Erotici Racconti

Alma la perla bianca

Scritto da , il 2017-11-19, genere trio

L’aereo atterrò sulla pista in perfetto orario, Alma attese i bagagli poco più di mezz’ora, niente a che vedere con l’aeroporto di Roma. Madrid sembrava almeno in questo, più efficiente. Uscì e prese un taxi, partirono in direzione Gran Via, nel cuore della capitale, l’appuntamento col pittore Juan-Maria Alonso era fissato per l’ora di pranzo, Alma doveva sistemarsi, fare una doccia e poi raggiungere l’artista in un piccolo locale poco distante dal centro.
Da quando aveva ottenuto l’intervista col noto pittore, Alma si era preparata accuratamente sulla vita e le opere dell’artista castigliano, non voleva farsi cogliere impreparata ed era certa di fare un’ottima figura.
L’acqua scivolava calda e veloce sul corpo della donna, le mani piccole e affusolate correvano insaponate sulle cosce, fra le gambe, sui seni tondi e sodi, sentiva una nuova energia fruire dentro di lei. Era serena mentre si pettinava asciugandosi i capelli corvini, si guardava allo specchio con sicurezza, negli ultimi tempi il lavoro aveva assorbito tutta la sua vita e il privato era scivolato in secondo piano, non faceva sesso da qualche mese ma il suo organismo sembrava non risentirne.
Uscendo dall’albergo il caldo secco di Madrid l’investì con una fragranza di profumi che non aveva dimenticato, era stata altre volte in questa città e ne serbava un ricordo magnifico, prese un taxi e si fece accompagnare all’appuntamento.



Juan-Maria Alonso era seduto nel retro del locale, fra due pannelli di legno e vetri che rendevano il tavolino riservato e al riparo dalla confusione che imperversava davanti al bancone, era vestito semplicemente, una camicia azzurra di lino aperta sul petto, coperto da un foulard cashmere annodato intorno al collo e un paio di pantaloni senape abbinati perfettamente coi sandali di cuoio, fumava un sigaro.
Alma fu accompagnata al tavolo dal proprietario del locale, Reinaldo, un cubano d’ebano dall’età indecifrabile. Sedendosi accavallò le gambe affusolate paludate dentro dei comodi pantaloni di cotone bordeaux.
L’intervista colpì molto l’artista, Alma era competente e soprattutto padroneggiava una lingua non sua con maestria, il pittore era a suo agio, anche di fronte all’incedere incalzante delle domande di come la sua vita privata avesse influito sulle opere, molte delle quali ritraevano giovani donne nude o in pose discinte.
Alla fine delle due ore che Alonso aveva promesso al giornale, invitò Alma a rendersi conto di persona di come la vita privata avesse influito sui suoi quadri, invitandola nella casa-studio quella sera stessa. La donna accettò.
Mentre usciva dal locale, visibilmente soddisfatta ed eccitata per l’invito ricevuto, squillò il telefonino, era Paolo, un suo vecchio amico conosciuto durante gli anni della gavetta a Roma, si era trasferito nella capitale spagnola da qualche anno, si occupava d'informatica.
“Vieni a Madrid e non mi fai neppure una telefonata?” l’apostrofò l’uomo.
“Hai ragione Paolo, ma sono solo di passaggio, domani mattina ho l’aereo, ho intervistato Juan-Maria Alonso.” Spiegò Alma.
“Non voglio sentire storie, ti voglio a pranzo da me, non puoi dirmi di no.” Disse deciso l’uomo.
“D’accordo, dimmi dove sei e ti raggiungo.” Mormorò Alma.
“Vengo io da te alle due, dove alloggi?”
“Gran Via Hotel, a più tardi.” Chiuse la donna.

Paolo aveva saputo dell’arrivo di Alma casualmente, da un amico in comune, non si vedevano da circa due anni ma ogni tanto si telefonavano.
L’uomo preparava spaghetti al sugo col basilico, mentre la donna raccontava l’intervista e l’invito che aveva ricevuto per quella sera a casa di Alonso.
“Stai attenta Alma, Alonso è un tipo particolare, se ne raccontano diverse sul suo conto” la mise in guardia Paolo.
“Per esempio?” chiese la donna curiosa.
“Diciamo che ho conosciuto ragazze che hanno partecipato a delle vere e proprie orge dentro quella casa” confessò Paolo sedendosi accanto all’amica.
“Credi che stasera mi voglia fare la festa?” domandò eccitata Alma “Sai dopo tutto è un uomo molto attraente”.
“Non solo lui potrebbe farti la festa ma anche il suo amico Reinaldo, il cubano lo avrai conosciuto, è il proprietario del locale dove ti ha incontrata”. Adesso Paolo strusciava lentamente la sua mano destra sulla coscia della donna.
“Sì che l’ho conosciuto e ti dirò…non mi spiacerebbe affatto se…” la donna si rese conto che Paolo stava scivolando con la mano nel solco fra le cosce.
“Mica vorrai prepararmi per stasera…” Alma infilò la mano fra le gambe dell’uomo e ne apprezzò la virilità.
“Diciamo che potremmo riscaldarci reciprocamente, stasera anche io ho un happening interessante” mormorò l’uomo prima d’infilare la lingua nella bocca dolce di Alma.
Uscirono dalla cucina e si diressero in camera, si spogliarono velocemente e si gettarono sul letto, le mani lunghe e sottili dell’uomo penetrarono la vulva umida della donna, mentre le piccole mani dalle unghie lunghissime di Alma rapivano il palo di carne di Paolo, cominciando a masturbarlo lentamente.
I due corpi si stringevano sudati mentre le mani esploravano le fessure ed i buchi più reconditi.
La testa di Paolo era immersa fra le cosce della donna, il folto vello nero intriso di umori era lambito e penetrato dalla sua lingua, mentre di fianco a lui Alma ingoiava il membro eretto dell’uomo, succhiandolo con capacità ed esperienza, leccando il frenulo e la cappella scarlatta e gonfia, mentre con le mani saggiava lo scroto, stringendolo leggermente.
Era un’artista della fellatio, sapeva maneggiarlo con sapienza e piacere, Paolo era completamente abbandonato al suo piacere mentre succhiava il cappuccio di carne della sua fica, dalle grandi labbra rosee, come un vorace frutto carnivoro impaziente di avvolgere fra le proprie spire il fallo tosto dell’uomo.
I fianchi si muovevano lenti ma decisi, Alma assaporava l’entrata della verga, dura come il legno e ascoltava le pulsioni del suo sesso trasformarsi in brividi che correvano lungo tutta la schiena.
Mentre fendeva colpi sempre più veloci, Paolo continuava a fissare le perfette e sode natiche di Alma, il suo cazzo era fradicio di succhi vaginali avrebbe potuto profanare lo sfintere della donna in un colpo solo e fu così che uscì rapidamente dal sesso dell’amica e la sodomizzò, Alma emise un mugolio di piacere lungo e intenso, l’orgasmo stava per invaderli entrambi, Paolo uscì dalle viscere della donna e si piantò davanti la sua bocca inondandola di schizzi bianchi e vischiosi, mentre la mano di Alma sfregava la clitoride bagnandosi copiosamente.
Dopo la doccia, Paolo raccomandò all’amica di stare attenta e di farsi sentire presto, l’accompagnò in albergo e la salutò baciandola sulla guancia.



La villa di Alonso si trovava nella zona nord della città, in un quartiere residenziale, Alma pagò il taxi e suonò il citofono, si accese una luce ed una voce le disse d’entrare.
Chiuso il cancello alle sue spalle, la donna si avviò per un breve e illuminato viale pavimentato a mosaico, raggiungendo una porta finestra aperta, all’interno della quale si sentiva musica e vociare.
Alonso e Reinaldo erano seduti distanti fra loro, sorseggiavano un drink cubano, Alma salutò e fu fatta accomodare su un divanetto color crema.
Alonso fece gli onori di casa, le offrì da bere, le presentò Reinaldo e si mise a parlare della giornata, della sua intervista e chiese alla donna quando sarebbe ripartita.
Alma si guardò intorno e si rese conto immediatamente che non c’erano altre persone oltre loro tre, ripensò alle parole di Paolo e sorrise dentro di se, cercò di rilassarsi e di godersi quello che la serata le prospettava.
La musica cubana in sottofondo diffondeva un’energia quasi innaturale nella desolazione delle presenze umane, ma Reinaldo sembrava non accorgersene, così si avvicinò a Alma e la invitò a ballare qualche passo, la donna accettò volentieri e si abbandonò alla danza, per ricadere esausta sul divano qualche minuto dopo.
Alonso fino a quel momento piuttosto silenzioso, quasi stesse studiando la situazione, all’improvviso parlò.
“Si muove molto bene quando balla signorina Alma…posso chiamarla Alma?”
“Certo che può maestro, può darmi anche del tu se lo desidera.” Disse la donna ansimando ancora per lo sforzo.
“Grazie. Sei una donna molto attraente sai…ti stavo guardando mentre insieme a Reinaldo ti lanciavi in quella danza scatenata e ho visto dell’energia dentro di te, dell’energia che aspetta solo di venire fuori, d’emergere da quel corpo così sinuoso, dalla tua pelle diafana, vellutata come la buccia di una pesca.” Alonso si era alzato e l’aveva raggiunta sul divano, adesso la stava carezzando leggermente con la mano, poi lentamente si abbassò sul suo collo e la baciò voluttuosamente.
Alma trasalì eccitata, “Sai Alma, io e il mio amico riceviamo spesso visite da signorine in cerca di risposte alle loro domande, come ti ho promesso stamattina, ti farò vedere in che modo la mia vita privata influisce sui miei quadri…è questo quello che vuoi, non è vero?” Mormorò l’uomo infilando la mano dentro il vestito della giornalista toccandole i seni tondi e baciandola sulle labbra rosa e carnose.
“Si…cerco risposte alle mie domande, me le dia maestro.” Bisbigliò Alma allargando le gambe ricoperte da una gonna nera e stretta.
Reinaldo si avvicinò al divano e s’inginocchiò fra le cosce della donna, le spalancò le gambe coperte d’autoreggenti nere e scostò gli slip di pizzo, cominciando a leccarle la fica fradicia, la lingua del cubano ruvida e dura provocò dei brividi alla donna, s’insinuava nelle morbide carni come fosse un fallo e succhiava la clitoride come un fico dalla sua buccia.
Alonso continuava a frustarle la lingua con la sua e a massaggiarle i seni dai capezzoli sempre più turgidi, le mani di Alma raggiunsero il sesso dell’artista e lo estrassero dai morbidi pantaloni, lo sentiva pulsare d’eccitazione, lo stringeva con forza, quasi temesse potesse sfuggirle. Mentre masturbava il pittore, Reinaldo svettò col cazzo nero proprio davanti al suo volto, era enorme, teso e duro come un bastone d’ebano, Alma lo afferrò con la mano destra e lo portò alle labbra, umettandolo con la lingua prima e ingoiandolo per misurarne la lunghezza poi, lo sentiva sbattere contro le tonsille, aveva un sapore forte, era la prima volta che succhiava il cazzo di un nero e le piaceva.
Alonso si era portato alle spalle della donna, la denudò della gonna e del top che indossava, gettò via il reggiseno e le strappò gli slip, osservò il frutto rosa ricoperto dal folto vello nero e lo lubrificò con la lingua, poi con un colpo di reni la penetrò, un lungo gemito scosse Alma, impalata dal sesso nero di Reinaldo nella bocca e quello del maestro nella fica.
Il triangolo si sciolse solo per dirigersi al piano di sopra, dove Alonso fece sdraiare la donna sul suo letto e le legò i polsi alla spalliera di ferro battuto con un due foulard di seta rossa.
Adesso Alma era a smorzacandela su Alonso, che la penetrava di nuovo con forza, quando sentì l’enorme verga di Reinaldo spingere contro il suo sfintere, era eccitata e terrorizzata dall’idea di essere sodomizzata dal cubano, si rilassò e fece fare tutto a lui, un’onda di piacere l’invase quando ebbe entrambi i sessi dentro le viscere, mentre si muovevano li sentiva lambirsi attraverso il sottile strato di pelle che li divideva, stava godendo e sperava non dovesse finire mai quel piacevole tormento della carne.
I due uomini vennero nella bocca spalancata di Alma, rivoli di sperma caldo le inondarono il volto e le labbra.



L’aereo atterrò sulla pista in perfetto orario, Alma attese i bagagli circa un’ora, niente a che vedere con l’aeroporto di Madrid. Era tornata a casa, con l’intervista e con un piacevole ricordo…


Questo racconto di è stato letto 1 9 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.