Erotici Racconti

In vacanza con l'amica di mia moglie

Scritto da , il 2018-03-13, genere tradimenti

Eravamo in albergo io, mia moglie e lei, due camere non confinanti ma vicine, stesso piano.
Lei ancora vergine, niente sesso anche se una volta, forse per scherzo le chiesi di riporre una spazzola porgendola e mi rispose “sto cercando di smettere!”.
Mia moglie tipo poco passionale, dedita più a coccole ed abbraccia che a scopate mozzafiato e giochi erotici.
I miei sogni e le mie fantasie si affollavano nella mente.
Durante la vacanza sarebbe sicuramente capitata una sera in cui restavamo io e lei, magari andavamo a fare un giro e bare un po'. Le barriere sarebbero calate ed avremmo iniziato a parlare come capitava spesso. Toccare alcuni argomenti era tabu ma si lambivano sempre. Mai parlato esplicitamente di sesso ma sguardi fugaci di intesa quando in tv andavano inquadrature erotiche c’erano stati.
Così una sera avvenne, mia moglie in camera a dormire in quanto stanca e noi in giro. Era la mia metà a dire sempre di fare un giro con lei in quanto sempre da sola.
Io invece ero sempre titubante, per evitare di stare da soli, temevo che potessi aprirmi un po' di più e rovinare un’amicizia o iniziare una storia di sesso. Volevo avere le mie seghe mentali e basta.
Uscimmo, passeggiata braccio sotto braccio, e chiacchiere. Ci fermammo in un bar una cosa poco alcolica ma per le nostre abitudini era come bere un superalcolico. La testa mi girava come a lei, iniziammo a parlare di altre vacanze, ragazze/i conosciute/i e avventure.
L’alcool faceva effetto, guardavo nella scollatura la sua quinta abbondante, lei lasciava fare. Iniziammo parlando film visti e non visti, poi film erotici ed infine esperienze sessuali. Sapevo che eli non ne aveva avute ma sicuramente aveva regolarmente orgasmi. Mi parlava con fare disinvolto ma arrossendo, si apriva come con un’amica, …. intimità a confronto.
L’argomento si spostò ben presto su utilizzo di spazzola o meno, di peluche o altro, ed io raccontavo le mie seghe quante e dove fatte e pensando a chi, le cosiddette “dediche”.
Le sue pupille erano dilatate, labbra socchiuse e inumidite di continuo, seduta sullo sgabello del bar con le gambe rivolte verso di me, scavallava e accavallava di continuo, sembrava inquieta, si torturava i capelli.
Il reggiseno le dava fastidio, mi mostrò attraverso la maglia il ferretto che le bucava il costato, i miei commenti di non conoscenza della necessità dei ferretti e della non sufficienza delle cuciture mi fece capire la dimensione del suo seno, una 5a abbondante. Occhi vispi nonostante l’alcool e sguardo pieno di malizia, ma non avevo il coraggio di osare.
Fino a quando non riuscì più a trattenersi, si sfilo il reggiseno e mi chiede di vedere i ferretti. Era caldo, profumato e grande. Lo strizzavo tra le mani e lei guardando si morse il labbro inferiore, lentamente e delicatamente.
D’improvviso rinvenne in sé e con una scusa tornò in camera sua, strappandomi l’intimo dalle mani.
Il cazzo pulsava negli slip, se solo lo avessi sfiorato avrei inondato tutto il pantalone.
La seguii ma mi chiuse la porta in faccia e così mi ritirai nella mia camera.
Pensavo a cosa le passasse per la mente, quanto fosse bagnata tra le cosce e come, ore da sola, dava libero sfogo alle sue voglie.
Feci altrettanto, mi chiusi in bagno e ne sparai tre di seguito.
Il mattino seguente eravamo a bordo piscina quando, senza pensarci troppo, le chiesi: stasera per la festa in hotel ti metti un vestitino? Ma senza slip.
Mi guardo perplessa ma non rispose.
La sera stavamo ballando alla festa e lei arrivò, aveva un vestitino che le arrivava sopra al ginocchio, nulla di estroverso se non fosse che sospettavo che non avesse l’intimo.
Dopo un po' di tempo per rompere l’imbarazzo, che solo noi due avevamo, riprendemmo a chiacchierare e ridere come sempre, si scherzava e ballava. Una bella serata.
Sul tardi mi avvicinai e la strinsi a me, ballammo, feci scivolare la mano sul fianco e sentii che era libero, non c’erano elastici degli slip.
Nella ressa nessuno poteva vederci e feci scivolare la mano su una natica, la strinsi nel palmo … nessuna reazione da parte sua. La accostai di più e le feci sentire il cazzo duro, ancora nulla.
Continuammo a ballare attaccati e ci davo di bacino.
Ballando ci spostammo verso una vetrata che dava sulla terrazza.
Nei pressi della portafinestra mi spinse fuori, mi tiro dietro al muro e si avvinghio a me. Una gamba mi cingeva e il bacino si strofinava sul cazzo duro. Ansimava e gemeva, le stringevo le natiche tra le mani e le mordevo il seno, sembrava impazzita.
Era una donna in preda ad un attacco di arrapamento, la feci ruotare, alzai il vestito e senza intimo le infilai un dito nell’ano, provava un piacere forte vista la sua reazione. Con le sue mani allargò le natiche per facilitare l’ingresso. Iniziò a toccarsi la fica e le diedi una mano, ora erano due mani sulla fica, la mia e la sua.
Si chinò in avanti e mi fece capire che lo voleva nel culo, la penetrai con delicatezza e decisione.
Sborrai quasi subito, ma continuava a muoversi, voleva giustamente godere anche lei. Mi inginocchiai e da dietro le laccai culo e fica.
Dopo poco un gridolino di piacere e un liquido caldo mi inondò la bocca. Orgasmo raggiunto.
Ci ricomponemmo mi guardò e disse: mi hai iniziato a queste maialate improvvise, non pensare che finisce qui. Voglio essere scopata mi sento porca o lo sono diventata per colpa tua ora fa il tuo dovere.
Da lì in poi quando capitava l’occasione e c’era voglia si lasciva fare tutto, le comprai un vibratore per assistermi negli incontri, mi aveva spompato.
Mi stava succhiando le energie dal cazzo. Dovevo abbassare i ritmi.

Questo racconto di è stato letto 8 9 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.