Erotici Racconti

La scommessa

Scritto da , il 2017-11-30, genere etero

Cominciò tutto per una scommessa.
Giorgia mi diede appuntamento a Catania, viveva in un centro limitrofo. Ci eravamo conosciuti in un forum e attraverso la messaggistica privata e messenger, avevamo sviluppato una conoscenza.
La mattina della partenza da Fiumicino il cielo era terso.
Mi ero preso una settimana di ferie da spendere in Sicilia, per me isola delle rimembranze, non ci tornavo da quasi tre anni ma le circostanze erano diverse ora.
Il volo Wind Jet fu stranamente puntuale, m’imbarcai con un bagaglio a mano; durante il breve viaggio riflettevo sulle aspettative di questo viaggio, una semplice avventura, qualcosa di più, non riuscivo a capirlo fino in fondo.
Giorgia mi aspettava all’uscita di Fontanarossa, era venuta con l'automobile.
L’enorme casco di ricci ricadeva anarchico sulle spalle, un sorriso solare le illuminò il volto quando salii in auto, era attraente, proprio come me l’ero immaginata, mi disse poche parole, il resto dei silenzi fu riempito da me, che commentavo il paesaggio di quella parte della Sicilia che conoscevo meno, la primavera stava risvegliando una natura lussureggiante, dove andiamo? Chiesi.
In un bel posto, fu la risposta, avevo appetito e immaginai che saremmo andati a mangiare da qualche parte, ma mi sbagliavo.
Arrivammo in un luogo solitario, proprio sul mare, scendemmo e cominciammo a camminare.
La spiaggia era bella e completamente deserta, Giorgia aveva un buon profumo, i capelli spettinati dal vento dispettoso non riuscivano a nascondere il sorriso che sgorgava semplice dalla quella bocca, io le camminavo accanto, desiderandola.
Mi raccontò di lei: viveva con la madre e la sorella, suo padre era morto qualche anno prima; la sabbia cominciava ad entrare nelle scarpe a causa del vento, decisi di toglierle e passeggiare a piedi nudi in quell’anticipo estivo di mare.
Aveva lasciato il suo ragazzo dopo qualche anno, era dispiaciuta ma convinta che fosse la scelta giusta, pronta ad una nuova fase della sua vita post-laurea, alla ricerca di una dimensione adulta, da piccola donna, come amavo definirla, a donna quale era veramente.
Il suo accento siculo riaccendeva in me ricordi andati col tempo, la sua espressività ed il suo sorriso sdilinquivano i miei sensi, ero eccitato ma non solo nel corpo, anche nella mente.
Mi avvicinai dondolando buffamente e le rubai un bacio, anche se i capelli arruffati dal vento m’impedirono di farlo compiutamente, lei capì, si fermò, ci fissammo per un attimo eterno e ci baciammo di nuovo, un bacio umido e caldo che fece salire la mia erezione e inturgidì i capezzoli di Giorgia sotto la maglietta sottile.
Mi prese la mano e tornammo all’auto, ci dirigemmo in un piccolo centro, posteggiammo in una via interna nascosta dall’ombra e Giorgia m’indicò un portone, vecchio e scrostato:
“Era la casa di mia nonna vieni, là staremo tranquilli.”
Salimmo le scale in ferro battuto e dopo avere aperto una porta di legno intarsiato, entrammo in una vecchia casa con un profumo di gelsomino. Andammo in camera da letto, una vecchia stanza in cui un cassettone tarlato, un armadio nelle stesse condizioni, un letto con una spalliera di legno e due comodini, completavano l'arredo
Giorgia cominciò a spogliarsi, rimanendo in breve con un semplice perizoma nero, mentre si toglieva pure quello guardavo gli invitanti seni, dalle larghe areole e capezzoli rosa, quando il perizoma fu a terra vidi la striscia di peli castana terminare dove si schiudeva il sesso.
“Vuoi che ti spogli io?” mi chiese mentre mi raggiungeva.
La lasciai fare, slacciò la cinta dei pantaloni sbottonandoli con lenta decisione, mi aiutò con i bottoni della camicia e quando il mio petto glabro fu scoperto iniziò a suggermi i capezzoli, dopo avermi leccato il collo mi baciò selvaggiamente.
La feci stendere sul morbido letto e gettai il mio volto fra le sue cosce, iniziai a succhiarle il clitoride che sentivo gonfiarsi dentro la mia bocca, mentre la penetravo con due dita, ruotandole all’interno del sesso rorido.
Mi teneva la mano sulla testa, imprimendo il ritmo che gradiva e gemeva sempre più eccitata; sentivo il mio sesso diventare più duro e volevo che si dedicasse anche a lui, così mi girai sul letto e feci in modo che potesse accoglierlo nella sua calda bocca; cominciò a leccarlo lentamente, poi dopo averlo assaggiato se lo lasciò scivolare dentro ingoiandolo completamente, sentivo le guance risucchiarlo, alzai la testa e vidi i suoi occhi socchiudersi ad ogni ingoio, fra le sue cosce l’afrore del sesso era diventato fortissimo, pronta per essere scopata.
Con un gesto deciso mi alzai sul letto, le sollevai le gambe fino a porle sulle mie spalle e la penetrai lentamente, fino in fondo, entrare fu facile bagnata com’era, cominciai a scoparla con foga, mentre le pizzicavo i capezzoli sempre più rossi, i capelli scomposti si sparsero sul letto, nella stanza il nostro odore era palpabile.
Nella stessa posizione nella quale mi trovavo, feci uscire il mio sesso da lei e lo poggiai sullo scuro orifizio, spinsi e fui dentro, aderiva come un guanto alla mano, intendevo venirle nelle viscere, mi dava un senso di potenza e di dominazione mentre con il pollice le massaggiavo il clitoride.
Rimanemmo sul letto nudi per qualche tempo, il profumo della zagara arrivava dalla finestra aperta, i sensi appagati languivano.
Poi ricominciammo.
Partii qualche giorno più tardi.

Questo racconto di è stato letto 2 8 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.