo sguardo passa sul mio corpo e si sofferma sul mio ventre, non è uno sguardo di sfuggita ma un vero e proprio esame. Questo solletica il mio ego, mi fa piacere il suo sguardo aperto di approvazione, ora l’erezione è completa, mi metto in mostra dato che vuol vedere. Vorrei prenderla, tirarla nella la doccia e scoparla contro la parete ma non succede altro, mi trattengo. Mi rivesto e torno in biblioteca mentre lei fa il letto. Passa il tempo, entra Miro e mi avvisa che mi aspettano per la cena. Li raggiungo e mi scuso. 

-Puoi mangiare con noi o a tuo gradimento mangiare quando desideri, basta chiedere a Anita…-. 

Ha avvisato la madre che ancora deve decidere, presume che sarà d’accordo con la mia proposta ma si riserva di darmi la conferma. Passo la serata nella biblioteca, dovrei procedere nel mio lavoro, catalogare… fare un elenco ma sono assorto nell'esaminare una specie di catalogo di oggetti sessuali dell’epoca per donne, ricordo che già dai tempi di Ippocrate si credeva che la mancanza di attività sessuale nuocesse alla salute delle donne nubili che non potevano, come gli uomini, ricorrere a "rimedi" come le prostitute. Per risolvere problemi tipo l'amenorrea- la mancanza di mestruazioni- il medico consigliava quindi di avvalersi di primitivi giocattoli erotici. Nell'anno mille Trotula de Ruggiero, influente medico-donna salernitano, suggeriva, laddove il coito non fosse possibile, l'inserimento in vagina di un curioso fallo di lana cardata ricoperto di unguento. 
Il XV secolo venne persino definito il secolo d'oro della sessualità in convento. 
Nel Seicento invece fioriva intorno alla Veneta Accademia degli Incogniti una produzione di letteratura erotica mentre in Francia prosperava un sotto mercato di libretti osé a sfondo religioso come Venere nel chiostro (1682). Nel Cinquecento, si consigliava alle donne terapie per l'isteria dove una levatrice doveva solleticare la parte superiore del collo dell'utero con oli essenziali. 
Ma niente sex toy. 
Pietro Aretino parla di un -vetriolo di Bernardo-, riempito dalle monache con acqua calda attraverso un apposito –bucolico-. Questi oggetti erano secondo lui piuttosto diffusi. 
Nelle carte di un processo celebrato a Dieppe nel 1717, si legge poi di un tornitore che fabbricava oggetti infami e impudici in avorio, più prestigiosi e costosi di quelli in osso. Erano vuoti per essere riempiti con latte. Nel Settecento i sex toy vissero il loro periodo più clandestino. I giocattoli erotici trovavano quindi posto solo nel filone medico che considerava curativa la masturbazione femminile. E così, sia nel Settecento che nell'Ottocento, si trova traccia di giocattoli erotici mirati alle donne come la "doccia vaginale", un getto d'acqua per curare depressione, irritabilità, nervosismo, insonnia. Fu proprio l'uso terapeutico del massaggio vulvare a dare un impulso alla tecnologia dei sex toy sulla fine dell'Ottocento, quando vennero perfezionati i vibratori: ne nacquero a manovella, ad acqua, a pedale, e dal 1883, elettrici. Tra la fine dell'Ottocento e i primi del Novecento negli Stati Uniti, Canada e Regno Unito si potevano persino comprare sui cataloghi postali, che li presentavano come "l'aiuto che ogni donna apprezza". 
Sono preso dalla lettura e contemporaneamente sono eccitato, mi trovo a passare la mano nervosamente sul ventre, ho il cazzo duro e prendo a menarlo sopra i calzoni, quando mi accorgo di essere osservato, alzo gli occhi e vedo i due gemelli che mi fissano, mi chiedo da quanto sono lì.
 
E’ Anais che parla...

Questo racconto di è stato letto 1 3 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.