Erotici Racconti

Tale Figlio tale Padre 15 (Mio padre sempre più complice!) Quarta parte

Scritto da , il 2018-01-11, genere incesti

Il mattino arrivò e dopo colazione andammo via tutti e 4 insieme portando con noi dei panini che la zia ci aveva preparato,in quanto saremmo rimasti al centro anche per pranzo e il bar e il centro stesso avrebbero chiuso al pubblico alle 13 essendo domenica. Saremmo ovviamente dovuti rimanere oltre tale orario per finire tutti i lavori e per farmi avere finalmente quello che desideravo.
Lo zio mise nel furgoncino anche un materassino matrimoniale gonfiabile da mare sul quale avremmo consumato più comodamente i i nostri rapporti incestuosi e non....
Arrivati al centro, i tre maschioni si misero subito al lavoro per terminare il tutto, mentre io andai in bagno ad inserirmi l'ultimo dei 4 plug, il più grosso, feci un po di fatica ma entrò senza grossi problemi.
Me ne andai poi da loro ad assistere ai lavori , non potendoli aiutare visto cosa avevo dentro al culo!
Alle 12 mangiammo i panini e alle 14 finirono tutto e lo zio disse ad alta voce" visto che non c'è più nessuno e tutto è pronto...... ragazzi è arrivato il momento di inaugurare la nuova sala con del sesso sfrenato!"
Andò' a prendere il materassino e lo gonfiò mentre noi tre stavamo già iniziando a toccarci e a baciarci.
Appena pronto lo mise al centro della stanza e disse: fuori i nostri cazzoni che Fabio non può' attendere oltre.
Avevo il cuore che batteva forte ero nuovamente eccitato e tremavo come se avessi freddo, finalmente avrei da li a poco avuto quelle magnifiche nerchie in bocca e nel culo e mi avrebbe scopato , spaccato e inondato di sborra!
Si sdraiarono sul materassino e subito i loro cazzi presero forma, turgidi, gonfi, carichi all'ennesima potenza per farmi la festa!
Iniziai a leccarli a succhiarli , le cappelle di Gaspare e dello zio erano tese e lucide, la lingua su di esse scivolava una meraviglia, i loro corpi mi arrapavano all'inverosimile, presi il cazzo di mio padre e me lo ficcai tutto in gola, stavo soffocando, anche se non enorme come gli altri 2 è sempre un cazzone sopra la media.
Lui mi diceva: ingoialo tutto fammi sentire come ti piace il cazzo del tuo Pà, lo senti come si sta gonfiando dentro la tua gola?
Lo tirai fuori dalla bocca ed effettivamente anche il suo mostrò un cappellone gonfio e lucido.
Mi fiondai poi su quello dello zio Tommy che era il più grande di tutti anche se di poco rispetto a quello di Gaspare, nel frattempo mio padre iniziò a tirarmi giù i pantaloni e gli slip facendo vedere a Gaspare cosa avessi nel culo!
Gaspare esclamo: doppio WOW ! ecco perché eri così impacciato a muoverti, ti sei dilatato il culo a dismisura e scommetto che lo hai fatto per poter prendere 2 cazzi contemporaneamente e immagino anche quali... Bravo Fabio sei davvero un gran maiale e le tue voglie mi rendono felice di poter accontentare!
replicai dicendogli: erano settimane che sognavo di essere penetrato contemporaneamente da te e da mio zio Tommy e finalmente tra poco i vostri mostruosi cazzoni saranno dentro di me per rendermi felice e farmi sentire realmente pieno di vera verga maschile.
Cazzo Fabio non dire ste cose che mi fai uscire fuori testa disse Gaspare....
Il mio Pà estrasse dal culo il plug e mostrò ai maschioni come fosse bello aperto e pronto ad accogliere le loro turgide nerchie!
Lo zio disse : sei davvero uno spettacolo, hai il culo larghissimo potrebbe entrarci anche quello di tuo padre insieme ai nostri....
Magari dissi io....... sarebbe fantastico avervi dentro tutti e tre!
Ancora messo a 90 e con la bocca sul cazzo dello zio, mio padre mi spalmò un po di pomata rilassante e anestetizzante così da facilitare ancora di più la doppia penetrazione.
Mi gustai il loro cazzi ancora per una decina di minuti giusto il tempo che la pomata facesse effetto.
Fabio sei bravissimo di bocca disse Gaspare , mi stai facendo godere , neanche mia moglie fa dei pompini come li fai tu!
Vero vero aggiunse mio padre, neanche sua madre è brava come lui e non ama il cazzo come noi !
Lo zio Tommy continuò dicendo: anche Marta si schifa per un po di sborra sulle labbra, che stupide ste donne non sanno apprezzare come noi il cazzo e la sborra.
La pomata fece effetto ed io mi posizionai sopra Gaspare sedendomi sul suo cazzo, iniziò a scoparmi di bacino ma ero troppo dilatato e sia lui che io non sentivamo nulla, così mi sdraiai su di lui dando il culo e la schiena allo zio che prontamente da dietro introdusse il suo bestione fra le mie chiappe facendosi largo tra il cazzo di Gaspare!
Senza alcuna fatica e dolore avevo finalmente quelle spettacolari fave tutte dentro il mio bel culetto.
Che sensazione unica , fantastica e appagante stavo vivendo.
Mio padre che da dietro assisteva a quel evento storico diceva: è incredibile Fabio quanto sei pieno di cazzo, sei una vera troia figlio mio! mi rendi fiero di te.....
Prese subito il cellulare e messo in modalità video riprese quella spettacolare doppia inculata, anche perché voleva che mentre mi fottevano vedessero in che stato fosse il mio culo con i loro membri dentro.
Vedendo quel video i due maschioni dissero: sei unico , mai visto un culo così aperto e accogliente, goditi sti 2 mega cazzi e si orgoglioso di te stesso!
Mi stavano scopando a meraviglia li sentivo dentro di me come mai avevo sentito cazzo prima, era favoloso possederli e farli impazzire di piacere!
Nel frattempo mio padre posato il telefonino si venne a posizionare davanti a me facendosi spompinare, che delizia essere così pieno di cazzo.
Mugolavo dal piacere e anche i miei scopatori gemevano ad alta voce, anche perchè i loro cazzi oltre a sfregare sulle pareti del mio retto si strofinavano tra di loro dando ulteriore godimento.
Gaspare parlava e diceva: non ho mai chiavato e goduto così tanto con un culo di maschio come oggi, credo che il culo maschile sia più godurioso di una figa e voglio che tu goda tantissimo con nostri cazzoni.
Lo zio aggiunse : hai ragione , il culo di Fabio fa godere all'inverosimile, ma quale fighe e fighe, potessi chiaverei con voi tutti i giorni, vi riempirei culo e bocca di sborra ogni volta che ne avreste voglia, beato tuo padre.... non immagina quanto sia fortunato ad avere un bel figlio insaziabile come te!
Mio padre disse: so bene quanto sono fortunato ad avere un figlio così troia e bello, ma è fortunato anche lui ad avere me come padre!
Io ero al settimo cielo e supplicavo i miei penetratori di continuare a sfondarmi il culo che volevo essere scopato per ore fino allo sfinimento.
Mio zio Tommy voleva farmi godere al massimo e rendermi felice così decise di tentare una tripla anale.
Si cambiarono di posizione solo mio padre e lo zio in quanto il suo cazzo era più lungo e poteva raggiungere meglio il mio culo.
La posizione fu che Gaspare rimase sdraiato ,io sopra con il cazzo dentro, mio padre prese il posto dello zio penetrandomi anche lui, sia io e che mio padre ci coricammo sopra Gaspare e lo zio con il suo cazzone cercò dopo aver lubrificato tutto e tutti di piantare il suo uccello tra lo spazio che c'era tra i due cazzi.
Con un po di fatica l'intento riuscì ed io abbi per la prima volta ben tre cazzi nel culo che mi stavano spaccando e facendo sentire l'uomo più felice al mondo!
Avrei voluto vedere la scena del mio culo con tre cazzi dentro e lo zio astutamente aveva posizionato senza dir nulla il suo cellulare su uno sgabello in modo da riprendere il tutto.
Stettero dentro di me per qualche minuto quasi immobili perchè altrimenti qualche cazzo sarebbe fuoriuscito, poi lo zio si tolse e diede modo a suo cognato e a Gaspare di scoparmi ritmicamente.
Poco più tardi dissi a mio padre che rivolevo il cazzone dello zio dentro di me e così lasciò il posto nuovamente a Tommy.
Gaspare rimase immobile con il suo cazzo e prese a baciarmi mentre lo zio come un animale iniziò a muoversi dentro il mio culo.
Gaspare ed io gridavamo dal piacere, lo zio ci stava regalando sensazioni uniche.
Gli dicevo : si zio fottimi così ancora ancora godooooo ahhhh ahhhh fantastico sei un toro.
e Gaspare..... : si Tommy ci stai facendo impazzire, sfoda il culo di tuo nipote che fai godere anche me!
Lo zio era diventato un'animale mi stava dando ciò che volevo e mio padre assisteva e riprendeva con il suo telefonino quella doppia inculata strepitosa.
Lo zio continuò con quel ritmo strepitoso per ancora pochi minuti quando disse: Fabio sto per sborrare dimmi dove vuoi che ti venga in bocca o nel culo?
Rimanemmo spiazzati quando sentimmo Gaspare che disse: Fabio vorrei bere io la sborra di tuo zio... posso?
Certo che puoi risposi io, così ci staccammo da quell'aggrovigliamento di corpi e cazzi e lo zio ficcò il suo nerchione stra gonfio nella sua bocca.
Gaspare si mise seduto con le mani un po più indietro del busto appoggiate al materassino e spalancò la bocca per accogliere la copiosa sborrata di Tommy.
La sua bocca e il suo viso furono inondati da ripetuti e continui schizzi .... Gaspare era in estasi, immobile e muoveva solo la lingua per raccogliere più liquido seminale possibile dalle sue labbra.
Lo zio venne però da me ripulito e sfatto si gettò sul pavimento.
Mi girai poi verso mio padre e gli dissi voglio continuare la doppia anale, e così riprendemmo le posizioni e venni nuovamente scopato dai loro cazzi, mentre mi leccavo la sborra rimasta sul viso di Gaspare lui mi disse: Cazzo Fabio ora capisco la vostra ingordigia di sperma è davvero buona e ti fa sentire terribilmente porco e appagato!
Un cinque minuti più tardi mio padre incomiciò a dire: tra poco sborro tra poco sborro e dietro Gaspare anche io vengoooo e mi inondarono il culo con litri di cremosa sborra che fuoriusciva da ogni angolo del mio sfintere.
Rimasero con i loro cazzi ormai svuoti dentro di me per qualche minuto, quando Gaspare mi disse che voleva succhiarmi l'uccello e bersi anche il mio sperma!
Detto fatto mi sedetti sul materassino e lui iniziò una pompa che ebbe i suoi frutti ben presto, facendogli bere altra squisita calda crema.
Stremati ci buttammo tutti per terra e ci addormentammo rimanendo li per quasi un 'oretta, quando ci riprendemmo andammo negli spogliatoi a farci una bella doccia tutti insieme.
Avevo il culo completamente slabbrato ma quasi per nulla dolente, ero felice di ciò che ero riuscito a fargli ricevere e orgoglioso di me stesso.
Sotto l'acqua corrente parlammo di quanto fosse stato bello ed eccitante vivere quella avventura tutti insieme e ognuno di noi esternò i propri pensieri liberamente.
Per esempio Gaspare ribadì che il culo di un maschio lo faceva godere più di una figa o di un culo di donna e che bersi la sborra lo aveva affascinato e fatto sentire un vero maiale e che lo avrebbe sicuramente rifatto perchè davvero buona!
Lo zio Tommy concordò con lui tutto, e aggiunse che non riusciva a comprendere le loro mogli che ne erano invece quasi schifate da quella deliziosa crema che fuoriusciva dai loro piselli!
Mio padre disse che era felice di avermi reso felice e di aver esternato i propri sentimenti con suo cognato, e che avrebbe fatto sesso sempre e ovunque con noi!
Si congratulò con me dicendomi che ero davvero un figlio speciale e bellissimo!
Io ringraziai tutti per l'impegno messo nell' avermi scopato intensamente e fatto godere così tanto e per aver realizzato un sogno apparentemente impossibile grazie alla complicità del mio Pà e ai loro meravigliosi cazzi.
Verso le 18 rientrammo a casa dello zio più sereni e appagati che mai e ancor più consapevoli che il sesso tra uomini ci piaceva alla follia!
L'indomani alle 10 ebbe luogo l'inaugurazione della stanza massaggi e le due sorelle ne approfittarono per provare le fantastiche mani di Jonathan ,senza poter minimamente immaginare cosa fosse accaduto in quella stessa stanza il giorno prima!
Nel tardo pomeriggio ci preparammo per metterci in viaggio e rientrare a casa, notai subito che mio padre come Gaspare aveva indossato la tuta da ginnastica e come sempre niente mutande, infatti il suo pisello era ben visibile..... Mi domandavo a cosa potesse servigli quell'abbigliamento visto che doveva guidare....
La risposta la ebbi quando nel salire in macchina mio padre mi disse: Fabio aspetta! devi guidare tu in quanto oggi all'inaugurazione ho ecceduto con i brindisi come del resto tua madre e anche se son lucidissimo dovessero mai fermarci per un controllo sarei nei casini.....
Capii come al solito dal suo sguardo cosa avesse in mente e facendogli un mezzo sorriso presi io a guidare con mia madre a fianco e lui e Gaspare nel sedile posteriore.
Durante il viaggio Il mio Pà di tanto in tanto senza che potesse dare nell'occhio toccava il cazzo di Gaspare infilando la mano dentro ai suo pantaloni.
Gli piaceva sentire quel bestione ancora moscio tra le dita e il calore che mandava, per poi ritirare la mano portarsela sotto al naso e inebriarsi con l'odore di cazzo di cui si era intrisa.
Dopo neanche un 'ora e mezza mia madre reclinò un po il sedile e disse che si sarebbe fatta un sonnellino, complici il vino e i massaggi che l'avevano davvero rilassata.
Vidi dallo specchietto gli occhi di mio padre che si illuminarono come per magia e pochi minuti dopo, giusto il tempo di assicurarsi che Luisa dormisse veramente si abbassò i pantaloni della tuta aprì la zip della felpa , mostrando a Gaspare il suo bel torace muscoloso e villoso con annesso il cazzo già in fase d'erezione.
Gaspare fece altrettanto, così da ritrovarmi due bei manzi quasi completamente nudi sul sedile posteriore!
Tirarono giù le tendine da sole poste nei finestrini posteriori giusto per non farsi vedere , anche se ormai era buio e in autostrada non c'era quasi nessuno, e iniziarono a toccarsi e a baciarsi fino a quando i loro cazzi diventarono duri e spessi.
Gaspare fece mettere mio padre al centro del sedile cosicché potessi vedere dallo specchietto il lavoro di bocca che a breve gli avrebbe fatto.
Si accasciò sulle sue gambe e iniziò a spompinarlo, vi ricordo che il cazzo del mio Pà è grosso anch'esso e ben fatto!
Vedere Gaspare così impegnato e il suo cazzo sempre in erezione e maestosamente grosso, mi fece capire che anche lui era stato veramente affascinato in modo singolare dal pene maschile.
Poco più tardi fu mio padre ad abbassarsi e a prendere il bocca il cazzone dell'imbianchino, se lo stava godendo per bene, tra l'odore che emanava , gli umori che perdeva, il suo palato ne era deliziato.
Alle mie spalle c'era tanta di quella voglia di cazzo come se fossero stati mesi in astinenza e la cosa mi piaceva ed eccitava, peccato non poter vedere tutto e prenderne parte!
Ma lo sapete mio padre non è un egoista come non lo sono io ....
Nel frattempo Gaspare sollecitatò dall'abilità di Claudio venne svotandosi le palle nella sua bocca, e lo stesso accadde per mio padre che con ancora tutta la sborra in bocca venne ancora spompinato dall'amico ricambiando il gesto.
Entrambe avevano le bocche piene di sperma e non intendevano ingoiarlo , mio padre mi fece cenno di entrare in un'area di sosta dove c'erano solo TIR posteggiati e nessun autogrill
Fermai l'auto , lui e Gaspare scesero e mi fecero cenno di seguirli, nel frattempo mia madre si svegliò e le dissi che stavamo andando a far pipì, di rimettersi pure a dormire che questione di minuti saremmo ripartiti e così fece .....
Seguii Gaspare e mio padre che erano andati dietro ad un'autoarticolato e li mi fecero mettere in ginocchio ed aprire la bocca riversando i contenuti delle loro bocche dentro la mia.
In men che non si dica il cazzo mi diventò duro e mentre mi gustavo quell'intruglio di saliva e mascolinità i due iniziarono a baciarsi per scambiarsene il gusto per poi venire da me a completare la mega porcata!
Mi staccai dalle loro bocche inginocchiandomi , abbassai loro i pantaloni per poter ripulire i loro cazzi ancora gocciolanti....
Tutto questo in meno di 5 minuti, ricomposti risalemmo in auto e riprendemmo il viaggio senza nemmeno che Luisa ci chiedesse qualcosa ( il vino che aveva bevuto in abbondanza l'aveva messa ko )
In nottata rincasammo e Gaspare giunti a destinazione ci ringraziò di cuore per tutto dicendoci che quando avessimo avuto ancora voglia del suo cazzone bastava una chiamata e avrebbe fatto il di tutto per soddisfarci il prima possibile.
Lo salutammo ed entrammo in casa consapevoli che ben presto lo avremmo chiamato!
Questa avventura è praticamente terminata come è iniziata.... con tanta porcaggine e voglia di cazzo!
Quanto vi ho narrato fin'ora potrà sembrarvi surreale o magari un po esagerato, ma vi assicuro che la voglia e l'amore per il cazzo miscelato a situazioni insolite e pericolose fa fare questo e altro!
E voi amate il cazzo come me e il mio Pà?

Questo racconto di è stato letto 2 9 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.