Erotici Racconti

La donna di un'altra

Scritto da , il 2018-02-12, genere saffico

Appena dopo il capodanno, nel caseggiato dove abito, sono venute ad abitare due giovani studentesse, entrambe molto avvenenti, una delle quali si atteggiava alla Belen …, “ ovvero, ce l’ho soltanto io …! ”. Talvolta riconosco di essere anch’io un po’ scorbutica, specialmente quando mi sveglio male, ma questo non mi fa essere scortese col prossimo, anzi, mi impongo, in quel frangente, una maggiore educazione e gentilezza. La tipa, invece, pareva saziarsi dell’odio che riusciva a fomentare contro di se dalle persone che l’incrociavano. Una mattina, mentre rientravo dalla mia solita corsa al parco, il Cigno con il cervello da papera, attendeva l’ascensore, il quale, raggiunse il piano terra proprio in quel momento, pertanto, io m’infilai nell’ascensore insieme alla pennuta che, senza alcuna esitazione, pigiò il tasto del quarto piano senza degnarsi di chiedermi a quale salivo io. Mentre usciva dalla cabina la ringraziai, ironicamente, poi intonai il ballo del qua qua, mentre, lentamente, premevo il tasto per salire al quinto. Prima che le porte si chiudessero, la sentii mormorare: “ Stronza …! ” epiteto che mi legai al dito e prima o poi ricambiato con i dovuti interessi. Appena il giorno dopo a quell’episodio, verso le dieci del mattino, espletata la mia corsa giornaliera, sentii suonare alla porta del pianerottolo, il classico dindon, diverso dal gracchiar cupo del citofono generale. Era la coinquilina dell’insulsa dell’ascensore. “ Mi scusi se la disturbo, signora … ma devo urgentemente andare da mio padre che sta malissimo. Purtroppo, la mia amica, si è dimenticata di prendere le chiavi di casa, e non so proprio come fargliele avere. Le posso lasciare a lei …? E’ l’unica che mi abbia aperto la porta. Il caseggiato sembra essere deserto stamane! ” Avrei volentieri rifiutato per il fatto che si trattava dell’oca selvaggia, ma la poverina che chiedeva di farle quella cortesia, mostrava angoscia nella voce, una seria preoccupazione per il proprio genitore, così, accettai di buon grado. Verso le cinque del pomeriggio, dopo avere quasi rivoltato la casa per fare le pulizie, sudata, mi buttai sotto la doccia abusando abbondantemente di uno bagno schiuma molto reclamizzato, il quale, a parer mio, non mentiva affatto sulle sue proprietà emollienti. Proprio in quel momento sentii il dindon. Imbestialita più di una iena, inforcai l’accappatoio e mi precipitai ad aprire. “ Mi dai le chiavi …? ” , chiese, senza alcun cenno di ringraziamento, la Belen del quartiere. “ Entra, chiudi la porta e poi aspetta che finisco di fare la doccia ” risposi il più sgarbatamente possibile, intenzionata a farla attendere il più a lungo che potevo. Rientrata nella doccia, ricominciai a insaponarmi e nel mentre a cantare il fatidico ballo del qua qua con una certa potenza di voce che era impossibile per lei non sentirmi chiaramente. Mentre mi risciacquavo, un lieve fruscio destò la mia attenzione. La porta del bagno si era leggermente aperta e, dalla penombra del corridoio, due occhi vispi mi stavano spiando. Sicuramente, la superba voleva sincerarsi a che punto ero della doccia. Per tutta risposta, ricominciai ad insaponarmi nuovamente, voltandole completamente le spalle. Non avrei mai potuto pensare che la mia vendetta sarebbe giunta così presto, pertanto decisi di impegnarmi il più possibile per farla diventare il classico piatto freddo, trattenendola in attesa di riavere le sue chiavi ancora per un bel po’ di tempo. Il piatto invece di divenire freddo ghiacciato, di lì a poco si riscaldò tanto da scottarmi, quasi. Ovvero, quando avvertii una mano accarezzarmi la spina dorsale, poi scendere lungo tutta la colonna fino a intrufolarsi fra i miei glutei, e poi ancora giù, verso il mio centro del piacere, dove, unendo due dita, aveva raggiunto il punto G., con una facilità propria soltanto di una dello stesso sesso. Ogni mia velleità di vendetta si era perduta miseramente fra le spire della lussuria con una rapidità da primato mondiale. Specialmente quando, dopo un primissimo attimo di smarrimento, mi ero voltata e l’avevo vista accanto a me, completamente nuda, e di una bellezza fisica sconvolgente, tale da farmi sentire meno che mediocre, al suo confronto. Non un filo di pancia, una qualsiasi imperfezione, e con una pelle di un candore latteo assoluto. Un pube da dipinto d’autore sormontato a distanza perfetta da un petto spettacolare, come forma e consistenza, e il tutto, esaltato da un viso che dire stratosferico si minimizza la perfezione dei suoi lineamenti. Una sequenza di eccellenze che stravolsero ogni primario e improvvido sogno di vendetta, e che m’incitarono a convincermi di avere equivocato i suoi burberi modi mostrati precedentemente. “ Perché tremi, stronza? ” mi chiese un attimo prima di congiungere le labbra alle mie, impedendomi di rispondere qualcosa che non riuscivo nemmeno a pensare, tanto ero eccitata da quel contatto sublime. Non era il primo contatto che avevo con un’altra donna, anche se in un luogo diverso e in un contesto orgiastico, ma mai mi ero sentita così strana, attratta da una mia simile, senza gli attributi maschili che tanto mi piacciono e mi soddisfano, benché i suoi virtuali erano più attraenti di un membro vero. “ E’ colpa tua ” riuscii a biascicare con eccessiva difficoltà, appena la sirena terrestre mi lasciò respirare brevemente. “ E perché sarebbe colpa mia? Spiegati meglio ” seguitò, continuando imperterrita a trafficare nel mio interno cosce, e con la lingua sul mio orecchio destro, il quale, chissà perché, prese a muoversi come se avesse un tic nervoso. “ Perché mi stai mandando in estasi con la tua mano e con la lingua ” mormorai, già quasi al limite dell’orgasmo. “ Vuoi che smetto? ” domandò, con un ghigno satanico disegnato sul volto. “ Solo se desideri farmi morire subito, invece che sottrarmi la vita a poco a poco, mentre mi accarezzi oppure mi baci … ” riuscii a dire fra un gemito e l’altro, mentre dilatavo le grandi labbra in modo che lei potesse entrarmi dentro con più facilità. “ Fammi posto allora ” mi sollecitò entrando dentro la tazza della doccia, a stretto contatto col mio corpo, sempre più fremente, agitato da un tremore simile a un attacco epilettico. “ Wow, come sei su di giri, bella …! Però, sei anche egoista. Non hai ricambiato che il bacio, fin’ora. Anch’io ho la micia, e mi piace farmela toccare, sai? ” mi ricordò, prendendomi una mano e posandosela sul pube, ormai bollente come il mio, e forse persino di più. Il suo giusto rimprovero mi fece rimediare subito, infatti m’inginocchiai e unii la mia bocca alle sue grandi labbra, risucchiando tutto il suo clitoride; quasi un piccolo pene, molto prominente, e che io circondai con la lingua, con le labbra e, talvolta pizzicandoglielo con i denti, procurandole anche dolore che però lei mistificava con gridolini di piacere. Il nostro vendicativo contatto, non poteva continuare lì sotto la doccia, pertanto, senza nemmeno asciugarci, ci trasferimmo nella mia camera da letto, quasi di corsa, per fonderci in un corpo a corpo, in un sessantanove classico che come finale lasciò entrambe in preda a ripetuti orgasmi devastanti, per i nostri fisici. “ Sei soltanto lesbica oppure ti piacciono anche gli uomini? ” le domandai, in un attimo di stasi. “ Preferisco gli uomini, ma non disdegno leccarla ad una bella donna …” rispose senza pensarci un solo attimo. “ Tu …? Da come me l’hai maltrattata, direi che sei più tendente al lesbismo ” affermò convinta. “ Dici? ” chiesi dubbiosa ormai delle mie reali tendenze sessuali. Con lei avevo gustato piaceri assoluti così intensi da farmi pensare che avesse proprio ragione. Avevo avuto con lei un rapporto da sballo, il piacere avvolto da altro piacere, l’apice dell’amore diverso concentrato, il quale sicuramente avrebbe avuto la massima importanza nel prosieguo della mi esistenza. “ Lo dimostra il fatto che non ti sei minimamente negata alle mie avance, anzi, hai partecipato al duello sessuale con armi idonee, piuttosto affilate, riservandoti di martoriare le mie intimità con dita diritte, al di fuori del mio corpo, ma che poi divenivano dolorosamente adunche, all’interno, e tutto questo, senza mostrare la minima pietà per la mia evidente sofferenza ” aveva continuato il discorso con una serietà e una calma da intimorirmi, anche se soltanto verbalmente. E allo stesso tempo, nuovamente eccitata tanto da spingermi ad aggredirle la vagina soltanto con la lingua, benché, il mio istinto, mi spingesse persino a mordergliela, ferirla a sangue, così da gustarla in modo totale, vampiresco. “ Se mi mordi un’altra volta, ti picchio …! ” mi minacciò, strattonandomi selvaggiamente il capo con l’ausilio di una ciocca di capelli stretta nella sua mano. “ Devi soltanto leccarmi, fino a farmi godere con la lingua, senza toccarmi con le mani, anche se ci volesse tutta la sera e la notte ” m’impose, tirandomi su di se mentre si lasciava cadere sulle lenzuola, continuando a tenermi la testa unita alla sua vagina. In quel frangente mi fu chiaro che la richiesta era anche la mia volontà, e cioè, non desideravo altro che bearmi del suo sesso profumato dalla lussuria, saziarmi dell’umore che inumidiva le sue grandi labbra, aperte, ed esposte in un’offerta che mi avrebbe appagata. “ Non essere avara con quell’arnese che ti ritrovi fra le labbra, entra di più in me, più profondamente che puoi …: ancora, ancora di più, dai, entra, entra … sì così …! ” continuava a ripetere con un filo di voce presa dalle convulsioni che prevengono il piacere, quell’orgasmo che però non s’era verificato ancora, che la costrinse a ripensare al divieto che mi aveva imposto. “ Mettimi le dita dentro, allargamela con le mani, muoviti! ” mi supplicò, agitando il bacino per ricevere con più capacità le mie dita, unite in tal modo da ricordare una pera, stretta in punta e piuttosto invasiva verso il basso, la quale, con mia grande sorpresa sprofondò in lei senza alcuna resistenza, inghiottendo persino una parte del mio polso. “ Perché ti fermi …? ” mi chiese indispettita, vedendomi dubbiosa, timorosa di procurarle danni irreparabili, una volta che l’eccitazione l’avesse abbandonata. Per scacciare ogni mia paura, mi prese il polso con entrambe le mani e colmò, con una pressione terribile, lo spazio che ancora separava il mio pugno dal fondo della sua vagina, esplodendo, di conseguenza, nel più devastante orgasmo dall’inizio della nostra relazione lesbica, invogliando anche me a provare quell’esperienza, l’intrusione innaturale che l’aveva quasi fatta impazzire di piacere. Deviazione sessuale che mai avevo desiderato in un modo così esclusivo, realizzato unicamente con una donna, il cui corpo perfetto, i seni alti, il ventre piatto, i riccioli neri del pube, le gambe lunghe e tornite alla perfezione, erano alla mia portata, mi eccitavano a tal punto da soggiogarmi, rendermi schiava, succube volontaria e pronta a sacrificarmi ad ogni sua più illogica richiesta, persino se essa avesse significato subire esclusivamente del dolore. E lei questa mia attuale condizione fisica, ma soprattutto morale, l’aveva intuita, visto che appena era riemersa, tornata alla realtà, mi aveva posizionata con le gambe aperte di fronte a se, si era inumidita le mani con molta saliva, poi le aveva giunte come se intendesse pregare, e subito dopo aveva iniziato a introdursi fra le labbra del mio sesso lentamente ma con decisione, con una determinazione tale da farmi intendere che non si sarebbe fermata fino a quando, le sue mani, insieme, non avessero toccato il fondo della vagina. Per un breve attimo, tentai di fare resistenza con i muscoli laterali del mio sesso, ma ben presto, la forza impressa da lei, vinse le mie già poche energie, perciò lasciai che lo stupro anelato giungesse a termine, che la mia sadica compagna d’avventura sessuale, straziasse la mia intimità a suo piacimento, e forse, al termine di tutto, anche del mio. E quando alla fine raggiunse il suo obiettivo, dilatandomi la vagina fino a farla sanguinare, si ritrasse di colpo per poi mostrarmi le mani insanguinate, simili ad un’ostetrica che ti abbia aiutato a partorire. “ Pensa che credevo di essere una delle ragazze più sfondate della zona …! ” commentò guardandosi le mani e poi la mia vagina, che probabilmente non era ancora rientrata nella sua forma naturale. “ Nemmeno la mia compagna, che per la cronaca predilige questo tipo di intrusione, non è così aperta come ora sei tu …! ” disse guardandomi quasi con pena, come se il mio primato, che aveva contribuito a farmi raggiungere, la disgustasse. Per cambiare il discorso, visto che mi sentivo un pochino a disagio, le domandai se aveva rapporti lesbici anche con lei. “ Ovvio! Lei è la mia stupenda ragazza! ” rispose, proprio come se fosse la cosa più naturale dell’universo, ovvero, due donne che vivono insieme non possono esser solo amiche. “ La tua ragazza, nel senso che tu ti arroghi la parte dell’uomo, vero ? ” domandai ingenuamente. “ Certo. Lei è femmina all’ennesima potenza, ma subisce il mio fascino virile, mascolino, e si è adattata a me anche sessualmente, nel senso che accetta soltanto la mia partecipazione quando agisco come maschio. Lei non si fa baciare in bocca e nemmeno ricambia il cunnilinguo, ma poi vuole solo essere adoperata con dei falli finti, le mani, gli ortaggi, tuberi adatti alla bisogna. “ Io, invece, con te ho fatto tutto … E se vuoi, la sostituisco ben volentieri. Non hai da fare altro che prendere le tue cose e trasferirti qui, da me, già oggi stesso. Io penso di amarti! ” mi sentii esprimere, senza innescare il cervello alla mia proposta, assurda. “ Si, e poi magari, ci sposiamo pure … ” mi canzonò, ridendo come un’invasata, aggiungendo poi, diventando estremamente seria: “ Ti ucciderebbe …! ” mi bisbigliò tra i denti. “ Lo farebbe sicuramente venisse a sapere che abbiamo fatto sesso. Il mio comportamento irsuto e scostante, è per causa della sua gelosia. Non posso nemmeno sfiorare con lo sguardo un’altra donna che lei mi fa delle scenate impossibili ” mi raccontò, rabbuiandosi in viso. “ Godiamoci queste ore, mentre è assente, poi, domattina, ci salutiamo e io tornerò a fare la scontrosa come nei giorni scorsi ” mi propose ricominciando a baciarmi, e questa volta con vera passione, con impegno assoluto, cosi come ce lo misi io in tutte le ore insonni che trascorremmo insieme ad amarci, quella notte. Una deliziosa parentesi che non dimenticherò più, anche se ho ricominciato a frequentare il genere più adatto ad introdursi dentro di me in modo naturale …

Questo racconto di è stato letto 4 7 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.