L'amica trans ed il suo cane Aldo

Scritto da , il 2011-03-17, genere zoofilia

Ho messo il racconto in questo genere ma apparterrebbe anche al genere trans.
L'altra sera transitavo in zona Loreto, pioveva fortissimo e ad un tratto ho visto la figura di una femmina col suo cane, mi sono avvicinato a lei con la mia auto e le ho chiesto se vleva un passaggio, lei all'inizio era restia ma dopo che gli ho detto che accettavo anche il cane e che avrebbe preso una polmonite accettò ed è salita sulla mia auto.
Mirna era il suo nome, era una sudamericana bionda, i suoi capelli dai grossi riccioli cadevano fin dopo le spalle, aveva un viso dolce, due occhi meravigliosi, il suo cane Aldo si mise dietro ma il suo viso era frà i due sdili anteriori, Mirna mi ha detto che abitava a Rho e così mi sono diretto in quella direzione.
Abbiamo parlato delle nostre vite, mirna mi dice che è Colombiana ed è una transessuale, io la guardo stupito, niente di lei sembra di origine maschile, neppure la voce, "Ivano, ci sono dei problemi che io sia trans?" mi dice, "No Mirna, anzi, mi piacete molto, vi preferisco alle donne, ma tu sembri una donna", "Ma preferisci noi perchè sei gay?", "Si Mirna, sono gay", "Ivano, mi si simpatico io ti piaccio?", "Sei bellissima, sexy, fantastica", "Sai io sono una trans unicamente attiva, a me non piace prenderlo", "Mirna, io sono unicamente passivo", "Che bello, allora andiamo propro daccordo noi due", ad un semaforo rosso lei mi prende il viso frà le sue mani e mi dà un bacio lunghissimo, poi mi dice"Ivano vorrei che noi due diventasimo amici", "Mirna lo voglio anch'io vorrei diventare la tua ragazza", "Ivano tu sarai la mia femmina, la mia donna, ti voglia mia ora che ti ho conosciuta".
Arriviamo a casa sua, lei mi invita a salire a casa sua, parcheggio bene e mano nella mano saliamo le poche scale, Aldo è dietro di me silenzioso.
Entriamo nel suo appartamento, accende le luci e vedo una casa molto intima con molti cuscini rosa, mi fà sedere sul divano e prende una ciotola, la riempie di acqua e la dà al suo cane, poi si mette vicino a me, il suo braccio mi cinge il collo, mi stringe verso di lei e ci baciamo lungamente, la sua lingua entra subito nella mia bocca saettando, "Ivano mi piacerebbe metterti il mio intimo e un vestito con le scarpe, ci stai?", "Mirna sono la tua femmina", allora mi prende per mano e mi porta in bagno, qui mi spoglia completamente e inizia a truccarmi, il mio viso in breve tempo prende fattezze femminili, poi mi porta in camera e qui entra anche Aldo che mi scodinzola vicino, Mirna mi mette un perizoma nro, calze autoreggenti nere, un abito nero con spacchi vertiginosi e ai piedi u paio di scarpe con tacchi di 6cm. poi Mirna mi profuma abbondantemente, "Dai Ivano prova a camminare", provo a fare 4 passi ma il cane è vicino e mi fà cadere in avanti, Aldo mi è dietro, sento il suo rspiro pesante, sento i suoi denti sul mio culo togliermi il perizoma e subito dopo è sopra di me e mi penetra col suo uccello, Mirna prova a togliermelo da dosso ma Aldo è un grosso cane ed è eccitato, inizia subito a scoparmi con un gran ritmo, la lingua di Aldo intanto mi lecca le orecchie, sinistra e destra, non riesco a muovrmi, sono completamente dominato dal cane che imperterrito continua a trapanarmi il culo ed io comincio a godere, a gemere, la lingua sulle mie orecchie e l'uccello del cane mi portano ad una eccitazione pazzesca che mi porta ad incitare il cane "Dai Aldo, scopami, scopami che divento anche la tua cagnetta, scopami, prendimi, fammi tua", Mirna scoppia a ridere di gusto e incita pure lei il cane che dopo 15 minuti che mi stava scopando mi erutta nel culo la sua sborra e si accascia sopra di me con gli applausi di Mirna.
Quando il cane esce da me sono tutto indolenzito, Mirna mi aiuta ad alzarmi e mi dà un lungo bacio, poi sorridente mi dice"Vedi Ivano, piaci anche al mio cane, allora ti devo dare un nome che và bene per tutti e due, da ora ti chiamerò Flora.
Vao in bagno a darmi una rinfrescata, il cane ora mi segue sempre, mi pulisco l'ano dala sborra del cane e tolgo l'abito sporco ma inconsciamente mi tengo l'intimo e quando torno daMirna lei mi dice"Flora l'intimo ti stà proprio bene, questa notte dormirai con me con quell'intimo addosso.
E' ormai la una di notte, Mirna mi prende per mano e mi conduce nella sua camera da letto, mi aiuta a sdraiarmi e poi entra pure lei nel letto, mi abbraccia stretta e ci baciamo "Flora io ti voglio bene, seriamente, era da molto che cercavo una persona come te, mettiamoci veramente insieme dai, puoi venire a dormire da me quando vuoi, sò che hai la tua vita ma io ti voglio vicina a me", "Mirna io ti vorrei dentro di me", "Certo Flora, ora girati di fianco, ti abbraccio da dietro, eccomi mi senti?", "Si dai entrami dentro", "Cetro amore, eeecco, sono dentro ed ora ti scopo io, ti faccio mia, ti posiedo, tu mi appartieni", "Mirna ora sono veramente felice, sono tua, prendimi ogni volta che vorrai, voglio sentire sempre dentro di me il succo del tuo godimento, voglio sentirmi tua", "Si Flora, sii, ecco, ecco che godo, godoooo.,si troietta, tu ei la mia troietta e del mio cane, sei la nostra troiettaaaaa", "Rimanimi dentro ti prego per tutta la notte, ti prego", "Si amre mio, dolce troietta mia.
Mirna mi ha scopato 3 volte in quella notte, mi sono sentita il culo trasbordare di sperma, Aldo al mio risveglio era sopra di me che mi leccava le orecchie.
Fatto colazione con Mirna e Aldo mi riprendo i miei vestiti, lascio a Mirna il mio cellulare e lei mi dà il suo, prima di uscire Mirna mi viene vicina, mi abbraccia e poiu dopo un tenero bacio mi dice"Flora noi ti aspettiamo, ti amiamo tutti e due e tutti e due vogliamo ancora godere dentro di te", "Ciao amore tornerò prestissimo".

Questo racconto di è stato letto 2 2 0 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.