Erotici Racconti

La lettera - L'incontro

Scritto da , il 2018-02-10, genere etero

Quanto può essere grande il potere delle parole? E quanto può esserlo quello dei desideri che esse evocano? Dal giorno in cui avevo ricevuto la lettera, la mia sessualità si era fatta più spiccata e anche più sfacciata. Non ero ancora riuscita a rispondere all'uomo misterioso, mi mancava il coraggio, ma ormai l'appuntamento con le mie voglie nella toilette dell'ufficio, era diventato fisso. Il mio istinto mi diceva che lui era lì: doveva vedermi spesso e osservarmi attentamente e l'unico posto dove mi recavo tutti i giorni, da sola e per molte ore, era il lavoro; inoltre doveva conoscere il mio indirizzo e-mail, quindi, scartando l'ipotesi dell'errore, doveva essere una persona con cui ero in contatto.

La lettera ormai la conoscevo a memoria, ogni volta che l'epiteto "Puttana" mi veniva in mente, le cellule del mio corpo vibravano, provocandomi un'eccitazione mai provata. Non ero mai stata la Puttana di qualcuno, anzi ero sempre stata trattata come una principessa sia a letto che fuori, per questo la mia anima bruciava dalla voglia di essere "sporcata", di essere trascinata nelle tenebre, usata, umiliata, calpestata.
Nonostante questo, sapevo che non avrei mai trovato il coraggio di rispondere a quella mail, io non volevo avere la facoltà di dire sì o no, io non volevo scelta. Se lui mi desiderava doveva sottomettermi e basta, piegarmi ai suoi capricci, plasmarmi a suo piacimento. Il mio non era un atto di vigliaccheria, ma di consapevolezza: se avessi avuto il potere di decidere quella prima volta, non sarei mai stata sua fino in fondo.
I giorni passavano, era come la quiete prima della tempesta, anche se ormai nulla in me era quiete. Vivevo in attesa, di cosa non so, ma questo stato di perenne agitazione mi rendeva insofferente verso tutto e tutti.

Un giorno, arrivando in ufficio, avevo trovato una scatola ad attendermi sulla scrivania, era imballata in una carta da pacchi color avana, proprio come quella che usavamo per spedire i campioni per i clienti. Il pacchetto era anonimo, solo un fiore di orchidea fermato da un pezzo di nastro adesivo. Avrei voluto aprirlo subito e rifugiarmi lontano da occhi indiscreti per godermi appieno il momento, ma iniziavano ad arrivare troppi colleghi, così avevo dovuto rimandare a un momento più tranquillo. Inutile dire che quel giorno lavorare era una vera tortura. Mi sentivo bagnata fradicia fra le cosce e nemmeno masturbarmi pensando a quello che mi aspettava di lì a poche ore era servito a calmarmi. Continuavo a guardarmi intorno, cercando di capire chi avesse lasciato il pacchetto, senza capirlo mai.

Finalmente anche quella giornata infinita, resa ancora più lunga dalla mia impazienza, volgeva al termine. Appena le macchine avevano iniziato a diradarsi nel parcheggio e le luci degli uffici a spegnersi, mi ero rifugiata in bagno con il mio tesoro fra le mani. L'avevo scartato emozionata, come una bambina il giorno di Natale, ed erano apparse ai miei occhi due palline vibranti color oro, unite da una cordicella, e un plug-in anale con una pietra rossa incastonata all'estremità del manico, proprio come un gioiello. Ero arrossita violentemente e il cuore mi era rimbalzato direttamente in gola... Quanto mi facevano sentire viva queste emozioni e da quanto non ne provavo di simili.
La frenesia del momento mi aveva spinta a spogliarmi in fretta e alla buona: giù i pantaloni, su la maglietta, il seno fuori dal reggiseno abbassato. Avevo preso quelle piccole palline, che conoscevo per averne letto in alcuni racconti e averle viste in qualche sexy shop online, e le avevo infilate senza alcuno sforzo nella mia fica fradicia. Avevano provocato subito delle piacevoli vibrazioni, muovendosi tra loro e sfregando contro le pareti vaginali. Poi avevo preso il plug-in e l'avevo bagnato di saliva, succhiandolo vogliosa... Avevo già provato il sesso anale, ma non mi ero mai masturbata da sola. Ero incuriosita, in quel momento avrei fatto qualsiasi cosa, e in un attimo realizzai che era proprio quello che voleva lui, farmi dimenticare tutto tranne la voglia di essere la sua Puttana, disposta anche a farsi il culo nel bagno di un ufficio molto frequentato, anche se semi-deserto. Mi ero allargata le natiche con una mano, ed ero pronta a trafiggere le mie carni con il plug-in, quando avevo sentito la porta aprirsi. Quale segno di disponibilità più chiaro del non chiuderla a chiave? Lo aspettavo, volevo sapere chi aveva invaso così prepotentemente i miei pensieri e le mie voglie. Mi ero girata e avevo incrociato il suo sguardo sardonico... Chissà come doveva sembrargli la scena dell'irreprensibile signorina dell'amministrazione con i pantaloni abbassati e pronta per masturbarsi. Lui era il responsabile del personale, ma in quel momento avrebbe potuto essere chiunque, infatti non importava chi era, ma come mi aveva fatta arrivare lì.
- Eccola qui la mia Puttana! - aveva esclamato, prima di prendermi il giochino dalle mani e infilarmelo di nuovo in bocca. Io ero faccia al muro, con le gambe aperte e il culo davanti ai suoi occhi. Aveva sputato sul mio buchino e ci aveva infilato un dito, facendomi gemere di sorpresa e dolore, dopodiché aveva ripreso il plug dalla mia bocca e senza ulteriori complimenti l'aveva infilato nel mio ano, strappandomi altri mugolii di finta protesta. Mi aveva girata e fatta inginocchiare, poi mi aveva infilato il suo cazzo in bocca. Non mi stava chiedendo un pompino, mi stava scopando la bocca: con una mano mi teneva i capelli e con l'altra le mandibole, costringendomi a tenerla aperta, mentre affondava completamente dentro di me. Io cercavo di prendere un ritmo che mi consentisse quanto meno di respirare senza sentirmi soffocare, ma non era per niente facile. Nessuno mi aveva mai violata così, ma seppur incredula, la mia eccitazione cresceva ad ogni affondo, ad ogni conato di vomito che mi arrivava alle labbra, ad ogni lacrima che brillava in un angolo degli occhi. Lui aveva ripreso a parlare, ma solo per umiliarmi ulteriormente: - Vedi di bere tutta la mia sborra, o quella che uscirà dalla tua bocca te la farò leccare direttamente dal pavimento, dove si saranno sgrullati il cazzo, dopo aver pisciato, chissà in quanti... - e, con un gemito strozzato, l'avevo sentito irrigidirsi e scaricarmi in bocca tutto il suo piacere. Ero riuscita, seppur con qualche fatica, a mandare giù fiotto dopo fiotto, assaporando il suo sperma acre ma allo stesso tempo afrodisiaco per i miei sensi.
Mi aveva lasciato la testa e mi aveva fatta alzare di nuovo in piedi, poi mi aveva detto: - Brava Puttana, ora puoi godere anche tu... - Ma mentre con frenesia, premevo due dita sul clitoride gonfio di voglia, mi aveva fermata di nuovo: - Cosa stai facendo? Le cagne non usano le mani. Se vuoi godere dovrai strusciarti come un'animale contro qualcosa... - e aveva sorriso sadicamente. Titubante, umiliata e incredula, ma ormai disposta a tutto per un orgasmo, mi ero avvicinata allo stipite della porta, e con le mani dietro la schiena, avevo preso a sfregarmi su e giù sull'angolo. La mia forte eccitazione e i giochini che stimolavano entrambi i miei buchi, mi fecero raggiungere in fretta il piacere, sospirando e contorcendomi, sempre sotto il suo sguardo trionfante.

Dopo qualche istante, così come era arrivato, se ne andò, dicendomi che avrei avuto presto sue notizie. Mi ero ricomposta in fretta ed ero corsa a casa ancora sconvolta e profondamente scossa. Ormai nulla sarebbe più stato come prima, ma ancora non potevo immaginare quanto.

Questo racconto di è stato letto 1 1 6 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.