Erotici Racconti

Imparerai. {Parte I. L'inizio}

Scritto da , il 2018-01-08, genere dominazione

"Cosa deve fare, la mia cucciola, quando le chiedo qualcosa?"
Ha una voce di velluto, mi guarda come una caparbia studentessa che si applica, ma non riesce. All'ennesima lezione ripetuta.
Col tono non mi graffia, mi accarezza. È questo che mi inquieta.

"Devo rispondere.. Rispondere bene. In fretta."
"E tu, cosa hai fatto?"
"Ho risposto con ritardo, e male."
Abbasso gli occhi. Vedo i suoi jeans neri.
"Quindi, che cosa sei?"
Chiudo gli occhi, mordo entrambe le labbra. Una parte, di me, non te lo vuole dire.
"Sono.. una stupida.."
"Una stupida.....?"
Ecco. Eccola, la nota che cambia. Che stona, o forse rende tutto melodia: l'inizio dell ascesa. Inizi ad essere duro.

"Una stupida puttana."
Sussurro. La mia voce si affievolisce in concomitanza alla tua presa di controllo.

"Si. La mia, stupida puttana." E sorridi. Non a me, non mi guardi, mi attraversi.
Rimango ancora in ginocchio, con lo sguardo basso che ogni tanto si alza per vedere cosa fai, perché resti di fronte a me, sai che odio essere guardata così, nuda, con solo il collare, il guinzaglio non ti serve, mi hai in mano senza bisogno di altri artifici.
Ancora sorridente e beffardo ti giri, fai per andare via, verso la cucina.
Non mi hai dato il permesso di muovermi.
Non mi hai dato il permesso di parlare. Tantomeno, di guardarti.
E allora cosa è scattato, in me?
"Io.. Io stavo parlando di una cosa importante. Eravamo con...." la voce scocciata e poco più alta del dovuto mi muore in gola, non appena ti fermi e giri la testa in modo da guardarmi di sottecchi. Ancora non li ho fissi su di me e già sento il ghiaccio di quegli occhi assiderare ogni vana ribellione.
Ti avvicini. Ti guardo, impaurita, ma lo nascondo. Ormai, mi sono esposta. Piegami di nuovo.

Ti ho davanti, ho davanti la tua cerniera dei pantaloni, ti accucci,e lasci spazio alla visuale del tuo sguardo.
"Ti ho chiesto una spiegazione? Con che cazzo di diritto, tu, pensi di potermi dire qualcosa di non richiesto?"
Una fitta al ventre. Una fitta al cuore, ed anche alla guancia, come se avessi davvero colpito.
"Io non volevo, stavo sol.."
"Stai zitta. Abbassa lo sguardo, con chi credi di parlare?"
Un altro schiaffo, platonico. Di rovescio, alla mia precaria sicurezza.
"Volevo solo spiegarti"
"Ti ho fatto una domanda. Cosa ti ho detto di fare? Di rispondere. Bene, e veloce. Riesci a imparare una sola cosa, o la mia stupida puttana non ne è in grado?" E nel mentre, mi prendi velocemente i capelli, li tiri piu del necessario, mi sollevi la testa in modo che tu possa vedere tutto il mio viso, rosso, addomesticato.
Non urli mai. Io ho bisogno invece di sentirti urlare, uscire di senno, sbraitare, ma tu rimani... sempre freddo.
"Scusami" dico, strozzata e tirata.
"No, non ho più voglia di scusarti" e ti rialzi, con ancora la mano tra i miei capelli, mi sbalzi in alto con te ma non sono pronta, urlo per la sorpresa e il dolore, e mi trascini.
Mi sbatti sulla poltrona, "a novanta", intimi.
Sai che nessuno mi ha mai violata, lì, che sono ancora pura, ancora di nessuno.
Ti sento armeggiare, dietro di me, non mi muovo, ho paura, tremo, proprio come piace a te. Ti sposti davanti a me, un dildo notevole in mano, me lo punti di fronte alla bocca. Ti guardo, sto per replicare, mi fermi solo con gli occhi.
"Imparerai, a tue spese, e q a mio divertimento. Ora, leccalo. Ti servirà bagnato."


*****


Continua, suppongo, se interessa. So che è un inizio troppo dialogato, è il mio primo racconto erotico, primissimo, ed è come ho detto solo un inizio. Ogni critica è ben accetta, vi ringrazio molto!

Anaïs1995

Questo racconto di è stato letto 3 2 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.