Diventare un'esibizionista

Scritto da , il 2018-02-14, genere esibizionismo

Mi presento, mi chiamo Claudia, sono una donna 40enne moglie e mamma di famiglia tutta casa e lavoro, almeno in facciata.+
lavoro da anni ormai per una multinazionale dove pian piano sono diventata dirigente e quindi, essendo abbastanza ina lto nella scala gerarchica orami ivaggio moltisismo per tenre i rapporti con tante lare azine che lavorano con noi.
ho inziato pian piano dopo anni di gavetta. inizia a seguire quella che prima era al posto dove sono io adesso. e fu cosi che la mia vita cambio letterlmente scoprendo cose di cui prima nemmeno mi sognavo di pensare, figuriamoci a fare.
Ma andiamo con ordine.

tutto inziò ovvimante in ufficio quando una mattina la mia "capa" di allora mi chiamò nel suo ufficio dicendomi che presto sarebbe partita per le nnesimo viaggio di lavoro per incontrarsi con i dirigenti di un' azineda che avrebbe dovuto collaborare con noi.
solo cha stavolta avrei dovuto accompagnarla in qunato il alvoro saerbbe statot anto e non poteva fare tutto da sola. io provai a controbattere... avevo gia due bimbi... una ancora molto piccola e nona vevo molta volgia di muovermi ma lei mi disse in modo non molto amichevole che non er aun invito ma un ordine.
Tornai a casa un po stizzita, raccontai tutto a mio marito che fortunatmaente la prese bene e disse ch era pronto ad aiutarmi. cosi nei giorni seguenti dopo il lavoro dedicai ttutto il mio tempo a sitemare piu cose possibili, comprese baby sitter, turni, e fortunatmante i miei e i suoi genitori che si offrirono siubto a darci una mano.

Partimmo a distanza di pochi giorni ed effettivamente sopratutto i primi giorni il lavoro non finiva mai, facevamo orari impossibili per cercare di sbrigare tutti gli incontri che dovevamo protare a termine, fermandoci giusto a cenare e dormire.Ovviamnte inutile dire che i nostri outfit erano pernnemene obbligati, tailleur gonna sopra
il ginocchio calze autoreggenti e tacchi a spillo, 12 o 15 cm obbligatorio, i miei piedi ormai erano come intorpiditi e dopo la pirma settimana quasi non li sentivo più. Essendo el uniche donne in quelle riunioni non nascondo avessimo tutti gli occhi puntati addoso, devo dire anche con una certa soddisfazione femminile.
inutile dire che la sera arrivati in hotel io crollavo come un sasso e mi risvelgiavo la mattina dopo solo per merito della svegli altrimenti.... beh addio lavoro.Una seraa vevo sentito mio marito e una delle piccole non stava molto bene, nonostante la stanchezza, il suo pensiro non mi faceva dormire.
Dopo qlc ora ch eravamo tornati in camera sentti la porta della camera di Eleonora (la mia dirigente) aprirsi silenziosamente, io nel buoi cecai di vedere qualcosa e con mi stupore vidi lei in una situzione mia vista prima.

Con mio immanso stupore riuscci a distinguere la figura di Elenora davanti allos pecchio nel picoclo corridoio che separava le nostre due camere nella sorta di appartamentino che avevamo preso,soloc he non era la sotlita figura a cui ero abituata: aveva addoso una minigonna di pelle cortisisma calze a rete, camicetta scollatissima, trucco non molo vistoso che copri con un lungo cappotto
probabilemnte per non farsi vedere cosi in reception. ai piedi un paio di stivlia tacco a spillo parzialmente coperti anchessi dal lungo cappotto. io rimasi allibita di quello che vedevo ma lei non si accorse nemmeno che fossi svelgia e usci.
io irmasi a letto pensierosa della mia bimba a casa malata ma particolarmente turnbata da quello che avevo appena visto. non riuscci a chiudere occhio tutta la notte, mi alzai per andare in bagno dopo qualche ora dlla sua uscita e mentre tornavo in camera mia nel silenzio piu totale lei rietrò, trovandomela di colpo davanti io nons paevo cosa dire, lei era visibilmente esausta e quasi
le prese un colpo quando mi si trovo davanti. Per qualche minuto l' imbarazzo tra noi credo si potesse praticmante tagliare con un coltello. "forse devo spiegarti" riusci a dire soltanto...

"Eleonora guarda non devi spiegarmi porprio nulla tranquilla farò finta di nulla" riposi....
"No preferisco spiegarti sono sicura che tra donne ci capiremo, non voglio assolutamente che ci siamo dubbi tra di noi. sai con quello che andremo a fare nei prosismi mesi dovremo fidarci ciecamente una dell'altra, altrimenti andra tutto a rotoli.

Ci sedemmo sul divanetto nella piccola sala che avevamo in comune. si tolse il cappotto e io potei vedere bene tutto quello che aveva addosso, "non è proprio come sie abituata a vedermi vestita vero?" dise visibilmente imbarazata.
"Beh no ma sono sicura che se alla riunione di domattina vieni cosi i nostri soci il contratto lo firmano a occhi chiusi" dissi per cercare di sdrammattizzare un po. lei sorrise un po distesa.
Inizio a raccontarmi che ormai con suo marito era finita da tempo anche se per comuni interessi facevano vedere di essre acnora una sana famiglia, lei ormai da anni sfruttava quei viaggi di lavoro dove nessuno la consoceva per sfogarsi sessulmente facendo dell esibizionismo, facendosi guardare a camminare per strada conciata come una "poco di buono" sentendo i vari commenti e poi alla fine scegliendo qualcuno da scoparsi
brutalmente dovunque gli veniva l occasione. spesso non sapndo nemmeno i loro nomi.
Io inizialmente rimasi un po allibita, ma cercai in qualche modo di celare quella mia sensazione per non peggiorare il rapporto con lei. Ora mia ppariva in un'altra luce, non era + la dirigente ffamata di successo e che pensava solo alla carriera, ma una donna come un' latra con i suoi problemi, e le sue.... fantasie.
"Sai dovresti provare, non sai quanto è appagante per una donna" disse.
"Ma no dai cosa dici, mio marito mi apprezza e a me basta" risposi.
"dovresti provare cosa significa sentirsi commentata da decine di persone spesso ragazzini, l eccitazione ti sale a mille, è cosi per tutte noi inutile nasconderlo, ci piace essere ammirate"... su quensta veva ragione lei....

Un brivido mi scese sulla schiena.... lei sono sicura che capi ma non disse nulla.

"Beh ora andiamo a dormire, tra qualche ora abbiamo un incontro importante.... e dobbiamo essere sveglie e pronte, magari domanis era ne riparliamo" disse andando verso camera sua e lasciandomi in preda alle peggio idee che potessero circolarmi in testa.

Questo è solo il " prologo".

Questo racconto di è stato letto 9 2 0 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.