Erotici Racconti

Una segretaria molto professionale - l'assunzione

Scritto da , il 2018-03-12, genere tradimenti

Una segretaria molto professionale
Gestisco un’officina meccanica da alcuni anni è fortunatamente gli affari vanno più che bene tant’è che per organizzare tutto il lavoro burocratico mi sono visto costretto ad assumere qualcuno che se ne intendesse di contabilità e gestione aziendale.
Così fra tanti mi si presenta lei, C, una ragazza acqua e sapone, professionalmente molto preparata, per nulla appariscente, timida e a volte imbarazzata nel parlare con me che sarei stato il suo datore di lavoro.
Non so perché ma mi è subito piaciuta e non solo per l’alta specializzazione ma anche per quell’aria da brava ragazza, quasi come una scorza che celasse il frutto succoso al suo interno.
Decido di assumerla
Il suo ufficio è in un soppalco sopra l'officina dove vi si accede da una scala, difronte una scrivania con il pc, alcuni armadi con la documentazione alle sue spalle, la macchinetta del caffè e a fianco la porta del bagno di servizio. Nelle pareti, fra i vari poster di fornitori e pubblicità di ricambi anche un paio di calendari hot, immancabili in ogni officina che si rispetti.
Inizia a lavorare un lunedì mattina e mentre gli spiego un po’ quello che c’è da fare, in piedi dietro di lei seduta alla scrivania, il suo profumo mi riempie le narici facendomi cadere l’occhio sulle sue curve, celate dal maglioncino e dai jeans che mi precludono ogni via per poterla ammirare più a fondo.
Passano i giorni, le settimane, e finalmente arrivano i primi caldi di giugno. Lei inizia a venire a lavoro con camicette e magliette che lasciano la vista più libera di addentrarsi sotto per cercare la sua pelle ma i jeans o i pantaloni sembrano non voler mollare.
“certo che fa proprio caldo in questi giorni" gli dico mentre bevo un caffè “con questa tuta poi…… beata te che sei donna e puoi metterti la minigonna…… io non lo so come fai a portare sempre i pantaloni….”
Vedo che sorride a testa bassa sul pc mentre un po’ arrossisce. “non so….. Non mi sembrava il caso di venire in minigonna a lavorare in officina….”
“perché? Guarda che te l'ho già detto…. Qui sopra comandi te e puoi fare quello che vuoi…. Non ti fare dei problemi….. e poi cosa credi, le donne nude non mi scandalizzano" indicandogli un calendario “figurati se mi faccio dei problemi per una gonna!”
Vedo che la sto mettendo in imbarazzo e la cosa un po’ mi eccita…. Finisco il cafè e torno a lavorare di sotto sperando di averla convinta a buttare i pantaloni ed qualcosa di più femminile.
Passano i giorni quando, un venerdì più caldo del solito, la vedo arrivare con una gonna al ginocchio. Imbarazzata mi saluta entrando e mentre sale le scale la guardo senza farmi notare gustandomi finalmente lo spettacolo delle sue gambe nude.
Devo essere sincero. Quel giorno li sono salito più del solito per vedere lo spettacolo delle sue gambe sotto la scrivania accavallate.
Il lunedì successivo avrei giurato che si sarebbe presentata a lavoro con i jeans, invece con mia grande sorpresa un'altra gonna, sempre al ginocchio ma leggermente più larga, forse anche merito dei complimenti che gli facevo e che gli riferivo da parte dei clienti.
E da lì in avanti non ricordo di averla vista più indossare pantaloni, se non corti, ma la cosa sorprendente era che anche la lunghezza andava calando con mia grande soddisfazione.
Qualche volta mentre salivo la vedevo incrociare le gambe e le sue mutandine facevamo capolino fra le cosce nude facendomi trasalire.
Un giorno, si presenta con una gonna a coste abbastanza corta, una camicetta bianca e le scarpe con un discreto tacco. Subito mi salta in mente un'idea malsana….. con una scusa la mando fuori a prendere dei ricambi, intanto salgo su e gli scollego il cavo di rete….. Non mi resta che attendere.
Infatti appena tornata sento che mi chiama e pulendomi le mani in uno straccio salgo le scale….. lei preoccupata per il pc non funzionante si dimentica perfino di chiudere le gambe lasciando in bella mostra il perizoma bianco.
“non so perché ma non funziona più!”
“adesso ci do un'occhiata io, aspetta….” Le rispondo con aria preoccupata… guardo un po’ il monitor, apro e chiudo finestre a caso poi sentenziato “forse so cosa può essere… tu controlla lo schermo e dimmi se funziona….”
Mi inginocchio davanti alla scrivania e lei seduta al suo posto non riesce a tener ferme le gambe mentre facendo finta di aggiustare il pc gli guardo le cosce così vicine. Ne sento il profumo e vorrei allungare una mano fra le gambe ed infilare le mie dita sotto al perizoma bianco che ogni tanto intravedo per toccarla e farla godere.
Il mio intervento dura 5 minuti buoni quando decido di mettere fine alla sceneggiata. Collego il cavo e mi rialzo. “adesso dovrebbe andare…”
Lei raggiante mi ringrazia guardandomi negli occhi e io vorrei saltargli addosso…..
Ormai sono in fissa…. Penso se ne sia accorta e forse non gli dispiace più di tanto dato che molti nostri discorsi finiscono puntualmente sul solito argomento facendola arrossire divertita, il sesso, e ormai i suoi abiti, sempre cortissimi, lasciano intravedere ogni cosa. Quando sale le scale è uno spettacolo a cui assistono anche i miei clienti e più di una volta mi fanno i complimenti per la scelta azzeccata della segretaria.
Non perdo occasione per guardargli le cosce e le tette sotto gli abiti e lei non sembra troppo infastidita dalla cosa, dato che non cerca neanche di coprirsi come faceva qualche mese fa, anzi a volte sembra lo faccia apposta per provocanti.
Ed in effetti, come ho scoperto, lo faceva per provocare….. ma non me…
Un pomeriggio dovevo andare via a recuperare una macchina e, avvisata C, salgo in macchina quando mi ricordo di non aver preso su le targhe di prova. Ritorno in officina e salgo nel soppalco per prenderle e vedo C che sta scattandosi un selfie a gambe aperte e con una tetta di fuori! Impiertito e subito eccitato dalla scena osservo in silenzio la scena. C non si è accorta della mia presenza e continua a fotografare le sue nudità. Sempre a gambe aperte e con le tette di fuori si fotografa mentre si tocca sotto le mutandine, poi si accorge di me lanciando un grido.
“Ehi! Cosa fai! Mi spii?!?” grida mentre si ricompone alla svelta.
“Ma veramente cosa fai lo chiedo io a te dato che sei nella mia officina a lavorare e invece ti stai facendo i selfie…….. per di più mezza nuda….”
Arrossire subito abbassando gli occhi.
“Adesso almeno fammi vedere come sono venute quelle foto….” Le dico avvicinandomi.
“No dai ti prego……”
“Come no? Ti ho chiesto di vederle io, mica di farle vedere al bar…… capisci?”
“mi stai ricattando?”
“ricattando…. Diciamo che voglio vedere come come spendo i miei soldi….”
Mostrando il cellulare mi fa vedere per un paio di secondi una foto del seno ma mi accorgo dalla maglia che non è una foto di oggi, dato che la camicetta è diversa.
“Belle….. ma mi hai preso per stupido? Voglio vedere bene tutte quelle foto….. dammi il cellulare” le ordino guardandola negli occhi. Lei abbassando lo sguardo mi porge il cellulare.
Inizio a scorrere le foto e vedo le 4 foto di oggi…. Poi uscendo dalla foto vedo il contenuto della cartella…..
145 foto 34 video.
“vedo che ti sei data da fare…..”
La apro e inizio a sfogliarle sedendomi nella sua poltroncina mentre lei impiedi li a fianco guarda in basso vergognandosi.
Tutte foto di C seminuda e sconce… a gambe aperte, vestita da troia, con le tette in bella mostra….. foto di ogni tipo.
“ E dimmi…. Per chi sono queste belle foto? Per tuo marito?”
“no, cioè si…. Dai non te lo posso dire….”
“Come non me lo puoi dire….. dai su….” E allungando una mano la invito a sedere sulle mie ginocchia….
“Però ti prego, non lo dire con nessuno davvero! Se viene fuori sta cosa succede un casino……..” mi dice sedendosi sulle mie gambe, “mi sento con un tipo e ci scambiamo le nostre foto osè, fantastichiamo e ci tocchiamo insieme….”
“Non ti preoccupare, sarà il nostro piccolo segreto…..” gli rispondo mettendogli una mano sulla coscia “e magari poi le foto e i video me li giri anche a me" mentre inizio ad accarezzare le sue gambe.
“Ma cosa stai facendo scusa?” mi dice fermando la mia mano con la sua mentre faccio partire un video dove lei a gambe aperte si tocca con le dita:
“Come cosa sto facendo? Siccome sono eccitato volevo vedere se anche tu lo eri…. Come lo eri qui…. Sei molto brava sai….”
Sento che la sua mano sta rallentando la presa sulla mia….. Inizio a risalire fino ad arrivare a sentire la stoffa delle sue mutandine con le mie dita.
La sua mano segue la mia mentre con gli occhi seguiamo entrambi lo schermo del cellulare. Scorro altre foto dove lei nuda è la protagonista fino ad arrivare ad un’ altro video dove si masturba con una zucchina mentre dice quanto gli piacerebbe succhiarlo mentre la scopano.
Senza dire niente inizio a toccarla sotto le mutandine mentre la sua mano sulla mia non oppone resistenza e le sue gambe si allargano lasciandomi giocare con il clitoride bagnato. Sento che inizia ad ansimare mentre guardiamo il suo video….
“….porco……”
la sento sussurrare…..
“Si molto……e ti piace che questo porco ti stia toccando…..vero?”
“…..si……”
I video continuano, sempre con lei che si masturba con le dita e con gli oggetti più svariati, ortaggi, bottiglie, manici di spazzole, e mentre li guardiamo eccitati la sua mano guida la mia e per facilitarmi nel lavoro si sfila il perizoma allargando le gambe oscenamente mentre con l’altra mano mi massaggia il cazzo sotto la tuta da lavoro.
“Ma guarda quanto sei troia….. chi lo avrebbe mai detto….”
Lei ansima di piacere sotto le mie dita mentre cerca di tirarmi fuori il cazzo.
“Allora visto che sei così tanto troia adesso facciamo una cosa….” E dicendo questo accedo alla videocamera del suo cellulare “ Come si chiama il tipo con cui chatti?"
“M….. ma cosa vuoi fare?”
“adesso lo vedrai….”
E facendo partire la registrazione video inizio a riprendere la scena passando da spettatori a protagonisti. Lei seduta sulle mie gambe rossa in viso e con gli occhi semichiusi dal piacere compare sul cellulare “ bene M, sono il datore di lavoro di C e come vedi C mi ha raccontato un po’ di storielle divertenti su di voi….. così ho deciso di farti vedere quanto sia troia….. guarda…..” e scendendo con l’inquadratura filmo la mia mano fra le sue gambe mentre la sditalino fino a farla venire. Lei geme sulle mie ginocchia in preda all'orgasmo, poi sfilando le mie dita le porto su, strappando i bottoni della sua camicetta faccio uscire il suo seno, tocco i capezzoli turgidi con le mie dita bagnate di lei per poi portarle alla sua bocca e mentre le lecca la guido verso la mia leccandole insieme. Nel frattempo non ha lasciato il mio uccello e staccandola dalla mia bocca tirandola per i capelli gli dico “dimmi, quanto sei troia….?”
“tanto…..”
“Ti piace farti vedere mentre godi éh? Ti piace farti guardare mentre ti scopando”
“oh si… “ risponde continuando a menarmelo mentre la filmo.
“adesso, visto che hai ancora voglia, me lo prendi in bocca……. Vero?”
Il suo sguardo libidinoso è eloquente.
“ Dai su…..faglielo vedere come lo succhi….” e guidandola sempre tenendogli i capelli la faccio inginocchiare fra le mie gambe per poi infilarglielo tutto in bocca, mentre fissa la fotocamera.
“Mmmm… sai M….. è proprio brava a succhiare il cazzo…. Guarda….. guarda come lo ingoia…… ho grandi progetti per la mia officina e sono sicuro che C mi aiuterà a realizzarli? Vero?”
Annuisce con la testa mentre la bocca piena del mio cazzo viene riempita ulteriormente dal fiotto del mio sperma che ingoia sorridendo maliziosa non prima di aver mostrato il contenuto alla fotocamera.
Schiaccio stop. Lei in ginocchio mi guarda senza dire niente mentre mi rimetto dentro il cazzo. “tieni, mandaglielo subito e poi girarlo anche a me”
Mi alzo, prendo le targhe e il suo perizoma da terra “queste le tengo io, a te non servono più da oggi” E scendendo le scale gli dico “poi fammi sapere cosa ne pensa del video, mi raccomando” prima di uscire appendo il suo intimo sulla lampada del banco di lavoro.
“se tardo chiudi te e ci vediamo domani”
Sento che mi risponde con un’ok mentre esco dall’ufficio e salendo in macchina parto per il recupero in notevole ritardo.

....continua

Questo racconto di è stato letto 5 5 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.