Erotici Racconti

Le gemelle

Scritto da , il 2017-11-27, genere trio

La telefonata arrivò all’ora di pranzo, le ragazze mi avvertirono che sarebbero arrivate nel pomeriggio, la notizia mi colse di sorpresa perché aspettavo Bianca e Chiara per l’indomani, ma il loro anticipo non creava problemi, le stanze erano pronte a riceverle.

Le due gemelle erano le figlie di una mia carissima amica, conosciuta durante la mia attività commerciale, era una cliente simpatica e affezionata e tutte le settimane, quando veniva a fare le spese, si fermava a parlare e a scherzare, di politica, della società, della scuola delle ragazze, che allora avevano poco meno di diciassette anni.

Ora che mi ero ritirato nella mia piccola ma confortevole casa di campagna, alle porte di Viterbo, coltivando i miei passatempi, concedevo la possibilità a pochi amici di venirmi a trovare, ospitandoli per qualche giorno. Bianca e Chiara avevano circa ventisei anni, io n'avevo compiuti da poco quaranta, col tempo fra noi era nato un bel rapporto, mi chiedevano consigli di varia natura e questo ruolo di “zio” mi faceva piacere, anche la madre Laura si fidava di me e aveva grande stima nei miei confronti, fra noi c’era stato anche un momento di debolezza venutosi a creare in occasione di un compleanno delle gemelle, io e Laura ci ritrovammo a parlare sul terrazzo della sua casa e dopo un suo sorriso ad una mia battuta la baciai, lei dapprima rimase sorpresa e poi rispose al mio bacio, intrecciando le lingue, la mia mano scivolò veloce sotto il suo vestito giungendo fra le cosce, la fessura carnosa era bagnata, poi qualcosa ci fermò e fra noi non si cercò più una situazione favorevole, ma le vibrazioni si avvertirono anche successivamente.

Andai di sopra e diedi un’ultima occhiata alle stanze, erano in ordine, la biancheria era pulita, avevo spolverato, lucidato il parquet e messo dei fiori, che donavano un gradevole profumo, le gemelle avrebbero gradito quell’ambiente, ci saremmo divertiti, la mattina ero convinto si sarebbero alzate molto tardi come era loro abitudine, avremmo pranzato nel primo pomeriggio e dopo un riposino per me abituale e sacro ci saremmo inventati qualcosa per il pomeriggio, saremmo potuti scendere a Viterbo, per poi cenare fuori, oppure saremmo potuti andare al mare a Grosseto.

Laura mi aveva detto che si sarebbero fermate non più di tre giorni, il tempo necessario per permetterle di preparare le valigie prima di partire tutti per la Calabria.

Bianca e Chiara negli ultimi anni erano diventate molto indipendenti, lavoravano rispettivamente in un negozio di abbigliamento e come assistente in uno studio dentistico, la loro vita sentimentale era alquanto instabile, a tal proposito Laura non era molto interessata alle loro storie, era stata sempre presa dalla casa e dalla pulizia, per la quale era maniaca ossessiva, era venuta un paio di volte ospite a casa mia e mi aveva costretto a delle vere e proprie pulizie annuali, le volevo bene ma era esagerata e quindi l’ultima volta che venne le dissi che sarebbe stata sempre la benvenuta ma non poteva obbligarmi a disinfestare la casa ogni volta.

Avevo acquistato la villetta, circa cinque anni prima, era stato mio cognato a segnalarmi la sua vendita, era una costruzione di pietra per questo mi era piaciuta fin dal primo momento, la manutenzione era minima, all’interno la pietra completava insieme al legno gli ambienti, il cotto della cucina e del salotto e il parquet delle camere, conferiva un aspetto caldo e confortevole all’ambiente, avevo fatto installare dei pannelli solari che mi permettevano di avere l’acqua calda per molti giorni e una caldaia per i riscaldamenti, il giardino non era molto grande e questo mi aveva permesso di tenerlo curato, dietro l’abitazione avevo un capanno degli attrezzi piuttosto grande, che usavo come autorimessa per il mio fuoristrada.

Non distavo molto dal paese più vicino che era Acquapendente, una o due volte la settimana andavo a Viterbo per fare provviste, mi piaceva quella vita ritirata e poi i vicini erano tutti cordiali.

Le gemelle, suonarono il clacson della loro Opel Corsa appena dopo le quattro del pomeriggio, ero sdraiato su una sedia a dondolo posta sulla veranda, proprio davanti al cancello automatico, presi il telecomando e aprii, Bianca suonò ripetutamente il clacson, così fui costretto a ricordarle che da quelle parti, il rumore era piuttosto molesto, ma erano fatte così le ragazze, esuberanti.

Chiesi loro com'era andato il viaggio e se avevano fame, risposero che si erano divertite, ci avevano messo poco tempo per arrivare e che avevano mangiato prima di mettersi in viaggio. Le aiutai a scaricare le due valigie che portavano e chiesi loro cosa mai avessero messo in quei due pesanti bagagli considerato la loro breve permanenza, mi sorrisero maliziose, dopotutto erano donne, io non potevo capire le loro esigenze.



Le accompagnai nelle loro stanze e le aiutai a sistemare i vestiti negli armadi, poi vollero vedere la mia stanza, le accontentai, mi chiesero come mai era così spartana, dissi loro che a me andava bene così, Chiara disse che era contenta che la mia stanza fosse adiacente alle loro, perché se avesse avuto paura di qualche cosa sarebbe corsa a svegliarmi, le tranquillizzai dicendo loro che nulla le avrebbe spaventate.

Le spinsi a chiamare Laura per avvertirla che erano arrivate sane e salve, e approfittai per parlarci anche io, mi raccomando Paolo, mi disse, controllale, ultimamente si comportano in modo strano aggiunse, la rassicurai e l'invitai a venirmi a trovare, magari sola, una volta o l’altra, sorrise e mi promise che ci avrebbe pensato, magari dopo l’estate.

La sera prima di cena le gemelle mi chiesero se potevano fare il bagno, certo risposi, le accompagnai e riempii la vasca, mi dissero che l’avrebbero fatto insieme.

Così mentre Bianca e Chiara erano immerse nell’acqua calda, io preparai una cena a base d' affettato e formaggi, presi una bottiglia di vino rosso dalla mia cantina e preparai la tavola.

Alle otto chiamai forte dalla cucina per farmi sentire al piano di sopra, ma nessuno rispose, dopo un altro paio di avvertimenti mi decisi a salire e notai che la porta del bagno era semiaperta, così sbirciai dentro prima di spalancarla, ma quello che vidi mi sorprese, le gemelle erano intente a masturbarsi reciprocamente con la lingua dentro la vasca, ormai quasi priva di acqua, le loro lingue correvano veloci sulla fessura di carne rosa e al suo interno, mentre con le mani si strapazzavano i clitoridi sempre più gonfi di piacere ed eccitazione, sentii il mio cazzo gonfiarsi dentro i pantaloni e mentre con la mano ero rimasto sulla maniglia, i miei occhi erano al di là della porta, fissi su quei due corpi avvinti in un abbraccio carnale e incestuoso, non potei intervenire, così con decisione mi allontanai dalla porta e sceso da basso, dopo qualche minuto invocai di nuovo i loro nomi a voce alta.

Le gemelle scesero trafelate e avvolte negli asciugamani che avevo messo loro a disposizione, si sedettero e cominciarono a mangiare le appetitose verdure che avevo preparato, dopo qualche minuto di silenzio mi chiesero come procedeva la mia vita, se avevo una donna, se uscivo la sera e altre curiosità, il pensiero di loro due che avvinghiate nella vasca da bagno si nettavano dei loro sessi umettanti tornò ad eccitarmi e mi accostai alla tavola per non fare percepire la mia eccitazione.

Bianca mi chiese se avevo organizzato qualcosa per il pomeriggio e le risposi che pensavo di andare a Viterbo e magari di cenare fuori, Chiara sembrava entusiasta di andare in città ma con Bianca voleva preparare la cena, mi dissero per ringraziarmi della mia ospitalità, cercai di fare capire loro che non era necessario che ero lieto di averle con me e che avrei voluto ci fosse anche la loro madre, questo scatenò un’ilarità maliziosa della quale chiesi spiegazione e così le gemelle dopo qualche ritrosia mi confessarono che ci avevano visto sul terrazzo la sera del loro compleanno, mentre ci baciavamo e ci toccavamo.

Ero sorpreso ma non pentito, perché nella mia testa cominciava a farsi largo un pensiero e così confessai che anche io le avevo spiate mentre erano nella vasca, intente a masturbarsi reciprocamente.

I loro volti si fissarono e ci fu come un assenso, Bianca mi propose di partecipare ai loro giochi se avessi voluto, così avremmo avuto un segreto ciascuno.

Ero molto eccitato all’idea di poterle avere entrambe e contemporaneamente, così cercai di organizzare il tutto con calma e pazienza, decisi di portarle a cena fuori e poi di consumare il nostro incontro.

Il pomeriggio trascorse con una carica di eccitazione incombente, Bianca e Chiara non penderono occasione per eccitarmi, portandomi a provare con loro vestiti e biancheria intima, le portai a cena in un locale molto intimo e poi sulla strada del ritorno, cominciarono a darmi prova del loro desiderio sedendosi entrambe dietro e cominciando a baciarsi e masturbarsi, sentivo l’eccitazione salire e feci fatica a mantenere desta l’attenzione sulla strada ma riuscii ad arrivare a casa sano e salvo, con le gemelle già calde e quasi nude, uscirono dall’auto e s’infilarono in casa, fermandosi ad aspettarmi in salotto, accanto al camino, che accesi appena entrai.

Mi sdraiai sulla stuoia che copriva il cotto del soggiorno, Bianca e Chiara si posero ai miei fianchi, ci cingevamo reciprocamente con le braccia mentre le bocche si lambivano calde e umide come le nostre lingue, i loro corpi identici avevano sempre suscitato fantasie erotiche, erano esili e minute ma possedevano grazia e due culi sodi e tondi, che compensavano la piccolezza dei loro seni. Decisi che lubrificare le loro fiche quasi glabre era il modo migliore di cominciare, così le feci sdraiare entrambe una al fianco dell’altra e allargare le cosce, m’immersi con la lingua dentro di loro, succhiando i loro clitoridi e penetrandole con le mie dita lunghe e sottili, anche nell’orifizio, non sapevo quanti amanti avessero avuto ma non sembravano delle sprovvedute, i loro gemiti salirono alti, insieme al mio nome, Chiara disse che la madre aveva perso una grande occasione, avrebbe dovuto approfittarne, lubrificato bene le loro fessure tirai fuori il palo di carne che stava agonizzando negli slip, era turgido e famelico, proprio come le loro due bocche che si lanciarono su di lui, succhiandolo e ingoiandolo fino alla base, lo dividevano da brave sorelle, poi mentre Bianca continuava a leccarlo proprio sulla cappella, dimostrando una capacità non comune, Chiara iniziò a nettarmi le palle, mettendosele entrambe nella bocca, il liquido contenuto nelle stesse sembrava aver intrapreso la via dell’uscita, così le fermai e misi alla pecorina Bianca e la penetrai lentamente ma con vigore, sentivo il cazzo scoppiarmi fra le gambe, stantuffavo la fica della gemella mentre le cingevo i fianchi e sua sorella continuava a leccarmi le palle, strillava come un’ossessa, il suo corpo flessuoso si dimenava dal piacere, all’improvviso Chiara m’infilò un dito nel culo e la contrazione dell’ano mi fece schizzare nella fica della sorella fiotti di sborra bollente, sembrava non finire mai, alla mia venuta seguì quella di Bianca che contrasse il suo sesso spasmodicamente.

Ero esausto ma non avevo completato la serata, Chiara aveva contribuito a fare godere la gemella, adesso pretendeva di ricevere lo stesso trattamento, così Bianca si mise sopra il mio uccello e iniziò di nuovo a spompinarlo, fino a quando non raggiunse la sua grandezza naturale, fu allora che Chiara vi montò sopra e cominciò a muoversi come stesse cavalcando, gli addominali si contraevano proprio come le pareti della fica, raggiunse presto l’orgasmo e io godei nella sua bocca.

Disteso sulla stuoia ormai privo di forze, le vidi continuare da sole.

Andammo a dormire con la promessa reciproca che il giorno seguente avremmo terminato la conoscenza, avevamo tutti e tre il desiderio di provare anche il culo delle gemelle e poi aggiunsero che avrebbero convinto la madre a venirmi a trovare al più presto, sarebbe stato un peccato non potere approfittare di una tale opportunità.

Questo racconto di è stato letto 3 8 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.