Erotici Racconti

La ragazza , le comari e l'orso..

Scritto da , il 2018-01-11, genere etero

Ho scritto nel tempo una trentina di racconti erotici che pubblichero’ man mano che li avro’ rivisti, sono tutte storie vere nel senso che in essi ho messo fatti e situazioni che ho saputo di altre persone o che ,in modi un po’ diversi o solo parzialmente, ho vissuto di persona e poi integrato con la fantasia. Vi ricordo che la vita sa essere piu’ strana ,varia , terribile o meravigliosa di qualsiasi opera di fantasia. Pero’ stasera mi e’ venuta la voglia di scrivere qualcosa che ho vissuto di persona e sulla mia pelle. Scrivero’ di getto, mi perdonerete se dovesse scapparmi qualche svarione...Gradirei moltissimo conoscere quello che ne penseranno coloro che leggeranno, per questo vi prego di non lesinarmi i commenti buoni o cattivi che siano. Saro’ felicissima di rispondere a tutti. Grazie in anticipo.
Dunque vado a incominciare. Io mi sono sposata prestissimo, avevo appena compiuto i diciotto anni, ero rimasta incinta e facemmo il solito matrimonio riparatore..Dopo poco piu’ di sei mesi ebbi il primo bambino. Con mio marito le cose non andavano tanto bene, allora era troppo legato alla madre che mi odiava per avergli “rubato” il figlio e che faceva di tutto per mettere zizzania. Lui lavorava fortunatamente ma allora era costretto a lavorare in un’altra citta’ ,partiva il lunedi e tornava il sabato pomeriggio. La mia famiglia abitava a poco piu’ di un chilometro dalla nostra casa ed io passavo quasi tutto il giorno da mamma ma la sera tornavo a casa mia perche’ lui, mio marito, pretendeva che io fossi a casa nostra la notte e mi telefonava verso le dieci di sera per verificare, vai a capire gli uomini...
La nostra casa era in un vecchio palazzo con giardino sul davanti e i rapporti con le altre signore erano ottimi. Fu proprio da queste comari che venni a sapere i pettegolezzi del condominio. Una sera tornando da casa di mamma trovai un gruppetto di queste che “ciacolavano”, mi associai al gruppetto ,cosi’ tanto per passare un po’ di tempo in spensieratezza. Poco dopo attraverso’ il giardino il signore maturo che abitava con la moglie sul mio stesso pianerottolo e le signore cominciarono a darsi di gomito e a ridere..Insomma, venni a sapere che era un notorio “sciupafemmine” , che si “teneva” la moglie del ragioniere al terzo piano e che la natura lo aveva dotato di un cazzo veramente notevole che ,di sicuro, aveva fatto assaggiare a piu’ di una donna nel palazzo, probabilmente anche a piu’ di una del gruppetto, visto che avevano profonda conoscenza delle doti di cui parlavano che descrivevano unendo alle parole significativi gesti delle mani.. La cosa mi fece sorridere un po’ e fini’ la’. Era l’inizio dell’estate, faceva molto caldo, tornando a casa la sera mi capito’ sempre piu’ spesso di incontrare sul pianerottolo il tipo seduto su una sdraio a prendere il fresco. Il pianerottolo affacciava con un ampio finestrone sul giardino e vi arrivava un bel venticello dal mare. Lui , come mi vedeva salire,faceva di tutto per far sporgere con indifferenza un poco delle sue grazie da una delle gambe dei pantaloncini. Certamente lo faceva apposta ma io facevo finta di nulla, salutavo ed entravo in casa mia. Non ne parlai con nessuno, prima o poi si sarebbe stancato di quel gioco di pessimo gusto. Comunque le grazie erano veramente notevoli, gia’ solo a considerare che l’affare arrivava quasi a mezza gamba la diceva lunga. Mi aveva meravigliato la capocchia che faceva capolino dai pantaloncini, quasi completamente scoperta e grossa quanto un mandarino, il pisello di mio marito faceva ben magra figura al confronto. Comunque io ero molto depressa e la solitudine , la fatica del bambino e le cose con mio marito che non andavano per il verso giusto mi avevano fatto dimagrire tantissimo, ero una vera e propria acciuga ma con una quarta di seno. Avevo preso l’abitudine ,per tranquillizzarmi, di masturbarmi.
Addormentavo il bambino e tornavo in soggiorno ad aspettare la famosa telefonata, poi dopo aver parlato con mio marito, cominciavo il mio lavoro di dita. Dalle dita passai agli ortaggi , scoprii che potevo mettermi dentro un grosso cetriolo sul quale mettevo uno dei preservativi di mio marito e che con quello l’orgasmo arrivava presto e potente. Era naturale che cominciassi a pensare al cazzo del vicino. Lui aveva la moglie infermiera e spesso era solo la notte.. Cosi’ ,una notte che il pensiero di quel cazzo era diventato assillante e che ero sicura che la moglie non ci fosse, dopo aver verificato che non ci fosse nessuno per le scale, bussai al suo campanello perche’..avevo la lavatrice che perdeva.. dissi. Lui aveva notato che da un po’ io indugiavo a guardare le grazie che mi mostrava e , da uomo di mondo, non si fece pregare. Quella notte sono diventata donna davvero.
Fino a quel momento avevo fatto sesso come lo possono fare due giovani inesperti e mio marito non era piu’ esperto di me. Il tipo sul pianerottolo aveva l’eta’ di mio padre e gia’ questo mi metteva in una posizione subordinata ma aveva oltre al ciclopico cazzo anche una pluriennale esperienza. Appena entrato e chiuso la porta era gia’ con l’enorme cazzo ben duro fuori dai pantaloni, me lo sbatte’ subito in bocca e..io persi ogni controllo. Quella notte, fino alle cinque del mattino, me lo mise dappertutto, mi chiavo’ come fossi una vecchia troia e mi piacque da impazzire. Non sesso da innamorati ma sesso per puro piacere. Quella notte mi fece il culo che avevo vergine e imparai davvero a fare i pompini.
E cosi’ furono tutte le notti in cui la moglie era di turno . A lui piaceva la ragazza ventenne magra magra che si rigirava sul cazzo come una bambola e che aveva il culetto come un meloncino di quelli gialli. A me piaceva farmi fottere da quell’orso con un cazzo da cavallo che mi prendeva con violenza ma che sapeva pure essere estremamente delicato. Le cose andarono avanti cosi’ finche’ qualche malalingua che in qualche modo si era accorta della tresca non fece arrivare la faccenda all’orecchio di mia madre che convinse mio marito a cambiar casa senza destar sospetti. Io saro’ sempre riconoscente per quelle notti di sesso che mi ha dato e non scordero’ mai il piu’ bel cazzo della mia vita.
Un bacio Lulu'

Questo racconto di è stato letto 1 5 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.