L'odore del sesso.

Scritto da , il 2011-03-19, genere prime esperienze

Tornai dalle vacanze estive pronto per la nuova avventura. Il liceo.
Decisi di rimanere nello stesso istituto dove avevo fatto anche le medie, mi spostai semplicemente nell’edifico dei “grandi”. Nuova classe. Nuovi prof. Nuovi compagni . Quelli che avevano fatto la mia stessa scelta li trovai cambiati, molto cresciuti, sviluppati fisicamente. Uno dei miei migliori amici si era alzato di una spanna. Era piu’ di un’impressione.
Federica, la santarellina, passa per i banchi a distribuire una circolare e non posso fare a meno di notare il suo petto “gonfio”, la camicetta che lo conteneva era tirata, niente in vista, solo una camicetta i cui bottoni sembrava dovessero partire da un momento all’altro. Inizio a far caso anche alle altre e mi rendo conto che e’ un fenomeno abbastanza comune. Tette. Bell’inizio. A ricreazione si guardavano quelle piu’ grandi, quelle di 4° e 5° sembravano donne, proprio donne…erano inaviccinabili.
Ben presto l’anno si trasforma in un incubo. D’improvviso nessuna ha piu’ interesse per me come per gli altri miei compagni. Male . Le ragazze delle medie diventano out. Le mie compagne guardano solo quelli piu’ grandi. Quelli di 5° erano il top, arrivavano a scuola in macchina, facevano molto John Travolta in Grease. Come potevo/potevamo competere con loro? Persa in partenza e così fu.
Anch’io come gli altri stavo crescendo,non tantissimo in altezza, arrivai al 1,80 di adesso solo gradualmente, la voce cambiava, i lineamenti del viso abbandonavano i tratti da ragazzino per dare le basi a quelli da adulto, la pelle non era piu’ come prima, i primi peli , che iniziai subito a radere perche’ faceva tanto figo farsi la barba, i primi peli sul petto e dove gia’ ne avevo si infoltivano, anche il mio pisello stava cambiando. Si era inscurito,ingrossato ed allungato, grosse vene si vedevano chiaramente quando era eretto. Non ho mai avuto misure esagerate, ma esteticamente posso serenamente ammettere che era bello.
Peccato fossi l’unico a guardarlo.
Anno orribile stavo dicendo. Ho baciato 2 forse 3 ragazzette, botta e via a qualche festa, mantenevo il mio status con gli amici, niente di piu’.
Quell’anno vidi il mio primo film porno, nello stare a contatto con i grandi c’era qualche vantaggio.
“Perverse Spiele” ricordo ancora il titolo, un pornazzo tedesco,tradotto in Italiano, che a dirvi il vero anche con il senno di poi reputo un buon film. E’ la storia di una procace ragazza che per arrivare all’eredita’ dello zio deve fare una specie di caccia al tesoro, ad ogni tappa una scopata. Scene di sesso “animato” come non avevo mai visto. La scena che piu’ mi prese fu quella di lei con altre 2 donne che in cerchio si baciavano e si masturbavano . Ricordo una battuta della protagonista “ …se hai dei bollori fatti una bella sega… “ riferita ad uno che le stava spiando. Io le spiavo e la ascoltavo sempre. Avro’ rivisto quella scena 40 volte, anche al rallentatore.
L’anno scivolo’ noioso e lento mentre io andavo incontro all’ennesima estate…dai nonni. Non c’era storia.
Tutto inizio’ un’afosa sera di luglio, quando eravamo stati invitati ad una cena per festeggiare la pensione del signore che abitava ai confini con i campi del nonno. Non eravamo gli unici, un nutrito gruppo di persone, rigorosamente over 50 si stavano radunando sotto il porticato dove una lunga tavola era stata imbandita a festa. Arriviamo, salutiamo il padrone di casa, ci mischiamo agli altri. Dalla porta principale della casa esce la moglie con delle pietanze in mano,giro la testa per guardarla, ha un sorriso raggiante, torno con lo sguardo alla tavola, con la coda dell’occhio vedo una figura esile che la segue a breve distanza, mi rigiro di scatto, rimango piantato a fissare…c’e’ una ragazza.
La vedo letteralmente sfilare sotto i miei occhi. Capelli raccolti in una coda, truccata in maniera abbastanza pesante, camicia con bavero leggermente rialzato, jeans a scarpa con un po’ di tacco. Un po’ mi imbarazzo, penso “..dove pensa di essere? Non si e’ guardata in giro?” , il tutto mi viene confermato dalla scia di profumo che lascia dietro di se. Giusto per fare un paragone, io avevo una T-shirt monocolore, pantaloncini al ginocchio e scarpe da ginnastica. Non riesco a darle un’eta’ , e’ molta spigliata, parla con tutti e sembra che tutti la conoscano. Un po’ la invidio, io non riesco ad essere espansivo, lei si prende complimenti da tutti, sia uomini che donne, non e’ particolarmente bella, ma sa stare a “testa alta” e questo mi piace. Sono ancora imbarazzato, quando lei facendo il giro dei saluti si presenta :” Ciao, io sono Luana “ …”Marco” dissi con un filo di voce, per fortuna la nonna e qualche altra signora la buttarono sul ridere e se ne uscirono con frasi del tipo “ Dai così vi fate compagnia”. Arriva il momento di sedersi, come da usanza gli uomini da una parte, poi le donne, in fondo i “piccoli”, così mi ritrovo a dividere il capotavola con lei. Mi sento stranamente impacciato, il suo accento mi dice che non e’ delle nostre zone e i suoi modi sono da ventenne consumata. Diamo inizio ai convenevoli, mi racconta che e’ di Milano,che ha 15 anni che passera’ un paio di settimane dagli zii, che non credeva la campagna fosse così, il tutto mentre aiutava la zia di volta in volta a sparecchiare e riportare le pietanze. Questa e’ la versione ufficiale. Quella ufficiosa me la racconta nonna il giorno dopo e recita piu’ o meno così : “Ha la mia eta’, vero, e’ di Milano, vero, e’ lì a passare qualche giorno, Ni , dicamo che e’ stata mandata lì dai suoi, che e’ stata bocciata a scuola a ragioneria, che stava frequentando amicizie non propriamente consone alla sua eta’ , era lì per stare un po’ lontana da casa…”.
Un paio di giorni dopo me la ritrovo, accompagnata dalla zia, a casa di nonna, vestita con una tutina rosa, che sembra un confettino. Le rido letteralmente in faccia, non e’ truccata e mi crea meno imbarazzo, molto meno.” Portala a vedere i pulcini “ mi esorta la nonna. La invito a seguirmi, la porto nel prato recintato dietro al cortile, rimane a bocca aperta. Mi chiede di prenderne uno, non senza difficolta’ l’accontento. Lo racchiude tra le mani ed e’ solare. Rientriamo in casa,racconta l’esperienza come una bambina al primo giorno di scuola, la zia e’ sorpresa, oggi sono un po’ di corsa, ma mi invita a casa loro il giorno dopo. Puntuale mi presento alle 15.00. Lei e’ vestita in maniera piu’ consona, usciamo, le faccio da Cicerone per quei luoghi a me così familiari,lei si incanta ad ogni particolare che le faccio notare.
Stesso iter il giorno seguente, solo che rimaniamo in casa a giocare. Molto piu’ noioso. In compenso prendiamo molta confidenza e mi chiede se voglio fumare una sigaretta. Penso “ ..bha che schifo” in realta’ l’accompagno fuori e nascosti nel campo di granturco dietro casa, mi ritrovo a fare un paio di tiri, trattenendomi per non tossire. Complicita’. A quell’eta’ basta poco. Mentre consumiamo quel rito proibito,lei si apre a me. Mi confida quello che io gia’ sapevo, solo che lo condisce con un particolare che nonna ha omesso. I suoi l’hanno trovata in atteggiamenti intimi con un ragazzo, nel loro letto. E’ stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso ed e’ stata “spedita” lì. Ora mi fa tenerezza, mi calo nella parte del maschio, cerco di consolarla, la abbraccio e mentre i nostri visi si sfiorano, le do un bacio sulla guancia che di lì a poco si trasforma in bacio , prima consolatorio, poi voluttuoso. Mi saluta abbassando gli occhi.
L’indomani passa lei a trovarmi, la porto a vedere una cucciolata di gatti, nel fienile. Si accede con una scala a pioli esterna, appoggiata su uno dei due archi. Le faccio vedere come si fa, scendo e le cedo il passo, saliamo piano. Uno stanzone con un’ulteriore scala per accedere al sottotetto,balle di fieno rettangolari ben disposte, paglia per terra,odore di secco,silenzio. Vedo la gatta accovacciata in un angolo che allatta i neonati, per niente disposta a farceli toccare. Soffia e mostra i denti. Meglio lasciar stare.
“Cosa c’e’ sopra?” mi chiede indicando la scala.
“Altra paglia” .
La prende e sale. Si ferma mi sorride e mi chiede “ Va bene salire così?”. Rido. La seguo, gli archi lasciano il posto a due finestre, un covone di paglia nell’angolo, dei travi sul soffitto che fanno da cornice ad un posto ameno.Siamo in piedi , faccio 2 passi e mi butto sulla paglia. E’ morbida, lei resta spiazzata, ma viene a stendersi vicino a me. Inizio a spingerla, facciamo una sorta di lotta, lei ride divertita. Sono sopra di lei. Ci baciamo. Non e’ un bacio, e’ il bacio. In una sorta di colpo a sorpresa, mi stende e mi sale sopra, sembra aggressiva, adesso e’ lei che comanda. Non ero mai stato sotto. Le nostre lingue si intrecciano frenetiche. Inizio a toccarla da subito sotto la maglietta, non avevo timori mi respingesse. Sempre con fatica le slaccio il reggiseno e lo alzo sopra le tette. Le sfilo la maglia, la sollevo leggermente per i fianchi e mi mette le tette in faccia, si muove dondolando leggermente. Sono duro. Non aveva le tette piu’ grosse di Elisa,ma in quella posizioni , mentre mi pendolavano in faccia, sembravano piu’ grandi. Lecco avidamente quella lussuriosa carne che mi si strofina addosso. Ora tocca a me “riatterrarla” , mi tolgo la maglia e le sono sopra, pelle su pelle, avevo gia’ provato quella sensazione, ma tutto mi sembrava amplificato, sono sempre piu’ duro e mi sento un duro. Lei fa la mossa, allunga una mano e me la mette sopra i pantaloncini, sente tutta la mi eccitazione. Una ragazza dopo tantissimo tempo mi sta toccando. Faccio lo stesso e la tocco sopra i pantaloncini. Non sono jeans stavolta, sono pantaloncini. Sento molto di piu’ il morbido della sua passera. A questo punto sono steso sul fianco sinistro , lei e’ stesa di schiena, con le gambe leggermente aperte, mentre le sue mani frugano tra le mie gambe. La mia mano massaggia il suo pube.
Ancora lei, con la sinistra mi allarga pantaloncini e mutande, con la destra entra e lo stringe. Io sono orgoglioso, il mio cazzo e’ orgoglioso. Lo muove piano, delicatamente. Mi piace. Allungo la mano destra, sento il bordo dei suoi pantaloncini , il medio si intrufola, lo seguono l’anulare, il mignolo, l’indice…prima che entri il pollice, sento il pelo. Che sensazione. Quando anche il pollice e’ sotto, il palmo della mano gia’ copre il triangolo , il medio accarezza il clitoride e si spinge giu’, verso la fessura. Ha un lieve sussulto. La trovo bagnata, come avevo visto nel film e letto nel porno, ma non come pensavo, credevo di trovare un “lago” , invece era bagnata solo nella fessura. Con tutto quello che ho visto so cosa fare. A proposito di delicatezza dei maschi, “ Adesso la penetro con il medio”penso tra me, lo appoggio delicatamente, spingo piano la falange,la guardo in viso e mi accorgo che stringe le palpebre e contrae il viso in una smorfia piu’ di dolore/fastidio che piacere. Mi fermo subito. Non le chiedo niente, le parole possono rovinare quell’atmosfera.L’accarezzo semplicemente. Lei apprezza molto e sorride. Mi tolgo tutto e le tolgo tutto. La guardo, le guardo la patata, sento chiaramente l’odore del suo e del mio sesso. Labbra sottili, un bellissimo pube, peli corti. E adesso? Mi muovo a tentativi. Reitero un comportamento che era gia’ piaciuto, appoggiando il mio membro alla sua patata, solo che stavolta siamo nudi. Di prenderla forse era un po’ troppo, non me la sono sentita, quindi iniziai a strusciarmi. Il cazzo strusciava con la parte inferiore sul clitoride, le palle toccavano la fessura. Sentivo il piacere aumentare. Mi muovevo in maniera “egoistica” cercando il mio orgasmo. Lei intuisce, allunga una mano con il palmo verso l’alto, le dita mi cingono da sotto verso sopra. Spingo il cazzo tra la sua mano. Lo stringe. Muovo il bacino, entra ed esce dall’impugnatura. Spingo sempre piu’ forte. Inspiro profondamente, espiro di piacere e vengo. Un primo schizzo,fortissimo, vola a baciarle una tetta, i due seguenti si distendono sulla pancia, l’ultima goccia si adagia delicatamente sul pube.
“ Sei Venuto?” mi chiede con tono misto esclamativo/ interrogativo. Mi sembrava abbastanza ovvio. Rido felice e fiero.
Si ripulisce con le mani e queste ultime sulla paglia.
“Per fortuna. La paglia mi pungeva dappertutto” non molto romantico, ma diretto.
Si alza in piedi e rotea leggermente il corpo, mi mostra una chiappa ed una parte di schiena tutta arrossata e “tatuata” dalla paglia. Che complicita’.
Io ero ancora in ginocchio, con il pisello soddisfatto che stava riprendendo le sue misure ordinarie, le ginocchia completamente martoriate, non avevo sentito nessun dolore e lo dissi a Luana. Che rise.
Ci rivestimmo e tornammo alla realta’.
Trascorsi qualche giorno ancora con lei, cercavamo di ritagliarci un angolo della giornata, non fu piu’ bello come la prima volta. Era piu’ carnale. Ci trovavamo in piedi , con i pantaloni calati, frugavamo reciprocamente i nostri sessi, fino a quando io non venivo. Lo facemmo anche nel mio posto preferito, tra il granturco.
A quei tempi, esisteva solo il carteggio, il telefono di casa era spesso complicato, gli addii erano veri addii.
Partì. Le dissi addio, malvolentieri.

Questo racconto di è stato letto 1 0 1 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.