Erotici Racconti

L'istruttore di badminton

Scritto da , il 2018-04-15, genere etero

La prima cosa che ho notato di lui è stato il sorriso, aperto e franco, per nulla studiato. Poi sono passata alle mani, ne grandi ne piccole, molto curate. La serata si preannunciava interessante. Avevamo chattato, come spesso accade di questi tempi, ma ancora non ci eravamo visti di persona. Non avevo nessuna fantasia, finché non abbiamo iniziato a parlare. E sorridere, abbiamo sorriso molto quella prima sera. Parlando, ho iniziato a sentirmi scombussolata, continuavo a pensare a quanto bello sarebbe stato baciarlo, e alle sue belle mani su di me. Oddio, lo stavo pensando veramente? Ma se ci eravamo appena conosciuti. Poi accadde tutto molto in fretta, una sequenza di eventi che preannunciava il ribollire di sensazioni nei giorni a venire. Penso di avergli sfiorato un fianco, nell'andare alla cassa. Così, per prossimità. Un contatto come una scarica elettrica, ne volevo ancora. Penso di averlo abbracciato in quel momento, mentre tra me e me mi stupivo della mia intraprendenza. Altro che intraprendente sarei stata con lui, lussuriosa e sfrenata. Ma ancora non lo sapevo. Comunque il dado era tratto, perché ormai non riuscivo più a togliergli le mani di dosso. Ci siamo abbracciati fuori dal locale, e la sua bocca era sulla mia, delicata ma esigente. Ed io a rispondere come una scolaretta, alla faccia della mia idea di andare con calma. Poi mi chiede di accompagnarlo in auto, ed io eseguo, un fuoco dentro. Penso che ci siamo trattenuti dal fare l'amore solo per convenzione, perché il posto era veramente affollato. Ogni volta riemergere dai baci e dalle carezze era un'impresa, e sempre più difficile, e invece di salutarlo gli dicevo "Solo altri cinque minuti"giorni. In pratica sono scesa dalla macchina pensando che ero completamente ammattita, ma se la pazzia era così, a me andava più che bene. Nella serata mi aveva raccontato di essere istruttore di badminton di alto livello, e mi aveva invitata ad un corso base che si sarebbe tenuto qualche giorno dopo. Inutile dire che aspettavo quel momento, ero curiosa di capire se quel fuoco provato con lui durante quell'assalto di baci caldi era un caso, o se veramente avevo trovato una persona in grado di accendermi così. Accordandoci per il corso, avventatamente gli offro di cambiarsi a casa mia, e mentre mi ripetevo che avrei saputo gestire la cosa senza eccessi, una parte di me se la rideva perché con Roberto sembrava che non riuscissi a gestire un bel niente. Intanto ripensavo a quei baci e a come sembrava sfiorarmi tra le gambe "inavvertitamente" qualche sera prima. Inutile dire come ho trascorso le ore del corso, goffa e distratta, cercando di non tenergli gli occhi addosso e di seguire gli esercizi, peraltro divertenti. Ma incapace di disciplina, la mia mente mi riportava alla macchina, ai baci e alle carezze urgenti. Tornando dal corso, mentre Roberto guidava, le mie mani percorrevano quel poco del suo corpo che la decenza imponeva, dotate di vita propria, e mi compiaceva vedere lui alle prese con lo stesso problema, che faticava col cambio oltretutto. Entrati in casa ero ormai consapevole di essere caduta in un errore fatale, nulla avrei potuto fare per arginare il desiderio che cresceva ogni minuto di più. Come se già non si stesse correndo, eravamo a strusciarci e baciarci, già il divano non bastava più a contenere il nostro ardore. Ho protestato di farci almeno una doccia, ma troppo debolmente, visto che anche mentre parlavo le mie mani lo percorrevano e accarezzavano, dotate di una loro volontà su cui io non potevo niente. Così ci siamo spostati sul letto dove ho percepito il suo piacere, più Roberto si contorceva al mio tocco, più aumentava la mia voglia. Gli ho accarezzato il membro liberandolo dalle mutande, duro e pulsante. Poi avrei iniziato a pensare che giochi proporre, ma sono stata bruscamente interrotta, spalancata ed esposta in pochi secondi con questo ragazzo meraviglioso che mi massaggava il clitoride in una lunga, dolce tortura. Ero preda di un piacere più grande di me che mi ha lasciata inerme, con Roberto che continuava conducendomi sapientemente ad un secondo orgasmo. Ancora non mi aveva penetrata nemmeno con un dito, pur anelando di essere riempita a fondo col suo grande cazzo, volevo fargli vivere qualcosa di altrettanto potente dei miei orgasmi. Solo con la bocca avrei potuto portarlo dove lui aveva portato me, e così feci: con le mani lo massaggiavo, con la bocca l'ho preso tutto fino in gola succhiando. Già così gocciolava, ma il colpo di grazia glielo diedi accarezzando le palle, il perineo e l'ano. Ho notato con piacere che anche questo lo mandava in estasi. Aumentando il massaggio con la mano senza smettere di succhiare, Roberto ha avuto un orgasmo bellissimo, tutto dentro la mia bocca. E qui ci voleva una pausa, ma in realtà solo la vicinanza dei nostri corpi nudi riaccese entrambi. Non potevamo farci nulla, e i baci e le carezze ci portarono in pochi minuti ad essere pronti per fare l'amore. In fretta e furia sono scappata a prendere precauzioni, ma curiosamente poi tutto rallentò. La sua cappella premeva parecchio sulla mia fessura, che nonostante la lubrificazione all'inizio restava contratta. Non passava, era parecchio grosso e non ero più abituata dopo un periodo di astinenza. Pian piano è entrata la punta, e l'improvvisa dilatazione mi ha portato sull'orlo di un altro orgasmo. Figurarsi quando quel grande pisello si è fatto strada sempre lentamente dentro di me, era dentro per metà e io stavo delirando. Mi stavo appena iniziando ad abitare a prenderlo, quando con una spinta prepotente Roberto lo ha forzato fino in fondo. Io ho potuto solo gridare e venire. Con questi momenti ho iniziato a capire la profondità dell'attrazione tra me e Roberto, e il mio buchino avrebbe subito altre bellissime torture prima che la serata finisse. Assalti lenti e veloci in tutte le posizioni, di fronte, di lato, da dietro, senza sosta. Poi colpi lenti che mi portavano vicina all'estasi, e affondi improvvisi che mi lasciavano senza fiato. Quando pensavo che non potesse esserci di più, mi ha presa per i capelli facendomi sentire oscenamente dominata. Ommioddio. E poi l'ho cavalcato senza pudore, facendolo entrare in me e gustando le sue espressioni di godimento. Un altro orgasmo lo lasciò senza fiato, ed io con lui. Mentre riposavamo e pensavamo a ricomporci, i nostri corpi vicini avevano altri programmi per noi. Roberto aveva un'altra potente erezione! A me, non so per quale primitiva spinta, venne spontaneo ricominciare a massaggiarlo sia davanti che dietro. Roberto aveva una reazione di tale e tanto piacere che presto stavo per penetrare con un dito il suo culetto stretto, mentre lo succhiavo. Mi sono fermata giusto il tempo necessario a rassicurarmi di non fargli male, e a concordare un modo per interrompere se fosse stato troppo. Ma troppo era solo il piacere, al punto che raddoppiai col secondo dito mentre prendevo in bocca la sua asta dura e gocciolante. Eravamo entrambi in estasi e un altro orgasmo arrivò poco dopo, con Roberto che mi aveva spinto la mano in modo che le mie dita entrassero ancora più in lui. Due ore e mezza così appassionate non le avevo mai avute, spero solo che siano le prime di una lunga serie!

Questo racconto di è stato letto 2 0 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.