Erotici Racconti

La partita

Scritto da , il 2017-11-16, genere masturbazione

La giocata giusta tardava ad arrivare, le carte non entravano ed il giro non premiava la sua strategia, ma gli occhi della sua dirimpettaia sembravano languire davanti ai suoi ammiccamenti.
I capelli biondo cenere, le iridi celesti sembravano calamite, le labbra sottili ma sensuali disegnavano un sorriso voluminoso; le mani affusolate tenevano le carte con grazia e abilità, non aveva smalto.
Un tubolare vestito color melanzana le fasciava il piccolo seno, sotto il tavolo le lunghe gambe terminavano in graziose scarpe col tacco, color rosso porpora.
Le aveva notate non senza provare un brivido quando si erano seduti; adesso un piede caldo stava strofinando l’interno della sua coscia, un rivolo di sudore gli colò dalla fronte, le carte si offuscarono per un istante, toccava a lui giocare ma gettò via la mano perché quel piede sul suo cazzo gli impediva di ragionare.
Cercava disperatamente di rimanere attaccato alla strategia ma non c’era molto tempo ormai, stava per perdere e quel piede era uno dei motivi della sua sconfitta …l’unico.
Il suo membro gonfio dentro i pantaloni, stava per esplodere mentre il sorriso glaciale della donna aumentava; all’improvviso scattò in lui qualcosa, si tolse il mocassino e allungò la gamba tra le cosce della donna, alla quale si spense il sorriso non appena il piede dell’uomo arrivò a solleticare il clitoride attraverso il minuscolo perizoma, a quel punto la sua strategia di gioco riprese il sopravvento e mentre osservava gli occhi celesti socchiudersi per il piacere, i denti mordersi il labbro, chiuse il cerchio, vincendo.
Al termine della serata, quando salutarono i padroni di casa, scesero le scale insieme salendo sulla stessa auto.

Questo racconto di è stato letto 2 2 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.